Cerca per genere
Attori/registi più presenti
22. Anche Galbo in Fondazione!
martedý 18 settembre 2007

18/3/07 Avevamo appena terminato di festeggiare Ciavazzaro che di soppiatto, con una media record, il benemerito Galbo lo ha seguito stupendo tutti. Eh già, lo ricordiamo tutti il Grande Galbo degli inizi: volonteroso, abile, sapido, con una buona media che lo portava sempre a comparire tra i citati in prima fila alle feste, ma è da quest’estate che il nostro s’è deciso ad affiancare i Signori del Davinotti: parliamo di Legnani, il Gobbo, Undying, Caesars, il Puppigallo (quando non era in ferie)... Insomma, gli Intoccabili, gli over-800, the Untouchables. Ebbene, in questa ristrettissima cerchia di ultrabenemeriti Galbo s’è fatto largo, ha preso il toro per le corna e ha raggiunto la fatidica soglia dei 300 guadagnandosi la F dorata che accompagnerà da oggi il suo nome.

 

Al Galbo lo Zender ci è affezionato: l’ha contattato personalmente e lui ha risposto come meglio non poteva. Se adesso è tra i Fondatori se l’è ampiamente meritato, vista la qualità e la puntualità dei suoi interventi; ed è per questo che la Fondazione ha rimesso mano al portafogli e, con una spesa pro-capite di 2 milioni di euro, ha affittato il relitto del Titanic in fondo all’Atlantico e, consegnate bombole e pinne agli invitati, ha organizzato il primo sub-party della storia. Gran parte dell’arredamento dell’epoca è stato reinserito nel relitto (non senza fatica) per ricreare la magica atmosfera del tempo. Legnani ha presentato Galbo agli invitati e ha preso a elencare i meriti dei Soliti Noti: olter agli Intoccabili di cui sopra, gli Immortali Homesick e Godardi, gli Onnipresenti Stubby, Fabbiu e Dusso, il nuovo Stakanov Ciavazzaro (che ha vinto la gara del più giovane della festa con l’ottimo Deepred89, il quale pensava di essere al sicuro), Maestro Rebis, Immancabile Lercio, Lattepiù e tutti gli altri, di cui non possiamo qui parlare per la terza volta in meno di venti giorni per non rischiare di apparire a dir poco ridondanti.

La festa è andata meglio di quanto ci si attendesse, e le uniche vittime sono quelle a cui casualmente l’ossigeno nelle bombole è finito prima del previsto. La polizia sta indagando e ha riscontrato che l’unico particolare che le legava è il fatto che fossero entrate alla festa nonostante il loro ultimo commento risalisse ad almeno due mesi prima. Zender è sotto inchiesta, ma siamo certi che l’archivista saprà cavarsela ancora una volta.

 
< Successivo   Precedente >