Cerca per genere
Attori/registi più presenti
LE FAMIGERATE "TOP TEN": TRA PUBBLICO E CRITICA
giovedì 15 aprile 2010
DIALOGO SOPRA I MASSIMI SISTEMI FRA PUBBLICO E CRITICA

“Adoro la stesura di queste liste, anche se so bene che dovremmo vergognarci di fare cose del genere in pubblico.”
- Richard T. Jameson

ImageSuccede ogni anno, inevitabile come l’arrivo su Rete 4 di Ben Hur. Frotte di critici più o meno ufficiali si riuniscono per redigere la più difficile delle liste: quella dei migliori film: dell’anno, della decade o di tutti i tempi. Ed ecco sorgere l’eterna diatriba. “La corazzata Potëmkin, Quarto potere, Viaggio a Tokyo! I veri pilastri del cinema mondiale!” esclama roboante la critica accademica vecchio stile. “Vecchiume sopravvalutato!” replica la novissima generazione “Piuttosto Pulp Fiction, I soliti sospetti e Il cavaliere oscuro!” Dal pulpito degli innovatori (un po’ amatori e un po’ mediatori) s’alza una voce “Prodotti di consumo borghesi! Volgiamo invece la nostra attenzione alle grandi saghe del Padrino, di Guerre Stellari e alla trilogia del dollaro!”
Sempre le stesse discussioni e, praticamente, sempre le stesse conclusioni. Esaminiamo dunque la storia di quella che allo stesso tempo è la più amata e più odiata espressione di critica cinematografica di sempre.

Di anno in anno - National Board of Review of Motion Pictures

Fondata a New York nel 1909, l’organizzazione no profit NBR ha sempre annoverato fra i suoi punti fermi la libertà d’espressione in campo cinematografico e l’appoggio alle forme emergenti della settima arte. A partire al 1929, stila una Top Ten dei migliori film statunitensi dell’anno. A differenza degli Oscar, i film vengono nominati a dicembre dell’anno considerato e non durante l’anno successivo. Esiste inoltre una Top Five per i migliori film stranieri, una per i migliori documentari e una per i migliori film d’animazione. Non è esattamente quello che stavamo cercando, ma è già un inizio.

BRITISH FILM INSTITUTE – Dove tutto ebbe inizio
Non è possibile stabilire con esattezza la data di stesura della prima Top Ten, ma possiamo senz’altro stabilire il 1952 come l’anno in cui la prima Top Ten “universale” vide finalmente la luce in modo ufficiale. Stilata dal British Film Institute grazie alla collaborazione di vari critici, questa lista conteneva in realtà 11 film, in quanto gli ultimi due avevano ottenuto lo stesso punteggio. Va inoltre ricordato che molti film ottennero la stessa posizione ex aequo.

Image01.  Ladri di biciclette
02.  Luci della città e La febbre dell’oro
04.  La corazzata Potëmkin
05.  Intolerance e Louisiana Story
07.  Rapacità, Alba tragica e La passione di Giovanna d’Arco
10.  Breve incontro e La regola del gioco

Sorpresa delle sorprese: Quarto potere non era presente. Il capolavoro di Welles avrebbe dovuto aspettare altri 6 anni prima di essere annoverato fra le 10 migliori opere di tutto il mondo.

BRUXELLES 1958
Durante l’Esposizione Universale del ’58, tenutasi a Bruxelles, migliaia fra registi e critici ebbero modo di esprimersi sui film migliori realizzati fino a quel momento. Ne uscì la prima Top Ten davvero universale, nella quale già si potevano scorgere alcuni titoli che non avrebbero più lasciato i primi posti delle classifiche a seguire.

01.  La corazzata Potëmkin (l’occhio della madre e il montaggio analoggico fanno sempre colpo)
Image02.  La febbre dell’oro
03.  Ladri di biciclette
04.  La passione di Giovanna d’Arco (La versione mutilata dalla censura e ricomposta, in quanto si sarebbe dovuto aspettare fino agli anni ’80 prima che la versione originale venisse ritrovata in una manicomio scandinavo)
05.  La grande illusione
06.  Rapacità (altra vetta del muto vittima di tagli e scempi vari)
07.  Intolerance (come sopra)
08.  La madre (pressoché introvabile)
09.  Quarto potere (anche i primi della classe devono fare un po’ di gavetta)
10.  La terra

Una lista niente male, vero? Ma, sfortunatamente, alcuni di questi capolavori sono quasi dimenticati, specie se appartenenti all’epoca del muto, mentre ad altri è stato riservato il dubbio privilegio di essere annoverati fra il “vecchiume d’autore”, buono solo per torturare i fantozziani impiegati.

UN'EVOLUZIONE CONTINUA
Cos’è cambiato da allora? Nel corso degli anni ’60 c’è stata una svolta interessante: il Giappone è riuscito a farsi strada in queste liste dove solitamente erano l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti e pochi paesi europei a fare gli onori di casa. Ecco comparire Rashomon e I racconti della luna pallida d’agosto, mentre sul versante italiano Fellini e Antonioni iniziano a rubare la scena al Neorealismo. Un certo Ingmar Bergman porta delle ventate di fredda aria scandinava, senza però mai ottenere una posizione definitiva (anche se Persona e Il posto delle fragole sono le scelte più frequenti), mentre La donna che visse due volte di Hitchcock inizia ad imporsi dopo essere rimasto in sordina per un paio di decenni. A suon di proiettili e rantoli d’autore, invece, Il Padrino irrompe nelle classifiche quasi subito dopo l’uscita nelle sale. Stanley Kubrick, addirittura, arrivò a definirlo “forse il miglior film mai girato, sicuramente quello con il miglior cast”. Anche il cinema più “popolare”, dunque, comincia ad avere delle posizioni di rilievo.

Non tutti, però, sono d’accordo con questo sistema. Fra i più famosi, il critico statunitense Roger Ebert non apprezza la stesura delle classifiche, e preferisce tenere una lista più ampia di “Great Movies”, dove sono stilati senza graduatoria alcuna circa trecento film significativi dal punto di vista artistico e/o culturale. Tuttavia, nel corso degli anni ha fornito le seguenti liste, piuttosto variegate, utilizzando sempre e solo l’ordine alfabetico. L’unica preferenza che si è lasciato sfuggire riguardava Quarto potere, da lui considerato “il più importante film di tutti i tempi”.

Image1982
2001: Odissea nello spazio
Aguirre, furore di Dio
Casablanca
La dolce vita
Gangster Story
Notorious – L’amante perduta
Persona
Quarto potere
Taxi Driver
Il terzo uomo

Image1992
2001: Odissea nello spazio
Casablanca
La dolce vita
Erbe fluttuanti
Gates of heaven
Notorious – L’amante perduta
Quarto potere
Il terzo uomo
Toro scatenato
Up

Image2002
2001: Odissea nello spazio
Aguirre, furore di Dio
Apocalypse now
Come vinsi la guerra
Decalogo
La dolce vita
La donna che visse due volte
Quarto potere
Toro scatenato
Viaggio a Tokyo

Qualcosa è cambiato… qualcos’altro no
E oggi? Le fondamenta sono state smosse? I grandi vecchi sono stati scacciati dai primi posti? Pare proprio di no. Basta dare un’occhiata alle due ultime Top Ten del BFI, stilate rispettivamente da un poll di critici e di registi nel 2002.

ImageCritics Poll
01  Quarto potere
02  La donna che visse due volte
03  La regola del gioco
04  Il Padrino (Parte I e II)
05  Viaggio a Tokyo
06  2001: Odissea nello spazio
07  La corazzata Potëmkin
08  Aurora
09 
10  Cantando sotto la pioggia

ImageDirectors Poll
01  Quarto potere
02  Il Padrino (Parte I e II)
03 
04  Lawrence d'Arabia
05  Il dottor Stranamore
06  Ladri di biciclette
07  Toro scatenato
08  La donna che visse due volte
09  Rashomon
10  La regola del gioco e I sette samurai (ex aequo)

La situazione non cambia molto con la lista più recente disponibile al momento, uscita in data 29 gennaio 2010 sul sito di They Shoot Pictures, Don’t They?

Image01  Quarto potere
02  La donna che visse due volte
03  La regola del gioco
04  2001: Odissea nello spazio
09 
04  Il Padrino (Parte I)
07  Sentieri selvaggi
08  I sette samurai
09   Cantando sotto la pioggia
10  La corazzata Potëmkin

Come si può notare, gli evergreen tengono sempre le redini. I critici apprezzano di più i classici duri e puri, le colonne portanti per antonomasia, mentre i registi sembrano virare più verso il particolare e il sui generis, specie se incentrato su un personaggio particolarmente d’effetto.

Ma, allo stesso tempo, la voce del pubblico si è fatta più rilevante, cosicché altri film sono riusciti ad imporsi. Stilare classifiche e assegnare punteggi non è più un’esclusiva della critica, e quasi sempre i risultati forniti dal pubblico divergono notevolmente. Uno dei casi più eclatanti è quello fornito dal sito Internet Movie Database, la cui Top 250 è costantemente aggiornata e offre un prospetto ben diverso.

Image01  Le ali della libertà
02  Il Padrino
03  Il Padrino – Parte II
04  Il buono, il brutto e il cattivo
05  Pulp Fiction
06  Schindler’s List
07  La parola ai giurati
08  Qualcuno volò sul nido del cuculo
09  L’impero colpisce ancora
10  Il cavaliere oscuro

Con la buona compagnia de Il signore degli anelli, Guerre stellari, Casablanca e I soliti sospetti. E, proseguendo verso il basso, nessun occhio della madre, nessuna Rosabella, solo un accenno del Sol Levante grazie al sempiterno Kurosawa. Tutti sommersi dall’ondata pulp, western e gangster. Facendo un confronto con la lista sovrastante di TSPDT, notiamo una differenza impressionante in fatto di date: nella prima, il film più vecchio è del 1925 e il più recente è del 1972; nella seconda, l’intervallo di tempo ha come estremi il 1957 e il 2008.

Decisamente “a furor di popolo” è anche la Top 10 dei 500 film migliori di tutti i tempi secondo l’Empire, in cui tuttavia fa capolino all’ottavo posto una nostra vecchia conoscenza:

Image01  Il Padrino
02  I predatori dell’arca perduta
03  L’impero colpisce ancora
04  Le ali della libertà
05  Lo squalo
06  Quei bravi ragazzi
07  Apocalypse Now
08  Cantando sotto la pioggia
09  Pulp Fiction
10  Fight Club

Non può che stridere con la cima della classifica stilata nel 2008 dai Cahiers du cinéma sui 100 film migliori del ventesimo secolo, dominata dagli ex aequo. Pur restando molto “accademica”, si caratterizza per l’assenza di film sovietici e inglesi, che addirittura compaiono a partire rispettivamente dal 16° e 17° posto, e per un certo sovvertimento nell’ordine dei film italiani: Il gattopardo è in cima, al 14° posto, mentre Fellini compare solo a partire dal 18°. Compaiono inoltre ben due western.

Image01  Quarto potere
02  La morte corre sul fiume e La regola del gioco
03  Aurora
04  L’Atalante
05  M – Il mostro di Düsseldorf
06  Cantando sotto la pioggia
07  La donna che visse due volte
08  Amanti perduti, Sentieri selvaggi e Rapacità
09  Un dollaro d’onore e Vogliamo vivere!
10  Viaggio a Tokyo

Infine, segnalo come mix piuttosto curioso la lista stilata da Peter Hoskin e Matthew D’Ancona per il periodico Spectator:

Image01  La morte corre sul fiume
02  Apocalypse Now
03  Aurora
04  Narciso nero
05  L’avventura
06  Sentieri selvaggi
07  L’orgoglio degli Amberson
08  Il settimo sigillo
09  L’Atalante
10  Un dollaro d’onore


CONCLUSIONE
Visti i risultati così diversi (e tenendo conto anche delle migliaia e migliaia di liste che non sono state citate), qual è dunque il metodo giusto per stilare una classifica? Ma, soprattutto, queste graduatorie sono davvero così importanti? Perché, se così fosse, non vedo proprio in base a quale criterio si potrebbero mettere sullo stesso piano un film espressionista tedesco e una pellicola gangster degli anni ’80, o giudicare un’opera di Clair con l’approccio di un consumatore di pulp movies di fine secolo.
L’unica cosa che può spingerci a dire che Olympia merita di stare esattamente due gradini sopra a Shining o viceversa è il puro e semplice gusto personale. Quindi, forse, l’unico modo per ottenere un minimo di obiettività e quello di ricercarla tramite la legge dei grandi numeri.

APPROFNDIMENTO INSERITO DAL BENEMERITO BELFAGOR
Vedi commenti allo speciale

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Successivo   Precedente >