Cerca per genere
Attori/registi più presenti
QUANDO LA SPONSORIZZAZIONE NON TIENE VERGOGNA!
giovedì 16 aprile 2009
Semplicemente una raccolta di segnalazioni delle più spassose pubblicità cacciate a forza nei film.
Ma devono essere veramente spudorate, per rientrare nella categoria: non un semplice prodotto in vista ma primi piani giganteschi o citazioni nei dialoghi.
AVVISO: Chiunque sia in grado di riportare ESATTAMENTE un dialogo o di postare una foto di sposnsorizzazione senza vergogna è pregato di farlo nel forum di discussione generale del film a cui appartiene l'eventuale segnalazione. Penserò io a trascriverla qui.
Si parta:

ImageDISPOSTA A TUTTO (Stegani 1977):
Un fantastico esempio  di dialogo pretestuoso. Bekim Fehmiu (brandendo fieramente una bottiglia di J&B) parla con Eleonora Giorgi e le dice:
"Sono stufo, stufo di farlo solo per abitudine mentale, o perché ogni giorno sei bombardato da una pubblicità che ti solletica il sesso. Vai al teatro e che cosa trovi? Tette. Te ne vai al cinema... tette e culi. Compri una rivista... tette, chiappe e contorni vari. Ah, non vorrei fare l’amore perché... Durban's fa la bocca desiderabile o per merito dei jeans Swinger, che rendono l’uomo doppiamente virile. Forse si dovrebbe fare l’amore solo... quando si ama".
(segnalata da Markus)

LA POLIZIOTTA DELLA SQUADRA DEL BUONCOSTUME (Tarantini, 1979):
Torniamo volentieri all'epopea del Fernet Branca, citato nel film addirittura all'interno di una gag.
Gianna D'Amico (Fenech) si dirige di notte verso l'auto di Augusto (Marzio Honorato), dalla quale si sente uscire la voce dell'autoradio:
"Fernet Branca, non ha mai tradito una digestione".
Augusto replica: "Fernet Branca no, ma a me Gianna sì però."
Dire gratuita è dir poco...
(segnalata da Zender)

ImageL'INSEGNANTE VIENE A CASA (Tarantini, 1978):
Oltre alle Muratti Ambassador (inquadrate ripetutamente), al J&B che non poteva mancare e a una reclame in tv del Punt&Mes (siamo quasi a livello di Greatest hits), è da ricordare un clamoroso spottone del Fernet Branca al ristorante, con tanto di claim citato "casualmente" da due avventori inquadrati giusto per quella scena.
Ecco il testo:
Cameriere: "Prego signore, un Fernet Branca per lei (bottiglia inquadrata in primo piano) e un Fernet Branca per la signora."
Lei: "Ma veramente fa digerire?"
Lui: "Beh, a quanto si dice... Non ha mai tradito una digestione."
Applausi a scena aperta, standing ovation...
(segnalata da Zender)

ImageUNA SERA C'INCONTRAMMO (Schivazappa, 1975)
Vero e proprio concentrato di spot, il film di Schivazappa raggiunge il suo apice nella lunga scena di Dorelli a casa della famiglia di una sua fiamma, Rosa: un florilegio di marche e claim sparati in sequenza che vale la pena citare. Almeno 8 i momenti topici:
1. Dorelli ha suonato e la famiglia si prepara ad accoglierlo:
Madre:
“Rosa, dov’è che è l’Artsana spray al mughetto che qui dentro c’è una puzza di pollo...”
Rosa: “L’è lì mamma, dentro al buffet, accanto al Fabello mobili”.
2. Dorelli arriva a casa portando un presente....
Madre: “Si è voluto disturbare... Uuh, la torta gelato Tanara, chissà com’è l’è buona.... forse l’è mej della Motta...”
3. Rosa offre qualcosa da bere a Dorelli: “Vuoi un Cynar, un Biancosarti, un Rosso Antico o... un Crodino, l’analcolico biondo?”
4. Si va a tavola e la madre si rivolge a Dorelli: “Non faccia caso al servizio, noi siamo gente alla buona. Però... nel vitto non ci siamo mai fatti mancare niente! Ho fatto un antipasto misto. Posso servirla io?”
Dorelli: “Certo”.
Madre: “Allora... Ci mettiamo due Olivolì Olivolà Oliva Saclà, che l’è il re dei sottaceti... Poi ci mettiamo vicino due fettine di ‘molto buono Molteni’, quel del Merx, poi un po’ di tonno... trancio intero, che si taglia con un grissino...”
5. Al momento dei vini (arrivano i piemontesi...) la madre aggiunge...: “E qui c’è la Boario, fegato centenario!” Poi (rivolta al marito): “Anca ti un po’ di Boario fegato centenario?”
Esilarante la risposta di quest’ultimo: “No! Mi bevi vin, me frega un casso del fegato centenario!”
6. Arriva il momento del pollo. Sempre la madre: “Pollo Arena, un pollo così non si improvvisa. All’ospite... la coscia.”
S’intromette il marito: “A me il boccone del prete, che sarebbe poi il culo!”
7. Successivamente ancora la madre a Dorelli: “Due patatine Pai?”
Dorelli: “Grazie.” Poi versa il vino per sbaglio sporcando la tovaglia e...: “Scusate”.
Madre: “Ma non si preoccupi. Tanto poi la lavo con i Dixan programmati...”
8. Al caffè la madre si avvicina a Dorelli con la tazzina e imperversa: “Un caffeuccio” (qui evidentemente si trattiene, ma poco dopo...) “Poi ci do un Fernet, l’amaro che digestimola!”.
Fine del pranzo, sorta di superspot!
(segnalata da Markus)

ImageECCO NOI PER ESEMPIO (Corbucci, 1977)
Spiace doverlo dire, ma pare quasi che l'intera sequenza del ristorante sul Ticino (in cui Pozzetto e un altro nutrito gruppo di persone vedono un ufo che poi si rivelerà essere un elicottero) sia stata costruita in funzione del messaggio promozionale urlato dall'elicottero (la scena è un chiaro omaggio a quella analoga di Incontri ravvicinati del terzo tipo, dove per l'appunto un elicottero viene scambiato per un ufo). Scendendo lentamente sulla gente, infatti, e attirando quindi l'attenzione su di sè, l'elicottero propromperà in una sponsorizzazione spudoratissima. Dagli altoparlanti dello stesso, nel silenzio generale e con un bel primo piano che lo inquadra bello chiaro, si ode una frase che abbiamo già sentito: "Fernet Branca... non ha mai tradito una vera digestione!"
(segnalata da Zender)

ImageL'UNICA LEGGE IN CUI CREDO (Giorgi, 1976)
All'interno del film alcuni personaggi sono legati al mondo della moda. Improvvisamente ci viene mostrata una session fotografica di una modella. C'è una musica rock in sottofondo, facce allegre, nessun dialogo, inquadratura sull'obiettivo della fotocamera, stacco veloce... finché si vede in cosa consiste la session: bottiglia di Fernet Branca in primo piano, con la modella che la esibisce fiera sotto i riflettori. Anzi, la volta lentamente per farne apparire a sorpresa l'etichetta. Poi ci gira intorno, si mette in posa con sempre l'oggetto del desiderio al centro della scena, vero protagonista incontrastato: uno spot nello spot, geniale! Dopo un bel po' di stacchi sulla bottiglia il fotografo la prende in mano, la alza come a dire "poi ce ne beviamo un po' ok?", lei annuisce e finalmente la ripongono.
(segnalata da Zender)
Image
SQUADRA ANTITRUFFA (Corbucci, 1977)
Dopo che Nico Giraldi avrà esposto la sua versione (esatta) sul falso alibi del cecchino scarcerato dal commissario Tozzi, porge una bottiglia di acqua Pejo (messa in bella mostra durante tutta la sua esposizione) e dice:
"Ecco... adesso te bevi un po' di acqua Pejo così te senti Mejo". Decisamente più una pubblicità che una battuta...
(segnalata da Fedemelis)

ImageSQUADRA ANTIMAFIA (Corbucci, 1978)
Quando lo scagnozzo di Don Girolamo Giarra aspetta il barbiere per una sistemata alla barba (ci sarà uno scambio tra il proprietario e Nico Giraldi) alla radio si possono sentire ben 4 pubblicità:
"Rosè Cinzano la nuova idea. Rosè Cinzano gusto nuovo."
"Fernet Branca... non ha mai tradito una vera digestione!"
"Vidal presenta i Giganti. Crema e spuma Vidal."
"Brandy florio, Brandy mediterraneo, il suo gusto nasce dalle sue origini."


ImageVidal però non si limita a presentare via radio il suo prodotto; lo fa pure in un bel primo piano della vetrina, con i due personaggi che le lasciano tutto lo spazio necessario a renderla protagonista, come si vede dal fotogramma!
Tutto sommato però anche Fernet Branca vuol far le cose in grande e pensa che il solito jingle via radio non sia assolutamente sufficiente: meglio ricordare il marchio anche dopo! In America, infatti, la divisa di lavoro di Enzo Cannavale è assai "esplicita" e l'attore, di fatto, viene utilizzato come autentico uomo sandwich!
(segnalata da Fedemelis)

ImageINCENSURATO, PROVATA DISONESTA', CARRIERA ASSICURATA CERCASI (Baldi, 1972)
In un film in cui la pubblicità "occulta" è invasiva come in pochi altri casi (casse di J&B con bottiglie presenti in ogni minibar di casa, manifesti enormi del Fernet Branca, della Pejo e via dicendo) colpisce un momento in cui la pubblicità al J&B si fa spudorata. In una scena ambientata nella Capitale vediamo Moschin seduto al tavolino di un bar assieme ad altre due persone. Al primo colpo do'occhio già si vede quanto si affollino nell'inquadratura i marchi citati: acqua rigorosamente Pejo, portacenere Fernet Branca, tovaglietta Punt & Mes... La frase con cui il nostro se ne esce però lascia di stucco per spudoratezza. Estraendo dalla sua borsa una bottiglia di J&B (e assumendo la posa da puro testimonial) dice: "JB, James Bond scotch, il whisky degli agenti segreti dico, non so se mi spiego..." attaccandoci poi frasi del tutto pretestuose per giustificare tanto coraggio!
(segnalata da Zender)


NOTA: Per godervi un bella carrellata di immagini di pubblicità (poco) occulte inserite nei film italiani dei Settanta CLICCATE QUI.

ARTICOLO INSERITO DAL BENEMERITO ZENDER
Vedi commenti allo speciale

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Successivo   Precedente >