Cerca per genere
Attori/registi più presenti
ANEDDOTI

7.12.97: UNO STRANO INCONTRO
Un martedì sera di molti anni fa il Davinotti stava passeggiando per la via, reduce dall’ennesima festa celebrativa alla quale non era riuscito a dire di no. Appoggiato ad un albero scorse un uomo, intento a leggere proprio il Dizionario. Stava borbottando: “Ma come si fa dare cinque palline a Vacanze di Natale, questo Davinotti è un pazzo, un incompetente!”. Il Maestro gli si avvicinò dolcemente: “Cosa ti angustia, villico?”. “E’ questo qui”, rispose l’uomo indicando il Dizionario. “Lo vede? Cinque palline a Vacanze di Natale!” . Marcel gli si rivolse in tono amabile: “Mi dica: ai seguiti lei quanto darebbe?” chiese. “Beh, Vacanze di Natale 90 e 91 sono decisamente meglio: c’é la riscoperta di Abatantuono, una regia fenomenale...”. Il Maestro lo fermò: di punto in bianco gli oppose una critica seduta stante investendo l’uomo di termini tecnici, scomodando Ophuls e Bergman, citando la Nouvelle Vague e il montaggio sperimentale. Parlò per due ore e cinquanta finché l’uomo dovette cedere e ammettere, in lacrime, che Marcel aveva indubitabilmente ragione: era il primo Vacanze di Natale l’unico autentico capolavoro. Fu a quel punto, ormai distrutto, che l’uomo si tolse infine la brutta maschera in lattice che ne celava la vera identità: era Enrico Oldoini, che da quel giorno cominciò a soffrire di serie crisi depressive. La dipendenza dai Vanzina gli era stata palesata con tali argomentazioni che gli antichi fantasmi lo ripossedettero. “Andiamo, suvvia”, lo rincuorò il Davinotti. “In fondo anche tu hai meritato quattro palle, in passato”. Oldoini sfogliò nervosamente il Dizionario. Era vero: al suo ‘Cuori Nella Tormenta’ Marcel aveva regalato ben quattro preziosi pallini. “Grazie, incorruttibile Maestro. E’ il premio più bello ricevuto in tutta la mia carriera: un riconoscimento venuto dal cuore, l’unico autentico. Diffonderò il tuo Verbo agli infedeli”.
Ma Marcel M.J. Davinotti jr. era già scomparso, inghiottito dalle nebbie della sera che riavvolsero subito anche l’uomo, rinfrancato dal massimo riconoscimento critico sognato dai cineasti di tutto il mondo.

UNO STRANO PASSO DELLE SACRE SCRITTURE

“...E vi sarà un giorno in cui
anche voi vi troverete a
imprecare per l’ennesima
pallinatura inaccettabile...

[...] ...Ed Egli non vi ascolterà,
perché sa che il tempo
gli darà ragione.
Un giorno.”
Isaia 4,10