Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL BANDITO SENZA NOME

All'interno del forum, per questo film:
Il bandito senza nome
Titolo originale:Somewhere in the night
Dati:Anno: 1946Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Regia:Joseph L. Mankiewicz
Cast:John Hodiak, Nancy Guild, Lloyd Nolan, Richard Conte, Josephine Hutchinson, Fritz Kortner, Margo Woode, Sheldon Leonard, Lou Nova
Visite:359
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/1/08 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Cotola
  • Davvero notevole! a detta di:
    Daniela
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Faggi
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Giùan


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 5/1/08 18:31 - 6491 commenti

Strabiliante film noir che può contare su una struttura narrativa piuttosto complessa che si fonda su diversi flashback grazie ai quali viene riportata a galla la verità. Una delle prime pellicole, se non la prima in assoluto, a sviluppare il tema dell’uomo senza memoria alla ricerca del suo passato. Grande regia di Mankiewicz che mantiene sempre il filo del discorso e che dà vita ad una odissea notturna di notevoli impatto stilistico e che presenta alcuni squarci visivi molto interessanti.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 6/11/17 1:25 - 6545 commenti

Un uomo si sveglia in un ospedale da campo, privo di memoria. Una volta guarito e congedato dall'esercito, cercherà di far luce sul proprio passato... Considerato opera minore nell'ambito di una gloriosa filmografia, è un noir non privo di punti deboli ma assai intrigante nelle premesse, nonché ben articolato nella complessità nella trama con l'intersecarsi di più tracce narrative e l'ambiguità di quasi tutti i personaggi in campo, a cominciare dal protagonista che dubita di essersi reso responsabile di un omicidio. Da rivalutare.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Giùan 4/9/17 15:59 - 2342 commenti

Tra le (pochissime) cose minori di Mankiewicz, registicamente a disagio nell'infondere la giusta dose di destabilizzante vigore a un plot che si fa spesso troppa fatica a seguire. Così se l'atmosfera disorientante è costruita con accurata cupezza, lo spazio lasciato ai dialoghi (a danno dell'azione) è spesso ammorbante, mentre Hodiak non ha l'elasticità espressiva che gli permetta di "svolgere" un ruolo tanto complesso e ambiguo. La Guild dal canto suo è di una molle bellezza imparagonabile alla futura musa Tierney. Da fumetto noir l'Anzelmo di Kortner.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Faggi 16/11/15 11:22 - 927 commenti

Noir non perfetto nella forma ma godibile nella sostanza. Abbiamo: smemorati, pedinatori, bruti picchiatori senza cervello, loschi gestori di locali notturni, ambigui figuri, belle donne, tenenti di polizia in impermeabile e cappello, dolcetti (biscotti?) della fortuna contenenti suggestivi messaggi, ecc...; dunque gli ingredienti ci sono, la storia è intrigante e i dialoghi non mancano di cinismo, ma la regia è solo corretta e niente di più. Inoltre la figura della dark lady manca della necessaria ambiguità morale. Comunque pionieristico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Messaggio nel biscotto: "Se senti puzza soffiati il naso" (Confucio).
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)