Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PORTE APERTE

All'interno del forum, per questo film:
Porte aperte
Dati:Anno: 1990Genere: drammatico (colore)
Regia:Gianni Amelio
Cast:Gian Maria Volonté, Ennio Fantastichini, Renzo Giovampietro, Renato Carpentieri, Lidia Alfonsi, Silverio Blasi, Giacomo Piperno, Tuccio Musumeci
Note:Ha vinto il Donatello e un Oscar europeo.
Visite:905
Approfondimenti:1) INTERVISTA A TUCCIO MUSUMECI
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/12/07 DAL BENEMERITO CAPANNELLE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 29/10/12 21:49 - 4059 commenti

Molto bello (***½). Che dire di Volonté? Grandissimo quando deve andare sopra le righe (come in Indagine), grandissimo quando, come in questo caso, deve invece sottorecitare. Film diretto e recitato benissimo (notevoli il composto Giovampietro e l'irrequieto Fantastichini), che ha la caratteristica di far provare tanta "pietas" per molti, ma un po' di meno - a dirla tutta - per l'imputato che, codice dell'epoca alla mano... Gustosi i quadri familiari. Senz'altro da vedere.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 4/12/07 7:34 - 9788 commenti

La migliore trasposizione cinematografica da uno scritto di Leonardo Sciascia è realizzata da Gianni Amelio in questo bel film che ha (tra l'altro) il merito di un'ambientazione siciliana che evita (pur raccontando un fatto di sangue) i soliti clichè di mafia, per raccontare un delitto che scopre piano piano tutti i suoi risvolti. Una bella e rigorosa sceneggiatura, una regia essenziale e due ottimi protagonisti (Fantastichini e Volontè) per un film importante.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 22/1/09 10:53 - 6665 commenti

Uno strano triplice omicidio con un reo confesso che vuole essere condannato, e un giudice che vuole vederci chiaro contro ogni logica apparente: questo l'intrigante plot noir-giudiziario di Sciascia trasformato in film da Amelio. Il film si impone, oltre che per il gusto filosofico della contraddizione (che è però anche richiamo delle regole civili) dello scrittore siciliano, per la magnifica gara recitativa di Volonté e Fantastichini: introverso e sofferto uno, vulcanico e schizofrenico l'altro.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Renato 22/4/09 12:20 - 1500 commenti

Bel film di Amelio, che racconta con garbo la storia del processo ad un omicida durante il Ventennio. La trama si sviluppa in modo molto interessante ed il cast è ottimo; solo la fotografia (eccessivamente cupa) non mi ha convinto. Amelio ha scelto delle vie inusuali per emozionare il suo pubblico, e devo dire che ha raggiunto il suo obiettivo. Più che giustificare il personaggio di Fantastichini, si è portati a pensare alla pena di morte in senso etico, e questo non è poco. Volonté, straordinario, è misurato ed intenso al tempo stesso.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 12/9/09 20:56 - 6489 commenti

Notevole prova registica di Amelio che, ispirandosi ad un libro di Sciascia (che si ispirò a sua volta ad un fatto veramente accaduto) dà vita ad un film estremamente interessante e lo fa con grande sobrietà senza cadere in facili schematismi ed evitando i clichè che i temi trattati potrebbero richiamare alla mente. Eccezionali le prove di Volontè (ma non è una novità), Fantastichini e Carpentieri.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 3/7/09 19:31 - 1448 commenti

Palermo anni '30: un grigio funzionario commette 3 omicidi, ma al processo non si difende e quasi invoca la condanna a morte, che del resto regime e opinione pubblica gli hanno già appioppato. Uno dei giudici della Corte si batte per garantirne i diritti, solo contro tutti. Fedele trasposizione del racconto di Sciascia, un apologo contro la pena di morte ma, più in generale, contro l'arbitrio del potere, tema illuministico caro al maestro siciliano. Volontè giganteggia. Il personaggio di Carpentieri è programmaticamente esemplare. Bravo Fantastichini.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 3/9/17 11:54 - 6545 commenti

In pieno regime fascista, un uomo compie alcuni omicidi apparentemente inspiegabili. La condotta dell'imputato e la natura dei delitti sembrano rendere scontata la condanna a morte, ma... Fra i film ispirati a Sciascia, quello diretto da Amelio è uno dei migliori anche se non il più fedele: rigoroso nella messinscena che non ricorre a espedienti per rafforzare la tesi portante (l'imputato non suscita la nostra simpatia, ma comunque, come chiunque altro, non merita la morte di Stato) e sorretto da ottime prove da parte di un cast in stato di grazia guidato da un Volonté insolitamente sommesso.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 14/12/11 9:07 - 2244 commenti

Siamo di fronte ad uno di quei film che una volta finiti ti lasciano dentro qualcosa e ti fanno pensare. Notevole risultato che Gianni Amelio riesce a raggiungere raccontando con ritmo lento e aggiungendo poco alla volta elementi ad una storia apparentemente senza risvolti particolari. Grandi le prove offerte da Volonté e da Fantastichini, ma anche Carpentieri non sfigura, nel confronto con i due. Non si grida al capolavoro, ma l'opera è da vedere. ***!
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 1/12/07 20:00 - 3278 commenti

1937: a Palermo un uomo (Fantastichini) uccide il superiore, un collega e sua moglie. Al processo non fa nulla per evitare la condanna a morte, ma incontra un giudice testardo e rigoroso (Volontè) che riesce a far emergere nuovi fatti (imbarazzanti per molti) che valgono come attenuanti. Rigore e capacità di analisi avranno così la meglio sulle convenienze altrui. Amelio offre una regia asciutta e profonda, una sceneggiatura essenziale (anche troppo) e una Sicilia lontana dai soliti clichè cinematografici. Ottima prova dei due protagonisti.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Enzus79 5/3/09 17:40 - 1534 commenti

Un giudice fa di tutto per non dar la pena capitale a un uomo (colpevole di aver ucciso datore di lavoro, collega e moglie), ma l'ergastolo. Volontè interpreta benissimo un introverso giudice contrastato dalle idee e dai colleghi che vivevano l'Italia fascista. Forse un po' troppo lento, ma Volontè fa dimenticare anche questo...
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 5/3/09 11:23 - 635 commenti

Qual è il vero metro di giudizio per i condannati? Quello basato su un istinto creduto razionale e quindi distruttivo, o quello razionale che cerca le fondamenta degli atti sprovveduti e da "bestie"? Grande interrogativo che lascia il film. Ancora attuale per un mondo dove le leggi invece di approfondire le situazioni tendono a salvaguardarsi dalle coscienze della collettività. La storia dell'omicida è sensata e sembra quasi attrarre ammirazione per quell'essere che da bestia diventa vittima e quindi ribelle di una società morta. Ottimo Volontè.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo nel campo di grano.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Saintgifts 18/6/16 9:49 - 4099 commenti

Paragonato ai drammi giudiziari d'oltreoceano, qui c'è tutta la passionalità mediterranea in un processo dove ancora si prevedeva la pena di morte nei casi di omicidi premeditati ed efferati. Il giudice interpretato dal grande attore che è stato Volonté rappresenta l'equilibrio, la vera faccia di una giustizia che nulla tralascia per poter emettere una sentenza che non sia solo la fredda applicazione di articoli penali, o, ancor peggio, di compromessi che guardano alla politica e all'opinione pubblica. Ottimamente sceneggiato e diretto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tema letto dal nipotino, durante il pranzo.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 18/7/11 21:37 - 3099 commenti

Una lucida analisi contro la pena di morte durante il Ventennio che viene ben rappresentata dall'ostinazione di un giusto giudice pronto a scavare nei meandri di un chiaro triplice omicidio. Una narrazione asciutta e priva di orpelli che manifesta un'elevata forma poetica. I due interpreti sono magistrali e creano un'atmosfera che si fonde in un grande conflitto interiore.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 15/8/12 14:50 - 2342 commenti

Tra i più umanamente rispettosi e sinceramente innamorati autori del nostro cinema, Amelio dirige la sua opera, a dispetto del titolo, più conchiusa, in qualche modo più tradizionale. Giocan un ruolo decisivo la giusta distanza cercata (e peraltro trovata) rispetto a Sciascia e a Volontè, come anche i meccanismi del cinema giudiziario, a cui comunque deve obbedire. Film il cui ritmo pacato ma frastagliato (come impasto lasciato a lievitare) alla fine pare travolgere tutto sommessamente. Recitato fin troppo bene, possiede classe e si può definir un classico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena iniziale di Fantastichini che entra nel suo ex ufficio, dominato dal busto di Mussolini; La festa in campagna a casa del giurato Carpentieri.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 11/11/15 17:54 - 1524 commenti

In una terra avvezza all’omertà riesce a emergere l’onestà di un giudice nel trovare la verità dove sarebbe più facile una condanna a priori. Volonté recita quasi sommesso, scavato nella sua magrezza, ma riesce a mostrarsi sempre retto nel suo ruolo di magistrato. La lezione di moralità arriva senza clamore passando dai luoghi scuri delle stanze chiuse al sole che appare nel finale. Conclusione didascalica meno in linea che con l’umanità dei personaggi.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Nicola81 4/11/16 16:18 - 1304 commenti

Facile battersi contro la pena di morte se c'è il rischio di condannare un innocente, ma come la mettiamo se l'imputato codice alla mano la meriterebbe ed è il primo a invocarla? Film che dietro la facciata del dramma giudiziario solleva forti dilemmi morali. Cupo e spesso lento, ma sorretto da una bella sceneggiatura (la fonte è un romanzo di Sciascia), un'elegante ricostruzione d'epoca e un ottimo cast: Volonté intenso ma misurato, allucinato Fantastichini, ieratico Giovampietro, sensato Carpentieri. Adeguate le musiche di Franco Piersanti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio; Le deposizioni dei testimoni al processo; Il discorso di Carpentieri in camera di consiglio; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Almicione 5/6/15 23:09 - 765 commenti

A chi interessa difendere la vita di un condannato certo, reo confesso peraltro, macchiatosi di tre omicidi e altri minori delitti? Chi è pronto a esporsi contro il pubblico e i suoi stessi colleghi affinché non si presieda a un processo già scritto e sbrigativo quando si tratta di dover decidere della vita di un uomo? Amelio affronta il tema della pena di morte ben sottolineando l'atteggiamento di chi ha la ghioglittina facile perché sa che la testa non è sua e mai nessuno la reclamerà. Film lodevole, di riflessione, ma non grandissimo.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Cloack 77 14/9/12 20:56 - 547 commenti

Un film che chiaramente si rifà alle atmosfere di La parola ai giurati, ma che ha il coraggio di uscire dalle stanze del tribunale e allargare la visione al clima psicologico che un regime, pur invisibile, può instillare e alla condotta che da esso ne deriva, collegata alle tradizioni di una terra dove tradimento e orgoglio sono fondamenta e pilastro del vivere civile.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Magi94 25/10/17 23:14 - 306 commenti

Fa un po' storcere il naso, perché poteva essere un capolavoro e invece è stato sacrificato all'aridità registica a cui ormai sembra votato il nuovo cinema "impegnato" italiano. La storia è molto interessante e di stretta attualità se reinterpretata ai giorni nostri, Volonté fantastico in una delle sue interpretazioni più sobrie e Fantastichini più che convincente (ottimi i loro "duetti" in tribunale), ma la regia è piatta, lentissima, ammorbata da una fotografia troppo scura che soprattutto nella prima parte porta alla noia. Davvero peccato.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)