Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HOUSE

All'interno del forum, per questo film:
House
Titolo originale:Hausu
Dati:Anno: 1977Genere: fantastico (colore)
Regia:Nobuhiko Obayashi
Cast:Kimiko Ikegami, Kumiko Ohba, Yôko Minamida, Mitsutoshi Ishigami, Miki Jinbo
Note:E non "Housu"o "Hause".
Visite:759
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/11/07 DAL BENEMERITO SCHRAMM POI DAVINOTTATO IL GIORNO 14/9/16
Fantavventure giapponesi con tracce horror che riesce difficile poter immaginare come spaventevoli, considerato il delirante contesto in cui sono inserite. Uno dei più affascinanti esempi di come il cinema orientale viaggi su coordinate totalmente differenti dalle nostre. Da noi sarebbe opera semplicemente inconcepibile, per come coniuga sinceri afflati poetici a uno sprezzo del ridicolo che ha quasi dell'eroico! La storia è semplice: sette amiche, terminata la scuola, decidono di recarsi in campagna a trovare la zia di una di loro. Dopo una prima parte di quotidianità scolastica in cui comunque già si intravedono gli ardimentosi slanci artistici del regista, che lavora di cesello con sovrapposizioni, montaggio, fast motion e ralenti per destabilizzare ogni canonica progressione, il gruppo di amiche prende il treno e raggiunge la villa in cima alla collina della “zietta”, che lì vive assieme al suo gatto Fiocco di neve; ha accettato la richiesta della nipote di ospitare lei e le amiche per qualche giorno, ma quando cala il sole – e dopo che già un componente del lampadario s'era staccato provocando la reazione a calcivolanti della ragazza chiamata non a caso “Kung fu” - cominciano ad accadere cose (ancor più) strane: una testa volante esce da un pozzo per addentare il sedere di una delle sei che era arrivata fin lì, ad esempio! Gli effetti lasciano interdetti: in un clima sognante che la vivace fotografia esalta, la testa sembra quasi un ritaglio fotografico mosso come nemmeno ai tempi di Harryhausen. Lo stile sconfina a tratti nel fumettistico (una conferma viene dalla scelta di utilizzare fondali dipinti già durante il viaggio verso la villa), ma è solo l'inizio, perché da quel momento in poi si fonderanno in un calderone infernale cannibalismo, sangue e bizzarri fenomeni (che dire della ragazza che perde le dita suonando il pianoforte quando poi le stesse dita si vedono suonare da sole, una per una, i tasti d'avorio?): al regista sembra importi solo stupire ammassando follie su follie, senza tuttavia perdere di vista una certa eleganza formale pronta a fare improvvisamente a pugni con la comparsa di raggi e luccichii disegnati sulla pellicola come molto più parsimoniosamente capiterà in certi horror di bassa lega del decennio successivo. Si rimane davvero attoniti di fronte a film così: da una parte è impossibile non apprezzare la qualità nella messa in scena, l'abilità tecnica nelle riprese, la grande sensibilità nella scelta delle musiche, dall'altra ci si trova davanti a una storia d'impianto semi-favolistico con le protagoniste (talvolta nude o in mutande) che ridacchiano tra dialoghi quasi sempre di elementarità imbarazzante inseriti in un contesto di allegra scioccheria. C'è una tale fusione di elementi e concetti cinematografici apparentemente del tutto discordanti tra loro da poter originare in chi guarda le reazioni più diverse. Il rischio maggiore è l'assuefazione, che porta prosaicamente alla luce i limiti dell'operazione.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 19/11/07 16:42 - 2090 commenti

Horror pop-kitsch dal polimorfismo esasperato, sotto il segno della psilocibina e dell'ipnagogia dal primo all'ultimo frame. Oyabashi dev'essersi sbafato qualche etto di peyote prima di dirigerlo. E anche durante. Raimi e Argento se lo sono indubbiamente imparato come l'Ave Maria. Mai visto niente di più deliziosamente farneticante e vulcanico in tre decenni e mezzo. Straraccomandatissimo.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 11/8/13 11:11 - 6596 commenti

Film folle che più folle non si può. Dopo la prima parte (quasi normale) da teen-movie d'altri tempi, si sale su un ottovolante impazzito (chiaro quindi che a qualcuno possa venire la nausea) in cui il topos della casa stregata è solo un pretesto per mettere in scena una fantasmagoria di grande potenza visiva che però può anche non piacere o stancare lo spettatore occidentale più tradizionalista. Botti, scoppi, filtri fotografici, gore, inquadrature di ogni tipo, colonna sonora invasiva, ritmo indiavoltato e chi più ne ha più ne metta. Coraggio, entrate nella casa: a vostro rischio e pericolo!
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 12/12/17 23:57 - 2938 commenti

Folle, geniale commistione di commedia adolescen-demenziale e horror gotico, la cui trama è solo un pretesto per un susseguirsi di trovate surreali che sembrano fare a gara l'una con l'altra per originalità e inventiva. Un po' troppo fracassone nel secondo tempo e con un finale che, tra ermetismo romantico e sconclusionatezza, si sbilancia troppo verso la seconda componente, ma senza mai tradire l'impronta irriverente ed eclettica, dalla quale registi come Sono e Miike attingeranno a piene mani. Notevole OST tra romanticismo e Bubble Bobble.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ragazza in bianco, di notte, con in mano una lucciola (Jennifer Corvino ci sei?); Il gatto slitta sul pianoforte e il miagolio si fa musica.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Belfagor 28/12/11 15:23 - 2531 commenti

Sette ragazze in una casa stregata: questa è la semplice base su cui Obayashi sviluppa uno dei film più deliranti della storia, una psichedelia horror che non rifiuta di esporre il proprio lato kitsch, ricercandolo anzi in ogni modo possibile. Lo stile volutamente irreale - specialmente quello degli effetti speciali - trasforma un semplice incubo in un viaggio attraverso lo specchio, portandoci in una dimensione onirica totalmente svincolata dalla realtà. Richiede una notevole sospensione dell'incredulità, ma l'effetto è assicurato.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Rufus68 1/1/18 17:38 - 1735 commenti

Gustoso intruglio horror-comedy ricco delle inflessioni del più surreale fumetto giapponese: l'erotismo lolitesco, il kitsch spinto al parossismo (tanto da tradursi in cifra stilistica), le melensaggini neomelodiche, il macabro che si alterna disinvoltamente al comico, il fantastico privo delle nebbie e dei chiaroscuri del gotico europeo. Fra teste volanti, gatti che suonano il pianoforte (cannibale) e colpetti di kung fu il tempo passa in fretta. Ogni tanto affiora il sospetto dell'inconcludenza, ma il pastrocchio merita la visione.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Mickes2 23/5/12 10:59 - 1550 commenti

Pazzo-bellissimo-anarchico-visionario-frenetico-algidissimo-caldissimo-ipersaturo-fantasmagorico horror fantasy di purissima atmosfera; sopraffino delirio lisergico preso e rivoltato come un calzino, zeppo di alternanze narrative che vanno dal comico più demenziale alla ghost story più rabbrividente, musica a manetta, buffissime parentesi weird spinte al parossismo più ortodosso-becero-inconcludente... Geniale. Prego: munirsi di Sense of Wonder, poi via per un viaggio psichedelico che fa della dimensione onirica il proprio punto focale.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Greymouser 9/6/11 15:14 - 1441 commenti

Una storia esile ed arruffata su una casa stregata diventa il puro pretesto per imbastire un delirio pop-art fatto di folli fantasmagorie cromatiche, invenzioni grafiche e visionarie di qualità lisergica, virtuosismi registici fatti con pochi mezzi e una montagna di fantasia. Splendido, soprattutto per gli occhi, nella prima parte, perde un po' di smalto strada facendo, fino a diventare troppo calligrafico e ridondante. Comunque, una singolare e notevole esperienza cinematografica.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Mdmaster 5/11/10 2:20 - 802 commenti

Irresistibile minestrone fantahorror commedia psichedelico, degno precursore e farneticante visione avanti di dieci anni. Un gruppo di assortite ragazze saranno attirate in una casa che ha intenzione di non lasciarle uscire vive. Semplice premessa, deliranti conseguenze sanguinolente e tremendamente buffe (la testa che morde le chiappe di Kung Fu?!?). Si fatica persino a capire cosa si sta vedendo a volte, ma ci si diverte sempre e comunque. Se dopo più di trent'anni, perfino lo spettatore smaliziato si smarrisce, c'è sentore di genialità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pianoforte che divora e sputazza pezzi di Melody; il bagno nel sangue.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Kanon 2/10/10 15:09 - 565 commenti

Un Luna Park messo su pellicola. Una sorta di mega carillon impazzito che turbina allegro tra fantastico - horror - commedia - psichedelia con totale noncuranza verso la salute mentale dell'incauto avventore salito per curiosità sulla giostra. Sghignazza il giostraio (Obayashi) ed affonda la leva alla massima velocità col passare dei minuti. Tante sono le invenzioni audio-visive che non basta un solo giro per goderne appieno. E allora "andiamo ragazzi.. altro giro, altra corsa... inserite il gettone... eee... si riparte!". Come dargli torto!
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)

Burattino 2/11/10 10:24 - 101 commenti

Delirio lisergico in salsa manga chee affascina per l'uso spregiudicato degli elementi weird. Generalmente non amo il cinema orientale, tantomeno l'horror, ma a volte si creano speciali alchimie al confine tra il kitch ed il bizzarro che non mancano di entusiasmarmi ma che godono del loro essere pezzi unici. Da vedere ubriachi.
I gusti di Burattino (Animazione - Erotico - Horror)