Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• I CINQUE DEL QUINTO PIANO (95 PUNTATE)

All'interno del forum, per questo film:
• I cinque del quinto piano (95 puntate)
Dati:Anno: 1988Genere: fiction (colore)
Regia:Guido Stagnaro
Cast:Gian (Gian Fabio Bosco), Serena Cantalupi, Luca Sandri, Georgia D'Ambra, Niccolò Della Bona, Aldo Ralli, Giampiero Bianchi, Guia Jelo, Livia Cerini, Giampiero Bianchi, Felice Invernici, Aldo Ralli
Note:Aka "I 5 del 5° piano" o "I 5 del quinto piano".
Visite:5305
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/10/07 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 4/9/09 16:46 - 10237 commenti

Produzione seriale piuttosto innocua che ha per protagonista una famiglia di 5 persone che vive al quinto piano di un condominio (da qui il titolo); storielle abbastanza scialbe che strappano qualche risata ma nel complesso si collocano in un piano di assoluta mediocrità. Cast non oltre la sufficienza.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Homesick 22/10/07 18:37 - 5737 commenti

Storie innocue e divertenti vissute da una tipica famiglia italiana di fine anni Ottanta ed ambientate interamente in un appartamento... al quinto piano. Per chi ha vissuto quell'epoca e oggi soffre un poco di nostalgia, è la postrema testimonianza di una spensieratezza e di costumi ormai lontani, con interpreti brillanti sia nei ruoli principali (applausi al padre Gian e al suo vulcanico primogenito Sandri, che spesso ammiccano alla telecamera) sia tra i comprimari: ricorrenti l'esuberante colf Jelo, l'invadente vicino Bianchi, il bistrattato amministratore Ralli e la zia snob Cerini.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: «Ci viole una gran pazienza, eh?!»: «Sfortunello! Sfortunellone!»; «Sciuri Sciuri»; «Non c'è pobblema!»; Le trovate di Gianfilippo; Zia Ines.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 14/6/09 14:35 - 1495 commenti

Oh signùr. Quando mi capita di rivedere (a notte fonda) un episodio di questo telefilm la prima impressione è quella di essere sotto l'effetto di un trip: tutto è davvero troppo loffio per essere vero... e invece l'hanno pensato, scritto e girato proprio così. Scenografia e luci sono al livello di quelle dei film girati da Zurli in Turchia, e sulla recitazione -a parte Gian- è meglio sorvolare. Comunque, i duetti verbali tra il padre ed il figlio idiota Gianfilippo vanno visti almeno una volta nella vita prima di morire.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Tarabas 20/12/11 13:26 - 1482 commenti

La Famiglia Bradford a Porta Romana. Uno dei primi telefilm prodotti in casa da Mediaset, non faceva né ridere né sorridere allora, rivisto oggi è francamente ridicolo per situazioni e per la modestia nei mezzi di realizzazione. Domina incontrastata la cartapesta e i personaggi e le storie sono talmente fasulli e inutilmente sorridenti (risus abundat...) che, retrospettivamente, verrebbe il dubbio che l'operina in questione faccia parte del famoso complotto videocratico. Probabilmente no, è solo scarsa.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Ciavazzaro 6/9/09 12:12 - 4643 commenti

Atroce. Pensare che qualcuno possa averla scritta e diretta è davvero arduo, a parte il buon Gian (sottotono anche lui comunque) la serie è davvero inguardabile, a cominciare dalla sigla iniziale, alle storie tanto semplici quanto pessime... Evitare, evitare.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Markus 6/3/16 18:23 - 2461 commenti

La prima sit-com italiana è, sin dal titolo, la storia di una famiglia medio-borghese qualunque degli anni Ottanta. D'impostazione teatrale, la serie aveva come punto di forza un ritrovato Gian (reduce dalla separazione con Ric) e tutto un cast di contorno ad hoc (lodevole Sandri nel ruolo di “Gianfilippo”, così come la Cantalupi in quello di “Gisella”). Episodi leggeri, scacciapensieri, fatti per creare empatie in tutte le varie fasce d’età coi personaggi proposti. Epilogo triste perché tutto è nato e finito nell’anno 1988.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Daidae 1/1/18 21:44 - 2338 commenti

Vista oggi questa serie trasmette un pizzico di nostalgia per quell'Italia ricca e sprecona che oggi sembra lontana anni luce. Classica sit-com all'italiana, una sorta de I Robinson alla amatriciana. Buono il cast, storielle semplici e leggere di un Italia spensierata. Il prodotto in sé non è un granché, ma ha fatto la sua parte nella storia della TV italiana.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Stubby 17/7/09 13:12 - 1147 commenti

Nel lontano 1986 passava all'ora di cena su canale 5 e quindi io e la mia famiglia lo guardavamo senza prestargli troppa attenzione. Ciò che ricordo, a parte lo squallore e la povertà con cui era stato confezionato, era la solita battuta tormentone sul nome del figlio: Gianfilippo abbreviato in Gianfi.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Redeyes 25/9/17 12:08 - 1929 commenti

Manifesto della Milano bene degli anni 80. Una famiglia di borghesotti scimmiotta il ménage familiare fra facili sorrisi e finali alla volemose bene. Le storie sono semplici e scevre da volgarità seppur si evidenzi molto il ruolo del padre (che porta a casa il denaro) e di pari passo un figlio bamboccione all'ennesima potenza. Si ricorda comunque con piacere per il buon Gian (post separazione) e un bravo Sandri.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Mco 1/9/09 19:41 - 1908 commenti

Mia compagnia notturna nel periodo degli studi-tirata universitari, con programmazioni semplici quanto gradevoli e talvolta leggermente pruriginose (la cameriera che faceva lontanamente il verso a malizie di antonelliana memoria, con quei collant neri sotto il vestito da lavoro). Gian è Gian, quindi poco da aggiungere alla sua vena di comicità eccelsa, Sandri è in gamba e Gisella-Cantalupi è la tipica donna tuttofare. Val la pena riscoprirlo, per chi non lo conosce...
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Disorder 20/5/17 23:33 - 1370 commenti

Visto solo ora per la prima volta, a quasi 30 anni dalla messa in onda, mi ha dato davvero l'impressione di un prodotto improponibile, iper-ingenuo e datato oltre ogni limite immaginabile. La regia è incredibilmente sciatta e statica, il concetto di ritmo del tutto assente e alcune recitazioni raccapriccianti. In certi momenti sembra quasi di vedere una puntata di Love me Licia senza musica e parrucche colorate. Da salvare solo la simpatia di Gian, in grado di strappare ogni tanto qualche timida risata. Dimenticabile senza rimpianti.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Dengus 18/12/11 18:07 - 348 commenti

Serie invecchiata male e presto, complice anche fotografia e scenografia sicuramente low cost già per l'epoca (alcune serie più vecchie dimostrano oggi meno anni), divenuta da almeno quindici anni un riempitivo del palinsesto notturno di Mediaset. Tutto gira attorno alla professionalità e talento del grande Gian, che trova solo nel figlio Gianfi, interpretato da un sottovalutato Luca Sandri (meritava di più) una degna spalla; il resto del cast è inefficace, tranne la cameriera Rosalia che oltre a far ridere è anche sexy; cimelio storico.
I gusti di Dengus (Comico - Commedia - Sentimentale)

Hearty76 5/9/11 11:59 - 167 commenti

Un telefilmetto italiano scarno e mesto, ma nel complesso non così antipatico né invadente come tanti altri più recenti. Lo guardavo soltanto come passatempo e non lo consiglio se non per documentarsi sugli albori della fiction nostrana. Si notano la confezione ed il taglio in sincrono col crescente andazzo commerciale delle tv private di allora. L'unica decente (sebbene sprecata) è Serena Cantalupi, gli altri non immagino che fine possano aver fatto; ma si può sopravvivere anche senza saperlo.
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)