Cerca per genere
Attori/registi più presenti

OGGI A ME... DOMANI A TE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
...UN ESERCITO DI CINQUE UOMINI è il titolo di un western che Dario Argento scriverà l'anno successivo per Italo Zingarelli. Ma si adatterebbe benissimo anche a questo OGGI A ME... DOMANI A TE, che Argento inventa e cosceneggia assieme a Tonino Cervi (che si assume il ruolo di regista per la prima volta in carriera) e vede anche qui tra i protagonisti l'astro nascente Bud Spencer (non ancora doppiato da Glauco Onorato ma da Ferruccio amendola). Sono sempre cinque uomini quelli che vanno alla ricerca del perfido Elfego (Tatsuya Nakadai), ma solo uno di loro (Brett Halsey, che nei titoli troviamo col nome di Montgomery Ford!) cova desideri di vendetta (capiremo il perché in un flashback virato dal vago sapore argentiano); gli altri accettano di aiutarlo dietro largo compenso (10.000 dollari a testa!). Non sono i MAGNIFICI SETTE ma poco ci manca: sparano veloci, menano le mani con esperienza (anche se di scazzottate, fortunatamente, ce n'è un sola), parlano pochissimo o preparano per Elfego una trappola mortale. Attireranno lui e una dozzina di comancheros in un bosco desolato e qui, uno alla volta, cominceranno a decimarli con agguati all'arma bianca in cui l'influenza di Argento si sente eccome: girate prevalentemente di notte, sono sequenze che giocano molto con la suspence per esplodere in momenti di notevole violenza. Impiccagioni improvvisate, coltellate, assalti dagli alberi in perfetto stile RAMBO destinati a concludersi con un duello puramente leoniano (ma le musiche di Lavagnino non possono competere con i classici morriconiani) di un certo effetto. Un western modesto, con un protagonista (Halsey) poco convincente: un duro col naso a patata!
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 23/2/14 22:57 - 4061 commenti

Curiosa commistione di generi, sottogeneri e citazioni da altri film, regge bene per due terzi, perdendosi però in modo sensibile nel finale, quando la battaglia notturna assume contorni incredibili, con i “nostri” che dimostrano di avere la vista a raggi X mentre i “cattivi” (oltre che tontissimi) si dimostrano incapaci di reagire agli attacchi. Peccato, perché ciò che precede non è niente male, a partire dai momenti del reclutamento. Palesemente girato nel Lazio, ma senza gli eccessi delle pacchiane location fidaniane: bel ruolo, a proposito di Fidani, per Nino Scarciofolo (Jeff Cameron).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Il Gobbo 5/4/07 13:43 - 2990 commenti

Ottimo western all'italiana, che ripropone il corto circuito col cinema giapponese omaggiandolo con la carismatica presenza di Tatsuya Nakadai e con una citazione-omaggio a Sanjuro (checchè ne dicesse Cervi farina del sacco di Argento, che non a caso infilerà un samurai anche in un altro western da lui scritto). Molto elegante in alcune sequenze, buon cast (il quintetto dei "nostri" è composto da pluridecorati del genere) ottima fotografia, film davvero sopra la media.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 17/9/14 17:54 - 5714 commenti

Nonostante il titolo e la presenza di Bud Spencer - all'epoca comunque non ancora votato alla comicità - questo non è un western parodistico, ma una feroce storia di vendetta che, rispetto alla massa di prodotti consimili, ha il rarissimo pregio di rinunciare al duello leale, umiliando anzi il cattivo mettendolo nelle condizioni di una lotta impari. Halsey è vestito come Django ma è lui ad invalidare le mani degli altri; nel cast una spanna su tutti Berger, lesto di ghigno e di mano, e l'irridente Nakadai. Sparatorie potenti e dirette, flashback di routine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Preston che nomina sceriffo il suo prigioniero; Il bandito impiccato durante l'agguato nel bosco.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Matalo! 13/5/09 17:40 - 1305 commenti

A rivederlo dopo tanti anni è un film abbastanza sciatto, con un Hasley monolitico e Spencer con evidente barba posticcia. Uso costante dello zoom, dialoghi stitici, un po' più curato della media nel decor e nei passaggi minori. Tatsuya Nakadai come Elfego è efficace nel suo ieratismo nipponico ma la parte centrale è lenta e ripetitiva. Tutto già visto insomma; un film-palestra come spesso erano gli spags per i registi in erba.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Rambo90 11/9/13 16:24 - 4928 commenti

A metà fra I magnifici sette e il successivo Esercito di 5 uomini (il secondo sempre scritto da Argento), è un western semplice semplice, con una classica trama da vendetta ma ben ritmato e affatto spiacevole da guardare. Brett Halsey è uno stoccafisso, ma ci sono Spencer e Berger a fornire caratterizzazioni simpatiche, così come è originale e inquietante il cattivo impersonato da Nakadai. Bel finale tra i boschi, ambientazione abbastanza inusuale, colonna sonora dignitosa.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Fauno 2/2/14 18:30 - 1597 commenti

Si sente molto forte la presenza del Dario nazionale nella scena in bianco e nero, che di tutte le pietrate è quella che arriva più diretta... Buone le sparatorie, ma gli altri piatti forti sono senza dubbio l'accerchiamento finale e la sorpresina dell'allenamento carcerario. Come attori ho preferito nettamente Berger e Preston a uno spento Halsey e a uno Spencer malamente doppiato, mentre Nakadai raggela il sangue più per il sorriso che per lo sguardo fisso e per quel che ne consegue. È un sorriso dolce... In tutti i casi un western tosto!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "...Nessun soldato ne deve uscire vivo!".
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 13/4/12 12:25 - 1137 commenti

Buon western italiano firmato da Tonino Cervi che sembra precursore de Un esercito di cinque uomini. Bud Spencer è ancora assai grezzo ma nel film non adotta lo stile che lo renderà tanto famoso successivamente. Le belle musiche, la fotografia e un cast affiatato rendono questa pellicola ben più che accettabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bud che stritola un bicchiere usando la mano dell'avversario.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Faggi 25/6/16 15:26 - 932 commenti

Western ben fatto che pur non toccando vette di eccellenza si lascia seguire bene, interessa ed è abbastanza cattivo. La regia ha carattere, il ritmo è costante, gli attori sono abbastanza e quasi tutti in parte. È una storia di vendetta ben condotta con un climax finale classico ma reso con originalità. Se si tralascia qualche difetto può essere elencato tra i più validi del periodo d'oro del genere.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Vitgar 17/9/14 9:14 - 586 commenti

Buon western italiano. L'ambientazione laziale, boscosa e lussureggiante, così lontana dalle tipiche location americane, crea un'atmosfera quasi magica. Primi piani alla maniera di Sergio Leone, dialoghi misurati senza smancerie, attori molto validi. Particolare il ruolo di Nakadai, attore giapponese di successo alla corte di Kurosawa, che interpreta il cowboy mentalmente disturbato (Elfego) dandogli la mimica e la melodrammaticità di un samurai.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Alex75 9/11/17 14:12 - 431 commenti

Classica (e a tratti schematica) storia di vendetta, che si fa ricordare grazie ad alcune particolari scelte stilistiche (l’inconsueto antagonista, l’ambientazione che privilegia le foreste al deserto, le lotte all’arma bianca e il flashback di evidente matrice argentiana). Il risultato è avvincente e non banale, con attori che tengono desta l’attenzione (oltre a Nakadai, che non passa certo inosservato per lo stile e il talento, meritano una menzione William Berger e Bud Spencer).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il già citato flashback in bianco e nero; La barba posticcia di Bud Spencer.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Brik94 29/7/15 8:26 - 68 commenti

Western atipico, per certi versi: il cattivo non è il classico pistolero e il duello finale non è il consueto faccia a faccia nel deserto ma è comunque un godibile revenege-movie. Il protagonista che vorrebbe forse imitare Eastwood risulta inespressivo; se la cava come al solito egregiamente un Bud ancora agli esordi con barba finta (tagliata per Al di là della legge) e doppiaggio poco adatto a lui (il grande Amendola). Un bel passatempo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bud VS El Fuego.
I gusti di Brik94 (Azione - Commedia - Giallo)