Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ECLISSE

All'interno del forum, per questo film:
L'eclisse
Dati:Anno: 1962Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Michelangelo Antonioni
Cast:Monica Vitti, Francisco Rabal, Alain Delon, Louis Seigner, Lilla Brignone, Rossana Rory, Cyrus Elias
Note:E non "L'eclissi".
Visite:1678
Approfondimenti:1) LA MOSTRA PERMANENTE DEI 45 GIRI DI LUCIUS
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/5/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/10/10


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Il Gobbo 12/5/07 12:47 - 2984 commenti

Giovane donna in rotta col suo amante intellettuale si innamora di un rampante agente di borsa... Antonioni chiude in sordina il trittico sull'incomunicabilitÓ: forse ne bastavano due. Le caratteristiche dei film precedenti cominciano a diventare stilemi, clichŔ pronti per la parodia. Naturalmente non mancano cospicui pregi formali e di sostanza, ma stavolta la noia arriva prima e pi¨ forte. Con questo film Antonioni chiude col bianco e nero. Hit per Mina con la canzone dei titoli. Da vedere per completezza.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 10/11/09 8:56 - 6628 commenti

Lascia un intellettuale di sinistra e si mette con un superficiale agente di borsa: Ŕ la parabola dell'eclisse dei sentimenti, che rispecchia l'eclisse di una societÓ che volge verso un rozzo capitalismo: e lei Ŕ la coscienza della crisi in atto. Lo schematismo si combina con una calligrafia cinematografica e un gusto visivo raffinatissimo (le scene finali d'attesa sono esemplari). Vitti eccellente: Ŕ la vera chiave di volta dell'opera. Ma il ritmo sfiancante non ha ragion d'essere se non come vezzo manieristico del regista, e la noia dilaga.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 18/5/08 9:39 - 5614 commenti

L'eclisse Ŕ quella dei sentimenti, materializzata attraverso lunghi silenzi - interrotti soltanto dai rumori della societÓ industriale - e un paesaggio arido e freddo, ben fotografato dal biancore dominante. Il finale vale l'intero film, con la cittÓ che si spegne a poco a poco esprimendo un senso di completa desolazione. La Vitti recita a tutto tondo: appare assorta, malinconica, avvilita, ma anche fanciullesca e giocosa; si esibisce persino in una danza tribale con mise da selvaggia. Delon, cinico affarista, ha il suo opposto carattere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La frenesia alla Borsa; "Vorrei non amarti... o amarti molto meglio".
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Rebis 26/1/12 16:17 - 2028 commenti

Piaccia o meno, il cinema di Antonioni impone ancora il valore di uno sguardo autoriale, il pregio della parzialitÓ, di una visione critica capace di sondare la densitÓ del quotidiano, di trascendere nello stile l'ideologismo contingente spalancandosi alla modernitÓ. Un cinema geometrizzante, concettuale, reiterato (le sequenze in Borsa) in cui gli oggetti, le forme, gli spazi, l'architettura urbana esprimono l'universo emotivo dei personaggi; in cui il silenzio si fa materico, sostanziale; l'alienazione epifanica e il tempo sospensione dell'essere. Ipnotizzanti i vagabondaggi di Monica Vitti.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 8/5/14 23:12 - 2775 commenti

Gli ingredienti sono quelli classici dell'Antonioni solitudine & incomunicabilitÓ, ma stavolta il boccone Ŕ digeribile e appaga pure. Dove va a parare il soggetto lo si capisce giÓ leggendo i nomi dei titoli (a proposito: notevole l'Eclisse twist!), ma stavolta la Vitti non stucca, i dialoghi colpiscono a dovere evitando l'aria fritta e l'atmosfera (complice l'ambientazione e alcuni intermezzi insoliti) riesce a farsi veramente suggestiva e intrigante. Delon fuori parte e sequenza alla Borsa sfiancante, ma il film convince e resta impresso.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Enzus79 30/10/11 10:32 - 1533 commenti

Terzo ed ultimo capitolo dedicato all'incomunicabilitÓ. Meno riuscito de L'avventura ma pi¨ interessante de La notte. Come al solito i momenti migliori sono i silenzi dei personaggi e le immagini del lungo finale. Forse eccessivamente prolungate le scene girate alla Borsa.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Saintgifts 22/5/09 23:59 - 3979 commenti

╚ un film fatto di immagini: ogni fotogramma Ŕ una bellissima foto che pu˛ vivere anche da sola. ╚ quello che preferisco dei tre che compongono la famosa trilogia di Antonioni. La Vitti, bravissima e bella sa rendere perfettamente ogni suo stato d'animo che diventa il nostro. Piero (Delon) non sa amare, Ŕ troppo immerso nel concreto pi¨ materiale e ha tutto, bellezza, giovinezza, intelligenza, anche se per un attimo sembra abbia capito il valore di un vero amore. Le scene in Borsa non si dimenticano. Le immagini finali possono essere solo tristi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: ...Quando arriviamo lÓ ti d˛ un bacio (Piero dice a Vittoria all'inizio della loro brevissima relazione).
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Myvincent 29/12/16 14:56 - 1784 commenti

Il grande Antonioni in un'opera difficile sulla incomunicabilitÓ umana che ha come sfondo una Roma duplice: da un lato la claustrofobica Borsa di piazza di Pietra, dall'altro la metafisica e deserta architettura dell'Eur. Entrambi non-luoghi anti-tradizionali. In particolare, Vittoria dopo un naufragio sentimentale incontra Piero, un cinico agente di cambio da cui sembra attratta, pur provando disprezzo. L'Italia borghese alle soglie del boom economico Ŕ ritratta con tutte le sue ambiguitÓ.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il doppiaggio riuscito di Alain Delon.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Paulaster 3/12/14 10:19 - 1398 commenti

Pi¨ che analizzare i silenzi del distacco viene illustrata la vuota cornice, con gli amanti che tornano a essere sconosciuti l'uno all'altra. Inizio sulle inquadrature a rendere l'uomo minuscolo, a far chiasso con un telefono o col ventilatore. Dopo il lungo intermezzo in Borsa si riaffacciano i lati umani, con la Vitti che dispensa sorrisi nell'incuria sentimentale o familiare. Delon Ŕ frizzante ma acerbo per un ruolo da partner. Conclusione densa di idee e significati che ipnotizza come un thriller di desolazione e che sembra senza fine.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Il Dandi 28/9/10 18:05 - 1089 commenti

Potrebbe essere visto anche solo come un documentario sulla nascita di un moderno quartiere residenziale (l'Eur, di lý in poi un set naturale plurisfruttato) ancora in fase di edificazione: qui, nel contrasto tra le tetre impalcature edili e una campagna circostante ancora vergine, sta il senso profondo della sua poetica alienata. Eppure il cemento non Ŕ quello delle periferie pasoliniane, non c'Ŕ la sua nostalgia: solo la necessitÓ, nonostante tutto, di continuare a vivere, come un oggetto tra gli oggetti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rumore assordante del ventilatore (con apparizione del Fungo dietro la tenda), mentre i due (ormai ex) amanti non hanno pi¨ niente da dirsi.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Nancy 25/11/13 15:05 - 678 commenti

Un film di maniera ma necessario al completamento di un cerchio. Dopo il primo in cui ha scandagliato la natura e il secondo in cui ha esplorato la mondanitÓ, Antonioni si concentra adesso sul niente, sul vuoto della borghesia che si accartoccia in se stessa, senza riuscire a superarsi, con la superficialitÓ di chi prende le vesti di trib¨ primitive senza coglierne l'essenza. Monica Vitti perfetta, inutile e imprescindibile. Regia (neanche a dirlo) eccezionale, raggiunge vette d'intelligenza che si avranno solo in Deserto rosso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene in Borsa; L'irrequietezza di Delon; La staticitÓ della Vitti.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ammiraglio 17/11/08 18:25 - 151 commenti

Grande capitolo conclusivo della trilogia dell'incomunicabilitÓ del maestro Antonioni. Vi ritroviamo una spettacolare Vitti ed un eccellente Delon che interpretano il loro ruolo alla perfezione. Per tutta la durata dell'opera troviamo immagini toccanti e profonde che non mancheranno di colpire lo spettatore.
I gusti di Ammiraglio (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Roger  10/1/12 18:56 - 140 commenti

Tra la nevrotica, artificiosa vitalitÓ nel guadagnare o perdere denaro in borsa e l'impossibilitÓ di un ritorno ad una vitalitÓ selvaggia, primordiale (l'esperienza "africana" dell'amica), la protagonista vive in un luogo simbolo di modernitÓ e benessere (l'EUR) che nel finale, senza dialoghi e attori, interpreta esso stesso la desolazione e l'assenza di vitalitÓ nella vita moderna. A tratti qualche lungaggine di troppo, ma gli ultimi 10 minuti sono poesia pura.
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)

Delfo 6/3/13 16:35 - 4 commenti

A fare da cornice alla povera storia d'amore tra la Vitti e Delon una Roma desolata desolante. Roma nel pieno dell'estate che non viene vista dai turisti, la periferia degli affetti (la Borsa, l'aeroporto, l'Eur) che Ŕ specchio dei rapporti tra loro e gli Altri. Nel pi¨ intellegibile, per non dire semplice, dei film della famosa trilogia Antonioni esagera nel tendere i fili che avevano sostenuto le altre due opere, facendo risultare L'eclisse in alcuni punti troppo ritrito. Poi, 10 minuti di capolavoro.
I gusti di Delfo (Commedia - Drammatico - Thriller)