Cerca per genere
Attori/registi più presenti

5 CORPI SENZA TESTA

All'interno del forum, per questo film:
5 corpi senza testa
Titolo originale:Strait-Jacket
Dati:Anno: 1965Genere: thriller (bianco e nero)
Regia:William Castle
Cast:Joan Crawford, Diane Baker, George Kennedy, Leif Erickson, Rochelle Hudson, Howard St. John
Note:Aka "Cinque corpi senza testa" o "Strait jacket"
Visite:1310
Approfondimenti:1) WILLIAM CASTLE: IL GRANDE IMBONITORE E I SUOI EMULI
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/5/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/5/13


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 8/4/09 3:53 - 3971 commenti

Follia trasmessa non geneticamente, ma moralmente. Le cinque teste ci sono e, di volta in volta, appariranno nel letto di Lucy (Joan Crawford) madre poco affidabile e, cosa peggiore, uxoricida. Dimessa dal manicomio criminale viene accolta a braccia aperte dalla figlia che ha, però, intenzioni (a lungo termine) da spietata aguzzina. Come ogni buon thriller degli anni '60 il clima di tensione è ben reso dalle atmosfere e dalle interpretazioni (volutamente retoriche) dei protagonisti. Il regista (ce ne fossero degli "Hitchcock dei poveri" come Castle!) giostra con talento l'ottima sceneggiatura.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Daniela 3/9/11 16:31 - 6554 commenti

Vent'anni prima scoprì il marito a letto con l'amante e, non accettandolo, li accettò. Dimessa dal manicomio criminale, va a vivere in campagna con la figlia, ma le teste ricominciano a rotolare... Psico-thriller assai datato, che alterna momenti efficaci con passaggi tirati via o puerili, compreso lo spiegone finale ammazza-suggestione. Certo, Crawford è sempre uno spettacolo, anche se anch'essa oscilla fra il patetico sublime e la guitteria parrucchinata, mentre nel resto del modesto cast si ritaglia uno spazio Kennedy, torvo ammazzagalline.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ls presentazione iniziale del personaggio di Crawford: "intensamente donna e consapevole di esserlo".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 1/5/07 18:34 - 4620 commenti

Altro grande thriller diretto da Castle, con una grandissima Joan Crawford doppiata da Lydia Simoneschi e la sua notevole trasformazione, in cui si fa notare anche Diane Baker. Scritto con cura dallo specialista Robert Bloch. Da notare i titoli di testa stile quadro e il marchio finale Columbia a cui manca volutamente la testa. L'unico appunto che si può fare al film riguarda il colpo di scena finale, forse un po' troppo intuibile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 27/8/16 2:25 - 4926 commenti

Bellissimo thriller dall'atmosfera allucinante che Castle dirige con grande senso della tensione e soprattutto con ottimi approfondimenti psicologici. L'interpretazione della Crawford è da brividi, naturale e intensa come poche altre attrici saprebbero fare. Buono anche il cast di contorno, con una convincente Baker e un laido Kennedy in un piccolo ruolo. Notevoli la fotografia, i giochi di chiaroscuro e le musiche stranianti. Un po' telefonato il finale.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Lucius  3/7/10 0:52 - 2580 commenti

In linea con Che fine ha fatto Baby Jane? una pellicola che, se non fosse stato per il finale, avrebbe a mio parere raggiunto come quella lo status di cult. L'interpretazione di Joan Crawford è impagabile. La follia impera e la sceneggiatura trascina lo spettatore senza sosta verso un finale purtroppo poco credibile, ma che si perdona al regista e agli sceneggiatori in quanto parte di un gran bel film dove l'instabilità mentale regna sovrana e il terrore aleggia costantemente.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 21/2/16 17:32 - 2343 commenti

Solluccheroso divertissement, imperdibile per ogni patologico ghiottone di cinema cinema. L'alchemico istinto spettacolare di Castle confeziona un prodotto il cui orizzonte di riferimento è (s)pur(i)amente filmico: il derivativo plot hitchcockiano, l'anziana diva sul sunset boulevard (una Crawford fremente nonostante lo sfrenato gusto kitsch), psicosi e pruriti a buon mercato ma funzionali alla messa in scena. Il tutto supervisionato da un sense of humor che riconduce eccessi gore, ammazzamenti, omicidi seriali alle nostre cinefile vuote teste mozze.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La statua della Columbia priva di capoccia nei titoli di testa; La decapitazione del marito nell'incipit; La Baker con parrucca e vestito di mamma Joan.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Fauno 29/1/14 9:56 - 1596 commenti

Per quanto la Crawford sfoggi tutta la sua bravura e il film sia girato bene nonché con una buona impostazione, è soltanto il finale a dare una grossa spinta verso l'alto, anche perché più che dall'identificazione dell'artefice degli orribili delitti, si rimane esterrefatti di come alcuni dettagli proprio casuali non siano... Curioso un George Kennedy magro, con ancora molti capelli, nel ruolo di uno stalliere.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 16/1/15 21:44 - 1309 commenti

Regista noto più per le stravaganti trovate pubblicitarie che per l'effettivo valore della sua filmografia, Castle firma un discreto thriller, per l'epoca anche piuttosto macabro, che tuttavia, a causa di un ritmo altalenate e di una sceneggiatura dal fiato decisamente corto, non regge il confronto con quelli diretti da Aldrich, ai quali viene inevitabilmente paragonato. Ottima la prova della Crawford, sempre in bilico tra tentativi di normalità e retaggi del traumatico passato, mentre il resto del cast non incide particolarmente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il prologo e il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Max92 17/10/11 10:44 - 104 commenti

Indubbiamente una delle migliori regie di William Castle, conosciuto più per le sue stravaganze che per l'effettivo talento. Joan Crawford, reduce dal successo planetario di Che fine ha fatto baby Jane?, gigioneggia al massimo rendendo con la consueta, monumentale professionalità le dense sfumature psicologiche di un personaggio che il mondo vuol far apparire perfido e malvagio. Il film, dal canto suo, marcia a pieno vapore, riuscendo ad integrare bene gli efferati omicidi (peraltro sempre celati) con le parti più propriamente "umane".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il colpo di scena finale.
I gusti di Max92 (Animazione - Horror - Thriller)

Fedeerra 9/10/17 7:07 - 100 commenti

Horror dal fascino e dalla profondità di una nube nera. Così eccessivo nel raccontare gli isterismi di un microcosmo contadino, eppure così meticoloso nel delineare i momenti di terrore e di ansia. Ed è infatti in mezzo a coltelli, asce, punteruoli e ferri da maglia che William Castle riesce a trascinare lo spettatore dentro un racconto matriarcale dai risvolti gotici ed estremamente morbosi. Finale inaspettato, con una sequenza, tra madre e figlia, tanto perversa quanto commovente.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Anna 18/3/09 18:35 - 91 commenti

Notevole thriller che non sente il peso dell'età. L'ambigua Joan Crawford intepreta una donna psicolabile che torna a casa dalla figlia, dopo un lungo periodo di detenzione in un ospedale psichiatrico con l'accusa di omicidio. Anche lo spettatore smaliziato che non si lascia raggirare dalle varie false piste sa apprezzare la crescente tensione e il valido cast che sa trasmettere le giuste emozioni.
I gusti di Anna (Musicale - Poliziesco - Thriller)