Cerca per genere
Attori/registi più presenti

METROPOLIS

All'interno del forum, per questo film:
Metropolis
Titolo originale:Metropolis
Dati:Anno: 1926Genere: fantascienza (bianco e nero)
Regia:Fritz Lang
Cast:Gustav Fröhlich, Brigitte Helm, Alfred Abel, Rudolf Klein-Rogge, Theodor Loos, Fritz Rasp, Erwin Biswanger, Heinrich George, Georg John (n.c.), Curt Siodmak (n.c.)
Visite:1943
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 28
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 7/1/10 22:13 - 4091 commenti

Imprescindibile pellicola, resa popolare negli Anni Ottanta con il commento musicale di Moroder ed una edizione filmicamente più snella. Le architetture ed alcuni scorci sono indimenticabili. Blade Runner ne è ottima discendenza. Datatissimo, ma di costante fascinazione.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 22/6/08 9:44 - 9912 commenti

Benché muto e girato alla fine degli Anni Venti, il capolavoro di Fritz Lang (regista tedesco considerato il padre del cinema espressionistico) non ha perso quasi nulla della sua carica simbolica ed innovativa e della geniale e metaforica visione di una società oppressiva e divisa in caste e livelli. Il film è visivamente ricchissimo, con fotogrammi assolutamente artistici, scenografia ottima ed effetti speciali sorprendenti per l'epoca.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Undying 3/1/08 10:42 - 3971 commenti

Eccezionale opera di Fritz Lang, figura di spicco per il cinema espressionista tedesco. Metropolis anticipa e - senza retorica - si può dire fonda, le basi per la fantascienza moderna (alcune fonti attribuiscono a Blade Runner un cospicuo debito al titolo di Lang). Il tema è in anticipo anche su Orwell 1984 ed ipotizza una società futurista (è ambientato nel 2026) suddivisa in caste, ripartite via via dall'alto sino al sottosuolo dove dimorano i reietti (quasi profetica la visione, non dissimile dall'attuale realtà) sfruttati, quanto produttivi.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 12/7/10 15:52 - 2991 commenti

Capolavorone, monumento alla potenza e alla visionarietà del cinema, che non ha perso un'oncia di suggestione spettacolare, e sopravvive benissimo al didascalismo quando non all'ingenuità della trama: aveva capito tutto, e a caldo, il buon Luis Buñuel, che in un giudizio sfaccettato (ma quasi pendente verso la stroncatura) nondimeno ebbe a dire che Metropolis "ci stupirà come il più meraviglioso libro d’immagini che sia mai sta­to composto". Oggetto di culto e di un remake un po' fracassone.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 26/2/09 9:25 - 6765 commenti

Robot femminile costruito da uno scienziato incita gli operai alla rivolta contro i padroni in una città del futuro. Capolavoro del cinema muto e pietra miliare della fantascienza. Lang rappresenta una società futura di sopraffazione. Bellissime le scene di massa e quelle che evidenziano gli ambienti urbanistici; suggestiva la creazione del robot; insinuante, anche se ingenuo, il discorso politico (ma di certo l'elemento visionario è di gran lunga più importante di quello narrativo). Un film con parecchie scene da antologia.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 21/8/07 15:38 - 3978 commenti

Questo film è un piccolo miracolo del 1926; una vera e propria finestra visionaria su un futuro remoto (ora un po’ meno), che Lang e Thea Von Arbou (dalla cui penna uscì il romanzo) hanno offerto ai suppongo sbalorditi spettatori di allora e a noi (ancora ammirati, almeno io). Le scenografie sono tutte da gustare, ma il film ha anche un contenuto (il dittatore che sfrutta e disumanizza il popolo, mentre il figlio, capace di amare, sarà la chiave di volta, la soluzione al tetro sistema imperante). Indimenticabile il robot. Imperdibile!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La marcia degli operai (molto più simili a robot).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 22/4/13 17:15 - 5733 commenti

Capolavoro di tecnica filmica: magici effetti speciali ed imponenti scenografie futuristiche con grattacieli, sopraelevate, ascensori e grigie fabbriche disegnano il paradigma di tutte le megalopoli della sci-fi a venire. A livello contenutistico gli assunti sociologici suonano ancora oggi terribilmente attuali (la Scienza serva del Potere, la massificazione del popolo, il lavoro subìto, la sperequazione del benessere), seppur svigoriti da una sceneggiatura piuttosto ingenua nei suoi eccessi melodrammatici e sdolcinati. Il tema del doppio accompagnerà Lang per tutta la carriera. Fondante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La centrale elettrica Moloch; i movimenti degli ascensori tra le due parti di Metropolis; le danze eccitanti di Maria-robot; l’allagamento.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Schramm 17/1/15 16:17 - 2080 commenti

Solve et coagula di misticismo e potere operaio; il femminino reso eterno dalla robotizzazione frankensteiniana, la neo-Babalon, pre-Vertov e saette rubate al futurismo, foga espressionista sul cocuzzolo del sehensucht, romanticismo a tratti colloso, monumentalità temporale scenografica tecnica e attoriale (l’eclettica Helm in un polisemico role-play): Lang si gioca il tutto per tutto, non teme il lastrico (che arriverà) e sfida il ridicolo annidato tra le righe dello script, allagando la città-platea con plurimi stimoli visivi e intellettivi. Cinema d'altri tempi come di quelli a venire.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 16/6/08 19:47 - 6555 commenti

Visivamente parlando una delle esperienze più incredibili della storia del cinema. Un profluvio di idee per quella che è una pura fantasmagoria visiva che mantiene ancora oggi fortissima ed ineguagliata la sua forza stilistica ed immaginifica che in tantissimi hanno tentato, con scarso successo, di riprendere ed a cui in molti si sono ispirati. Peccato che la sceneggiatura sia un po' squilibrata e che serva allo spettatore un finale un po' troppo ottimista che, forse, fu imposto a Lang dalla produzione. Pietra miliare della storia del cinema.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 3/7/10 13:37 - 2060 commenti

Benché visivamente tradotti in un apparato scenografico impressionante e maestoso, il simbolismo e gli elementi narrativi manipolati da Fritz Lang sono ordinari, oltreché ammantati da ingenuità parabibliche discutibili (L'Apocalisse di San Giovanni): l'anno di grazia non c'entra, perché riscontrabili anche nella produzione tarda del regista. Naturalmente ciò nulla toglie all'avanguardismo e alla modernità dell'opera, alla trascinante spettacolarità immaginifica che conduce a un'escalation sfiancante, alla composizione di un humus sci-fi recidivo, cui si attingerà almeno fino a Matrix. Titanico.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 5/2/17 14:13 - 2892 commenti

Versione preistorica dei moderni blockbusteroni, che mette budget sontuoso e una grande eterogeneità di figure e tematiche (società futuristica, love story, rimandi biblici, robot, mad doctor, lotta di classe) al servizio di una morale di facile presa. Grande fascino scenografico e architettonico, indubbiamente ben invecchiato e ben ritmato (di grande modernità sia montaggio che effetti speciali), ma, visto col senno di poi, abbastanza ingenuo e scontato. Cast nemmeno particolarmente incisivo.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 8/11/07 16:49 - 3327 commenti

Film muto di grande forza visionaria che anticipa di 50 anni il filone futurista, con scenografie e trovate sensazionali. Originale lo studio sullo sviluppo verticale della comunità, sul governo delle masse, sul rapporto caos-disordine (che doveva piacere a Hitler), sulla tecnologia che sfugge al controllo umano. Meno enfasi vien data alla descrizione dei personaggi e dei loro tormenti (a parte il figlio del despota). Nella versione da due ore (e passa) il ritmo è dilatato: ammetto che necessita dell'avanti veloce...
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Flazich 14/6/08 20:05 - 657 commenti

Il rapporto uomo-macchina visto attraverso la condizione sociale della classe operaia in un indefinito futuro dove il divario tra ricco e povero, tra padrone e sfruttato è tale da essere tangibile. L'alienazione dei lavoratori è assoluta come la dissolutezza della classe dirigente. Alla fine il progresso partorirà l'elemento di riscatto degli oppressi. Molta retorica nella pellicola di Fritz Lang ma al contempo gioiello della storia del cinema. Gli effetti speciali precorrono i tempi di almeno 20 anni. Capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apparizione dell'automa.
I gusti di Flazich (Fantascienza - Poliziesco - Thriller)

Enzus79 19/10/12 15:17 - 1534 commenti

Grande esempio di cinema. Visto oggi può non sembrare un capolavoro, ma comunque per il suo forte impatto visivo e per le tematiche che tocca, Metropolis non è assolutamente da sottovalutare. Indimenticabili sono scene dove gli operai camminano come dei robot. Da vedere.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rambo90 24/9/12 16:13 - 4998 commenti

Caposaldo della storia del cinema: inventore del cinema di fantascienza come già lo vediamo oggi, con scenografie imponenti, una grande forza visionaria e un messaggio pacifista che scorre nelle immagini non indifferente. Ha momenti di stanca dovuti al passare del tempo, ma è un film capace ancora oggi di impressionare il pubblico, anche con delle pregevoli sequenze oniriche ai limiti dell'horror. Forse il miglior film di Fritz Lang.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 3/10/10 17:23 - 4099 commenti

Cosa dire ancora di questo film? Dividerei il commento in due punti di vista, quello puramente di invenzione filmica e quello del contenuto etico-morale. L'invenzione filmica è straordinaria e realizzata con grande maestria, ordine e caos riprodotti come riferimento per tutti i lavori futuri. Il robot rivestito di sembianze umane è semplicemente fantastico, ed è anche, delle due Marie, la mia preferita, specie quando danza. La morale è un po' più dicutibile, ma si sa che ci ha messo mano la moglie autrice, anche con un suo finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale credo faccia riferimento al rapporto di Dio con l'uomo, Dove Gesù Cristo, figlio di Dio, fa da mediatore con il suo cuore.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Belfagor 24/12/09 11:07 - 2508 commenti

Un film magniloquente, colossale, che unisce la struttura di un'opera in tre atti alla fantascienza più avanzata (per l'epoca). Lang mette in scena degli archetipi, unisce meccanicismo e romanticismo, scontro politico e psicologia, armonia e disordine in uno dei film più influenti della storia del cinema. Indubbiamente molto "sentimentale" e con poca fiducia nella scienza, ma dal punto di vista cinematografico è essenziale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il balletto della Morte e dei Sette Peccati; la trasformazione del Robot.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Didda23 18/3/15 16:20 - 1848 commenti

Oceanica (due ore e mezza), maestosa e barocca l'opera di Lang colpisce per la genialità della messa in scena, della scenografia e della gestione delle masse (meravigliosi gli ultimi venti minuti). Per il resto è un po' ingenuotta, con discutibili miscugli fra scienza, fede e lotta di classe. Un blockbusterone ante-litteram alquanto vuoto, ma gustosissimo per gli effetti visivi e per i movimenti di macchina. Reparto attoriale più che discreto. In certi frangenti (soprattutto verso la parte finale) la musica di Huppertz cita "La marsigliese".
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 21/4/16 10:26 - 1591 commenti

Si rimane sempre affascinati dalle architetture maestose e avveniristiche che fan sembrare gli umani come formiche senza identità. Oltre a ciò anche l'idea del robot, la torre di Babele e giochi visivi usati per le allucinazioni risultano di grande impatto. Recitazione accettabile in una sceneggiatura infarcita di retorica (almeno il rogo in stile Maria Antonietta è funzionale alla storia) dove anche il finale a dir poco pretenzioso fa stonare l'effetto di immagini epiche e futuriste. Musiche un filo piatte.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Mickes2 1/10/12 14:03 - 1551 commenti

L’origine dello sci-fi e tutte (o quasi) le coordinate primarie di questo genere le si possono apprezzare nel bellissimo Metropolis. Puro caleidoscopio di immagini evocative e visionarie, maestosa composizione dell’immagine espressionista e distopia dell’umanità del tutto rapportabile ai giorni nostri, tra romanticismo e meccanicità, tra tirannia e altruismo, tra politica e religione. Molte le sequenze indelebili che si stampano sulla retina, ma pellicola non inattaccabile per via di una storia abbastanza confusa nonché ripetitiva. (***!)
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Rufus68 29/12/17 11:58 - 1472 commenti

Gigantesca distopia antirivoluzionaria (e anticomunista) che la Harbou dissimula sotto le vesti di un misticismo cristologico (Maria, il Mediatore) e biblico-apocalittico (la torre di Babel-Babilonia). La contingenza politica non impedisce, però, l'apprezzamento simbolico dell'apologo in cui confluiscono citazioni colte (Bruegel) e inquietudini universali (il Doppio, il Golem distruttore, il Demiurgo malvagio) che lo rendono un capolavoro senza tempo. Straordinarie la scenografie, autentiche matrici auree per centinaia di film a venire.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Il ferrini 22/1/16 23:25 - 1064 commenti

Siamo ormai alle soglie di quel 2026 ipotizzato da Fritz Lang e per certi versi non si può dire che non ci avesse visto giusto; a partire dalla forte disparità sociale di un mondo diviso in classi (tema centrale del film) fino al rapporto uomo-macchina. Le scenografie e gli effetti speciali lasciano stupefatti, soprattutto "la" robot, ma tutto il film in generale è invecchiato superbamente e parliamo ormai di un secolo. Imprescindibile per ogni cinefilo.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Von Leppe 7/3/11 20:03 - 826 commenti

Esteticamente (e per quello che dice) questo è un film del muto che ancora oggi può risultare attuale. La città con i grattacieli non è per niente passata e fa pensare ad un mondo futuro, malgrado il film sia del 1926. In più ci sono ingredienti dal sapore gotico come la cattedrale, le catacombe, la vecchia casa dello scienziato pazzo e riferimenti biblici. Uno dei grandi capolavori tedeschi del fantastico e dell'orrore espressionisti, che sono la storia del cinema e non finiranno mai di fare scuola.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Rotwang nella sua vecchia casa crea un automa.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Taxius 5/6/15 11:11 - 780 commenti

Metropolis è uno dei più grandi capolavori della storia del cinema sotto tutti i punti di vista; in primis gli effetti speciali che lasciano a bocca aperta ancora oggi e poi le inquadrature, i volti degli attori, l'intensità della storia... Nonostante sia un film muto di due ore e mezza il film non annoia; anzi, meraviglia e appassiona. Fritz Lang ha creato il capostipite dei film di fantascienza che ha poi ispirato altri capolavori del calibro di Blade runner. Esistono varie versioni, ma la migliore è quella integrale da 148 minuti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il robot che assume le sembianze di Maria.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Jdelarge 4/6/13 13:34 - 597 commenti

Incredibile capolavoro sotto tutti i punti di vista, partendo dalle inquadrature magistrali di Fritz Lang e da una scenografia che è la traduzione in film dell'avanguardia futurista fino a giungere a una prova perfetta da parte di tutti gli attori; il tutto valorizzato dalla bellissima musica che tiene alto il livello di suspense della pellicola. I temi trattati sono molteplici e di estrema attualità, su tutti l'importanza delle macchine alla quale si deve per forza aggiungere un elemento razionale. Filosofico e premonitore: sensazionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mediatore fra la mente e le braccia dev'essere il cuore!
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Graf 19/12/17 0:20 - 591 commenti

Film stupendo che anche oggi urla tutta la sua attualità. Un domani dominato dai robot ruberà il lavoro agli umani? Oppure, un mondo senza Dio si trasformerà in una tentacolare Metropolis dove gli uomini saranno solo servitori senza speranza in balia dei pochi (ceo) capitalisti? Scenografia gotica, vertiginosa e opprimente (grazie all’“effetto Schufftan”) ombre rimarcate, inquadrature sghembe, stile esasperato, recitazione concitata, tono melodrammatico, atmosfera quasi demoniaca, allegoria sull’emancipazione cristologica che si afferma nel finale.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Maineng 18/6/08 12:27 - 100 commenti

Film futurista che arriva direttamente dal passato. Fritz Lang ha idealizzato un 2026 caratterizzato da forti disuguaglianze sociali che solo l'unione fra mente e cuore può appianare. I lavoratori che vivono nel sottosuolo della città sono la forza trainante e nascosta di "Metropolis" e quando si ribellano contro i padroni le conseguenze sono disastrose poiché sono tenuti all'oscuro dei meccanismi che tengono in piedi la stessa città. Il messaggio é chiaro: le componenti sono egualmente importanti e bisogna che convivano in armonia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Scena memorabile in cui Rottwang, lo scienziato, dà al robot che ha creato le fattezze di Maria per controllare i lavoratori.
I gusti di Maineng (Documentario - Drammatico - Thriller)

Noir 18/2/10 7:21 - 24 commenti

Precursore di tutti i film di fantascienza, ha il pregio di aver mantenuto una carica espressiva inalterata nel tempo. Le geometrie degli edifici si uniscono alle precise inquadrature di macchina riuscendo a creare una convincente ambientazione colossale. Ottima la scena di trasformazione da umano a robot. Negli anni 80 il film è stato riadattato in una versione colorizzata e con nuova colonna sonora perdendo gran parte della liricità originaria. Restiamo in attesa della versione integrale. Capolavoro di un regista lungimirante.
I gusti di Noir (Drammatico - Fantascienza - Horror)