Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA TOMBA DI LIGEIA

All'interno del forum, per questo film:
La tomba di Ligeia
Titolo originale:Tomb of Ligeia
Dati:Anno: 1965Genere: horror (colore)
Regia:Roger Corman
Cast:Vincent Price, Elizabeth Shepherd, John Westbrook, Richard Vernon, Oliver Johnson, Derek Francis
Visite:1539
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 22
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 19/9/07 23:40 - 4186 commenti

Davvero non indimenticabile. Parte bene, toccando le corde di timori comuni, con un Vincent Price più che promettente. Poi, però, la storia si dilata troppo, ci sono parentesi che portano lontano l'attenzione e tengono lontani dalla tensione. Non brutto, ma senz'altro inferiore alla premessa e alle promesse. Medio.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 28/5/07 17:06 - 3875 commenti

Il peggiore della serie girata da Corman e basata sui racconti di Allan Poe. La causa, con buona probabilità, è da ricercare nella scarsa profondità del racconto, diluito (male) fino a diventare un lungometraggio. Vincent Price svolge bene il suo compito, ma l'atmosfera complessiva non è in grado di mantenersi sul livello delle altre pellicole, anche a causa dell'ambientazione solare e diurna, che priva di fascino il decadente contenuto della vicenda...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 28/5/10 12:12 - 4057 commenti

Che la curiosità sia donna è un dato di fatto, ma qui la protagonista se le va proprio a cercare. Detto questo, si tratta di un discreto horror, con giusta ambientazione, che riesce a creare l'atmosfera adatta a un Price piuttosto ispirato, in grado di trasmettere allo spettatore quel senso di oppressione già enfatizzato dalla lugubre abbazia e dalla tomba della moglie (niente male quando apre gli occhi nella bara). Certo, il ritmo è altalenante e la parte onirica centrale è un po' ingenua, ma la spiegazione è abbastanza originale e il finale non delude, nonostante si potesse prevedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Price: "Se il mio cervello si potesse aprire, chissà quanto e quale marciume ne uscirebbe"; La descrizione degli occhi egiziani.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 13/5/09 19:08 - 5737 commenti

Andamento incerto: inizia con un promettente prologo, stagna a lungo nella ripetitività e infine si riprende con la sequenza onirica e il grandioso finale incendiario. La fotografia è di lusso e Price incarna con convinzione la follia di un uomo che vive nel mesmerico ricordo della moglie defunta (una Shepherd molto meglio come Ligeia che come Rowena); inquietante al punto giusto Penelope Lee. Oltre a Ligeia, la pellicola fa spesso riferimento al racconto "Il gatto nero".
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 9/8/10 20:10 - 6621 commenti

L'ultimo film di Corman tratto da un racconto di Poe, è un buon adattamento che raggiunge discreti risultati grazie alla solita professionalità del regista, ad una buona sceneggiatura, ad una confezione sempre all'altezza nonostante il basso budget a disposizione ed all'ennesima grande prova attoriale di Price. Mescolati insieme tutti questi ingredienti ne viene una pellicola certo non memorabile ma estremamente godibile.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 25/3/13 23:53 - 7139 commenti

Vedovo inconsolabile prova a consolarsi con una nuova moglie, ma quella defunta non approva... Poe+Corman+Price: formula collaudata per un horror gotico ben fatto e che supplisce alla scarsezza di mezzi con l'eleganza istrionica dell'interpretazione e soluzioni registiche d'effetto. Qui però non siamo di fronte ad un risultato molto felice: colpa di uno script frettoloso in alcuni punti (il matrimonio bim bum bam), ripetitivo in altri. Anche il cast non brilla particolarmente, a parte Price che, sia pure non al suo massimo, è sempre una presenza imponente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In quanto gattofila, non posso che esecrare la demonizzazione del micione nero.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 16/3/08 12:26 - 4656 commenti

Probabilmente il più debole della saga cormaniana, con un Vincent Price non proprio ispirato e una storia che ogni tanto scivola in qualche contraddizione (il racconto originale è ben altra cosa). La confezione però è più che accettabile e Corman riesce comunque a dimostrarsi un ottimo regista. Non da elevare, ma neanche del tutto insufficiente.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Sabryna 23/4/09 16:57 - 225 commenti

Ligeia. Questo il nome dell'amata di turno dell'inossidabile Vincent Price, questo il titolo del racconto di Poe a cui Corman si ispira per questo film, uno dei migliori capitoli della serie cormaniana di Poe. Vincent Price è più melodrammatico del solito, soprattutto nelle battute finali, tuttavia la sua teatralità non guasta, anzi è un segno di pregio e caratterizza il tutto. Da visionare per gli amanti del genere, magari dopo la lettura del classico di Poe.
I gusti di Sabryna (Fantastico - Horror - Thriller)

Fabbiu 18/4/09 11:37 - 1821 commenti

L'intro (ciò che viene prima dei titoli di testa) è a dir poco perfetto. Se il film è leggermente inferiore al resto della saga è per il semplice fatto che gli altri titoli di Corman sui romanzi di Poe sono molto più "perfetti"; qui sono valide la sceneggiatura, le interpretazioni (grandissimo Price) e soprattutto location e scenografia, ma Corman più che rappresentare un romanzo di Poe da esso ne prende spunto: il film in fondo non è solo "Ligeia" ma anche "Il gatto nero", il fonderli porta quasi ad una storia a sè stante. Godibile ma dispersivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Così fredda... eppure così viva.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Enzus79 6/6/09 9:47 - 1539 commenti

È il solito Roger Corman. Sa influenzare bene lo spettatore, a suo modo, con quella cupezza che c'è nella scenografia, nei bellissimi paesaggi inglesi ed anche negli sguardi di un grandissimo Vincent Price. Ha certamente i suoi limiti, ma non incide sul giudizio positivo.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 6/6/09 9:21 - 635 commenti

Altra opera del buon regista Roger Corman ispirato dal grande Edgar Allan Poe. Qui propone la storia di un uomo incatenato ad una "maledizione" che lo costringe alla fedeltà nei confronti della moglie morta, ovvero Ligeia. Vincent Price è teatrale e per questo molto apprezzabile, così come il regista che esprime le sue migliori doti tecniche. Un po' troppo angoscioso e lento. Comunque da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ipnosi alla moglie davanti al camino.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Lucius  25/10/10 12:58 - 2619 commenti

Nonostante la confezione impeccabile e lo style classico e per certi versi ineccepibile (grazie alla regia professionale e alle contaminazioni scenografiche egizie), manca di quel quid che lo avrebbe reso ancora più interessante di quello che è. Resta un buon adattamento al racconto di Edgar Allan Poe, ma non aspettatevi troppo.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Belfagor 6/1/17 1:29 - 2539 commenti

Forse il meno riuscito fra gli adattamenti cormaniani dei racconti di Poe. L'incipit nel cimitero fa sperare in una storia intrigante come l'originale, ma poi il film si perde in inutili lungaggini, pur affascinando visivamente grazie alle scenografie più ricche del solito ed esaltate dalla fotografia satura. Se la storia si lascia seguire, il merito è della coppia Price-Shepherd che ci porta alla resa dei conti dove, finalmente, si raggiunge la giusta tensione. Mediocre ma non certo da buttar via.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inseguimento del gatto nero da parte di Rowena prima e di Verden poi.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Myvincent 17/7/11 21:22 - 2026 commenti

Se gli asfodeli sono i fiori della morte, i crisantemi sono quelli della vita. Una fiaba nera liberamente ispirata ad un racconto di E. A. Poe dà ancora una volta a Roger Corman l'opportunità di sfoderare il suo stile riconoscibilissimo. Questa volta, accanto al tetro e sinistro maniero, anche luminose, accurate scene in esterna, dove i diroccati resti di una cattedrale gotica aggiungono fascino e mistero. Qui si muove con la disinvoltura di sempre un autoironico Vincent Price.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Rufus68 25/2/18 21:55 - 1868 commenti

Ennesimo lasco adattamento da Poe che, in positivo, sfrutta la perfetta ambientazione del Norfolk, coi suoi ruderi e la natura incorrotta, a danno della ricreazione artigianale di avite magioni e nebbie. La scena iniziale, con la nerocrinita Ligeia che sorride sardonica dal sacello, rimane memorabile. Il seguito ondeggia fra buone intuizioni e noiosi omaggi al (sotto) genere: di gatti neri demoniaci, infatti, non se ne può più. Price, con bernardoni da menagramo, si diporta con classe, il resto del cast vivacchia nella media.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Stefania 3/7/11 22:54 - 1600 commenti

Spiace dirlo: una mezza poe-iata! Trafigge il bizzarro incipit, poi il film, invece di incedere implacabile e solenne, inciampa in lungaggini, annoia e frastorna lanciando esche puerili: la sposa fantasma, le statue egizie, l'ipnosi, il gatto, la volpe, capelli biondi e capelli neri, cameriere equivoche e camerieri onniscienti... nell'infiammato finale bruciano i (pochi) dubbi rimasti: Ligeia vive, l'accoppiata Poe-Corman è morta, Price (con occhiali neri da iettatore) non sta mica tanto bene...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Price: "Che cos'è la follia, se non credere a ciò che non esiste?".
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Faggi 23/4/18 21:35 - 1110 commenti

Corman è a suo agio con il mondo macabro-lirico di Poe; è evidente come ne sia ispirato e quanto sia capace di fargli trovare belle immagini in un paradigma più di esposizione, di materializzazione dell'evocativo fine a se stesso che di narrazione: si è conquistati dallo smalto della superficie (cromatismi, teatralità, espressività delle atmosfere, ambienti, volti). E Vincent Price si muove con disinvoltura magnetica in tale contesto; ben supportato da Elizabeth Shepherd, che quando appare come Ligeia ha fascino lucubre irresistibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit (il volto di Ligeia non si dimentica).
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Von Leppe 8/10/10 13:04 - 860 commenti

Film di Corman girato in Inghilterra, in esterni naturali: la campagna inglese e le rovine di una abbazia. Grazie a ciò si discosta dai film precedenti per le atmosfere (azzeccate). Vincent Price sempre notevole nel ruolo dei personaggi "nevrotici" di Poe, qui tormentato dal ricordo della prima moglie: Ligeia. Malgrado la difficoltà di portare su celluloide i racconti dello scrittore americano, il regista riesce a creare immagini sepolcrali e la trama ad intrigare. Buono per me, nella media di tutti i Corman-Poe.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lady Ligeia parla attraverso Lady Rowena mesmerizzata.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Claudius 10/5/15 18:00 - 242 commenti

A mio personale avviso il miglior film tratto da Poe, ancora oggi affascinante nel suo mix di paranormale e storia d'amore, con rimandi a "Il gatto nero" e al mesmerismo, il tutto trattato con grande eleganza (anche se il racconto originale resta insuperabile). Superbo Price e splendide le location (la lugubre abbazia).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli occhi sbarrati di Ligeia.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)

Xabaras 1/11/10 23:48 - 175 commenti

Dimenticate le ambizioni del precedente La maschera della Morte Rossa Corman si tuffa in questo ultimo episodio del ciclo di Poe tornando nei ranghi del classico racconto gotico. Cambia l'approccio registico però: il regista americano si adatta infatti agli aperti spazi in cui si svolge il film (unico ad essere girato in esterni) e cerca di donare al racconto una fluidità e scorrevolezza che vengono però in parte frenate dalla stanchezza che si respira nella blanda ripetitività della sceneggiatura. Come da manuale ottimi Price e la fotografia.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)

G.enriquez 9/10/08 0:19 - 121 commenti

Purtroppo è un'opera piena di difetti. Innanzitutto Corman, che ha a disposizione un soggetto assai striminzito, buono per trarne al massimo un cortometraggio, dilata fino all'inverosimile la sceneggiatura, togliendo respiro e tensione all'intera vicenda e annoiando così l'inerme spettatore. Poi tenta di sfruttare al massimo l'astro di Price, costringendolo ad una recitazione fin troppo enfatica e in alcuni momenti, dunque, involontariamente ridicola. Un solo momento riuscito: l'ipnosi attuata da Fell su Rowena. Troppo poco.
I gusti di G.enriquez (Comico - Poliziesco - Thriller)

Rofrear 3/3/16 12:35 - 7 commenti

Classico horror gotico diretto dal celeberrimo Roger Corman. Una delle sue tante trasposizioni dai racconti di Edgar Allan Poe e forse la peggiore e più lenta. Il film non mi ha entusiasmato per colpa di una sceneggiatura troppo ispirata che perciò si distacca liberamente dal capolavoro di Poe e fa perdere quasi l'interesse nella storia. Inoltre non sono riuscito a trovare quegli elementi caratterizzanti del cinema di Corman (suspense, musica, ambientazioni...) e in più di una scena sono rimasto perplesso. Price bravo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'abbazia; Indimenticabili gli occhiali da sole di Vincent Price.
I gusti di Rofrear (Drammatico - Fantastico - Horror)