Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LO ZOO DI VENERE

All'interno del forum, per questo film:
Lo zoo di Venere
Titolo originale:A Zed and Two Noughts
Dati:Anno: 1985Genere: drammatico (colore)
Regia:Peter Greenaway
Cast:Andréa Ferréol, Brian Deacon, Eric Deacon, Frances Barber, Joss Ackland, Jim Davidson, Ken Campbell, Agnès Brulet, Guusje van Tilborgh, Gerard Thoolen, Wolf Kahler, Geoffrey Palmer
Note:Aka "A Zed & Two Noughts"
Visite:836
Il film ricorda:Inseparabili (a Buiomega71)
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/2/07 DAL BENEMERITO FLAZICH

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 4/9/07 22:52 - 4117 commenti

Pellicola di indiscutibile fascino, che contiene simbologìe in numero pazzesco, che nessun mortale potrà mai, umanamente limitato, ad afferrare "in toto". Mi limito a dire (pescando fra le poche che ho capìto al volo...) che ho fatto un sobbalzo nel sentire che Greeneway, per un personaggio del film, ha scelto in modo non certo casuale il cognome "Van Meegeren", lo stesso del grande falsario, attivo nel Novecento, di Jan Vermeer. Il doppio, il falso, la pittura...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un coito "particolare", fatto solo immaginare.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 14/8/10 8:54 - 10047 commenti

I film di Peter Greenaway raramente lasciano lo spettatore indifferente e così è anche per questo, considerato da molti il capolavoro del regista. Non si può dire che il film manchi di fascino visivo, è anzi molto ricercato da questo punto di vista; il problema è che in questo caso il rigore formale appare eccessivo, così come il ricorso alle citazioni e ai simbolismi che oscurano la sostanza dei contenuti. Non per tutti.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 12/7/08 10:00 - 6794 commenti

Uno dei film più belli e sconvolgenti sul mistero della vita e della morte, scandito – come in un prezioso manuale alchemico – da rebus e simbologie raffinate. Greenaway è straordinario (ben aiutato dalla fotografia di Sacha Vierny e dalla musica di Michael Nyman) nel raccontare una non-storia che fa perno sul doppio, sulla decomposizione, sulla fatalità, sulla riproduzione. Il film è una enciclopedia delle scienze naturali che ci conduce vertiginosamente al limite dell’arbitrio umano e della comprensione della scienza.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 23/7/08 22:30 - 6571 commenti

I numeri, il sesso, il corpo, il cibo, la putrefazione, l’arte, la pittura (fiamminga), la simmetria, il doppio, gli animali e mille altre cose. Questi i contenuti del film e più in generale del cinema di Greeneway. Sforzarsi di trovare un senso esaustivo a questo profluvio caleidoscopico di immagini è impresa vana. C’è chi dinanzi a tanta narcisistica ostentazione e di una cultura vuota e fine a se stessa va in estasi, chi invece dianzi a tanta spocchia si irrita. Solo per chi già ama Greenway, gli altri (per il loro bene) si astengano.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 9/8/10 9:09 - 6826 commenti

Due etologi fratelli restano vedovi a seguito di un scontro fra l'auto che trasportava le loro mogli e un cigno femmina incinta, come pure incinta era la guidatrice, una donna dai capelli rossi e dalle gambe in diminuzione, che diventerà amante di entrambi. Un'ossessione, scandita dalla musica di Nyman, per la simmetria, la riproduzione, la morte, la putrefazione. Visivamente ricco di suggestioni, ma frammentario, frutto di una cultura immensa ma qui troppo autoreferenziale, è un film che ammiro ma non posso amare come amo altre opere di Greenaway.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le inquadrature in cui i due gemelli sono a fianco del letto di Andrea Ferreol .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Flazich 26/2/07 13:14 - 657 commenti

Questo è il capolavoro assoluto di Peter Greenaway. Inquadrature statiche, infatti ci sono pochissimi zoom o movimenti di macchina (che sembrano tanti diversi quadri tanta è la cura dei particolari rappresentati). Colori ricercatissimi e in generale una fotografia che va oltre il maniacale. La storia è a dir poco surreale ma darà, una volta terminata la visione, spunto a più di una riflessione personale. Il finale è molto cinico e beffardo.
I gusti di Flazich (Fantascienza - Poliziesco - Thriller)

Buiomega71 14/1/15 21:17 - 1721 commenti

Quintessenza del cinema greenawayano, dalle suggestive immagini fuori dall'onirico zoo (così suspiriane) all'odore acre della morte che si respira ad ogni inquadratura, dal sesso malato fino all'ossessione per il corpo. Spesso astruso ed ermetico nel suo essere, ma pura opera viscerale, che vive di ipnotici e meravigliosi tableaux vivants, di anarchia visiva e narrativa. Forse il picco assoluto del maestro inglese (chi non ama il suo cinema meglio si astenga), che terrà bene a mente David Cronenberg per Inseparabili. Sinuoso e irrisistibilmente seducente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le decomposizioni sottolineate dalle meravigliose musiche di Michael Nyman.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Socrate 31/1/18 0:29 - 1282 commenti

Da una morte scoprire come inizia la vita: dalla decomposizione alla ricomposizione. È il punto di partenza della ricerca dei gemelli etologi Deuce che offre il destro a Peter Greenaway per mettere in scena ossessivamente biologia, simmetria, pittura fiamminga e ovviamente sesso. Una commedia paradossale e perversa, visivamente stuzzicante, appesantita qua e là da intellettualismi e con le solite splendide musiche di Michael Nyman. Ma dove va a parare? È come una zebra? un cavallo nero con strisce bianche o un cavallo bianco con strisce nere?
I gusti di Socrate (Commedia - Drammatico - Gangster)

Xamini   25/12/08 2:19 - 770 commenti

Pellicola priva di trama, di un'astrazione tutta sua. Le scene sono tele, una dietro l'altra, in cui a muoversi sono solo i personaggi e l'incedere è un continuo concatenarsi di spunti riflessivi ai limiti della comprensione. Far quadrare il cerchio è davvero dura e così pure distillare un giudizio; ma la simbologia, i concetti di dualismo e casualità/causalità e in particolare l'analisi della morte da una prospettiva scientifica ne fanno un'opera da visionare, una di quelle che, anche senza la piena comprensione (impossibile), tirano fuori l'esclamazione: che film!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La trasformazione anche fisica dei fratelli, dapprima nemesi e infine...
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Enricottta 19/8/09 14:43 - 508 commenti

L'antitesi della fluidità, dell'esemplificazione del pensiero. Greenaway ha letto molto e molto capito. Le "coup de theatre", nel "cul de sac" dello sfoggio di cultura fine a sé stesso. Nel marasma di trovate, non tutte ad effetto, ma sempre originali, si spera in una tregua di attività limbica. Per me è il grandissimo bugiardo del cinema mondiale perché, nonostante la pletora di riferimenti che basterebbero per fare mille film, ci svia sempre, ci promette il capolavoro e invece si "filma addosso".
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Bizzu 19/3/14 0:28 - 210 commenti

Un capolavoro totale. Greenaway dice "Il cinema è un mezzo di espressione troppo ricco per lasciarlo ai narratori di storie"; infatti ci propone una narrazione posticcia, un semplice collante per una serie di "quadri in movimento" per rappresentare la drammatica limitatezza dell'uomo che indaga sulla vita e la morte. Splendido dal punto di vista visivo, richiede un notevole sforzo cerebrale durante la visione.
I gusti di Bizzu (Drammatico - Fantascienza - Horror)