Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• ANTONIO ALBANESE: PERSONAGGI

All'interno del forum, per questo film:
• Antonio Albanese: Personaggi
Dati:Anno: 2006Genere: antologia (colore)
Regia:Vari
Cast:Antonio Albanese, Lucia Vasini
Note:Uscito in libro e dvd allegato.
Visite:556
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/06 DAL DAVINOTTI
PERSONAGGI (libro + dvd) è un'intervista ad Antonio Albanese il quale presenta, una dopo l'altra, le genesi dei suoi personaggi più famosi spiegandone alcune caratteristiche e introducendo brevi (e meno brevi) sketch illustrativi tratti dalle trasmissioni Rai storiche "Su la testa" e "Non c'è problema" e dagli spettacoli GIU' AL NORD e PSICOPARTY. Dopo un succinto e non molto divertente prologo si passa ad Epifanio, il timido e ingenuo ragazzotto con cappotto a scacchi e occhialoni (scene da "Su la testa" con Lucia Vasini). Poi tocca al fondamentale Perego e ai suoi capannoni in eternit, al sommelier che fa del rito dell'assaggio un momento di alta poesia, agli "ottimisti" (surrealismo puro) e all'immacabile Alex Drastico. Si continua con l'economista, il "ministro della paura" (sketch lungo e spassoso, anche se il personaggio è tra i meno noti tra quelli creati da Albanese) e l'indimenticato pugliese Frengo e stop (che fa un certo effetto vedere strappato dal naturale contesto di "Mai dire gol"). Finale con l'intellettuale dallo psicanalista e quindi Cetto Laqualunque e il suo "cchiu pilu pe' tutti". La lunga carrellata (un'ora e mezzo circa) non rende però giustizia al vero Albanese, che è anche tanto altro (Efrem, Pierpiero e molti personaggi nati con la Gialappa's band non vengono considerati). Montato senza fantasia, altalenante, poco vispo, è sostanzialmente una delusione. Certo, si ride perché il talento e il genio di Albanese non si discutono, ma non c'è qui il meglio e le fonti da cui s'è attinto son troppo poche.
il DAVINOTTI