Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CALVAIRE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 29
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 23/7/07 20:02 - 3971 commenti

Ennesimo thriller in arrivo dalla Francia (in co-produzione con Belgio e Lussemburgo), che si distingue per la tetra atmosfera che lo pervade: frutto dell'ambientazione "montanara" ed isolata, dove l'umana ragione si diluisce, come neve al sole; dove i sentimenti, ammantati dalla nebbia perenne e slavati dalla pioggia costante, cedono il posto alla follia: apologia dell'isolamento e dell'abbandono, trattata con referenza cinematografica (l'occhio che ricorda TCM, i selvaggi simil Un Tranquillo week-end di paura, Brigitte Lahaie). Solitario...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Schramm 26/12/07 21:39 - 2062 commenti

Lavorando di fuoricampo/controcampo, senza quasi versare più di mezzo litro di emoglobina e scindendosi sia da coatti ritmi iperanfetaminici (e di conseguenza da odiosi stilemi videoclippari) che da gratuiti assalti al plasma, Du Weltz (un giovane di bellissime speranze, da tenere all'indice) riesce appieno laddove il 98% dell'horroraccio di questi ultimi due lustri ha meschinamente capitolato: disturbare, e nel profondo. Questo sì che lascia lo stomaco blindato e i nervi strapazzati anche ore dopo la visione. altro che il vuoto carnevale sangriento di Roth e compagnia brutta. Raccomandato.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 14/12/07 22:49 - 6491 commenti

Disturbante thriller a tinte forti che pur saccheggiando, con garbo e discrezione, da diversi film, risulta pienamente riuscito. Il regista, infatti, riesce abilmente a creare un clima di crescente e profonda inquietudine che avvolge lo spettatore fino al finale. Davvero bella la caratterizzazione della comunità "malata". Una piccola perla poco diffusa e apprezzata nel nostro paese. Consigliato.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 12/12/08 9:57 - 6550 commenti

Di sangue ne scorre poco, rispetto ad altri del genere "mostri in provincia", però quel poco lascia il segno, marchiandolo come uno dei film più angoscianti visti da tempo. Poche volte alla devianza sessuale che nasce dalla solitudine e dalla disperazione è stata data una rappresentazione tanto cruda, senza alcuna concessione: nessuno spiraglio di speranza (vedi le avances torbide subite dal protagonista nella casa di riposo, che anticipano quelle successive ben più temibili), nessuna catarsi nel finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena nel ballo nel bar.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 17/10/08 12:57 - 2059 commenti

Lo spettro scelto da Du Welz per catturare una sorta di esistenzialismo horror va dal grottesco puro all’umorismo di matrice lynchiana, atterrato però nei saldi cliché del genere (Non aprite quella porta). L’abbrutimento e l’umana bestialità, in questa campagna francese senza grazia e senza donne, vengono resi attraverso il pervertimento della simbologia cristiana, come sanzione dell’irreversibile atrofizzarsi di ogni spiritualità. Du Welz però non sa cogliere - o non sa attingere - al cuore del problema, così tutto resta sintomatologico, in manierata e gratuita esposizione. Sovrastimato.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 16/8/07 12:22 - 2861 commenti

Film deludente. C'è un po di Misery, un po' di Non aprite quella porta e un po' di Un tranquillo weekend di paura, ma il paragone non regge con nessuno dei tre film citati. Non tanto per la regia, che azzecca alcune inquadrature incredibilmente suggestive e riesce a creare una buona atmosfera. Neanche per la fotografia, davvero curata, o per gli attori, tutti perfettamente in parte. È la sceneggiatura il vero problema: la lentezza è decisamente eccessiva. Quindi ci si annoia parecchio e, vista l'ottima resa di tutti gli elementi, è un peccato.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 31/10/11 9:46 - 3279 commenti

Bella la costruzione dell'atmosfera, in tono la fotografia e da rimarcare il parco attori. Queste le armi di un thriller franco-belga che cerca una sua dignità rinunciando ad espedienti splatter, effetti sonori, colpi di scena e giovincelle urlanti sotto tortura. Allo stesso tempo la rinuncia a questi cliché ci porta ad una storia dai ritmi contenuti e sviluppi abbastanza prevedibili ma comunque sempre godibile. Sia nel particolarissimo incipit che nello scatenarsi della banda dei sadici campagnoli con cinghiale al guinzaglio. 3 pallini.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Herrkinski 11/1/11 19:00 - 3694 commenti

Il genere "torture" nell'ultimo decennio è stato sviscerato (è proprio il caso di dirlo!) in tutti i modi possibili, ma questo film di Du Welz riesce ad elevarsi sopra alla mediocrità generale grazie a una storia che scava molto più a fondo nella psiche umana, piuttosto che lasciarsi andare ad eccessi splatter; l'atmosfera di squallore e desolazione, intuibile fin dall'incipit, è esasperata dall'assenza di una vera soundtrack. Il film inquieta e convince; peccato per la citazione ovvia della cena di Non aprite quella porta. Bravi i protagonisti.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Brainiac 14/1/09 13:42 - 1081 commenti

La Nouvelle Vague dell'horror predilige i film in presa diretta, che descrivano l'assedio tout court. Tutte le filmografie con alterni successi vi ci sono cimentate (À l'interieur, Them, Vacancy, REC) e questo film centra il bersaglio. Perchè alla caratterizzazione dei personaggi americana e alla violenza parossistica dei film francesi preferisce l'approccio visionario alla Polanski. "Calvaire" è un incubo che assume via via i contorni della fiaba (quella col lupo cattivo, s'intende).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo squallido show del protagonista cala da subito sul film un'atmosfera onirica inquietante.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Hackett 15/7/08 13:51 - 1441 commenti

Quando il new horror francese incontra Un tranquillo week end di paura. Interessante la prima parte, al volgere nel thriller zotico-omosessuale la pellicola si lascia prendere un po' la mano, indugiando un po' troppo sull'aspetto grottesco degli abitanti della foresta e sulle loro perversioni da isolamento misogino. Altalenante ma tutto sommato deludente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'affogamento dell'ultimo inseguitore del protagonista.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 27/2/09 19:53 - 395 commenti

Curato film belga che presenta una trama non originale seppur sorretta da buoni attori. La regia è di ottimo livello e si concede qualche vezzo qua e là, ma si ha una senzazione di gia visto che incide non poco sul risultato finale. Buon tassello della nuova corrente horror centro europea, il cui capostipite (e per molti versi anche il film più riuscito nonostante le pecche) rimane Alta tensione.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Flazich 25/5/09 14:35 - 656 commenti

Progetto che riesce solo per metà, forse anche meno ad essere onesti. Trattare il tema della follia attraverso la violenza non è assolutamente originale ma a quanto sembra neppure facile. Il più grande difetto di questa pellicola è che non coinvolge o lo fa troppo tardi quando ormai si è talmente svogliati che si vuol vuol solo vedere la fine. Gli ultimi 30 minuti sono intensi ma si poteva fare di più. Si vede che la regia c'è, eccome. La scena nella baracca è sorprendente.
I gusti di Flazich (Fantascienza - Poliziesco - Thriller)

Supercruel 22/7/08 23:53 - 498 commenti

Tesissimo. Du Welz, in controtendenza con l'Haute Tension-style, firma un horror la cui forza è proprio la sua tetra e opprimente lentezza, il suo climax crescente di perversione immerso in sinistre atmosfere rurali/fangose/nebbiose. Di grande impatto emotivo la campagna popolata da pseudo-freak, con almeno una scena da tramandare, ovvero quella del bar (con nenia psicopatica annessa). Poco il sangue, ma l'impostazione tutta psicologica del film non ne sente affatto il bisogno. Ottimo.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Pinhead80 27/8/10 10:55 - 2927 commenti

Un giovane artista viaggia con il suo furgone, di paese in paese, fino a quando un incidente lo obbligherà a fermarsi in un albergo. Questo film riesce a mostrare in maniera molto sottile la perversione dei sentimenti. Lo fa gradatamente, dando al protagonista la lenta sensazione di essere finito in un mondo parallelo, fatto di solitudine e disperazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il balletto degli avventori del bar.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 11/8/14 14:45 - 2343 commenti

Magari come satira grandguignolesca su certa società dello spettacol(in)o sarà un po' deficitaria, così come poco di nuovo porta sul piano dei topos horrorifici (ma l'accostamento tra Psyco e Una sera.. un treno è un bell'azzardo). Non v'è dubbio però che l'occhio di bue proiettato da DuWelz su questo piccolo travet dello show-biz (un Lucas dall'efebico volto predestinato al sopruso), sia così privo di quel didascalismo metafisico in malafede caro a certo neo cinema dello spavento (Martyrs verrà di qui a poco), da rendersi spesso candidamente disturbante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bovino sguardo concupiscente di Jackie Berroyer; L'incipit con l'esibizione nell'istituto geriatrico.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 3/3/17 8:05 - 1885 commenti

Un giovane cantante capita per caso in un hotel in disuso... Sembra la trama di Psyco e infatti ci sono delle attinenze, ma qui gli elementi orrorifici si mescolano a quelli surreali proponendo un mondo privo di regole e razionalità, come in un incubo a occhi aperti. Purtroppo il risultato non sembra riuscito completamente, specie nella seconda parte, che risulta "improvvisata" e andare da nessuna parte.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Didda23 10/3/11 11:04 - 1794 commenti

Film consigliato, perché sopra lo standard. L'inquietudine e la tensione, per merito di una sapiente regia, pervadono tutta la pellicola. Buona la fotografia e la prova di tutto il cast. Pur non facendo parte di un genere che prediligo, il film l'ho trovato molto interessante e di forte impatto.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Greymouser 29/3/10 23:27 - 1442 commenti

Fra i tanti film che hanno per oggetto gruppi più o meno nutriti di bifolchi fuori di testa, nessuno come questo "Calvaire" è riuscito a rendere in maniera così disturbante la deformazione di ogni sentimento umano portata dalla solitudine, la miseria, l'isolamento e l'ignoranza. Nell'ormai celebre e allucinata sequenza del ballo tra uomini nel bar si mostra plasticamente questa disumanità aliena e la straniante violenza che subisce lo sfortunato protagonista ci colpisce allo stomaco più di mille torture sanguinarie alla Hostel. Terribile.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 18/9/10 21:42 - 1061 commenti

A differenza dei suoi "emorraggici" colleghi francesi, Du Welz opta per una rappresentazione della violenza meno en plein air, nel tentativo di amplificare la sadica crudeltà della "via crucis" cui il protagonista viene costretto. L'accurata descrizione di ambienti e personaggi non supplisce però ad inverosimiglianze e velleitarie vacuità nei rimandi a Boorman e Hooper. Il parallelismo con la Passione biblica, evocato sin dal titolo, resta un tentativo coraggioso ma in verità troppo ambizioso. Da segnalare una Lahaie stagionata ma sempre affascinante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un protagonista (Lucas) con alcunchè di parvenza messianica, nonostante il suo casto rifuggire le avances sfacciate di anziane ed infermiere varie.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lupoprezzo 17/1/11 22:35 - 635 commenti

Un film sulla perdita e la solitudine, che si svolge in un clima intristito e grigio (come le tonalità della splendida fotografia) in cui la mancanza di una controparte femminile logora e devasta la psiche degli abitanti della comunità, che per colpa di una delirante incapacità sociale sono costretti a danzare tra loro come grotteschi pinguini. E l'isolamento che si respira nel finale è freddo e senza fine. Notevole.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Jofielias 24/11/11 8:21 - 170 commenti

Il cinema di Du Welz - come ha affermato lui stesso - serve ad aprire le porte dell'immaginazione e non a chiuderle, come fanno invece la maggior parte dei film dominati dallo script in cui tutto "deve tornare". A Du Welz noi crediamo, perché maneggia la macchina da presa e gli attori con grande maestria. Calvaire è una pellicola densa d'inquietudine, che mette a disagio e che a un tratto fa esplodere una violenza brutale ma non compiaciuta. Più che dirigere un film, Du Welz è riuscito nell'impresa di filmare un incubo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La grottesca danza degli uomini del villaggio nel bar.
I gusti di Jofielias (Fantascienza - Horror - Thriller)

Macguffin 25/2/11 16:17 - 124 commenti

Il malcapitato protagonista passa di continuo dalla padella alla brace, ritrovandosi suo malgrado primattore (anzi, primattrice...) di una lenta e grottesca favola/incubo a tinte horror. L'incrocio tra già visto e poca verosimiglianza mi ha impedito un vero coinvolgimento, però il regista è bravo: spara troppo alto con i simbolismi religiosi ma ha stile. Oltre alla malsana atmosfera generale (ottimamente resa da fotografia e assenza di musica, senza bisogno di effettacci splatter), gira numerose scene con originalità. Alla fine rimane impresso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il fantastico ballo al bar; la cena; il finale.
I gusti di Macguffin (Horror - Poliziesco - Thriller)

Burattino 12/10/10 18:18 - 101 commenti

L'horror francofono sta dando grandissime soddisfazioni agli appassionati orfani ormai da anni della grande tradizione italiana (più o meno da quando Soavi ha chiuso una stagione trentennale con Dellamorte Dellamore). Du Welz, autore belga, con questo film si impone come uno degli esponenti di spicco di questa tendenza. Un film angosciante e allucinato che deraglia in toni grotteschi e dimostra che il sangue non è tutto. Du Welz possiede anche una tecnica invidiabile, è sotto gli occhi di tutti.
I gusti di Burattino (Animazione - Erotico - Horror)

Fedeerra 27/9/17 5:41 - 99 commenti

Un'opera colma di dolore e solitudine, volta a scalfire le fondamenta del cinema horror per restituirci un terrore più disagiante, con personaggi invasati e momenti sanguinolenti. Quasi un poema sodomita; romantico, grottesco ed estremamente folle. Splendidi i paesaggi bucoloci e indimenticabili le interpretazioni di Laurent Lucas, Jackie Berroyer e Philippe Nahon.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Redvertigo 25/8/08 17:58 - 78 commenti

Ma allora non è poi così difficile tirare fuori dei buoni film horror senza assassini con i guanti neri, ridicole mascherate o grossi spargimenti di arti amputati e sangue a volontà? Mi inchino quindi al giovine Du Welz, autore di un ottimo prodotto, che, pur prendendo dal passato, risulta a mio avviso originale e PERSONALE. Atmosfere e personaggi malsani, una grossa enfasi sull'elemento grottesco, una sapiente regia (molto essenziale) e un gran bel tocco nell'amalgamare il tutto. Da vedere assolutamente!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il grottesco balletto degli uomini nel bar sulle macabre note prodotte dal folle che "suona" un pianoforte.
I gusti di Redvertigo (Erotico - Horror - Thriller)

Vawe 23/5/10 11:15 - 61 commenti

Un buon inizio per un finale lento e deprimente. Un calvario, quello del protagonista, vissuto dallo stesso spettatore il quale viene trascinato nell'incubo di un paese solitario in cui dilaga la follia carnale spinta sino agli animali. Si assiste inermi - come lo è lo stesso piagnucolante protagonista - agli accadimenti che subisce il giovane, dal non avere via di fuga dal paesello montanaro al sentirsi violato negli oggetti personali sino alla sua fisicità. Anzichè patteggiare per lui si è portati ad augurargi una veloce dipartita. Irritante.
I gusti di Vawe (Horror - Teatro - Thriller)

Otis 13/5/10 6:55 - 40 commenti

Il film vuole essere la rappresentazione di una comunità malata perché isolata e sessualmente frustrata in quanto completamente priva di donne. Il protagonista vi entra per la causa più banale possibile. La prima parte del film si trascina abbastanza stancamente nel vecchio albergo del secondo protagonista. Ad un certo punto inizia la follia, ma qui perdiamo il protagonista che si trasforma in un inutile essere piagnucolante, di cui si anela l'eliminazione fisica. Non spaventa e non inquieta.
I gusti di Otis (Fantascienza - Horror - Western)

Bronson82 4/3/15 18:44 - 32 commenti

Putrido e pervaso da un'aura malsana che lascia sgomenti, Calvaire è un horror che sconvolge gradualmente e lascia inebetiti di fronte allo spettacolo della follia e della depravazione umana, in un crescendo di angoscia, delirio e tensione interrotto da una carrellata di boschi immersi nella nebbia. Desolante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'avanche della vecchia nel camerino; Il furgone incendiato; La sodomizzazione della scrofa; Marc vestito da donna inseguito e sodomizzato; Il finale.
I gusti di Bronson82 (Gangster - Horror - Thriller)

MTMPsicosi 22/7/07 15:46 - 11 commenti

La ricetta è: prendere una buona parte di Misery, una presa generosa di Psycho, cucinare a fuoco lento (lentissimo, va!) e servire tiepido (sarà un caso se la Kathy di Misery ha lo stesso cognome di Norman?). Questo è Calvaire. Al palato però è succulento ed invitante. I (pochi) personaggi accessori servono per trascinare lo spettatore in un mondo fatto di follia e comunque incomprensibile. Qualche inquadratura giovanilistica stride un po' col lavoro decisamente minimale di Fabrice Du Welz. Degnissimo rappresentante della nuova scuola Francese.
I gusti di MTMPsicosi (Animali assassini - Drammatico - Horror)