Cerca per genere
Attori/registi più presenti

[8.4] • COLOMBO: INTRIGHI INSPIEGABILI

All'interno del forum, per questo film:
[8.4] • Colombo: Intrighi inspiegabili
Titolo originale:Grand deceptions
Dati:Anno: 1989Genere: giallo (colore)
Regia:Sam Wanamaker
Cast:Peter Falk, Robert Foxworth, Stephen Elliott, Janet Eliber, Andy Romano, Michael McManus, Lynn Clark, Bennett Liss, James Lashly
Note:Titolo vhs: "Grandi inganni". E' un episodio della serie tv "Colombo".
Visite:6131
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
La puntata che chiude l’ottava stagione (quella del ritorno dopo 11 anni di assenza dai teleschermi) è anche l’ultima doppiata in Italia dal grande Giampiero Albertini, che di lì a breve morirà passando il testimone al meno dotato (quantunque bravo) Antonio Guidi. Un addio degno, comunque, visto che GRAND DECEPTIONS (che segna il ritorno ad indagini compiute in ambito di addestramento militare dopo la storica ALLE PRIME LUCI DELL’ALBA) va annoverata tra le puntate meglio scritte e più ricche di “deviazioni” dell’ultimo periodo. Nel senso che i personaggi “attivi” nella storia sono più d’uno: non c’è solo l’ntagonista ufficiale (Robert Foxworth, un po’ bolso rispetto alla media), ma anche il generale in pensione (Stephen Elliott) e la sua bella moglie, tutti e tre coinvolti per diverse ragioni nel caso. Colombo, che sulle prime è davvero convinto che la morte di un addestratore su una mina del campo sia un incidente, scoprirà man mano indizi molto interessanti, tesi a disegnare un caso dalle tante sfaccettature (non ultima quella sentimentale). Proprio per questo non c’è molto spazio per i siparietti umoristici tipici del tenente (un accenno all’auto, uno al cane e alla moglie, ma sono poca cosa). Un’indagine condotta da Colombo con particolare intelligenza e risolta brillantemente in un finale intimo e ficcante. La regia di Sam Wanamaker (attore e regista teatrale passato al cinema per un paio di film thriller-spionistici nel 1970) non è fenomenale, ma sa sfruttare bene le abilità dello sceneggiatore Sy Salkowitz creando anche un paio di bei momenti di tensione. Fotografia e confezione della Stagione Otto si confermano mediocri.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 29/3/07 21:02 - 3951 commenti

Interessante parte pre-Colombica, dove il personaggio dell’assassino (un viscido colonnello) prende forma e si capisce subito fino a che punto potrà arrivare. Colombo compare frugando tra le foglie. Avrà a che fare con un assassino molto arrogante, ma saprà come trattarlo. Bel dialogo tra il tenente e l’anziano generale. L’episodio funziona bene, ha ritmo e nessun particolare rallentamento o divagazione. Segnalo: fango verde, asciutto e molle, l’ora dell’anarchia, il bastoncino, “Non ci piacciamo”. Notevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La teoria della fabbrica delle scarpe.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 5/1/09 8:50 - 6552 commenti

Per quanto il suo personaggio sia di rara odiosità (bastardo oltre che omicida), Robert Foxworth non è un antagonista all'altezza dei migliori e questo rende l'episodio un po' fiacco, nonostante la ricchezza psicologica dei comprimari (il generale e la moglie) e la raffinatezza della prova che incastra il colpevole. L'immagine finale, che mostra un Colombo in miniatura in mezzo al campo di battaglia affollato di soldatini di piombo, è la chiusura più simpatica e divertente di tutta la serie.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 25/3/08 12:16 - 4620 commenti

Buona puntata e ultima occasione per sentire Colombo doppiato da Giampiero Albertini. L'assassino viene interpretato con brio da Foxworth (doppiato superbamente da Claudio Capone) e nel cast rivediamo una vecchia conoscenza colombica: Stephen Elliott (già vittima in Testimone Di Se Stesso). Curioso e ben riuscito anche il tema musicale, ingegnosa la soluzione dell'enigma e tutto il complotto che fa da movente al delitto.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Markus 23/3/11 9:44 - 2324 commenti

Episodio paramilitaresco che ci ricorda - per forza di cose - il buon vecchio Alle prime luci dell'alba il quale, diciamolo subito, era di tutt'altro spessore. Un sonnacchioso Colombo fino a metà pellicola sostiene la tesi "dell'incidente", poi, tutto a un tratto, il fatto che lo riconduce al più consono omicidio, dunque l'indagine. Episodio di discreto fascino, ma che pecca di momenti lenti e d’un co-protagonista non molto convincente. Il regista punta più sullo stile che alla sostanza e questo, a mio avviso, frena il ritmo.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Ultimo 4/5/15 11:42 - 1062 commenti

Dopo Alle prime luci dell'alba, ecco Colombo nuovamente alle prese con un omicidio avvenuto in ambito militaresco. L'assassino (Foxworth) è odioso ma non brilla nei dialoghi col tenente; in ogni caso la vicenda funziona ed è resa ancora più interessante dal rapporto che va instaurandosi tra il tenente e il generale in pensione. Ottima la risoluzione finale di Colombo per un risultato complessivamente notevole.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Lythops 13/6/15 15:38 - 891 commenti

Una caratteristica della serie, che ormai ne è diventata la firma, è che il cattivo viene riconosciuto ancora prima che metta in atto il suo piano. In un certo senso è scontata anche la fine, ma quando la sceneggiatura rappresenta fatti credibili e l'impianto è buono e plausibile la curiosità rimane intatta. È il caso di quest'ultimo episodio dell'ottava stagione, drammatico oltre che poliziesco, che chiude in bellezza i suoi purtroppo pochi episodi. Attori di alto livello, grandi doppiatori. Molto buono davvero.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Ale nkf 4/5/09 18:24 - 803 commenti

Episodio molto riuscito. Questo purtroppo è l'ultimo doppiato da Giampiero Albertini, che era diventata la voce per anni dell'indimenticabile Colombo come Alina Moradei è stata l'indimenticabile voce de La signora in giallo. Molto ingegnosa la prova praticamente schiacciante con cui viene arrestato il colpevole. Non è stato però uno di quegli assassini che io avrei preferito che Colombo non arrestasse (come in Riscatto per un uomo morto, dove avrei preferito che Colombo non incastrasse l' avvocatessa).
I gusti di Ale nkf (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Ira72 6/5/17 19:59 - 457 commenti

Sebbene il tema militaresco non sia per me di grande attrattiva, devo dire che questo episodio è il migliore della serie, con un Colombo calibrato (sempre ironico ma non farsesco) e indagini credibili. Questa volta il tenente ha a che fare con un colonnello gentile ma non ruffiano, disponibile ma non servile, collaborativo ma arguto. Azzeccata anche la figura del generale Padget, che usa poche parole ma distribuisce piccole perle di saggezza. In generale, comunque, la puntata è ben curata (bello anche il duetto in chiesa tra Colombo e l'amico del defunto).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Forse questo mi rende un ipocrita. In fondo è un altro termine per dire ben educato" (Generale Padget).
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Mfisk 25/11/07 22:15 - 128 commenti

Episodio ben fatto ma senza quel quel certo non so che. Come tutte le puntate dell'8° ciclo siamo di fronte a un ambiente inusuale (niente meno che un think tank neocon, malamente doppiato come "carri armati pensanti"), che però non viene sfruttato a fondo e comunque alla fine contano le buone vecchie corna. Colombo deve ricorrere due volte al fattore C., in modo veramente eccessivo (sia il biglietto nel vestito che la segretaria proprio deficiente!). Poche gag, ma il racconto è serrato e non ce ne sarebbe stato il tempo.
I gusti di Mfisk (Commedia - Gangster - Guerra)

Gordon 1/5/15 14:39 - 93 commenti

Un episodio più che buono. Robert Foxworth si dimostra un assassino sufficientemente odioso per gli standard e in più il piano delittuoso e l'alibi sono ricercati e ben architettati. L'indagine invece ruota attorno a pochi sostanziali indizi e la regia di Wanamaker è discreta. Colombo se la cava bene anche se non riesce a duettare al meglio con l'omicida, in più non si ravvisano molte gag o quantomeno intermezzi comici. Il finale è intenso e la prova regina molto ricercata e inoppugnabile.
I gusti di Gordon (Commedia - Giallo - Poliziesco)