Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A BEAUTIFUL DAY - YOU WERE NEVER REALLY HERE

All'interno del forum, per questo film:
A beautiful day - You were never really here
Titolo originale:You Were Never Really Here
Dati:Anno: 2017Genere: drammatico (colore)
Regia:Lynne Ramsay
Cast:Joaquin Phoenix, Judith Roberts, Ekaterina Samsonov, Dante Pereira-Olson, Larry Canady, Vinicius Damasceno, Neo Randall, Frank Pando, John Doman, Edward Latham, Alex Manette, Claire Hsu
Note:Joaquin Phoenix ha vinto il premio di Best Actor al Cannes Film Festival 2017. Soggetto dal romanzo omonimo dello scrittore statunitense Jonathan Ames, pubblicato nel 2013.
Visite:258
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/4/18 DAL BENEMERITO PAULASTER

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 16/5/18 2:03 - 7074 commenti

Ex marine perseguitato dai ricordi che ha rapporti solo con l'anziana madre accetta l'incarico di rintracciare la figlia di un senatore finita in un giro di prostituzione minorile. Armato di martello, trova facilmente la ragazzina ma... Cupissimo thriller che molto punta sullo sguardo intenso e la fisicità massiccia di Phoenix, giustiziere della notte laconico, depresso e con istinti suicidi, che sembra non tanto un salvatore di vittime innocenti quanto uno che ha bisogno di essere salvato, in primo luogo da se stesso. Regia attenta, confezione curata con una colonna sonora efficace.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 17/4/18 23:44 - 3395 commenti

Un uomo di poche parole maneggia un martello per combattere soprusi in un ambiente urbano dove scoppi di violenza inaudita inframezzano la vita ordinaria. Non è un personaggio di Refn ma un lavoro interessante e imperfetto della regista di E ora parliamo di Kevin. A dar vita a tormenti del passato e dubbi del presente un Phoenix abbastanza nella parte anche se ciò che attraversa sembra a tratti artificioso, studiato a tavolino. Ma lo stile di racconto c'è e giustifica la visione.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Paulaster 12/4/18 10:29 - 1751 commenti

Veterano di guerra risolve, a modo suo, casi di infanzia violata. Niente di originale per un giustiziere moderno (somiglianze con Refn e Besson) in un film dove la violenza è asciutta e improvvisa. La chiave è nella dimestichezza in riprese non banali, nell’utilizzo dei suoni e in una finissima ironia (il finale). Phoenix è adatto nel ruolo del tormentato con un cuore materno. Durata contenuta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il gesto della coltellata di “Psyco”; Le aggressioni dalla telecamera interna; La canzoncina cantata a terra.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Xamini   6/5/18 0:38 - 799 commenti

Montaggio talora confusionario per un film che funziona sulla pancia; il volto è quello di un Joaquin Phoenix rabbiosamente cupo, che macina violenza dalla prima all'ultima scena, incapace di liberarsi dai propri demoni. Nell'intensità di questo tormento sta la ragion d'essere del lavoro della Ramsay, che confeziona anche una serie di inquadrature di tutto rispetto. A completare il quadro una colonna sonora altrettanto inquieta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'assalto nel silenzio delle telecamere di sorveglianza; la canzone cantata sul pavimento; l'immersione.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Cinecologo 16/4/18 14:03 - 15 commenti

Qui, come in altre opere precedenti, Ramsay si dimostra maestra nella cura del dattaglio. E' indubbio che la signora abbia grandi potenzialità che, tuttavia, solitamente non si traducono nella pratica: dopo l'ottimo Ratcatcher, infatti, la regista ha deluso sia con E ora parliamo di Kevin, sia con quest'ultimo film in cui emerge l'ossessione del "famolo strano" e la sceneggiatura confusionaria genera una creatura che sfugge di mano alla Ramsay e in cui troppi sono i flashback non chiarificati: le giapponesi, le scene di guerra, ecc. Debordante.
I gusti di Cinecologo (Commedia - Drammatico - Horror)