Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE MIDNIGHT MAN

All'interno del forum, per questo film:
The midnight man
Titolo originale:The Midnight Man
Dati:Anno: 2016Genere: horror (colore)
Regia:Travis Zariwny
Cast:Robert Englund, Gabrielle Haugh, Grayson Gabriel, Emily Haine, Lin Shaye, Kyle Strauts, Michael Sirow, Summer H. Howell, Callie Lane, Keenan Lehmann, Louise Linton, Abigail Pniowsky, Meredith Rose, Luca Villacis
Visite:308
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/1/18 DAL BENEMERITO RAMBO90

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 26/1/18 11:40 - 6822 commenti

Tre ragazzini giocano a una specie di Jumanji con l'uomo nero al posto delle bestie della giungla. Gli va male. Decenni dopo è il turno di tre adolescenti... Tutto qui? No, peggio: tagli, ritagli e frattaglie (c'è pure un richiamo a Donnie Darko) senza un briciolo di originalità, cucinati male da una sceneggiatura che inanella spaventi senza un filo logico, interpretati in maniera dilettantesca dalle giovani leve mentre gli anziani cercano di cavarsela con il mestiere, ma poco possono alle prese con personaggi tanto mal disegnati. Confezione tecnicamente discreta ma film trascurabilissimo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Hackett 29/1/18 15:03 - 1520 commenti

Horror sciatto, risaputo, con ben poca originalità ma soprattutto senza una trama che possa avvincere e mantenere lo spettatore in uno stato di tensione. Il cameo di Englund può essere considerato un piccolo contentino per il gli horrorofili ma niente di più. Per il resto una trama debole cerca di seminare terrore riuscendo più che altro ad annoiare. Poco riuscito.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Mco 1/2/18 15:30 - 1882 commenti

Metacinema allo stato puro, con una leggenda urbana che da "creepy pasta" giunge sullo schermo per proporre le sue (ferree) regole del terrore. Ci si muove in territori conosciuti, con babau chiacchierone e stanze in cui spostarsi (guai a restar fermi!). E si ritrova anche un mito come Englund, sebbene in un ruolo minore. I salti sulla poltrona ci sono, le fobie (lato sensu) non mancano e la sensazione di trovarsi di fronte a un (poco) rassicurante gioco horror è davvero energica. Se ne godrà, a condizione di rispettare il protocollo...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La nonna di Alex scopre, urlando, che il suo giochino è stato ritrovato nella soffitta.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Rambo90 16/1/18 1:39 - 5033 commenti

Ispirato alla leggenda di una catena di Internet, questo horror perde un buono spunto di partenza (quasi un Jumanji orrorifico) con una sceneggiatura piena di buchi a cui segue una regia scolastica che dilata troppo i ritmi. Prima parte un po' noiosa, poi inizia a succedere qualcosa e almeno qualche buona sequenza si vede (come quella che cita esplicitamente Donnie Darko). Il cast se la cava, con il grande Englund in un ruolo non marginale che dà i punti ai classici ragazzi protagonisti. Finale discreto.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Digital 25/1/18 18:48 - 755 commenti

Andata in soffitta su esplicita richiesta della nonna, Alex, tra le tante cianfrusaglie, vi trova le istruzioni di un gioco che, se svolto correttamente, rievoca il famigerato uomo di mezzanotte. Deprecabile horror per teenager facilmente spaventabili che non riesce a centrare alcun bersaglio di quelli che si era ragionevolmente prefissati: paura non fa, il ritmo è soporifero, mentre l’ambientazione perennemente buia rende poco comprensibili le ipotetiche scene “clou”. Nel cast male i giovani, poco sfruttato Englund. Passare oltre...
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Pesten 4/2/18 8:16 - 219 commenti

Simpatico tentativo di unire datato e moderno in un horror. Atmosfere, luci e location sono molto "old school", così come parecchi dettagli (vedi ad esempio i vestiti di due o tre dei protagonisti), mentre l'uomo nero (pur arrivando da molto lontano) viene contestualizzato in ambienti moderni, soprattutto per i dialoghi. Ne esce un film dall'andamento altalenante dove i momenti migliori sono quelli in cui davanti alla macchina ci sono Englund e la Shaye. Si lascia vedere; buoni qualche trovata e qualche jumpscare, ma non lascia il segno.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)

Neffa75 1/2/18 14:14 - 1 commenti

Horror mediocre, che lascia alla fine un senso di già visto e rivisto. Gli attori, soprattutto i più giovani, nella sequenza iniziale rasentano il fastidio. Si salva solo Lin Shaye, davvero molto brava, che con Robert Englund aveva già lavorato nel primo Nightmare. Per il resto la sceneggiatura sembra a dir poco abbozzata, con dei vuoti che non vengono riempiti, anzi che lasciano molte perplessità. Uno visione fugace può bastare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: HORROR MEDIOCRE.