Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DADDY'S HOME 2

All'interno del forum, per questo film:
Daddy's home 2
Titolo originale:Daddy's Home 2
Dati:Anno: 2017Genere: commedia (colore)
Regia:Sean Anders
Cast:Will Ferrell, Mark Wahlberg, Mel Gibson, John Lithgow, Linda Cardellini, Alessandra Ambrosio, Owen Vaccaro, Scarlett Estevez, Didi Costine, Connor Wise, Daphne Wise, Dylan Wise, John Cena, Andrea Anders, Kyle Tristan
Visite:150
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/12/17 DAL DAVINOTTI
...E saltan fuori i nonni. Un po' perché è Natale e per una riunione familiare al completo ci vogliono anche loro, un po' perché in questi film quando si esaurisce lo scontro tra i protagonisti i sequel lo ampliano alle generazioni precedenti, fatto sta che a Brad (Ferrell) e Dusty (Wahlberg) si aggiungono i rispettivi padri: quello di Dusty un mezzo superuomo tutto disciplina, fierezza e armi da fuoco (Gibson); l'altro più tenero, placido, decisamente meno “virile” (Lithgow), entrambi ovvio specchio dei loro figli. E così i due co-papà, spinti dalla confessione durante la recita scolastica della piccola Megan che si lamentava del fatto di dover festeggiare due Natali diversi con papà diversi, decidono di passare quei giorni tutti insieme, nonni inclusi. Inevitabili le incomprensioni generazionali, gli scontri tra caratteri opposti che rischiano di minare la difficile armonia che i due papà avevano faticosamente raggiunto, la voglia del padre di Dusty di cambiare lo status quo per riportare suo figlio a liberarsi da una situazione di apparente sottomissione a un mezzo idiota. Se però il primo DADDY'S HOME traeva dallo scontro Wahlberg-Ferrell e dalla situazione anomala nei confronti dei figli la linfa per una commedia a suo modo fresca e tonica, il sequel - che allarga il numero dei partecipanti - esagera coi buoni sentimenti, la melassa natalizia e il volèmose bene tuffandosi mani e piedi nel Christmas movie all'americana più bieco, abbassando l'età del pubblico di riferimento, infilandoci Chicago, Journey e Band-Aid per garantirsi l'effetto nostalgia e sperando che bastino poche gag riuscite per tirare avanti un'ora e quaranta. Purtroppo molto più che nel capostipite è evidente quanto gli attori siano superiori al copione, spesso costretto a ricorrere allo slapstick per divertire con trovate ormai vecchie ad ogni latitudine (le discese fuori controllo sulle piste da sci...). La regia non riesce a organizzare decentemente una sceneggiatura caotica che infila in mezzo qualche problematica legata ai bimbi (in special modo quello più imbranato), ai padri (che ancora originano le gag più spassose) e ai nonni (entrambi prigionieri di ruoli rigidi, schematici e caricaturali). Così se Ferrell che si commuove fino alle lacrime per le inattese dimostrazioni d'affetto di Wahlberg è ancora impagabile, altrettanto non si può dire di un Gibson stereotipato all'eccesso o di un Lithgow zuccheroso oltre ogni limite. Le mogli stanno sullo sfondo (le nonne addirittura non esistono) ritagliandosi qua e là spazi inutili pronte a lasciare il campo libero alle quattro star e alla tensione che dovrebbe regolarne i rapporti, ahinoi quasi sempre annullata da riavvicinamenti repentini e sbrigative pacificazioni. Disomogeneo, il film ha lunghe scene di rara insulsaggine (il presepe vivente, il finale al cinema, il bowling, la rappresentazione teatrale con patetica confessione "in diretta") e una seconda parte "educativa" in cui pure il wrestler John Cena affoga nello stomachevole, untuoso tsunami di miele natalizio che tutto sommerge.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 9/12/17 10:59 - 2382 commenti

Le divertenti peripezie dei due mal assortiti papà (Ferrell/Wahlberg) si addizionano, in questo secondo capitolo incentrato sul Natale, con quelle dei loro rispettivi padri (Gibson/Lithgow). Purtroppo tocca constatare che la forza del capostipite (cinismo in primis) qui viene tragicamente a mancare, per allargare la scena e far quindi digerire la faccenda a un pubblico di famiglie con bambini al seguito. Certo restano le fantozziane gag di Ferrel a strappare qualche ghigno, ma non bastano a risollevare una melassa natalizia francamente deludente.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 13/12/17 1:34 - 4998 commenti

Sinceramente divertente, una farsa demenziale natalizia ben orchestrata, con una trama più approssimativa rispetto al primo ma un ritmo più veloce. Inoltre la sdolcinatezza che caratterizzava il finale del precedente qui viene inserita ma quasi come caricatura; il risultato è una commedia fresca, che parla sì di famiglia ma lo fa sopra le righe e trovando sempre il modo di infilare gag e battute in ogni situazione. Bene la coppia Wahlberg/Farrell, ma stavolta lo show lo fanno i nonni Gibson e Lithgow, davvero spassosi nei rispettivi personaggi.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)