Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CORPSE PARTY

All'interno del forum, per questo film:
Corpse party
Titolo originale:C˘pusu pÔtţ
Dati:Anno: 2015Genere: horror (colore)
Regia:Masafumi Yamada
Cast:Ry˘suke Ikeoka, Rina Ikoma, Jun, Kazuhiko Kanayama, Y˘ko Kita, Nozomi Maeda, Ayu Matsuura, Shunsaku Mayama, Ry˘tar˘, Reina Visa
Note:Versione live-action della serie animata in 4 episodi "Corpse Party: Tortured Souls" (2013).
Visite:59
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/10/17 DAL DAVINOTTI
CORPSE PARTY: TORTURED SOULS era una serie giapponese a cartoni animati in quattro episodi del 2013 nella quale un gruppo di alunni veniva trasportato per incanto all'interno di una scuola elementare maledetta abitata dagli spiriti di studenti pi¨ giovani lý deceduti. Ebbene, questa Ŕ la trasposizione live action della serie. Alcuni ragazzi, in aula, si riuniscono per salutare degnamente una loro compagna che il giorno dopo si trasferirÓ altrove e una di loro, amante dell'occulto, decide di operare un rituale con una bambolina di carta: la lacereranno tenendosene un pezzo a testa. SarÓ questo, sarÓ chissÓ cos'altro ma il pavimento della stanza d'improvviso crolla e i nostri si ritrovano nella scuola elementare Tenjin, un edificio abbandonato e spettrale dove un bidello assassino comincia subito col tirare una scure in faccia a una del gruppo. Bell'effetto, particolarmente splatter! Peccato che una rondine non faccia primavera e che di sangue ne scorra poi ben poco, con qualche frattaglia qua e lÓ e rivoli rappresi sotto gli occhi come lacrime rosse sui volti dei bimbi fantasma. Centrale la spasmodica ricerca del responsabile di tutto, perchÚ come THE GRUDGE insegna i fantasmi giapponesi nascono dal rancore: placato quello tutto dovrebbe rientrare nella norma. Cosý comincia la caccia, magari del misterioso occultista i cui libri vengono rinvenuti nelle sale della scuola (del tutto superflue peraltro le didascalie che appaiono in ogni nuovo ambiente: alla fine che c'importa che una sia l'infermeria, l'altra l'aula della musica o dei docenti, l'ufficio del preside...). Altro indizio la solita videocassetta ôrivelatriceö, sulla cui etichetta si legge ôEsperimento spirituale, Scuola elementare Tenjinö. Frattanto gli studenti si disperdono tra i tetri corridoi che per˛ una fotografia meno fascinosa del previsto (per appartenere a una produzione orientale) penalizza. Se quindi il ritrovarsi in gruppo in un edificio infestato dai fantasmi non Ŕ certo una novitÓ ma era idea ancora sfruttabile, Ŕ la gestione dei meccanismi orrorifici a non convincere affatto, associata a un cast che ľ anche perchÚ giovanissimo ľ rende il tutto tremendamente desolante. Si tira avanti tra spaventi scarsi, tensione inesistente, dialoghi cui nessuno fa caso e bambini perlopi¨ fermi in penombra prima che si individui la causa di tutto e ci si prepari all'inevitabile happy ending. Per buona parte del tempo non succede nulla e si seguono semplicemente ragazzini che si muovono circospetti e spaventati all'interno della scuola ôextradimensionaleö mentre discutono di maledizioni e sgranano gli occhi. Un teen-horror dal target tendenzialmente adolescenziale che pare diretto soprattutto al pubblico della serie animata e che non sembra aver le carte per puntare molto pi¨ in alto (quanto ad etÓ, almeno).
il DAVINOTTI