Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'INTRUSA

All'interno del forum, per questo film:
L'intrusa
Dati:Anno: 2017Genere: drammatico (colore)
Regia:Leonardo di Costanzo
Cast:Raffaella Giordano, Valentina Vannino, Martina Abbate, Anna Patierno, Flavio Rizzo, Marcello Fonte, Maddalena Stornaiuolo, Riccardo Veno, Emma Ferulano, Flora Faliti, Francesca Zazzera, Maria Noioso, Christian Giroso, Carmine Paternoster, Anna Manzo
Note:Presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2017.
Visite:115
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/17 DAL BENEMERITO PAULASTER

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Macbeth55
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Paulaster


ORDINA COMMENTI PER:

Paulaster 5/10/17 10:15 - 1496 commenti

Moglie di camorrista approfitta della generosità di volontari di una masseria urbana per nascondere il marito latitante. Sceneggiatura che mescola echi criminali, sociologia di un territorio e spirito civile per raccontare gli sviluppi di una convivenza forzata. Opera seconda di Di Costanzo, segue l’approccio documentarista cercando di mandare un segnale o di comunicare una triste resa. Intensa la Giordano che somiglia a Pina Bausch (per cui ha danzato). Interessante per lo scavo nei sottili meandri di una Napoli di quartiere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le minacce della madre ai figli altrui.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Macbeth55 9/10/17 1:16 - 28 commenti

Nel caleidoscopio spesso sgranato dei film ambientati nella ormai ritrita etica gomorroide, "L'intrusa" si distingue per una sottile dolcezza di rapporti più silenziosi che dialogati, con tempi teatrali misurati e intriganti. La masseria sociale è un pretesto ben costruito per mostrare paure e reazioni forse prevedibili; ma dalla logica tutta al femminile, dunque validissimo contraltare al concetto di base. Il casting è curato e di ottimo livello, la sceneggiatura asciutta ed efficace. Gran boccata di ossigeno.
I gusti di Macbeth55 (Commedia - Documentario - Fantascienza)