Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IN ARTE NINO

All'interno del forum, per questo film:
• In arte Nino
Dati:Anno: 2016Genere: fiction (colore)
Regia:Luca Manfredi
Cast:Elio Germano, Miriam Leone, Stefano Fresi, Duccio Camerini, Anna Ferruzzo, Giorgio Tirabassi, Roberto Citran, Leo Gullotta, Massimo Wertmüller, Sara Lazzaro, Vincenzo Zampa, Barbara Ronchi, Paola Minaccioni, Flavio Furno
Note:Biografia di Nino Manfredi tra il 1939 e il 1959.
Visite:235
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/9/17 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 27/9/17 5:58 - 9791 commenti

Una "carrellata" sulla vita e sulla prima parte della carriera di Nino Manfredi. Un omaggio affettuoso realizzato dal figlio regista dell’attore, che lascia tuttavia perplessi. Come spesso accade nelle fiction biografiche nostrane, più che il personaggio viene rappresentata un’idea dello stesso, sorta di figura bidimensionale fatta solo di aspetti gradevoli della personalità evitando gli inevitabili chiaroscuri. Nella trappola cade anche il bravo Germano autore di una prestazione caricaturale. Buone le prove gli altri attori,a partire da Fresi.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Markus 29/9/17 18:54 - 2324 commenti

In un'ora e quaranta di film per la tv, la vita per sommi capi di Nino Manfredi fino al 1959. Sentito - anche se forse un po' tardivo - omaggio di Luca Manfredi nei confronti del noto padre, raccontando - attraverso la figura interpretata molto bene da Elio Germano - la straordinarietà dell'attore (che dal '59 troverà anche la gloria), ma anche l'uomo e la sua vita privata. Il limite maggiore del film è la destinazione televisiva: appiattisce tutto, non fornisce l'humus adatto per un racconto che non sia in definitiva un po' sciapo.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Gugly 28/9/17 11:02 - 925 commenti

Nino Germano o Elio Manfredi? Interpretazione quasi mimetica che tuttavia non basta a sollevare il film (per la tv) dai soliti errori tipici della "fiscion all'italiana": e allora vai di fotografia patinata, musica trombona (ovviamente di Piovani) e sceneggiatura tiratissima (il rapporto con la futura moglie sbrigato nell'ultima mezz'ora, Miriam Leone impalpabile); chi volesse conoscere Manfredi da questo prodotto non ci capirebbe nulla, c'è un tizio che saltella sempre. Ma quando sarà la volta buona di un prodotto decente?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'immagine finale di Manfredi, quello vero.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Nando 1/10/17 15:49 - 3100 commenti

Fiction televisiva incentrata sul periodo iniziale della vita del grande Manfredi. Solita narrazione che mostra le difficoltà iniziale dell'attore prima di raggiungere il meritato successo. Ottimo Germano che si mostra interprete di razza, ben coadiuvato dagli altri interpreti tra cui sottolineo Fresi e Tirabassi. Bella presenza per la Leone. Nel complesso accettabile ma si poteva fare di più.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 2/10/17 10:22 - 2199 commenti

Fiction che, per il valore artistico, ricorda molto da vicino quella sulla vita di Walter Chiari: Germano (come fu per Boni con Chiari) impressionante per la somiglianza nella gestualità ma sceneggiatura talmente vuota da risultare imbarazzante. In esame giusto qualche episodio della vita artistica del grande attore, il resto è solo un riempitivo retorico che nulla toglie e nulla mette alla sua vita. Pulita la regia del di lui figlio ma non basta. Resto del cast non sempre all'altezza, con camei che superano per bravura l'interpretazione di alcuni protagonisti.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Il Dandi 29/9/17 13:04 - 1160 commenti

Non si può certo dire che sia una fiction inguardabile, ma il vizio originale sta nel limitarsi a una narrazione parziale, sia come respiro storico (raccontare gli anni del successo dell'attore avrebbe decuplicato i costi del progetto) che psicologico (le esigenze agiografiche di qualsiasi fiction vengono pure amplificate dal fatto che il regista sia il figlio dei protagonisti). Così la lodevole interpretazione di Germano viene sprecata, inutile sia per chi ricorda Manfredi sia per chi ancora non lo conosceva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale con l'apparizione del vero Manfredi in TV a "Canzonissima".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)