Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

All'interno del forum, per questo film:
Piccoli crimini coniugali
Dati:Anno: 2017Genere: drammatico (colore)
Regia:Alex Infascelli
Cast:Sergio Castellitto, Margherita Buy
Note:Tratto dalla pièce "Petits crimes conjugaux" di Éric-Emmanuel Schmitt (2003).
Visite:115
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/9/17 DAL DAVINOTTI
Tratto dall'omonima pièce del francese Éric-Emmanuel Schmitt, un film che il regista Alex Infascelli s'impegna in ogni modo a liberare dall'inevitabile sensazione di trovarsi di fronte a semplice teatro filmato (solo due attori in scena e un unico set, il loro appartamento). Ci riesce e - grazie anche alla buona fotografia di Arnaldo Catinari, che esalta i chiaroscuri e le tante scene in penombra - l'effetto “cinematografico” è salvo. Non sta infatti lì il problema quanto piuttosto in una recitazione che a volte sale troppo di tono suonando artificiosa (teatrale, per l'appunto), limando talvolta via al serrato confronto tra moglie e marito il necessario realismo. Elia (Castellitto), scrittore di gialli di successo e fotografo per hobby, è reduce da un periodo in ospedale dal quale pare essere stato dimesso con un'amnesia che del passato ha cancellato ogni cosa. Per questo ha bisogno di indagare su se stesso attraverso l'aiuto di sua moglie (Buy); per capire chi era, cosa gli piaceva, se il loro matrimonio poteva definirsi felice. Lei, conscia del proprio ruolo maieutico, spiega, ma a tratti mostra qualche reticenza e forse non è sempre la verità, ciò che le esce di bocca. Siamo tuttavia certi che lo sia quello che invece dice Elia? Ha davvero perso la memoria o sta solo fingendo per capire meglio cosa lei voglia ricordare e cosa no? Il film gioca sulle verità di comodo, sull'alterazione pesante o impercettibile, certamente mirata della realtà e presenta indubbiamente qualche buon momento, in special modo quando a scoprirsi sono i lati nascosti nel carattere di ognuno. Col passare dei minuti conosciamo i due sempre meglio ma ad essere onesti non è che quanto dicano si riveli sempre così interessante. Anzi, più spesso prevale una stagnazione che mette in luce la scarsa consistenza della sceneggiatura in diversi punti, l'incapacità di andare oltre un confronto piuttosto stucchevole cui si aggiungono deboli colpi di scena. Se si esclude un curioso interludio con Castellitto che danza in controluce sulle note della "I Feel Love" di Donna Summer, il film è una lunga battaglia verbale che alterna momenti di timida tenerezza a duri faccia a faccia in attesa di capire come abbia fatto Elia a cadere dalle scale finendo in ospedale. La Buy, con un trucco appariscente che la invecchia, non sembra sempre indovinare l'interpretazione migliore, Castellitto ha gioco più facile e regge meglio la parte. Più di uno stimolante spunto di riflessione, ma a lungo andare (il film supera di poco l'ora e venti, per fortuna) la noia prende il sopravvento e, nonostante la stimabile maturità nell'approccio e qualche ottimo momento, non si esce troppo dal prevedibile. “Piccoli crimini coniugali” è il titolo del libro di Elia che divide i due nel giudizio: lui ci è molto affezionato, lei lo odia e si compiace di quanto abbia commercialmente fallito più di ogni altro.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Capannelle 14/9/17 23:42 - 3284 commenti

Ambientazione teatrale e dialoghi serrati, la materia non è da tutti e Infascelli tenta una via ambiziosa. Tra le innumerevoli schermaglie verbali qualcuna va a segno e nella prima parte il giochino del "chi ero veramente io" potrebbe funzionare. Peccato che in altre parti affiori la stucchevolezza, la sensazione del dialogo vacuo e fintamente provocatorio. E anche Castellitto e la Buy non sembrano acquistare valore con i rispettivi personaggi.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)