Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ALIEN: COVENANT

All'interno del forum, per questo film:
Alien: Covenant
Titolo originale:Alien: Covenant
Dati:Anno: 2017Genere: fantascienza (colore)
Regia:Ridley Scott
Cast:Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo, Jussie Smollett, Callie Hernandez, Amy Seimetz, Nathaniel Dean, Alexander England, Benjamin Rigby, Uli Latukefu, Tess Haubrich, Lorelei King, James Franco
Note:Sequel di "Prometheus".
Visite:1291
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/5/17 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 14/5/17
Se con PROMETHEUS la saga di ALIEN aveva saputo reinventarsi un passato che donava una luce diversa all'intera vicenda colorandola di riflessi ancestrali, con COVENANT rientra nei canoni del fantahorror più legato alle origini, pur proseguendo coerentemente il discorso del prequel. Covenant è il nome dell'astronave mandata dalla Terra nello spazio con l'intento di colonizzare un lontano pianeta chiamato Origae-6. A bordo l'equipaggio (provvisoriamente scongelato dall'androide Walter causa tempesta di neutrini che ha ucciso il capitano), duemila coloni e un gran numero di embrioni umani. Quando si scopre che sulla sua strada, ben più vicino di Origae-6, esiste uno sconosciuto pianeta in apparenza abitabile dal quale proviene una flebile trasmissione radio (che comprende pure le note della "Take Me Home, Country Roads" di John Denver!), la Covenant decide di deviare lì nella speranza di accorciare il viaggio e magari di cambiare obiettivo. Mal gliene incoglie, perché senza saperlo finisce dritta sul pianeta degli "Ingegneri", quei nostri lontanissimi antenati creatori dei mostri tentacolati che abbiamo imparato a conoscere da tempo. I protagonisti ritroveranno lì una delle meravigliosi astronavi circolari presenti fin dal primo ALIEN e persino David (Fassbender), l'androide meno evoluto del Walter parte dell'equipaggio della Covenant, lì dai tempi di PROMETHEUS. Gli agganci al prequel sono forti, gli sviluppi a tratti affascinanti ma manca la magia che aveva fatto del precedente l'episodio più importante per la ricostruzione dell'intera vicenda. Qui gli effetti sono meno fantasiosi, quasi sempre figli diretti di quelli già visti nel 1979 e l'elemento di novità più ragguardevole riguarda l'incontro tra i due androidi impersonati da Fassbender, che aprono spiragli filosofici e un segreto rapporto intercorso nel frattempo tra David (il modello primario, dotato ancora della capacità di creare, poi soppressa nei successivi) e la razza di assaltatori alieni. Scott abbandona i grandi scenari fantascientifici recuperandoli solo nella visualizzazione della grande piazza aliena e nel relativo flashback. Il resto è il racconto di una nuova operazione di recupero che aggiorna la lotta con l'extraterrestre ai tempi nostri, condita da qualche scenario sempre efficace (l'atterraggio del lander sul lago) e un bel po' di sequenze splatter derivate dalle sgradevoli abitudini del mostro. Sulla capacità di Scott di creare mondi e immagini di rara potenza visiva è inutile soffermarsi (è la cifra del suo cinema), mentre dispiace constatare l'affievolimento degli spunti più grandiosi, forse lasciati al terzo capitolo che avrà il compito di riallacciarsi all'ALIEN originario. I lunghi dialoghi tra i due androidi "gemelli" fanno capire l'importanza degli stessi nell'economia della saga e d'altra parte la scarsa consistenza del resto del cast e dei relativi personaggi evidenzia come ciò che esula dal mondo "sintetico" ricalchi senza troppo estro l'impostazione degli Alien firmati Scott, fondati sostanzialmente sui drammi di chi va in avanscoperta, le difficili missioni di recupero e la trasmigrazione a bordo del pericolo. Ad ogni modo è un sequel degno, visivamente accattivante, piacevole da seguire e con qualche brillante momento dosato con parsimonia. Per un episodio "ponte" può bastare.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/6/17 5:51 - 9639 commenti

Grande narratore contemporaneo, Ridley Scott filma ancora una volta il connubio tra genere horror e fantascienza esistenzialista (l'eterna ricerca del creatore). Attraversando i pianeti, i suoi alieni diventano la perfetta metafora della malattia dell'uomo che infetta le forme viventi come un virus pandemico. Un degno sequel di Prometheus, con mirabili scenografie ed effetti speciali impeccabili che difetta solo nel cast, stavolta più debole del solito e che manca (o forse è voluto) di una figura carismatica dominante.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 13/5/17 1:31 - 3914 commenti

Parte un po’ a rilento, pur con interessanti spunti visivi. Ma quando ingrana, questa pellicola mostra le sue potenzialità, tra le quali spicca l’androide, che della razza umana si è fatto un’idea ben precisa, includendo anche i “creatori”. Trattasi di vero e proprio istrione, che mette in ombra il resto del parco attorico, facendosi rubare la scena solo dalle creature, sempre affascinanti nel loro essere letali. Il colpo di scena finale si può intuire, ma non danneggia comunque l’epilogo, decisamente beffardo. L'Alienico vaso di Pandora precedentemente aperto ha prodotto un buon sequel.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le spore organizzate; "Com'era quella cosa della curiosità e del gatto..."; L'alieno assalta la navetta (scena di grande impatto audiovisivo).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Rebis 22/5/17 13:55 - 2036 commenti

Per sviluppare il mondo immaginale di Prometheus ed emulare l'impeto marziale cameroniano, Scott gira il suo Apocalypse Now: si addentra nel cuore di tenebra del capitalismo biogenetico interstellare, più a fondo nel creazionismo. Il clima trascendente è in parte dissipato, ma le nuove implicazioni solleticano l'attenzione e preparano il ponte narrativo che condurrà all'atterraggio sul pianeta LV-426 (e ad un probabile innesto su Blade Runner). Fassbender troneggia, indiscusso Prometeo cibernetico, mentre il resto del cast arranca per distinguersi in un'epica sfarzosa che anela al mitologema.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 3/7/17 0:31 - 3207 commenti

Si ritorna al duello originale ma la mano di Scott è sempre ispirata nel costruirgli attorno prologhi sfaccettati, nello sviluppare tensione e scontri serrati sul terreno, nel disegnare una galleria tambureggiante di esiti ineluttabili e magistralmente montati. Gli si può imputare un declassamento dei temi filosofici e un cast meno roboante rispetto a Prometheus ma come fanta-action tiene bene e le relazioni tra i personaggi appaiono comunque buone, abbastanza coerenti.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 15/5/17 15:21 - 2436 commenti

Il prequel di Alien, iniziato con Prometheus, continua con questo film che si può definire un mix fra il Alien e il secondo, diretto da James Cameron. Micheal Fassbender ha ormai rimpiazzato degnamente Sigurney Weaver, anche se i suoi comportamenti fanno presagire fin troppo il finale del film. Eppure ci s'immerge volentieri in questo nuovo scontro splatter fra uomani e alieni dove Fassbender si sdoppia in un due androidi (uno buono e uno cattivo). Il Ridley Scott del 1979, però, non c'è più, anche se questo capitolo non è male.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Enzus79 21/5/17 9:44 - 1533 commenti

Come Prometheus, Alien Covenant non mi ha deluso, anzi. Forse in alcuni casi è anche meglio (ma si parla di dettagli). Storia scritta e pensata bene, non solo per coinvolgere ma anche per far riflettere su alcune tematiche filosofiche (vedi la creazione). Michael Fassbender si conferma ottimo attore, seppur in ruoli a lui poco congeniali. Comunque, grande esempio di cinema.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Pinhead80 23/5/17 19:05 - 2822 commenti

Dopo il mezzo passo falso di Prometheus gli xenomorfi tornano nuovamente a fare sul serio seminando il panico e la morte tra gli umani. La partenza è di quelle lente, atte a cucinare per bene lo spettatore e prepararlo a una seconda parte senza un attimo di respiro. La genesi del male si mostra ancor più terrificante di quanto si potesse pensare e questo contribuisce non poco a far crescere il senso di disagio interiore. Passano gli anni ma il fascino di questa saga rimane intatto.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Lucius  20/5/17 10:16 - 2561 commenti

Uno Scott in stato di grazia ci regala un altro eclatante capitolo della saga di Alien: più minaccioso degli altri, con un'atmosfera dark adrenalinica e un cast ispirato in cui primeggia Fassbender con una duplice, impagabile interpretazione. L'omaggio a Kubrick è un omaggio sentito. Il montaggio è serrato e l'aspetto tecnico risulta curatissimo. La sceneggiatura c'è e la magia si ripete, tra colpi di scena e attacchi mozzafiato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bacio tra i due replicanti e la voce in sottofondo: "Cos'è questo se non amore?"; I corpi della civiltà annientata, in stile Pompei.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Belfagor 16/5/17 20:50 - 2462 commenti

Lo splendore visivo della prima ora, fra tecnologie futuristiche e abissi cosmici, ci riporta ai fasti del 1979 e fa sperare in una degna continuazione di Prometheus. Purtroppo, quando ci si ricollega al primo capitolo la qualità precipita in un brodo (di coltura) allungato a discapito del buon senso. Si arriva col fiato corto a un finale decisamente telefonato. Anche i primi xenomorfi non convincono del tutto, troppo esposti rispetto al sapiente dosaggio originale. Ottima la prova di McBride, Fassbender si sdoppia e gigioneggia.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Il ferrini 14/5/17 20:08 - 873 commenti

Esperienza visiva straordinaria, as usual, ma con una marcia in più sul piano narrativo rispetto a Prometheus. Il doppio ruolo giova a Fassbender, che può in tal modo estendere lo spettro delle emozioni nella sua interpretazione. Effetti speciali di altissimo livello, stavolta di natura molto più simile a quelli del capostipite della serie; gli attacchi sono repentini, da balzo sulla sedia e questo contribuisce a creare un buon clima generale di tensione. Insospettabile cameo di Franco in apertura e colpo di scena finale piuttosto prevedibile.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Von Leppe 16/5/17 19:35 - 788 commenti

La trama di questo nuovo episodio di Alien non è certo originale, rispetto alla piega che aveva preso con il precedente Prometheus, ma grazie alla regia di Ridley Scott il film è abbastanza riuscito. Torna l'alieno creato da Giger che, però, con gli effetti del nuovo millennio diventa più agile e scattante. Notevoli i paesaggi del pianeta, come ci ha abituati il regista, tra cui spicca una riproduzione aliena del dipinto "L'isola dei morti" di Bocklin.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Taxius 15/5/17 1:13 - 628 commenti

Con Covenant Scott torna alle origini della saga, lasciandosi alle spalle Prometheus e riprendendo il genere horror che tanto aveva contraddistinto il capostipite. Il film a tratti è molto violento e il sangue certo non manca come non manca il gioco al massacro della creatura. La luce è sempre molto scura e plumbea e questo aumenta il senso di angoscia e orrore. Il vero protagonista è il fantastico doppio Fassbender, che ruba la scena a una non esaltante Waterson. Parte un po' lentamente ma quando ingrana non c'è più respiro.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Viccrowley 13/7/17 9:32 - 608 commenti

Perché mai insistere fino allo sfinimento su saghe che ormai hanno dato da tempo immemore il meglio di loro? Scott, dopo l'ambizioso ma tutto sommato mediocre Prometheus, rilancia e continua a sproloquiare sulla creazione dell'uomo, su chi siamo e chi ci ha messi al mondo, farcendo il tutto di filosofia spiccia. Fassbender è il mattatore assoluto e nel doppio ruolo da androide chiacchiera e ciancia a non finire relegando gli xenomorfi a semplici comparse fatte di brutta CGI. Come da logica hollywoodiana si continua a raschiare il fondo del barile.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Thedude94 13/5/17 2:29 - 124 commenti

Scott prosegue nel tessere la trama di Prometheus sull'onda lunga di quello che era il film precedente, ma con degli accorgimenti sia per quanto riguarda la trama, più avvincente, sia per quanto riguarda le scene d'orrore di combattimento contro quegli esseri. Ottimo davvero Fassbender, meno convincente la Waterson e buone performance di Crudup e soprattutto di McBride. Nulla da dire sulla regia, come al solito efficace e sugli effetti visivi, davvero spaventosi e a volte splatter. La via sembra essere quella giusta.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Josephtura 22/5/17 16:40 - 62 commenti

Nuovo capitolo della saga. Anche in questo episodio viene mostrato come la prudenza del genere umano si sviluppi in modo contrario alla loro tecnologia. Ogni occasione per finire nei guai viene prontamente sfruttata. Anche gli alieni (i creatori di Prometheus) soffrono di gravi problemi riuscendo a divenire in pochi attimi una specie estinta. Belle le immagini, scarso il resto. Nuova versione del doctor Moreau. Di genere e poco più.
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)

Zaratozom 14/5/17 9:04 - 52 commenti

E così Scott riscopre Hal 9000 incentrando la filosofia del gore in una visione di mondi alieni che sembrano figli del Druillet do "Metal Hurlant" più che di Giger. Piacerà anche a chi si è perso Prometheus, perché è un film che può campare anche da solo. Auguriamoci che le riprese della terza parte, che aggancerà i fatti terribili della Nostromo, avvenga presto e che abbia sempre un Fassbender in questo stato di grazia. Come nel primo film, anche qui gli outtakes da DVD saranno indispensabili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Per i fans più accaniti c'è sul tavolo di comando il giocattolino che si abbevera chinandosi sul bicchiere d'acqua: lo stesso del 1979.
I gusti di Zaratozom (Fantascienza - Horror - Thriller)

Rikycroc77 28/5/17 14:52 - 33 commenti

Scott amplia l'universo della sua creatura più celebre con un horror raffinato, cupo e affascinante, che dona una sfumatura più filosofica alla saga. Punti di forza sono il comparto visivo, la colonna sonora penetrante e il tema della creazione, ottimamente rappresentato da un monumentale Fassbender. Interessanti le nuove creature e gustose le scene splatter. La prima parte sa troppo di già visto e i personaggi sono piuttosto anonimi, ma poi il film mette il turbo e regala un'esperienza adrenalinica e coinvolgente. Fantascienza di qualità!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit; La prima vittima dei Neomorfi; David e il suo "laboratorio"; La scena del flauto.
I gusti di Rikycroc77 (Animali assassini - Fantascienza - Horror)

Crusow92 16/5/17 13:33 - 17 commenti

Dall'imperfetto ma godibilissimo Prometheus, Scott realizza un seguito molto più vicino a classici fasti della saga. Gli xenomorfi (in un'ottima CGI) tornano in grande stile con la loro feroce brutalità e i momenti horror/gore si sprecano, tra smembramenti e neomorfi che fuoriescono lacerando corpi umani ospiti. Tecnicamente eccelso (Scott ci ha abituato bene) il film però trascina con sé qualche difetto del predecessore: lo script e i personaggi non convincono appieno; sopratutto la protagonista, poco "scottiana" se paragonata alle precedenti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Fassbender regge "da solo" il cast; La nave Covenant che spiega le vele (spaziali) per colonizzare un nuovo mondo; Gli xenomorfi in azione.
I gusti di Crusow92 (Gangster - Horror - Thriller)

Emil 16/5/17 0:31 - 15 commenti

All'interesse di scoprire nuovi dettagli sulla natura degli Ingegneri si unisce l'aspettativa per il ritorno dello xenomorfo, accompagnato da suggestive esplosioni di violenza. Fassbender prosegue la strada intrapresa in Prometheus raggiungendo un'ulteriore livello di caratterizzazione. Waterston in parte, ma "attiva" perlopiù nelle fasi finali. Rimangono domande irrisolte, maggiormente legate alla stramba biologia inaugurata dal prequel, resa qui ancor più complessa. Soddisfatto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La nascita del primo "chestburster"; Walter e David.
I gusti di Emil (Animazione - Fantascienza - Thriller)