Cerca per genere
Attori/registi più presenti

STUNG

All'interno del forum, per questo film:
Stung
Titolo originale:Stung
Dati:Anno: 2015Genere: animali assassini (colore)
Regia:Benni Diez
Cast:Matt O'Leary, Jessica Cook, Lance Henriksen, Clifton Collins Jr., Cecilia Pillado, Eve Slatner, Daniele Rizzo
Visite:152
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/5/17 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/6/17
Se un tempo le invasioni di api puntavano all'effetto sciame per spaventare, oggi l'invadente sbarco della computer grafica nel campo permette di puntare ad effetti più disgustosi relegando l'attacco in massa alle prime scene, quasi un atto dovuto prima di passare al gigantismo che può poi introdurre a uno splatter più accattivante. Il set è una lussuosa festa nel parco di una villa; l'arrivo delle vespe in massa, dopo due o tre avvisaglie minime concluse con schifosi quanto facili spiaccicamenti, trasforma la serata in un fuggi fuggi generale tra grida e ronzii. Come se non bastasse le vespe s'infilano nei corpi di alcuni malcapitati, crescono d'improvviso e se ne escon fuori squartandoli dall'interno stile ALIEN; sarà un caso che nel ruolo del sindaco, invitato al party, ci sia proprio quel Lance Henriksen che nel sequel targato Cameron era stato l'indimenticato androide Bishop? Peggio per lui, ad ogni modo, perché le sciocchezze che la sceneggiatura gli mette in bocca non fanno onore a colui che fu una delle icone massime del cinema horror Anni Ottanta. Così, mentre le api si palesano come insettoni enormi, bavosi e appiccicaticci, i più fortunati (sindaco compreso) riescono a riparare all'interno della villa, dove finiscono col barricarsi in una sorta di nuova NOTTE DEI MORTI VIVENTI. Qui, nella semioscurità che la fotografia riesce in qualche modo a rendere un po' più attraente rispetto alle scene in esterni, s'introdurranno comunque i mostri coi quali combattere, mentre i protagonisti si scambiano aneddoti di nessun interesse confermando l'impressione di uno script sciagurato portato in scena da personaggi di raro squallore (la giovane organizzatrice del catering e il suo assistente in primis). La regia movimenta il tutto con veloci cambi d'inquadratura e il montaggio si adegua ma non basta; i difetti stanno nella mancanza di sviluppi degni che possano andare al di là dell'attacco ravvicinato. Gli effetti speciali sono accettabili (si parla sempre delle riprese al buio, perché alla luce del sole casca il palco), anche se ogni tanto i movimenti son talmente veloci che non ci si capisce nulla (salta fuori una testa infilzata e non si capisce di chi sia), ma il quadro complessivo avvicina il film agli sforzi più dimenticabili nel genere, riagganciati definitivamente nel tremendo finale all'aperto (con tanto di coitus interruptus nel furgoncino...). Il sangue scorre, ad ogni modo, e gli smembramenti assortiti non mancano. Vista l'antipatia di tutti i personaggi una soddisfazione non da poco...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 8/5/17 16:29 - 3951 commenti

Il catering è uno sporco, pericoloso lavoro, ma qualcuno deve pur farlo… Potrebbe essere questo il sunto di una pellicola che, almeno all’inizio, sembra persino avere una sua dignità, ma che poi, di vespone in vespone, scivola nel ridicolo. Ed è un peccato, perché gli effetti non sono pessimi (almeno, non da produzione di basso livello). E se ci si fosse spremuti un minimo con la sceneggiatura, curando i dialoghi, ne sarebbe potuto scaturire qualcosa di persino decente. Invece, finisce solo per essere uno spreco di vespe, con contorno di personaggi inconsistenti, se non pietosi (il sindaco).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Uscita del vespone dalla bocca; Riunione di famiglia (mamma, figlio e larva); Muccaleso...Con minaccia di sequel.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 8/5/17 1:10 - 6540 commenti

Durante un ricevimento in una grande villa isolata, gli ospiti sono attaccati da vespe geneticamente modificate che infettano i colpiti con uova stile Alien ma più veloci nello sviluppo... Bischerata imperdibile per i completisti del genere animali assassini, mentre gli altri possono felicemente astenersi. Non è neppure girato male, anzi si nota una certa cura nella fotografia e nel montaggio, ma i dialoghi fanno digrignare i denti e gli effetti speciali sono mediocri. Henriksen è presente in quota "vecchia star destinata a far brutta fine".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Pumpkh75 4/8/17 13:48 - 980 commenti

Bene gli effetti speciali degli insettoni, benissimo le secchiate di splatter, male quello che sta intorno: la storia svanisce dopo la scena della festa, i dialoghi sono tra i peggiori che io ricordi, i due giovani protagonisti non trovano alchimia né tra loro né con noi (Henriksen e Collins jr vanno un filino meglio). Sul finale poi il film stramazza completamente, rialzandosi sulle ginocchia solo negli ultimissimi secondi; come revival di un certo fantahorror ormai defunto potrebbe anche passare, in generale c’è da tirargli le orecchie.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Pesten 30/7/17 7:28 - 125 commenti

Produzione semi tedesca per questo comedy horror che tutto sommato poteva essere peggio. E' vero che i dialoghi sembran quasi improvvisati, vista la pochezza, è vero che alcuni momenti sono così vuoti che sembrano aggiunti per fare minutaggio, ma nel complesso l'azione e anche gli effetti speciali (decisamente meglio di quintalate di pellicole ben più famose) aiutano a rendere interessante la visione.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)