Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ROSSO ISTANBUL

All'interno del forum, per questo film:
Rosso Istanbul
Titolo originale:Istanbul Kirmizisi
Dati:Anno: 2017Genere: drammatico (colore)
Regia:Ferzan Ozpetek
Cast:Halit Ergenç, Tuba Büyüküstün, Mehmet Günsür, Nejat Isler, Ergin Bal, Selim Bayraktar, Ipek Bilgin, Yelin Bilgin, Cemre Ebuzziya, Ayten Gökçer, Cigdem Onat, Serif Sezer, Zerrin Tekindor, Serra Yilmaz, Reha Özcan
Visite:375
Il film ricorda:L'avventura (a Nancy)
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/3/17 DAL BENEMERITO MINITINA80
PROSSIMAMENTE: annunciato a breve un nuovo commento (firmato LUCIUS) su questo film


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Myvincent
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Ira72
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Nancy
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Ryo, Minitina80, Macbeth55


ORDINA COMMENTI PER:

Myvincent 9/3/17 22:21 - 1784 commenti

Un uomo torna dopo vent'anni nella sua Istanbul per riscoprire soprattutto se stesso e ricominciare da dove sembrava scappato. Ferzan Ozpetek cambia registro e si scopre riflessivo, indagando sulle "ragioni" dell'amore, mettendo in scena personaggi intercambiabili; perché in fondo non c'è molta differenza fra realtà, finzione, letteratura. Sullo sfondo il dramma dei profughi in una città così cambiata eppure così uguale a se stessa. Premiato il suo sforzo complessivo per non rischiare di ripetersi troppo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il Bosforo, vero "occhio del ciclone" dell'intera storia...
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Ryo 16/3/17 2:41 - 1446 commenti

Ozpetek, con questo ultima pellicola, cambia radicalmente stile e modo di raccontare la sua storia. Il film risulta di un'elevata introspezione e di lentezza esagerata. I personaggi sono sicuramente profondi, ma le loro storie non destano un'interesse tale da tenere viva la voglia di arrivare a sapere la fine (se non fosse per il mistero del regista scomparso a inizio film, di cui è lecito chiedersi dove sia finito, come e perché).
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Minitina80 6/3/17 18:45 - 1130 commenti

Il limite più grande è l’estrema lentezza con la quale Özpetek imbavaglia la sua ultima fatica. In alcuni frangenti è davvero estenuante e la speranza che da un momento all’altro succeda qualcosa che spezzi la monotonia diventa ben presto una necessità impellente. È un film drammatico abbastanza inconsistente, incapace di suscitare interesse a causa di una storia insipida, narrata male e con dei protagonisti imbolsiti verso i quali è difficile provare empatia. Inutile cercare messaggi tra le righe che possano giustificarlo, tanta è la noia.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Nancy 18/3/17 16:39 - 678 commenti

Tratto da un suo romanzo, Ozpetek ricerca un'autorialità forzata partendo da una storia in tutto simile all'Avventura di Antonioni. Ma certo manca di finezza sentimentale per poter costruire un film che si basi solo su sguardi e belle immagini. In questo senso, tecnicamente, è di sicuro il miglior Ozpetek mai visto: fotografa una Istanbul magica; ottimo anche il suono e indovinati certi movimenti di macchina, ma è l'incisività di una sceneggiatura coerente da far interpretare degnamente agli attori a mancare profondamente. Peccato.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ira72 25/6/17 18:08 - 396 commenti

Ozpetek si è sempre distinto per la scelta delle ambientazioni, degli arredi e delle colonne sonore. Anche qui non si smentisce e la sua firma è forte e chiara. Entriamo così vorticosamente nella sua Istanbul e l'amore patriottico si respira profondamente per l'intera durata del film. C'è poesia anche in questo lavoro, più lento e introspettivo, meno commerciale e ruffiano. Forse Deniz nel Bosforo si è perso per sempre, ma Oran, cercandolo, ritrova se stesso, conciliandosi con un passato doloroso. Meno orpelli e frasi a effetto avrebbero giovato.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Macbeth55 7/3/17 18:50 - 27 commenti

Sconcertante l'immobilità di idee che questo film manifesta, dove il filo logico si riavvolge di continuo in un disordine drammaturgico che porta lo spettatore a un imbarazzante conto alla rovescia. In alcune scene si ha addirittura la sensazione di déjà vu, per non parlare addirittura di plagio (il nuotare inteso come catarsi è copyright morettiano!), con un cast guidato verso la non espressione di sentimenti già di per sé confusi e, quando un minimo di coerenza affiora, estremamente banali. Si salvano solo Istambul e il fonico.
I gusti di Macbeth55 (Commedia - Documentario - Fantascienza)