Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LAKE PLACID VS. ANACONDA

All'interno del forum, per questo film:
• Lake Placid vs. anaconda
Titolo originale:Lake Placid vs. Anaconda
Dati:Anno: 2015Genere: animali assassini (colore)
Regia:A.B. Stone
Cast:Yancy Butler, Corin Nemec, Skye Lourie, Robert Englund, Annabel Wright, Oliver Walker, Laura Dale, Ali Eagle, Georgina Philipps, Heather Gilbert, Jenny May Darcy, Nigel Barber
Note:Aka "Lake Placid versus Anaconda". Sequel di "Lake Placid" e "Anaconda".
Visite:98
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/2/17 DAL DAVINOTTI
E dopo quattro film al Lago Placido e altrettanti dell'anaconda arriva l'ora del match-up. Una produzione studiata appena meglio della media. Lo vedi dalla volontà di non eccedere con gli effetti speciali quando non si hanno i mezzi (è un tv movie dopotutto), dall'aver azzeccato almeno un personaggio (la sceriffa Reba, cui Yancy Butler riesce a donare espressività e determinatezza), da una sceneggiatura che se non altro prova a inserire qualche variante insolita (la sorellanza collegiale in gita, per quanto possa apparire un'idea detestabile). Nelle prime scene, che seguono le orme del genere senza fantasia, ci ritroviamo di fronte un Robert Englund con benda all'occhio, uncino e gamba di ferro: conosce la zona e ha individuato lui i coccodrilli che l'immancabile multinazionale senza scrupoli ha catturato per ricavarne una sorta di siero per l'immortalità incrociando una secrezione degli stessi con una rara orchidea (mah...). Purtroppo prevedibilmente le bestie scappano e salta in aria tutto, con conseguente infestazione della zona. La sceriffa, assieme a un guardiacaccia (Nemec) preoccupato per la figlia lì con le amiche, cerca di ricomporre i danni senza avere la più pallida idea di che razza di mostri si debban cercare. I diversi segmenti da seguire diventeranno in breve quattro: da una parte i rappresentanti dell'ordine costituito, dall'altra la perfida manager della multinazionale con tirapiedi al seguito (ed Englund ri-arruolato per cercare di acchiappare coccodrilli e anaconde in fuga); poi ancora il gruppo di teenager attraenti che trascorrono il tempo sulle rive del lago in costume o anche tette all'aria agli ordini della tirannetta deputata a scegliere chi entrerà nella sorellanza Delta e infine quattro amici alle prese col più tipico dei giri in motoscafo con tavola da evoluzioni trainata da una fune (lo sci d'acqua è da vecchi, ormai). I coccodrilli si fan vedere inizialmente al lago e non è male quando sbocconcellano le loro vittime cominciando dai piedi e lentamente a risalire, mentre l'anaconda ha il suo unico vero momento di gloria quando stritola una grossa jeep. Poi azioni di terra meno eclatanti, con gran schizzi di sangue e l'immancabile umano deglutito per intero dal serpentone. Funziona qualche sparuto dialogo (ma solo se c'è di mezzo la sceriffa), qualche cattiveria gratuita ad opera della leader delle aspiranti Delta, i fisici da urlo di certe ragazze in succinti costumini ma a dire il vero non molto altro, tanto che l'ultima parte chiude nella più scialba delle routine in radura, tra gran fucilate e un pezzo di anaconda che schizza chissà come in cielo beccando in pieno un elicottero e tirandolo giù (!). Insomma, le intenzioni erano buone, ma col passare dei minuti scemano e si ritorna sui bassi livelli consoni al filone. Peccato.
il DAVINOTTI