Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LE AVVENTURE DELLA "BANDA DI TESTA DI CANE" - I CORTI DI GIOVANNI CACIOPPO

All'interno del forum, per questo film:
• Le avventure della
Dati:Anno: 2005Genere: antologia (colore)
Regia:[5e] Giovanni Cacioppo, Franco Diaferia
Cast:Giovanni Cacioppo, Riocco Ciarmoli, Renzo Sinacori, Gennaro Pierro, Marco Guarena, Mauro Mangone, Claudio Sterpone, Franco Neri, Francesca calzolari, Federica Calzolari, Sara Formetto, Angela Piccolo, Luca De Felice, Matteo Tedesco
Note:5 episodi: "La presentazione della banda", "La prima rapina in banca", "Sequestro di persona", "La rapina informatica", "Sequestro di persona (2a parte)". Negli extra: "Il mago Universus".
Visite:148
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/16 DAL DAVINOTTI
Raccolti in un dvd 5 "corti" di avventure della banda di Testa di Cane, estemporanea invenzione del comico Giovanni Cacioppo, apprezzato in numerose trasmissioni televisive di successo. Stranamente "Testa di cane" non è lui ma Rocco Ciarmoli (anch'egli un breve passato a Zelig, forse qualcuno lo ricorderà nelle "Tutine", sorta di parodia dei ballerini pop in tuta attillata), che con un'improbabile e arruffata parrucca si preoccupa di ideare rapine e sequestri coinvolgendo gli altri elementi della banda (assieme a Cacioppo ci sono Renzo Sinacori e Gennaro Pierro). Si parte con LA PRESENTAZIONE DELLA BANDA, in cui come da titolo veniamo introdotti ai curiosi personaggi che compongono il gruppo. Ma ci si diverte soprattutto con l'introduzione di Cacioppo, nella quale il nostro spiega come in Sicilia manchi "fortunatamente" il lavoro e si sia spinti a non far nulla godendosi il sole e il mare. Poi l'arrivo al "Bar Italia '90", punto fermo di ogni giornata, dove conosciamo Pasquale (Pierro), Carmelo (Sinacori) e naturalmente Rocco "Testa di cane" (Ciarmoli), "mente" riconosciuta del gruppo (non certo in virtù della sua intelligenza, ma quella manca a tutti). E' il corto più breve (5 minuti) ma che incuriosisce predisponendo a vedere la banda in azione. Cosa che avverrà in LA PRIMA RAPINA IN BANCA (18 minuti), con Rocco che illustra agli altri come dovranno scendere nel condotto fognario e derubare una banca. Molto più ignoti dei SOLITI IGNOTI, i nostri eroi non arrivano neanche a realizzare un minimo di ciò che si prefiggono, andando incontro a equivoci e imprevisti di ogni genere dovuti alla loro totale incapacità, che darà vita a gag surreali e fatalmente un po' improvvisate (Ciarmoli càpita che s'impaperi senza che ci si ponga il problema di rifare la scena). E' un po' il leit motiv di ognuno dei corti: chiaramente il budget è ridottissimo, tuttavia chi s'accontenta troverà un umorismo talvolta brillante e trovate simpatiche, sempre caratterizzate dall'abissale ignoranza dei protagonisti in ogni campo. Risolta scioccamente la rapina (la banda sbucherà in un cinema porno in piena proiezione, costretta pure a pagare il biglietto dalla "maschera" Franco Neri) si passerà al classico SEQUESTRO DI PERSONA (13 minuti), con Testa di cane che propone di rapire un giovane che gira con macchinona sportiva. Ovviamente l'obiettivo si rivelerà sbagliatissimo (il poveretto è povero in canna), ma sono sempre divertenti i fogli con i disegni del piano e pure la confessione finale della vittima. Diviso in due parti (separate e indipendenti) il corto si interrompe per raccontare LA RAPINA INFORMATICA (10 minuti), dove Testa di Cane propone (con comica semplicità) di derubare una banca attraverso un computer (comprano un Commodore 64!). Per l'occasione Carmelo farà un corso di tre mesi per imparare a usarlo ma non servirà a nulla, cosicché la banda deciderà di fare una rapina via... fax. Una spassosa parodia dei colpi ultratecnologici, con dei criminali che non hanno la minima idea di cosa sia un computer... Segue un nuovo SEQUESTRO DI PERSONA (2A parte, 19 minuti), questa volta ai danni di un vero rampollo di nobile famiglia. Meno incisiva la parte del rapimento, più azzeccata quella in cui tocca decidere come ricattare i ricchi genitori (con inattesa parentesi in Sardegna). La qualità è molto simile per ogni corto, con un discreto numero di gag inevitabilmente penalizzate da una sciatteria diffusa data dalla modestia della confezione. Ad ogni modo c'è un buon numero di battute, Cacioppo in particolare conferma un'ottima predisposizione al comico e pur nei limiti si ride (a patto di accettare uno humour un po' scalcinato originato quasi sempre dall'imbranataggine dei protagonisti, inadeguati ad ogni occasione e privi d'un briciolo di furbizia). Come extra del dvd IL MAGO UNIVERSUS, un corto (5 minuti) in cui Cacioppo riprende un suo vecchio personaggio, il prestigiatore che fa numeri bambocceschi ma muovendo con gran savoir-faire le mani. Sopracciglia folte, papillon rosso, luci soffuse, musica e niente parole. Forse dura persino troppo, ma alcuni numeri sono geniali e chi ama il genere non resterà deluso.
il DAVINOTTI