Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SULLY

All'interno del forum, per questo film:
Sully
Titolo originale:Sully
Dati:Anno: 2016Genere: biografico (colore)
Regia:Clint Eastwood
Cast:Tom Hanks, Aaron Eckhart, Valerie Mahaffey, Delphi Harrington, Mike O'Malley, Jamey Sheridan, Anna Gunn, Holt McCallany, Laura Linney
Visite:1059
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 26
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/11/16 DAL BENEMERITO CAPANNELLE POI DAVINOTTATO IL GIORNO 4/12/16
Per raccontare la storia dell'ammaraggio nell'Hudson dell'aereo pilotato dal comandante Sullenberg (detto Sully) il 15 gennaio 2009 Eastwood sceglie una via diversa da quelle utilizzate abitualmente dal cinema catastrofico. Innanzitutto apre a disastro avvenuto (anche perché certo che ognuno di noi sappia bene com'è finita la storia, col salvataggio di tutti i 155 passeggeri), poi evita la personalizzazione del dramma: i passeggeri sono un'entità unica e indivisibile, virtualmente interscambiabili, vittime predestinate miracolate dall'intervento di un comandante in grado di prendere la decisione giusta (per quanto apparentemente folle) senza titubanze; ma attenzione: la decisione viene a sorpresa contestata in un secondo tempo da una commissione che deve valutare se non sarebbe stato invece più conveniente raggiungere in qualche modo un aeroporto nei pressi. Partendo dalla conclusione l'azione viene rivissuta in flashback multipli che si sovrappongono inseriti in una narrazione frammentata, intervallati dalle riflessioni del comandante che appare a lungo frastornato per l'accaduto. Tom Hanks è bravo a trovare la giusta profondità per interpretare Sully: poche parole, sguardi eloquenti, le difficoltà nel riconoscersi come eroe nazionale nonostante le ripetute dimostrazioni d'affetto, un basso profilo che stride con la grandezza del gesto ma che individua immediatamente la statura del protagonista; più di quella del suo secondo (Eckhart), una buona spalla al completo servizio del comandante che trova il suo momento di gloria giusto nell'efficace battuta su cui si chiude il film. Naturalmente ben rese le ricostruzioni del volo radente e dell'impatto, furbescamente spettacolari gli incubi con lo schianto del velivolo tra i grattacieli. Non è certamente durante il "birdstrike" (lo stormo d'uccelli che s'infrange sui motori distruggendoli) o nelle fasi tese immediatamente successive che emergono le debolezze del film quanto piuttosto nella verbosità delle sedute con la commissione (senza le quali peraltro sarebbe stato arduo raggiungere anche l'ora e mezzo di prammatica), nel vagare silenzioso del capitano per New York, nella lunga fase dei soccorsi. Il lavoro in regia di Clint è al solito impeccabile nel suo secco rigore, ma manca di vero pathos; si avverte lo stesso distacco che Sully prova nei confronti di ciò che lo circonda (forse a causa della ricostruzione ai limiti del documentaristico) e non basta l'intervento della moglie di Sully (Linney) qua e là a rendere davvero "vivo" il personaggio. I titoli di coda mostrano il vero Sully a colloquio coi “miracolati”, che si presentano non con il loro nome ma con il numero del sedile occupato quell'indimenticabile 15 gennaio.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/4/17 5:55 - 9795 commenti

La storia del comandante Sullenberg, autore di un ammaraggio sull'Hudson, era perfetta per Eastwood che celebra ancora l'epica dell'uomo comune, eroe per caso. Il regista riesce nella non facile impresa di rendere appassionante una vicenda abbondantemente nota, concentrandosi sulle incertezze e le fragilità del protagonista, riluttante al clamore che si scatena intorno a lui. Hanks è l'interprete ideale di Sully, ma ancora una volta stupisce la capacità del cinema americano di qualità di scegliere volti perfetti anche per i ruoli secondari.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Il Gobbo 6/12/16 12:19 - 2990 commenti

Solido e classico, nutrito di temi tipicamente clintiani: il Singolo vs l'organizzazione (o la burocrazia); la ricerca di una moralità nel fare bene il proprio lavoro, come presidio di dignità personale e difesa contro una società che può essere dura ma sa anche riscattarsi nella solidarietà collettiva. Girato impeccabilmente, con un Hanks credibile e misurato. Sconsigliato agli "air nervous".
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Puppigallo 5/12/16 11:44 - 3953 commenti

Con ciò che aveva a disposizione (non molto), Clint ha saggiamente ridotto il minutaggio rispetto ai suoi standard, cercando di riempire i vuoti di una pellicola che poteva sopravvivere solo grazie alla descrizione delle conseguenze di una simile esperienza sulla psiche del protagonista (un frullatore mediatico-giuridico, che finisce per rendere assurdamente secondario un più che probabile gesto eroico, frutto di incredibile sangue freddo e un pizzico di sana follia). Resta comunque al di sotto delle sue possibilità, visto che poco rimarrà impresso, a parte il calvario di Hanks.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La richiesta del numero di sopravvissuti; "Meglio un ritardo di un disastro".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 22/1/17 14:19 - 6493 commenti

Il merito principale del film è sicuramente quello di mantenere buono il livello di coinvolgimento, nonostante tutti sappiano gli esiti della vicenda principale. Plauso quindi alla sceneggiatura che sa mescolare i vari piani temporali con grandi capacità. Il film quindi è molto fruibile, anche grazie ad una durata che arriva ad appena 90 minuti. Però per il resto c'è poco da segnalare e se si pensa che a dirigere è un certo Eastwood non si può non rimanere un po' delusi per una regia pulita che qualcuno definirebbe classica, ma senza idee e guizzi degni di nota.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 7/12/16 8:22 - 6560 commenti

Nel gennaio 2009 il pilota di un aereo di linea in avaria riuscì a ammarare il sul fiume Hudson, salvando la vita a passeggeri e membri dell'equipaggio. Da questo fatto di cronaca, E. trae materia per il ritratto di un altro eroe americano, affidato al volto onesto e dubbioso di Hanks, in grado di suscitare molto più empatia rispetto al cecchino del film precedente. Il risultato è un'opera dignitosa, ma anche un poco povera a livello di contenuti per la contrapposizione ripetitiva fra il protagonista e la commissione d'inchiesta, inframezzata da telefonate alla moglie lontana.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 9/10/17 15:08 - 2245 commenti

La storia è nota a tutti (un aereo è costretto a un ammaraggio di emergenza sull'Hudson), ma rimane interessante. Clint Eastwood dirige col suo solito stile da cinema classico, essenziale e senza grande azione e Tom Hanks fornisce un'interpretazione più che valida, donando al comandante il giusto spessore psicologico. Un buon film quindi, al quale però manca la capacità di riuscire a coinvolgere più di tanto lo spettatore (forse anche a causa del fatto che gli esiti finali dell'atterraggio non sono un mistero).
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 13/12/16 21:04 - 2865 commenti

Eastwood ce la mette tutta per aggirare i limiti di una vicenda (un fulmineo disastro aereo a lieto fine) piuttosto striminzita, giocando abilmente con salti temporali e ridondanze e girando da maestro le scene di panico a (sempre meno) alta quota. A posteriori il tutto suona come un pretesto per lodare Usa e rispettive istituzioni, ma essendo lo spettacolo di buon livello (avvincente soprattutto quando sbarca in tribunale) la cosa non infastidisce. Efficaci i due protagonisti, gli altri si dimenticano in fretta.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 20/11/16 0:39 - 3284 commenti

Oltre al personaggio misurato e tormentato di Hanks e a una efficacissima sequenza dell'atterraggio cosa c'era da raccontare? Poco altro; ecco allora che Eastwood avalla l'invenzione narrativa della commissione ostile e prevenuta per creare tensione nel racconto. Ci riesce solo in parte, pur confermando di non essere un novellino dietro la mdp. La stessa durata del film, il più breve mai diretto da Clint, testimonia un certo imbarazzo.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 5/12/16 15:00 - 2483 commenti

Ci sono eroi che sparano come cecchini ed eroi come il pilota di aerei di linea Sully che salvano ben 155 vite ammarando nel fiume Husdon. Clint Eastwood reinventa a suo modo il cinema catastrofico alla Airport rendendolo reale e tangibile cone non mai. Tom Hanks con parrucchino e baffetti bianchi si cala magnificamente nel ruolo del protagonista (piace soprattutto quando ha quegli incubi in cui l'aereo si schianta tra i grattacieli tipo 11 settembre). Il meglio, però, il regista ce lo riseva nei titoli di coda, con i veri passeggeri.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Rambo90 13/12/16 1:03 - 4928 commenti

Robusto film biografico, quasi tendente al catastrofico e molto più riuscito di American sniper, sia nei tempi che in un ritmo che coglie nel segno, tra flashback e presente. La performance di Hanks è ottima, tale da coinvolgere lo spettatore anche nei momenti più spenti, ed è supportata dal bravo Eckhart, sua spalla ma per nulla esornativo. La ricostruzione sa un po' troppo di americanata, ma ciononostante commuove e regala una bellissima parte finale in tribunale. Bene il tema musicale. Notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 20/1/17 18:12 - 4099 commenti

Buona la sceneggiatura, che uscendo dalla sequenza cronologica dei fatti riesce a non far cadere mai l'attenzione e senza bisogno di esagerazioni, ma attenendosi a quella che sembra essere stata la realtà. Sully è una manna per Eastwood, è l'eroe antieroe, è l'americano perfetto nella visione del regista, che fa muovere Hanks come veramente si muove il comandante dell'aereo (nei titoli di coda). Nessuna concessione alla spettacolarizzazione, se non una commissione d'inchiesta inizialmente troppo burbera, ed è questo il maggior pregio del film.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 28/6/17 17:48 - 3100 commenti

La facilità di Eastwood nel narrare vicende relative a eroi comuni è notevole e questa pellicola ne è la prova lampante. Il noto atterraggio del 2009 è narrato con veridicità e senza fronzoli evidenziando le contestazioni burocratiche della vigilanza a fronte della notevole sicurezza del pilota e del suo vice. Il risultato è un film validissimo che si avvale di due ottimi protagonisti ben coadiuvati dal resto del cast. La non eccessiva durata rende il tutto ancora migliore.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Pinhead80 9/12/16 13:08 - 2930 commenti

Tom Hanks veste i panni di un eroe moderno capace di salvare le vite di un intero volo aereo grazie alla sue capacità di pilota navigato e soprattutto di uomo altruista. Non c'era tanto materiale su cui girare il film ma c'era tanto da dire e al solito il buon vecchio Clint riesce nell'intento. Il messaggio arriva chiaro e forte ed è potentissimo. In un mondo costellato di anti-eroi o di super-eroi immaginari esistono anche grandi uomini che nella loro semplicità illuminano la Terra di gioia e speranza.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 25/9/17 11:03 - 2343 commenti

Impressiona come, quasi subliminalmente, il film dica qualcosa di profondo sulla fragilità dell'America post 11 settembre 2001 rispetto a troppe opere che hanno affrontato il tema tanto più direttamente quanto opacamente. Ad Eastwood, per antonomasia uno dei pochi registi "adulti" rimasti in circolazione, interessa l'analisi del gesto (eroico) di Sully, vivisezionato nei suoi dettagli dal protagonista (un Hanks verticalmente impersonale), in grado di porsi da più punti di vista e con più dubbi di qualsiasi macchina simulatrice. Seconda parte un po' "meccanica".
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Piero68 2/3/17 12:11 - 2199 commenti

Questa volta Eastwood sceglie di dirigere in modo piuttosto classico. Per cui se da un lato si perde lo stile asciutto, diretto e senza fronzoli, dall'altro si guadagna in emozioni ed empatia grazie anche a un Hanks quasi immenso. Ma da gran conservatore qual è, l'American style e tutte le sue eccellenze rimangono sempre al centro dell'attenzione. Così, tra retorica spiccia, eroismo a poco prezzo e altruismo dei soccorritori si arriva comunque fino alla fine con la tensione sempre alta. Eastwood diverso ma sempre efficace. Gran film e Eckhart ottima spalla.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'autocitazione con il cartello pubblicitario del film Gran Torino.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 30/5/17 12:08 - 1799 commenti

L'abilità narrativa di Eastwood sa rendere una vicenda arcinota molto interessante, soprattutto per le complicanze giuridiche poco note al grande pubblico. La breve durata non inficia lo sviluppo psicologico dei personaggi, che sono bene caratterizzati da un efficace Hanks e da un sempre bravo Eckhart. Il meglio del film, come pathos, è soprattutto nella seconda parte, con le scene in tribunale, ma non è male pure l'ammaraggio sull'Hudson (anche se la tensione nel film di Zemeckis è maggiore). Intrattenimento di qualità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le varie simulazioni con piloti esperti; L'ammaraggio; Le schegge oniriche.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ryo 16/12/16 19:54 - 1539 commenti

Interessante narrazione degli eventi che hanno portato il capitano Sullenberger a un atterraggio di fortuna sul fiume Hudson di New York. Mi è piaciuta molto la scelta sequenziale degli avvenimenti: comincia il film a fatto compiuto, vengono mostrati gli interrogatori, le interviste... poi ci immergiamo nel flashback dell'incidente per poi tornare al processo finale. Convincente la prova di Tom Hanks. Interessante la vicenda, spaventoso come il volo di uno stormo di uccelli avrebbe potuto causare la morte di un centinaio di persone.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Jena 10/12/16 12:56 - 758 commenti

Stavolta Eastwood adotta un tono minimalista e antispettacolare nel delineare una nuova figura di (anti)eroe americano. Come già in American sniper il taglio è molto realistico, tanto che sembra di assistere in certi punti a un mocumentary. la regia rimane comunque di grande professionalità e Hanks, as usual, si cala bene (abbastanza...) nel ruolo di un ordinary man che fa un'impresa straordinaria. Il tono è quello senza retorica e sentimentale già visto in Flags of our fathers. Buono, in definitiva.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Xamini   3/12/16 1:05 - 753 commenti

In un film fatto di poca sostanza ma tanta suspence, Eastwood dismette la sua naturale asciuttezza per regalare alla sua America il ritratto di un altro eroe, dopo quello del cecchino. Il biopic si discosta un pelo dai fatti laddove dipinge con il sospetto e le tinte scure una NTSB che avrebbe fatto invece solamente il proprio dovere. Ad ogni buon conto, la materia filmica gioca le proprie carte sul fattore umano e, pur con tutti gli espedienti del caso, il buon Clint dimostra di saper costruire un'opera assai godibile anche a partire da un documento di 208 secondi.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Nancy 16/12/16 13:02 - 685 commenti

Eastwood fa un film su un incidente aereo che non è davvero un incidente aereo: è la storia dell'umano eroe americano contro la macchina della burocrazia. Non c'era molto su cui lavorare, ma il regista fa bene a scegliere Hanks per interpretare il pilota esperto ma fragile Sully, salvatore di 155 vite umane: è coi suoi ritmi interiori che noi viviamo il film, ricostruito a pezzi e mai in un climax tensivo da facile "disaster movie", ma col passo della coscienza e della reazione all'evento traumatico. Pessimi gli ultimi 5 minuti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il copilota: "Lo rifarei, ma a luglio".
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Kinodrop 8/6/17 18:06 - 599 commenti

Con Sully il regista si attiene a un fatto di cronaca noto, evitando di sovrapporvi un eccesso di narrazione, senza particolari enfasi retoriche o eroiche. Attraverso un montaggio "a ritroso" si ripercorrono le fasi tecniche ed emotive del pilota, dei passeggeri, dell'atterraggio fluviale e dell'ostile commissione di inchiesta. Si comprende come certe decisioni radicali siano un mix di emozioni estreme e lucidità razionale, al di là di ogni simulazione strumentale. Perfetto Tom Hanks nel ruolo di antieroe, tra fierezza e dubbi. Solido e rassicurante.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 26/12/16 0:50 - 575 commenti

Eastwood racconta l'incredibile ammaraggio sull'Hudson del 15 Gennaio 2009, quando tutte le 155 persone a bordo dell'Airbus A320 della US Airways si salvarono grazie all'abilità del comandante "Sully" Sullemberger e all'efficienza dei soccorsi. Ottima la ricostruzione degli eventi dal punto di vista tecnico-aeronautico e azzeccata la sequenza temporale del racconto, che lo rende appassionante. Un'altra occasione per il vecchio Clint di celebrare un eroe americano, per fortuna senza troppo eccedere in retorica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Preparetevi all'impatto".
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Mtine 15/12/16 15:09 - 200 commenti

Cavare il sangue da una rapa si può: lo dimostra l'esperto Eastwood che, da uno spunto che andava bene per un episodio di un telefilm, riesce a tirare fuori un film di 90 minuti. Un'opera ben fatta, a tratti avvincente, che però deve più alla professionalità di chi lo ha realizzato piuttosto che alla storia in sé: per allungare il brodo il buon Clint deve mostrarci due volte l'incidente e inserire insipidi intermezzi familiari per dare tridimensionalità al suo Sully. Hanks e Eckhart corretti ma un po' sottotono, un po' come tutto il film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sully perseguitato nei pensieri e nei sogni dall'incidente; Il fattore umano.
I gusti di Mtine (Comico - Giallo - Thriller)

Ugopiazza 6/12/16 18:02 - 118 commenti

Clint ci sa ancora fare. Funzionale la struttura: il film dapprima ci lascia solo dedurre l'accaduto tramite la versione di chi non c'era per poi darci modo di giudicare in prima persona l'operato del comandante Sully attraverso l'eccellente sequenza dell'impatto, resa tale dalla mancanza di spettacolarizzazioni che molti avrebbero ingenuamente inserito e dalla sobria attinenza ai fatti reali. Il minutaggio ridotto favorisce la scorrevolezza ma non l'incisività dello straordinario Hanks, che forse per la terza statuetta dovrà aspettare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Non mi sento un eroe"; Il comportamento tenuto dal comandante Sully nei minuti successivi all'impatto; Le simulazioni mostrate nel processo finale.
I gusti di Ugopiazza (Commedia - Horror - Thriller)

Josephtura 5/12/16 12:49 - 74 commenti

Racconto teso e drammatico, con poche pause. Sarebbe il caso che i traduttori prendessero l'abitudine di tradurre l'espressione "I love you" anche con il più semplice "ti voglio bene" invece che il classico ed esagerato "ti amo". Escluse queste forzature zuccherose la storia rimane tesa e drammatica nell'esagerata, ma in fondo mica tanto, inchiesta sull'incidente stesso. Come sua abitudine Eastwood dirige un film secco e teso, bravissimo Hanks.
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)

Macbeth55 5/12/16 19:43 - 30 commenti

Eastwood riesce a raccontare un atto eroico e i relativi dubbi che esso lo sia con estrema misura, senza lasciarsi prendere la mano dai 25 minuti in cui i soccorsi riescono a mettere in salvo le 155 persone tra passeggeri e membri dell'equipaggio. In altre parole non scade nella facile "americanata", con un dosaggio dei tempi che sorprende ma non delude. Tom Hanks è attore consumato e il cast all'altezza.
I gusti di Macbeth55 (Commedia - Documentario - Fantascienza)