Cerca per genere
Attori/registi più presenti

47 METRI

All'interno del forum, per questo film:
47 metri
Titolo originale:47 Meters Down
Dati:Anno: 2016Genere: animali assassini (colore)
Regia:Johannes Roberts
Cast:Mandy Moore, Claire Holt, Matthew Modine, Yani Gellman, Santiago Segura, Chris J. Johnson, Axel Mansilla
Note:Aka "In the deep". Prodotto da Alexandre Aja.
Visite:614
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/9/16 DAL DAVINOTTI
Ennesima variante survivor in tema squali, IN THE DEEP ha tuttavia le spalle coperte: con Aja in produzione c'è la garanzia di non incorrere in film tirati via o eccessivamente ridicoli come spesso capita quando si parla di pescecani. Siamo in Messico, dove un Matthew Modine con bandana e barba non fatta porta i turisti al largo per immergerli in una gabbia a osservare gli squali. Ora è il turno di due sorelle, la maggiore delle quali (Moore) è stata appena mollata dal ragazzo perché noiosa e si è lasciata convincere dalla minore (Holt) a fare qualcosa di quanto più distante possibile dalla noia. Non ha scelto la cosa migliore, lo sappiamo tutti... E infatti, una volta calate nella gabbia, non ci vuol molto prima che il solito inconveniente faccia crollare le due sul fondo del mare tra le grida. 47 metri giù, come dice il titolo. Prevedibilmente nessuno si adopera troppo per salvarle (in tempi brevi, perlomeno) e per un po' dovranno arrangiarsi, dosando l'ossigeno delle bombole e di tanto in tanto uscendo per salire di qualche metro e riattivare il contatto radio con la superficie. Purtroppo per loro gli squali attirati con le esche poco prima non se ne sono andati e circolano nella zona, a rendere la sopravvivenza delle due poverette ancor più difficoltosa. Il regista, Johannes Roberts, ha un compito ben preciso: deve generare quanta più tensione possibile studiando le inquadrature subacquee, mantenere alti i ritmi senza esagerare nel far spuntare pescecani dappertutto. Una mission non troppo semplice, vista la staticità in cui versano le protagoniste, bloccate per forza di cose all'interno della loro "cellula di sopravvivenza" (che ovviamente è messa a dura prova dalle prime "nasate" dello squalo, già sul punto di sfasciare tutto). Il dramma è comunque ben gestito, le due sorelle non eccedono con le lagne e gli squali non sembrano affatto i soliti aborti digitali che infestano gli oceani virtuali degli ultimi anni. Certo, il doversi muovere in spazi limitati non aiuta la varietà e gli squali sono meno presenti di quanto si possa pensare, ma qualche trovata discreta (le torce, il contatto radio a distanza) permette di mantenere il tutto su livelli accettabili. Il resto lo fa il mestiere del regista, con un colpo di scena finale inatteso che sa tanto di Aja (non a caso qui produttore) e una fotografia che ben gestisce il buio delle profondità marine. Meno sanguinario del consueto, più vicino per molti versi a un'ipotetica situazione reale. Modine si vede poco: è evidente che il film lo fanno le due sorelle. Meno vivace e interessante del quasi contemporaneo PARADISE BEACH ma in fondo godibile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/10/17 7:40 - 9791 commenti

Piccola ventata di novità tra gli “shark movies”. 47 metri è un film che sfugge le eclatanti esagerazioni legati al genere e abbraccia un approccio abbastanza realistico. Il regista governa abilmente la tensione dosando attentamente le apparizioni dei veri protagonisti e sfruttando al meglio, con riprese ben fatte ed evocative, l’ambientazione (sotto)marina. Brave le protagoniste “umane” e un finale che lascia il segno.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 31/5/17 17:39 - 3951 commenti

Dignitoso squalo movie, dove i temibili predatori non ringhiano, non fanno altre cose assurde e, soprattutto, non monopolizzano la scena fino alla nausea (non da rollio). Il livello è superiore; e nonostante si avverta, comunque, una certa stiracchiatura di un'idea più da telefilm, la situazione in cui si trovano le due protagoniste è così complicata da far mantenere alto il livello di attenzione dello spettatore. P.S. Da alcune informazioni date precedentemente, non è impossibile subodorare quale potrebbe essere il colpetto di scena. Comunque, non male.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La fine della macchina fotografica; L'inquietante fossa oceanica "Non riesco a vedere cosa c'è sotto"; Il grave handicap della decompressione. .
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 26/9/16 1:00 - 6552 commenti

Se dovessi consolarmi di una delusione amorosa, penso che non prenderei in considerazione l'idea di andare sott'acqua con mia sorella in una gabbia circondata da squali. Accantonata la fragilità dello spunto di partenza, quando le cose si mettono male il film comincia a funzionare, riuscendo a combinare varie paure assortite, in una saga della sfiga che risulta meno spettacolare ma più realistica rispetto alle disavventure di Lively. Anche il colpo di scena finale, pur non del tutto inaspettato, fa il suo dovere, come pure gli squali, le cui apparizioni risultano ben dosate. Angiogeno.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Markus 5/6/17 12:33 - 2324 commenti

Film catastrofico con squali dal morso facile. La pellicola parte con una situazione da vacanza giovanilistica di bellocci un po' antipatici, ma vira ben presto in un dramma da affrontare tutto sommato ben realizzato. Accettata l'improbabilità della vicenda e soprattutto come viene sbrogliata, l'opera di Johannes Roberts è un attanagliante B-movie che mantiene ciò che promette, con una viva tensione protratta per tutta la durata e un finale inaspettato. La buona realizzazione dell'ambiente marino e certe accortezze tecniche riescono e fornire l'empatia necessaria.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Herrkinski 22/9/16 0:02 - 3694 commenti

Dopo un inizio da teen-movie - che ricorda pericolosamente il coetaneo squalesco Paradise Beach - temevo il peggio; dall'immersione in poi però il film si fa serio e anche le due protagoniste, inizialmente un po' irritanti, dimostrano un buon affiatamento e una certa lucidità nelle azioni, anche grazie a uno script che per una volta evita troppe stupidaggini e mette in bocca agli attori dialoghi sensati. Molto efficaci le riprese subacquee, così come gli attacchi degli squali; la tensione è costante e la mezz'ora finale avvince non poco. Buono.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Lucius  1/6/17 0:32 - 2580 commenti

Se in Saw si sdoganava l'atrocità, qui si sperimenta la tensione senza dosaggi; infatti, dopo i primi dieci minuti, dal momento dell'immersione della gabbia, questa la fa da padrona per l'intera durata del film, non dando tregua allo spettatore. Girato molto bene, specie nelle riprese subacquee, con degli squaloni non sempre credibili, questo shark-movie sa il fatto suo: l'angoscia crescente è instillata sapientemente dal regista. Matthew Modine sottotono, inaspettatamente convincenti le due protagoniste.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Jdelarge 6/6/17 13:40 - 581 commenti

Dopo un incipit che avrebbe potuto essere sviluppato decisamente meglio, il film vero e proprio incomincia quando si è sott'acqua. Qui, registicamente parlando, le cose funzionano bene grazie a una fotografia di buon livello e a un sapiente utilizzo di luci e colori. Interessante, inoltre, il fare enigmatico delle persone che dovrebbero soccorrere le malcapitate. Abbastanza inutile, invece, l'abbozzo psicologico dei personaggi, il quale, se fosse stato sviluppato meglio, avrebbe potuto dare al film una marcia in più.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Maxx g 28/5/17 11:14 - 336 commenti

Discreto thriller sottomarino che ha il pregio (in realtà requisito minimo per questo genere di film) di tenere alta la tensione dello spettatore. Il buio cosmico dei fondali del mare e l'ignoto fanno da padroni nel film, anche se la recitazione (eufemismo) delle due protagoniste lascia alquanto a desiderare. Prima di entrare nel vivo c'è una premessa che avrebbe potuto essere gestita leggermente meglio. Merita sicuramente una visione. Valido.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)