Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PELé

All'interno del forum, per questo film:
Pelé
Titolo originale:Pelé: Birth of a Legend
Dati:Anno: 2016Genere: biografico (colore)
Regia:Jeff Zimbalist, Michael Zimbalist
Cast:Kevin de Paula, Vincent D'Onofrio, Rodrigo Santoro, Diego Boneta, Colm Meaney, Pelé, Seu Jorge, Tonya Cornelisse, Mariana Balsa, Leonardo Lima Carvalho
Visite:262
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/6/16 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Nando
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Manfrin
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Puppigallo
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Cotola, Piero68


ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 1/6/16 13:46 - 3952 commenti

Davvero niente di che questa mezza favola (c'è anche un momento drammatico posticcio), dove ci vengono proposti il fuoriclasse da piccolo con i suoi amichetti quasi Disneyani, la famiglia povera ma onesta e tutti i luoghi comuni possibili e immaginabili. La pellicola inizia ad avere un perché solo nel momento in cui partono le ricostruzioni delle partite del mondiale in cui esordì sedicenne. Lì, almeno, ciò che si vede è anche quello che è successo sul campo. Da non perdere i titoli di coda, con spezzoni d'epoca dove Pelé palleggia e danza sul campo facendo anche un doppio tunnel. Regia anonima.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Pelé inizia a giocare come sa, con rovesciata finale; Regala ai suoi una cucina elettrica, dimenticando che nel ghetto non c'è corrente.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 9/6/16 9:05 - 6493 commenti

Biopic molto sui generis con diverse licenze, innesti "lacrimevoli" e con le solite scene madri del caso (che però hanno più pudore che in altre pellicole). I motivi di interesse sono quasi nulli, ed il meglio arriva nella seconda parte quando il giovanissimo Pelè inizia a giocare in nazionale. Per fortuna non annoia grazie ad un ritmo accettabile ed alla durata abbastanza breve, soprattutto per gli standard odierni e per il genere di pellicola. Cammeo per Pelè nella scena in cui i giocatori giocano in albergo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le dichiarazioni razziste del Ct svedese durante la conferenza stampa prima della finale mondiale. .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Nando 5/6/17 17:57 - 3100 commenti

L'infanzia del fuoriclasse carioca culminata con la straordinaria prestazione durante i mondiali di calcio del 1958. Inizialmente lacrimevole e adolescenziale, nonostante l'incontro con un borioso Altafini, la pellicola, successivamente, regala il genio del campione con una ricostruzione più che dignitosa e oltremodo veritiera. Non sempre fare film sul calcio è meritevole ma questo merita comunque interesse.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 5/6/17 9:59 - 2199 commenti

Credevo di poter guardare uno dei tanti biopic sportivi di gran moda nel cinema ultimamente, mi sono ritrovato invece a guardare una sorta di Holly e Benji con inserti di vecchie pubblicità della Nike e infarcito poi della solita retorica imbarazzante. E' davvero triste scoprire che il massimo che il cinema riesca a fare sul calciatore più forte di sempre è questo filmetto dai toni improbabili e quasi patinati, nonostante la miseria da cui proveniva il calciatore. Buonista oltremodo; è apprezzabile solo una certa aderenza storica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La rivalità con Altafini; Il palleggio dall'albergo al faro passando per le cucine che ricorda vecchie pubblicità della Nike.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Manfrin   30/8/16 17:20 - 272 commenti

Come ben sappiamo non sempre il calcio al cinema ha ottenuto grossi successi. Qui siamo di fronte alla storia del più grande e in questo caso il risultato nel suo complesso è apprezzabile. Dei due interpreti il ragazzino è più spontaneo ed effervescente, mentre l'ambito famigliare e della favela brasiliana è ben assemblato. Forse troppe scene calcistiche al rallentatore, con spettacolarità inutilmente calcate: era il più grande e basta.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)