Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE CONFESSIONI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/5/16 DAL BENEMERITO GRADA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 11/7/16 1:14 - 6493 commenti

Una grandissima occasione, clamorosamente sprecata. Contesto ed ambientazione sono molto interessanti (poteva essere il Todo modo dei nostri tempi), decisamente meno lo sono gli sviluppi narrativi e soprattutto i dialoghi, la maggior parte dei quali sono terribilmente banali, sempre altisonanti ma vuoti, qualunquistici e da latte alle ginocchia. Finale più che patetico. I personaggi sono di carta velina, con psicologie d'accatto, fasulle e manicheistiche. Andò ancora una volta punta troppo in alto e mal gliene incoglie poiché non ha la statura autoriale per farlo. Almeno non annoia.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 2/11/17 1:00 - 6554 commenti

Il suicidio del direttore del FMI getta nello sconcerto i ministri dell'economia dei paesi più industrializzati del mondo, riusciti nel GB per assumere decisioni gravide di conseguenze... Vola alto Andò, apparecchiando una tavola sontuosa attorno alla quale dispone alcuni attori di valore. Peccato che le pietanze servite siano da nouvelle cousine: bella apparenza, poca sostanza, ossia confezione accurata ma sceneggiatura inconcludente, dialoghi pieni di sentenziose banalità, personaggi che in alcuni casi restano appesi al nulla. Film che parte bene ma non va da nessuna parte.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 6/9/16 22:47 - 3282 commenti

Profonda vaccata che, oltre a sprecare un cast variegato e proporre un intreccio giallo che non convince nessuno, vuole giocare su una risibile contrapposizione tra il monaco buono e il gruppo di potenti intenti ad affamare il mondo. Ad abbruttire il tutto una serie di icone della banalità: la cattiva teleconnessa, la scrittrice premurosa, le guardie in nero, la formula segreta, il russo porcello. Tra confessioni forzate e dialoghi di denuncia ricopiati dalla più elementare dialettica social, più si prosegue peggio diventa.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Myvincent 2/5/16 19:08 - 1888 commenti

In un summit di grandi manovre finanziarie si riuniscono i potenti del mondo, con in più un monaco italiano che raccoglierà le confessioni del suo massimo vertice (che si riveleranno "inconfessabili"). Un affresco contemporaneo ipnotico che cattura l'attenzione, inducendo a riflettere sul deplorevole cinismo di chi decide le sorti del mondo sulla pelle della povera gente. Stile asciutto e impeccabile, al cui contenuto contribuisce un notevole Toni Servillo, qui quantomai credibile. Un altro esempio di grande cinema tutto nostrano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il gran finale col nuovo nome assegnato al cane della compagnia.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Grada 2/5/16 11:17 - 25 commenti

Ambizioso, ma non convince. I protagonisti di un G8 riuniti in un summit sono intenti a varare misure estreme che penalizzeranno pesantemente i paesi poveri. Tre invitati del mondo di fuori, tra cui un monaco certosino (Servillo), fanno da contrappunto. Andò analizza in chiave morale la distanza tra il mondo reale e quello della finanza, ma la freddezza dei personaggi, il troppo “studiato” e l’oscurità di talune citazioni non consentono di far assumere a un’operazione intellettuale il rango di vera opera cinematografica. Neppure il lato giallo della vicenda riesce a trovare mordente.
I gusti di Grada (Commedia - Drammatico - Giallo)

Galeon77 3/5/16 22:33 - 12 commenti

I ministri dei G8 europei si riuniscono per varare una finanziaria che avrà tragici effetti. E sono invitati, a contorno di ciò che sembra una riunione pseudo-filantropica, un cantante, una scrittrice e un monaco certosino, intorno alla cui figura criptica, disarmante e "confessionale" ruota l’intreccio. Un moralismo di fondo oppone l'umanità a un sistema senz'anima e svela nel decisionismo d’alti ranghi vanità umane. Tematiche impegnative, da farci un capolavoro sulla crisi di oggi. Ma tutto è in superficie, talvolta abbozzato e a effetto.
I gusti di Galeon77 (Commedia - Drammatico - Sentimentale)