Cerca per genere
Attori/registi più presenti

FUOCOAMMARE

All'interno del forum, per questo film:
Fuocoammare
Dati:Anno: 2016Genere: documentario (colore)
Regia:Gianfranco Rosi
Cast:Samuele Caruana, Pietro Bartolo, Giuseppe Fragapane, Samuele Pucillo, Francesco Paterna, Maria Costa, Maria Signorello
Visite:719
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/2/16 DAL BENEMERITO MANRICO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 25/2/17 8:06 - 9674 commenti

L'accostamento tra le due "anime" dell'opera di Rosi, quella di finzione e la parte documentaristica, è forzato. L'idea della quotidianità isolana che pare voltare le spalle alla tragedia dei migranti sembra inserito "a freddo", laddove le immagini dal vero portano un'indiscutibile forza emotiva il cui simbolo è il medico eroe per caso e figura simbolo per definizione. Difficilmente giudicabile, è un'opera decisamente meritoria che avrebbe giovato di un "taglio" diverso e di un minore minutaggio.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Cotola 25/3/16 15:31 - 6414 commenti

E' ovvio che certe scene documentaristiche non possono non colpire: dinanzi alla morte ed al dolore non si può rimanere indifferenti. Ma qui i meriti non sono certo di Rosi ma di situazioni che hanno in nuce una forte "bellezza" emotiva e visiva. Ancora una volta poco convincente è la parte di finzione che invece di documentare, porta avanti la tesi del regista. Nulla di male e di illecito, per carità: anche in documentario si possono portare avanti le proprie idee ma si possono suffragare in tanti altri modi. Non male, ma il sottoscritto preferisce altri modi di fare documentario.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 29/7/16 20:33 - 2046 commenti

Mentre i migranti naufragano nel Mediterraneo cercando approdo a Lampedusa, sulla terraferma la vita di Samuele trascorre indisturbata... Se Rosi voleva alludere alla coesistenza di situazioni inconciliabili, ad un'Europa ombelicale incapace di mettere a fuoco la portata di una tragedia collettiva, allora tanto valeva limitarsi a mostrare i barconi alla deriva, gli scafi stipati di cadaveri, le lacrime che non riescono a sedare il dolore: immagini eloquenti, per le quali ogni notazione è superflua. Sterile e generica elaborazione di un fenomeno epocale, ancora irriducibile ad allegoria.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 30/3/17 9:19 - 2237 commenti

Film di non facile classificazione in quanto in esso coesistono almeno due anime differenti, documentaristica e fiction. La parte dedicata al dramma degli immigrati è senz'altro la più "forte", ma anche non troppo lontana da quanto visibile nei servizi giornalistici. Ritmo lento per la parte dedicata alla ricostruzione della vita degli isolani, apparentemente assai distaccati da quanto avviene attorno a loro. Lavoro che risulta più interessante che veramente riuscito; gli avrebbe giovato una maggiore concisione.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 29/7/16 13:00 - 2804 commenti

Chi cerca un "detersivo per la coscienza" (per dirla alla Cavallone) rimarrà deluso: la questione migranti occupa circa un 40% della durata e scava né più né meno che un qualsiasi reportage televisivo. La restante durata consiste invece in un semiamatoriale verista sulla vita di un bambino lampedusano (non male come attore). Due film differenti e inconciliabili che rendono l'operazione raffazzonata, al di là del non budget e del ritmo quale elemento sconosciuto. Sbadigli politicamente correttissimi già in pole position per la prima serata Rai3.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quei cromatismi tra il verde e il grigio che sfuma nell'azzurro che dipingono (in digitale) l'isola: un primitivo ma riuscito tocco pittorico.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Rambo90 20/1/17 16:45 - 4771 commenti

Il parallelo tra la vita del ragazzino e la sorte degli immigrati a Lampedusa era un'idea buona, purtroppo sviluppata in modo noioso con immagini non sempre interessanti. La parte di denuncia non va oltre scene che vediamo nei telegiornali e il meglio quindi arriva grazie alle varie testimonianze del medico, piuttosto toccanti quando racconta delle sue esperienze. Altalenante.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 24/3/16 10:54 - 4021 commenti

Se Rosi avesse mostrato solo le immagini relative ai recuperi e salvataggi, di quelli ancora in vita, in mare, sarebbe stato un buon documento, girato col cuore, ma anche facilmente immaginabile dagli spettatori informati e "nulla" più. Ciò che rende Fuocoammare un film vero e proprio è il parallelo che Rosi fa con la vita di Lampedusa. Con personaggi, metodici, calmi, che accettano tutto con la loro filosofia di isolani, più vicini all'Africa che all'Italia. Rosi focalizza la differenza tra vite similmente isolate ma completamente diverse.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inquietante passione dei bambini per le "armi", fionde o braccia che siano.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 4/10/16 10:05 - 3060 commenti

La situazione lampedusana vista con due ottiche totalmente differenti. Da una parte la genuina spensieratezza del piccolo Samuele, sorridente e curioso. Dall'altra il dramma degli sbarchi, con i viaggi della speranza effettuati con autentiche carrette del mare. Rosi regala un attento spaccato dell'isola che ben si presta anche a splendidi scorci panoramici. Certo alcune immagini appaiono forti, ma la realtà è questa.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Belfagor 1/8/16 0:15 - 2469 commenti

Fuoco e acqua sono incompatibili ma insieme sprigionano il vapore. Non è quello che accade in questo documentario diviso in due parti - i recuperi al largo di Lampedusa e la vita quotidiana degli abitanti dell'isola, con un medico come trait d'union - che insieme non danno un risultato superiore alla loro semplice somma. Le immagini dei barconi non sono diverse da quelle di un qualsiasi tg, mentre le giornate del bambino, che tuttavia sa come affrontare la mdp, non aiutano a creare alcun parallelo. Solo la fotografia conferisce un po' di concretezza.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Paulaster 7/10/16 10:46 - 1444 commenti

A cavallo del 2010 in Italia trasmetteva il canale Current Tv, dove la cronaca veniva proposta senza tagli, con i relativi suoni, spiattellando la verità dei fatti senza commento. Per la questione migranti Rosi agisce allo stesso modo, come a far voler sollevare le coscienze grazie a immagini inequivocabili. In più aggiunge sprazzi di vita isolana a far vedere chi viene toccato dall’invasione (il medico), sfiorato (il bambino) o chi fa analogìe di guerre passate (la nonna). Efficace ma freddo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bambino incastrato in barca tra le motovedette.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Lou 5/10/16 20:17 - 516 commenti

L'isola di Lampedusa ritratta da Rosi nelle sue due anime: quella della tragedia dei migranti (il dramma umanitario dei nostri tempi) e quella dei suoi abitanti, gente di mare semplice, ancorata alle proprie tradizioni e al proprio isolamento. I due mondi sembrano non toccarsi: il piccolo e portentoso Samuele non si incrocia con i migranti, con loro ha in comune solo il dottore. Un documento importante e doveroso, con inquadrature fisse e resoconti lenti, a testimoniare con sguardo attonito vita e morte sull'isola.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il migrante nigeriano che sintetizza l'inevitabilità della fuga in cerca di salvezza, urlando/cantando insieme al coro dei compagni.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Marcolino1 15/11/16 16:46 - 284 commenti

Le immagini del film, in una Lampedusa invernale, vanno oltre il naturalismo documentaristico. C'è il mare come morte ma anche salvezza e rinascita dell'immigrato e come utero materno (la scena dell'ecografia); la fionda è l'istinto primitivo di guerra e i bambini che emulano le mitragliatrici sono il massacro tecnologico occidentale esportato nelle terre da cui fuggono i migranti. La ritualità ancestrale e religiosa dei lampedusani è la stessa delle preghiere degli immigrati nelle navi. Ed infine i volti e i corpi dei profughi che parlano da sé.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La miriade di immigrati ammassati nel fondo delle navi; L'eclisse e il cielo di Lampedusa pervaso da nuvole nere come presagio funesto.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Manrico 28/2/16 22:37 - 61 commenti

Meritato Orso d'Oro a Berlino per Rosi, documentarista di razza, qui alle prese con il dramma degli sbarchi di migranti a Lampedusa. Funziona l'alternarsi delle drammatiche scene di salvataggio (o recupero di cadaveri) degli sventurati con le vicende quotidiane di un bambino un po' ansioso e sognatore e con quelle del medico dell'isola. Il livido inverno dell'isola, l'intimità domestica con le canzoni della radio locale, il grande sforzo umano e fisico dei soccorritori, in frammenti di poesia e realtà che vanno dritti al cuore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visita di Samuele dal medico; La lacrima di sangue del migrante sfinito.
I gusti di Manrico (Comico - Erotico - Fantascienza)