Cerca per genere
Attori/registi più presenti

STARRY EYES

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/4/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 2/6/15 17:08 - 2062 commenti

Nel cine-firmamento sweet dreams are made of this: un letterale spirito di sacrificio, un’isterica adesione da body art ottenibile con un trait d’union coniugante l’Adjani, la Kaprisky e la De Van (grandissima è la Fuller): in fondo per brillare le stelle devono morire, no? L’antropofagia dell’(industria dell’)immagine viene riprocessata formando un asterisco coi temi portanti di Martyrs e Srpski via Thanatomorphose riletti da Cattet/Forzani, come un Fosse con le arcate dentali avvelenatissime che traduce Palahniuk, o un Refn che riscrive polanskianamente Crony. Tanta roba, forse anche troppa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sessione strobo-subliminale; Gli ultimi 20'.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 10/6/15 22:48 - 6493 commenti

Si insinua sempre più sotto la pelle col passare dei minuti, facendosi anche non poco inquietante e disturbante. La dimostrazione di come sia possibile fare ottimi film narrando storie tutto sommato non poi così originali: a patto però di saperle rinvigorire. Perciò gran merito e lodi sperticate vanno agli sceneggiatori ma anche ai registi che avvolgono il loro film in una forma scintillante e curata sotto ogni punto di vista e di sicuro ben sopra la media. Una sorpresa inaspettata e piacevolissima che non bisogna farsi scappare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il personaggio della protagonista: disposta a tutto pur di raggiungere il suo scopo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 4/6/15 9:11 - 6552 commenti

Aspirante attrice, Sarah lavora come cameriera ma non si rassegna alla mediocrità che la circonda e, pur di sfondare, è disposta a tutto, compreso un servizietto ad un produttore viscidone... Variante horror del patto faustiano sul tema "A che prezzo Hollywood?", con forse troppa carne al fuoco (la parte satanista è tirata via), ma molto efficace nel descrivere la metamorfosi della protagonista da bruco a farfalla mediata dalla corruzione fisica e dal superamento di ogni freno morale. Echi cinefili numerosi per un'opera curata nei dialoghi e nella colonna sonora, con una straordinaria Essoe

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La coppia di esaminatori al provino; lo sguardo lynchiano del produttore cinematografico; il nuovo look di Sarah .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 26/1/16 10:43 - 2059 commenti

Complesso e stratificato. Culmina - e si risolve - nella mitopoiesi divistica, ma quello che conta è ciò che precede: la mercificazione dei corpi nell'industria del desiderio, la cupa ombra dell'umana contemporaneità nell'iridescenza del mondo dello spettacolo. Accuratissimo nel layout - le esangui tinte seventies si saturano al passo con la parabola metanarrativa - non perde mai di vista le istanze di genere: anzi, le ossequia in un'incursione sanguinaria che lascia sbigottiti (il film nel film?). Essoe notevole: non era facile restare ancorati alla credibilità nel trionfo del simbolismo.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 23/10/15 23:32 - 2861 commenti

Per raggiungere un'élite di divi hollywoodiani che ricorda gli adepti del Profumo della signora in nero, si passa per provini misteriosi alla Serbian Film, crolli dell'ottavo grado della scala Mercalli degni di Seth Brundle e slasher a tutto splatter. Grande prova della protagonista, confezione ottima (per una volta abbiamo anche una OST decente che ben scandisce i ritmi) ma gli ingredienti sono troppi e talvolta in dosi sbagliate (trascuratissimo il rituale clou). Forse, il Maps to the stars che il Cronenberg anni ottanta avrebbe girato.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 24/4/15 5:08 - 3694 commenti

Il film sembra ispirarsi alle leggende sulle sette di Illuminati dell'industria dello spettacolo e a quegli artisti che si dice abbiano ottenuto il successo tramite pratiche occulte; il classico tema del Faust, che diventa anche metafora di come l'ambizione trasforma e distrugge persone e rapporti. Tra dramma esistenziale e orrore puro; girato benissimo, musicato meglio e graziato dalla prova superlativa della Essoe. Inquietante, squarciato da momenti di violenza scioccanti ma con stile da vendere, quasi fosse un Refn in chiave horror.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il massacro e la rinascita.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Saintgifts 14/6/16 19:29 - 4099 commenti

Quando per sfondare bisogna "accontentare" il produttore; è una storia iniziata ancor prima del cinema ma è uno sport per forti, non certo per deboli come Sarah (brava la Essoe) che, con gli amici che ha, si trova tra l'incudine e il martello. Il degrado interno viene esteriorizzato e portato agli eccessi in una seconda parte che non riesce (non vuole) mantenere le promesse e pensa solo ad accontentare the blood lovers. Un film contro l'industria del cinema e non solo di un certo cinema (vedere i ritratti delle molte stars, miti per Sarah).
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Giùan 18/10/15 14:58 - 2343 commenti

Più un solluccheroso bocconcino per il palato (talora ben meno raffinato di quel che vorremmo) del cinefilo infoiato, che non un film pienamente riuscito. Il suo limite invalidante risultando esser la sua stessa premessa "indipendente", nella quale l'opera resta "ghettizzata" e confinata, senza riuscir a emanciparsi in qualcosa di più universale e meno prepuberalmente cinematografico. Molto deboli soprattutto le parti di raccordo, mentre i momenti forti dovevan esser gestiti meno smaniosamente. Ok il cast, con menzione d'onore ai vecchi Healy e Deszeras.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Almicione 5/2/16 1:35 - 765 commenti

Finalmente qualcosa di originale, qualcosa di interessante... no, niente: solo un falso miraggio. Tipica regia e fotografia di questi anni, ma forse un simbolico uso della trama: la carriera – che è già degenerazione di un sogno – vista come vendita della propria anima ed eliminazione dei "rivali", richieste dagli imprenditori vampiri di giovani spiriti. Un'ambigua atmosfera pervade la pellicola, ma è un ambiguo che disorienta e non attrae, mentre nel finale ci si annoia sempre più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le prime scene sotto le lenzuola.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Viccrowley 18/11/15 23:50 - 638 commenti

La storia del patto col diavolo è vecchia come il mondo. Eppure rinverdire il fustiano accordo non era semplice, data la materia iper abusata. Ci riesce questo piccolo gioiello, che trova un malsano filo conduttore tra citazioni mai ruffiane a un passo dall'atmosfera suspiriana e flirta con la poetica del disfacimento. Un Thanatomorphose inzuppato di ambizione e cupi riferimenti a una società misogina, menefreghista, pericolosa o semplicemente sbagliata. Nel mare magnum della sofferenza l'unico rimedio è rinascere (letteralmente) a nuova vita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La metamorfosi di Sarah; I provini; Gli ultimi 20 minuti.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Bizzu 2/7/15 15:45 - 210 commenti

Le grandiose premesse c'erano tutte: un horror a sfondo "moralizzatore" come ai bei tempi del genere, con ammiccamenti a Mulholland Drive e in generale al buon cinema sulla mutazione e l'identità, da Cronenberg a Polanski. Peccato che tutto si risolva nella peggior bolla di sapone, con l'estetica da horroretto indie che prende il sopravvento e le decine di buone idee iniziali buttate alle ortiche in favore di un paio di accoltellamenti fra hipster. Troppo sbrigativo e inconcludente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I pantaloni "effetto birra" della protagonista.
I gusti di Bizzu (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Fedeerra 7/11/17 1:01 - 100 commenti

L'horror più completo da dieci anni a questa parte. Starry Eyes si districa attraverso violente metafore contro il cinema, l'ambizione, la libertà individuale e il male di vivere quotidiano. L'andamento del film è quello del body horror, ma i riferimenti al genere slasher sono inequivocabili. Stupefacente l'interpretazione di Alexandra Essoe, che riesce a tramutare la sua implacabile fragilità in una spietata furia sanguinolenta.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)