Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I VISITATORI ALLA CONQUISTA DELL'AMERICA

All'interno del forum, per questo film:
® I visitatori alla conquista dell'America
Titolo originale:Just Visiting
Dati:Anno: 2001Genere: comico (colore)
Regia:Jean-Marie Gaubert (Jean-Marie Poiré)
Cast:Jean Reno, Christian Clavier, Christina Applegate, Matt Ross, Tara Reid, Malcolm McDowell, Bridgette Wilson-Sampras, John Aylward, George Plimpton, Lorenzo Clemons
Note:Remake de "I visitatori" (1993) dello stesso regista. Aka "I visitatori 3 - L'ultimo guerriero", in dvd come "L'ultimo guerriero".
Visite:100
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/3/15 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/2/18
Remake che tenta di esportare in terra americana la coppia Jean Reno/Christian Clavier, già protagonista di due avventure di gran successo in Francia, loro terra d'origine. Ai due viene affiancato un cast a stelle e strisce mentre come luogo dell'azione viene scelta Chicago. Thibaut, conte di Malfete (Reno) e Andre, il suo servo (Clavier), vengono proiettati nel futuro da un mago che avrebbe dovuto farli invece tornare nel passato di qualche ora per riparare a un delitto commesso da Thibaut sotto gli influssi nefasti di una pozione preparata per altri scopi. Ritrovatisi nella Chicago dei giorni nostri, i due entrano subito in contatto con Julia (Applegate), discendente della donna uccisa per errore nell'antichità, stabilizzandosi nella casa della poveretta, la quale scambia Thibaut per un suo cugino disperso in mare qualche anno prima. Preparato il quadro generale, il campo libero viene lasciato ai prevedibili equivoci nati dall'impossibilità della coppia francese di comprendere da subito il mondo di oggi. E' come si può immaginare la parte migliore del film, in cui già gli arcaismi linguistici dei protagonisti (resi ottimamente dal nostro doppiaggio) muovono al sorriso. Molte le gag legate all'incomprensibilità dei gabinetti, con Thibaut e Andre a lavarsi con l'acqua del water prima e a giocare con quella dell'orinatoio al ristorante poi. Non si va molto per il sottile, è chiaro, ma solo a livello di trovate, perché invece le battute sono scritte spesso con gusto e i due attori sono indubbiamente dotati per la commedia: Reno più serio e posato, Clavier arruffone e rozzo come il ruolo richiede. Che si sia a casa, al ristorante, in un bar o per strada gli atteggiamenti fuori dagli schemi dei due non mancano di trovare buoni agganci per gag semplici quanto efficaci. Come era già accaduto nel film originale ci vuole un po' prima di arrivare al presente e la parte nell'antica Inghilterra fatica a trovare spunti comici (ma non son male gli effetti speciali “arcimboldeschi” conseguenti all'assunzione della pozione magica), con un Malcolm McDowell irriconoscibile che nel ruolo del mago (si proietterà pure lui, in un secondo tempo, nel presente) non ha esattamente un ruolo felice. Successivamente le cose migliorano, il film ingrana e tiene bene fino all'ultima parte, quando è chiaro che più il tempo passa più le sorprese diminuiranno per via del sempre maggiore apprendimento di usi e costumi di oggi da parte dei “visitatori”. Si procede inevitabilmente verso un finale debole, ma la trasferta americana in definitiva giova ai nostri e il remake si rivela come minimo all'altezza dell'originale (che un capolavoro non era). Buone le musiche di John Powell per le parti ambientate nel passato, trascurabile la lunga gag sui titoli di coda.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Rambo90 12/3/15 17:20 - 5135 commenti

Lo stesso regista e gli stessi protagonisti dei Visitatori ripropongono la loro avventura comico-fantastica negli Stati Uniti. Ci sono alcune modifiche nella trama e molti effetti speciali in più, ma nel complesso ci si diverte meno. Lo spazio riservato a Clavier è diminuito (manca anche il suo alter ego moderno), Reno è il vero protagonista affiancato dalla bella Applegate, ma non è la stessa cosa. A far ridere sono in fondo le gag riprese dal film originale, mentre il ritmo è molto più fracassone e la trama tirata via. Mediocre.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)