Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IN TRANCE

All'interno del forum, per questo film:
® In trance
Titolo originale:Trance
Dati:Anno: 2013Genere: thriller (colore)
Regia:Danny Boyle
Cast:James McAvoy, Vincent Cassel, Rosario Dawson, Danny Sapani, Matt Cross, Wahab Sheikh, Mark Poltimore, Tuppence Middleton
Note:Remake di "Trance", film-tv del 2001.
Visite:1175
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 17
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/7/13 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 31/8/13
Grossa imbarcata new age per un Danny Boyle ormai sempre più interessato alla forma che ai contenuti, tutto teso al fumo negli occhi e qui alle prese con una trama elementare intorno alla quale costruire, grazie all'idea dell'ipnosi, suggestioni oniriche che contaminano il piano della realtà. Durante un'asta una banda di ladri, capeggiata da un Vincent Cassel più svogliato che mai, progetta di rubare una preziosa tela di Goya con la complicità di chi lì dentro ci lavora (James McAvoy), che in effetti appena la banda compare in sala prende la tela col falso obiettivo di metterla in salvo e se ne esce. Al momento dell'incontro tra le due parti tuttavia il quadro non c'è più e un colpo in testa fa dimenticare al complice dove l'ha messo. Ci si rivolge così a una bella terapista (Rosario Dawson) per riuscire con l'ipnosi a ricostruire i minuti precedenti all'incontro per arrivare a capire dove sia stata nascosta la tela. Già prima delle sedute si capisce quanto Boyle si diverta a giocare coi colori e il montaggio stuccando notevolmente, ma da lì in avanti la sensazione di un gioco formale discutibile aumenta a dismisura e riuscire ad appassionarsi a una storia così condotta diventa impresa ardua; e lo sarà fino alla conclusione, in cui un senso al tutto volendo lo si trova, ma quando ormai abbacinati dai flash multicolore si rischia di ricordare quasi solo la passerella nuda della Dawson e qualche smorfia da contratto di Cassel. Colpi di scena pretestuosi farciscono il tutto prima del videomessaggio molto trendy sul quale si afferrano alcuni chiarimenti. La sensazione è che Boyle tenga soprattutto a voler mostrare di saper interpretare meglio di chiunque altro il mondo delle nuove generazioni e che di conseguenza valuti la sceneggiatura un inutile orpello necessario ma dal quale rifuggire appena possibile per rituffare il film nella ridondanza che lo caratterizza. Alla fine dei titoli di coda si resta in mano con poco. Diciamo nulla. E non è nemmeno questo il problema più grave...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 21/3/14 8:08 - 10382 commenti

Regista versatile e padrone del mezzo come pochi suoi colleghi, Danny Boyle realizza un film che forse non è stato appieno compreso ma è destinato a rimanere uno dei migliori della sua filmografia. Tra le opere migliori dal punto di vista tecnico viste negli ultimi anni (la fotografia è superba, così come la colonna sonora), In trance è caratterizzato da una sceneggiatura che lascia spiazzati per le svolte continue, ma mantiene una certa linearità di fondo. Cast ben scelto e autore di una prova superba. Ottimo.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Schramm 12/3/16 14:13 - 2094 commenti

Di locupletazione in locupletazione (visiva, narrativa, segnica, ritmica, attoriale) Boyle manda a segno e a sogno le prove tecniche di trance-missione più riuscite di sempre, sprigionando maestria nell’individuare e solleticare tutte le zone erogene e le vibrisse mentali dello spettatore, con un ottovolante filmico ipertestuale che procede indomito e spericolato a tutto TPSV e fa fare sci psiconautico lungo i meandri di un emisfero d’estro che riavvolge sovrascrive dissolve incrocia, in uno smarrirsi-ritrovarsi molteplice tra gli specchi deformanti del cinema e del sé in perpetuo dormiveglia.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 8/9/13 23:29 - 6621 commenti

Danny Boyle ci sa fare come regista, nessuno lo nega. Anche qui lo stile (per quanto tronfio, tonitruante, leccato e fine a se stesso come ormai sempre nelle sue ultime pellicole) non manca. Ma scrivere e/o farsi scrivere una sceneggiatura almeno decente, no? I colpi di scena (alcuni francamente solo presunti) sono diversi; ma anche l'inverosimiglianza raggiunge livelli ciclopici. Si guarda senza problemi, per carità ma il finale è quello che è. Alla fine ci si sente presi un po' per i fondelli. Cassel è uno stoccafisso. E poi...? Ah già! L'unico motivo valido per vedere il film: vedi sotto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il nudo integrale e del tutto gratuito della Dawson.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 6/7/13 7:46 - 7139 commenti

Impiegato presso una importante casa d'aste londinese, McAvoy ruba una preziosa tela ma, per colpa di una botta in testa, non ricorda più dove l'ha nascosta. I complici ovviamente faranno di tutto perché recuperi la memoria... Thriller di una certa eleganza visiva, fitto di colpi di scena, ribaltamenti di prospettiva, sequenze oniriche, che si fa seguire senza fatica ma non convince per le troppe forzature ed incongruenze, di cui una davvero macroscopica all'inizio. In conclusione, più fumo che arrosto, come accade in altri film di B. pur baciati dal successo tipo The Millionaire o 127 ore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La nudità pre-goyana di Rosario Dawson, splendida e sensuale.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 1/3/18 15:16 - 2960 commenti

L'affestellarsi, negli ultimi venti minuti, di una serie di finali improbabili (non manca neppure la tematica "stalking", buttata dentro a casaccio) elimina ogni residuo di credibilità (già messa in discussione, nel corso della durata, da un uso sin troppo fantasioso dell'ipnosi) a un thriller intrigantissimo e ritmatissimo, registicamente appagante e con un montaggio serrato ma mai confusionario. Buon cast, con McAvoy eclissato dalla Dawson e da Cassel. Pieno di buchi e di elementi discutibili, ma indubbiamente spassoso e spattacolare.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 17/9/13 14:45 - 3403 commenti

A Boyle piace reinterpretare e questa opera ne conferma sia la bravura che il gusto dell'eccesso che lo porta talvolta fuorigiri (tipo il pulp senza motivo, come in Sunshine o certi incroci narrativi). Un thriller a tasselli progressivi e attori un po' caricaturali ma che riempono la scena. Il tutto compone un quadro che può apparire "baloccato" come insieme o forzato nei personaggi ma che in fondo tiene ed emoziona.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Hackett 2/8/14 17:32 - 1549 commenti

Thriller di ottima fattura e ben recitato. La mano di Boyle al solito è sicura nel dosare azione e suspance, mantenendo il ritmo ad alti livelli. La trama in realtà non appare troppo originale e molti aspetti dell'intreccio sono abbastanza prevedibili. La confezione in questo caso basta però a elevare di qualche punto un thriller abbastanza scontato in partenza e senza una sceneggiatura con colpi di scena degni di nota. Più mestiere che cuore, ma si vede piacevolmente.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Harrys 20/1/14 12:23 - 679 commenti

L'aspetto non è dissimile da una produzione televisiva: freddo, glaciale, su commissione a tutti gli effetti. Non fosse per un parterre attoriale di livello, peccato perfettamente ininfluente. Non basta una fotografia dalla cromatura baviana a giustificare l'evidente intento visionario e onirico; la scialbo e inutilmente carico di pretestuoso pathos incedere intorpidisce le sinapsi e si finisce per agognare al più presto i titoli di coda, ignorando con un'insistenza sempre più deprimente pistole e pistolotti. Un enorme buco nell'acqua. *!
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Piero68 25/6/14 8:42 - 2345 commenti

Che Boyle sia uno dei migliori registi in circolazione è innegabile, con lui i complimenti si sprecano. Resta però il fatto che questo In trance convince poco o nulla. E non tanto per la confezione (curata nei minimi dettagli), quanto per il contenuto. La sceneggiatura è contorta e i vari piani temporali, reali o immaginari che siano, invece di catturare lo spettatore lo portano su strade impercorribili. Anche perché il finale sembra poi abbastanza scontato, da metà pellicola. Anche il cast convince poco: Cassel stoccafisso e McAvoy posticcio.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 10/7/13 22:40 - 1913 commenti

Boyle impartisce una sontuosissima lezione di cinema, introiettando e facendo proprio il meglio della filmografia moderna da Se mi lasci ti cancello a Inception, confezionando un thriller che ti inchioda dal primo all'ultimo fotogramma attraverso uno stile eccezionale colmo di idee e di sequenze di una bellezza divina (su tutte il totally naked della Dawson con Moby come sottofondo). La sceneggiatura gioca sul cambio continuo di prospettiva e i conseguenti colpi di scena lasciano un dolcissimo sapore in bocca. Il trio protagonista (Dawson, Cassel, Mcvoy) funziona che è uno spettacolo.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Mickes2 9/7/13 10:03 - 1550 commenti

Più che trance, sorta di rito voodoo ipnotico-psicologico che monta di tecnica, ricercatezza formale e tessuto sonoro. Un viaggio straniante e parallelo nei meandri della mente, forte di una discreta ma ruffiana cifra onirica, che però sbatte contro al muro dello sfondone ostentato in cui i comportamenti sono poco motivati e i giochi-doppigiochi prima spiazzano poi deludono. E dietro il montaggio affabulatorio e incalzante, emerge l’artificio di un Boyle che pare si sia dimenticato l’importanza di una sceneggiatura equilibrata. Pretestuoso.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Luchi78 9/5/14 23:15 - 1521 commenti

Boyle gestisce tutto alla perfezione ma è la base che scricchiola. Poco convincente la trama, ma ancora meno incisivo lo sviluppo volutamente articolato della stessa. Non c'è un colpo di scena che tenga veramente col fiato sospeso, mentre nella scena più sensuale una statuaria Dawson compare... dopo aver dichiarato una depilazione totale con tanto di sottofondo del rasoio elettrico: a dir poco imbarazzante. Decisamente poco riuscito.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Greymouser 7/7/13 11:56 - 1441 commenti

Boyle, come spesso accade, vuole stupirci a tutti i costi, e mette in scena una vicenda ridondante, satura di spunti inevasi e binari morti, zeppa di colpi e controcolpi di scena, non sempre coerenti nè del tutto onesti dal punto di vista narrativo. Non dirò che il film è brutto, ma mi è sembrato troppo artificioso nella costruzione, e francamente improbabile negli sviluppi finali. difficile soprattutto dare un senso alle motivazioni dei protagonisti, fatti agire in modo forzato e poco realistico. Il cinema di Boyle continua a non convincermi.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Il ferrini 19/4/16 0:13 - 1146 commenti

Davvero un ottimo film in tutti gli ambiti: regia ricercata, montaggio veloce e dinamico, sceneggiatura ricca di colpi di scena e attori in gran forma, per non parlare della fotografia e soprattutto della meravigliosa colonna sonora. Come se tutto questo non bastasse: nudo integrale di Rosario Dawson, roba da pelle d'oca. 100 minuti di grande cinema, in cui il confine fra realtà e finzione diventa così labile da disorientare lo spettatore, che volentieri si inoltra e si perde nel labirinto di Boyle fino all'applauso finale.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Kinodrop 18/1/14 15:02 - 733 commenti

Danny Boyle con questo film conferma che si può girare un videoclip di quasi due ore tralasciando contenuti, soggetto, sceneggiatura etc. L'idea di fondo (il furto di un dipinto di Goya, la truffa e la perdita della memoria di un complice) non sarebbe malvagia, ma da qui a girare a vuoto fino ai titoli di coda ce ne vuole. Cast insulso e algido, tranne la ipnoterapista Dawnson, più sexy che mai. Basta con film che negli ultimi 5 minuti cercano di svelare invano una trama già confusa e macchinosa sin dall'inizio. Si salvano montaggio e fotografia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il secondo appuntamento dall'ipnoterapista.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Beffardo57 31/8/13 21:44 - 206 commenti

Cervellotico soggetto che si dipana in una serie di sottofinali contenuti l'uno nell'altro come scatole cinesi. Per fortuna il film è di minutaggio ragionevole (gli americani, che amano l'oversize, ci avrebbero dato dentro ulteriormente superando di slancio le due ore; Boyle è più contenuto e resta saggiamente sotto). Mezzi abbondanti, padronanza del linguaggio del cinema; non ci si addormenta senz'altro. L'impressione, però, è che sia un gioco di bravura fine a stesso: come dopo una seduta di ipnosi, non resta nulla da ricordare.
I gusti di Beffardo57 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Crains 24/8/13 22:45 - 15 commenti

Brutto passo falso dopo il buonissimo 127 ore. Dopo un incipit volendo intrigante il film sprofonda inesorabilmente, sempre più giù. Boyle, troppo impegnato a curare il solo lato estetico, non si accorge degli enormi equivoci di sceneggiatura (su tutti la permanenza forzata di Vincent Cassell nella storia), i colpi di scena arrivano uno dopo l'altro, senza una vera logica, all'interno di una storia che prova fino alla fine a convincerci che ci sia davvero qualcosa per cui vale la pena continuare la visione. Ai limiti della disonestà.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La rasatura di Rosario Dawson.
I gusti di Crains (Drammatico - Horror - Poliziesco)