Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CHROMOPHOBIA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/4/13 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 12/4/13 17:30 - 5737 commenti

La partenza è buona e richiama alla memoria Altman con le sue storie corali urbane e i suoi problematici personaggi: la regia è sciolta e ci si attende un film da ***. Invece quel che segue si sgretola irrimediabilmente, scontando il gravame di un’eccessiva lunghezza (130’) e risolvendosi in caratteri statici e monchi, situazioni patetiche (la Cruz e Holm), moralismo facile e in un uso inappropriato di Beethoven e Bowie; a quel punto la regia spegne l’interruttore e il cast è incapace di emettere il minimo barlume di drammaticità. No, decisamente Martha Fiennes non è il compianto Altman.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’aberrante apologia della caccia di Lewis e il battesimo con il sangue del cervo subìto da Chaplin.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 5/6/13 9:06 - 6987 commenti

Alla seconda prova, Martha Fiennes abbandona il terreno dei classici ottocenteschi per tentare l'affresco corale moderno, in cui si intrecciano le storie di un gruppo di personaggi, interpretati, oltre che dal fratello Ralph, da un cast variegato e prestigioso. All'inizio intrigante, il film denuncia ben presto i suoi limiti: una sceneggiatura scoordinata e poco pregnante, che non risparmia le svolte ricattatorie (la prostituta malata terminale), una insufficiente o contraddittoria definizione dei personaggi (quello di Lewis in particolare). Fiacco, troppo lungo e dispersivo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 4/10/15 17:08 - 4099 commenti

Ho trovato una certa assonanza tra la sceneggiatura e la scelta musicale, poi ho visto che c'è un terzo membro della famiglia Fiennes coinvolto nella realizzazione del film, il fratello Magnus responsabile della colonna sonora. Con Beethoven e Rossini è difficile sbagliare, ma non è originale (ricordate un certo Kubrick?). Meglio la sceneggiatura, alla fine c'è del buono, anche se, come sopra, è priva di originalità. Il cast è di prim'ordine e sopperisce a una regia non particolarmente brillante, ma non pessima. Merita senz'altro una visione.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)