Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GLI SPIETATI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 42
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Un western in versione terza età, che si diverte a distruggere tutti i miti dell'eroe dalla pistola infallibile salvo poi recuperarli in extremis. Un'operazione interessante, che del western classicamente inteso ha poco o nulla. C'è un'aria dimessa, un clima di disfacimento che a tratti sfiora la parodia (quando Eastwood tenta di risalire a cavallo dopo anni di inattività, quando spara ai barattoli senza centrarli una sola volta), compensato tuttavia da una serietà estrema nella messa in scena: una fotografia di primo livello, un cast di stelle (Gene Hackman, nel ruolo dello sceriffo, si guadagnò l'Oscar come miglior attore non protagonista), un Eastwood perfetto e malinconico, un Morgan Freeman che con lui e il giovane Jaimz Woolvett (pistolero miope) compone un terzetto di improbabili bounty killer poco in confidenza con un mestiere a loro pressoché estraneo. La regia di Eastwood è competente, ficcante (premiata con l'Oscar) ma tende spesso a perdersi dietro scene autocompiacenti che sembrano essere inserite solo per apparire “intelligenti” a ogni costo. La stessa presenza di Richard Harris (è Bob l'inglese) è superflua, folkloristica, serve soprattutto a dare consistenza al personaggio di Gene Hackman (altrimenti troppo poco caratterizzato, evidentemente). La sceneggiatura di David Webb Peoples (che dieci anni prima era stata già vista e approvata da Francis Ford Coppola) è meno eccezionale di quanto non si creda. Piace invece la cinica spietatezza sottolineata nel titolo italiano (quello originale è UNFORGIVEN), che raggiunge apici insperati nel notevole finale. A tratti si ha la sensazione di essere di fronte a un capolavoro, altre di sopravvalutare quella che è solo un ruffiano e decadente esercizio di stile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 4/8/07 6:04 - 9919 commenti

Nel momento in cui il western sembrava sul viale del tramonto, Eastwood gira uno dei capolavori del genere. Pur girato come omaggio ai maestri del genere (alla fine del film è citato Sergio Leone), Gli spietati è qualcosa di più e di diverso: un film in cui non esistono buoni o cattivi (siamo in questo senso dalle parti di Peckinpah) ma i personaggi presentano tutti sfaccettature negative (anche i migliori sono vendicatori per soldi). Il cast è in stato di grazia (grandi Hackman e Freeman) e la fotografia splendida.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 10/4/07 13:10 - 3978 commenti

Eastwood è perfetto nella parte dell’ex (mica tanto) killer freddo e spietato, ora allevatore di porci. Ma non c’è solo lui a rendere unica e imperdibile questa pellicola. Lo aiutano infatti un Hackman di rara bastardaggine e un Freeman riflessivo e molto simpatico (fantastico quando osserva Clint che tenta di salire sul cavallo). E’ un po’ lungo, ma la narrazione ne risente poco. Fenomenale l’entrata di Eastwood nella locanda per la resa dei conti (ascoltate bene quello che dice). Pellicola sporca, violenta, dove nessuno ne esce bene. Un grande esempio di cinema.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Eastwood e Freeman rievocano il passato; La triste e rapida parabola di quello che tutti chiamano l'inglese, nel momento in cui incontra Hackman. .
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 28/12/09 17:32 - 5734 commenti

Lo spettro del vecchio western, accompagnato ai suoi miti e ai rimaneggiamenti italici, si aggira lento e silenzioso con le fattezze di un noir tragico e disperato ove i confini tra bene e male sono stati cancellati e la legge - laddove non rimpiazzata dalla logica del denaro e dalle gesta di pistoleri mercenari e stragisti - è imposta a calci e frustate. Teso, crepuscolare e mortuario senza redenzione, percorre una parabola ascendente che culmina in un'ecatombe risonante Peckinpah e i migliori western italiani. Complessi e carismatici Eastwood, Hackman, Freeman, Harris. Decisivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'astemio Munny riprende a bere whisky e si prepara alla vendetta, tornando ad essere il killer cinico e spietato d'un tempo. La vendetta.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 18/2/11 0:08 - 6555 commenti

Pietra tombale del cinema western nel senso che in un sol colpo disintegra completamente tutta la mitologia del genere. Non ci sono personaggi positivi e tutti agiscono, chi più e chi meno, in preda a pulsioni istintive ed animali, quindi in modo scellerato e violento. E' un mondo in cui la pietà è bandita e non c'è posto per i buoni sentimenti, nè per l'onore e la dignità. La missione da compiere non ha nulla di probo ed alla fine non c'è alcuna catarsi o redenzione. Vendetta, sangue e morte sono protagoniste e colpiscono, chi più chi meno, tutti.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 4/2/09 11:34 - 1464 commenti

Per quanto abbia provato, l'ammazzacristiani Will Munny non è stato perdonato ("unforgiven") per i suoi peccati. Così come non saranno perdonati i peccati degli altri protagonisti di questo straordinario film, girato come un classico Fordiano, denso di significato in ogni inquadratura, di grande chiarezza etica nell'illustrare l'impossibilità di trovare una via d'uscita nella vendetta o nella violenza (sia pure quella della legge, incarnata dal malvagio sceriffo di Hackman). 5 minuti di questo film spazzano via per sempre ore di tarantinate. Epocale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo tra Munny e Scofield Kid sulla collina dopo l'uccisione dei mandriani.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 15/4/10 10:51 - 6746 commenti

"Cantami, o Diva, del Pelide Achille l'ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei" - Capolavoro crepuscolare di un genere di cui periodicamente viene certificata la morte, il film dell'ex Biondo presenta personaggi impuri, dal passato oscuro e pesante, resi deboli dalla vecchiaia e dalla consapevolezza dell'irrimediabilità dei nostri atti (com'è faticoso salire a cavallo, com'è difficile uccidere), che finiscono per assumere una statura mitica, da tragedia greca, in una resa dei conti finale di poderosa grandezza. Cast eccezionale. Bellissimo

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Allora, sto uscendo. Se vedo qualcuno là fuori l'ammazzo. Se qualche figlio di puttana mi spara addosso non ammazzo soltanto lui, gli ammazzo anche...
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 15/5/10 16:22 - 2060 commenti

Su questo Far West è tramontato un Sole di troppo: non ci sono più eroi per cui scrivere biografie, tutto è fuori tempo massimo, tutto è carico di struggimento. Più che l'estinzione di un genere, Eastwood filma il disincanto, l'estinzione di una mitologia: così, prima di consegnare il suo uomo alle torrenziali piogge dell'epica, ne enuclea le paure e le fragilità, i limiti e la rassegnazione. L'unica ascensione possibile è per chi è ormai sepolto - una donna straordinaria - o per coloro che scompaiono alla vista, lasciando alla memoria la ricomposizione del ricordo. Un grande film.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 7/2/07 16:30 - 2258 commenti

Eastwood rilegge quello che è il genere americano per eccellenza: il western; e lo fa dandocene una versione molto più aderente alla realtà di quanto non si sia visto prima. I suoi personaggi non sono né buoni né cattivi ma soltanto esseri umani con tutti i loro difetti e virtù. Eastwood è un ex bounty killer che dopo molti anni torna ad esercitare la professione per portare a casa qualche soldo per poter migliorare la vita ai propri figli. Merita di essere visto.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 1/4/08 12:32 - 3328 commenti

Il mondo dei pistoleri del west rivisitato da Eastwood che abbandona ogni retorica e ci parla di anime perse cui difettano la mira e molte virtù. Un approccio interessante e una buona recitazione corale, ma non il capolavoro di cui hanno parlato diversi critici.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 14/4/09 11:05 - 1320 commenti

Uscito fuori tempo massimo assoluto, questo western senza eroi si colloca tra gli episodi maggiori del regista e nella storia del western occupa un posto di rilevo. Will Munny, uomo dalle mani sporche ritiratosi in un triste cincinnato raggiunge livelli di patetismo incredibili anche per un antieroe. Grandissimo Hackman, il migliore del mazzo, ma pure Harris, pistolero fanfarone, si fa notare. Storia cupa e infernale dove le donne son migliori degli uomini e dove tutti son dannati in un inferno sterrato e buio.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 25/5/09 22:27 - 3752 commenti

Il ritorno al western di Eastwood e il suo ultimo film nel genere (per ora). Un western crepuscolare, insolito, che alterna una prima parte più riflessiva e tinta di una malinconia inaspettata a una seconda parte incredibilmente dura, oscura, senza redenzione; il William Munny di Clint qui sembra uno demone vendicativo ritornato direttamente dall'inferno e il finale mette i brividi, riportando alla mente i tempi del suo "Straniero senza nome". Notevolissimi anche Hackman e Freeman, bravo Woolvet, caratteristico Harris. Fotografia splendida.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutta la parte finale, a dir poco emozionante.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Magnetti 5/2/07 14:59 - 1103 commenti

Eastwood reinterpreta il western in chiave pessimista, spietata e ultra violenta. Tutto è riuscito in questo film, in particolar modo i personaggi (su tutti Hackman, sceriffo Little Bill, duro e violento). William Munny è un pistolero maledetto, che non riesce a redimersi dal suo ruolo. Da ricordare la scena finale di notte sotto la pioggia, con la bandiera stelle e strisce sullo sfondo.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Stubby 27/2/07 18:09 - 1154 commenti

Eastwood torna finalmente a girare un western e non delude certo le aspettative. Viene rispolverata la figura del bounty killer che ha portato all'attore davvero tanta fortuna. Senonché ci troviamo di fronte a un uomo che non è più quello di un tempo, quindi con tutti i problemi fisici che attanagliano chi sta invecchiando. Bellissima la scena in cui s'infila gli occhiali per sparare. Il finale è un po' esagerato ma alla vecchia maniera e quindi ci sta tutto. Molto consigliato.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

124c 11/2/16 17:06 - 2501 commenti

Il western crepuscolare secondo Clint Eastwood parte seconda, cioè dopo Il cavaliere pallido, è un film che omaggia i grandi del genere degli anni '60 e 70 fra cui quel Sergio Leone che lanciò la carriera del regista-attore quand'era in trasferta a Roma. Clint è in parte nel ruolo di vecchio bounty killer pentito con due bambini da mantenere, ma non gli sono da meno Morgan Freeman e Gene Hackman come sceriffo corrotto. Fra prostitute, biechi propietari di saloon, giovani cowboys, occhialuti scrittori e vecchi inglesi non ci si annoia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La triste sorte che tocca al cowboy inglese impersonato da Richard Harris che, prima d'essere malmennato da Hackman e sbattuto fuori, faceva il figo.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Lovejoy 19/12/07 14:40 - 1827 commenti

Grandissimo western diretto con polso robusto dal mitico Clint. Su una sceneggiatura a dir poco perfetta, Clint trae un meraviglioso western noir che scava nelle torbide, nere coscienze (se le hanno..) dei tormentati protagonisti. Molti i momenti indimenticabili e cast da brividi. Eastwood e Freeman sono magnifici, Harris ispirato, Rubinek divertente. Ma la scena è saldamente dominata dal grandissimo Gene Hackman, giustamente premiato con l'Oscar come Attore Non Protagonista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'uccisione a sangue freddo da parte di Billy del bandito nel gabinetto; Il violento pestaggio di Munny da parte dello sceriffo; Lo scontro finale.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Enzus79 15/9/12 10:43 - 1534 commenti

Ultimo western girato ed interpretato dal grande Clint Eastwood, e devo dire che ha chiuso col "botto". Splendida storia dove tutti sono cattivi, a loro modo. Gene Hackman ottimo nel ruolo dello sceriffo bastardo, giustamente premiato con l'Oscar. Belle le musiche.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rambo90 7/2/11 3:00 - 5001 commenti

Uno dei pochi capolavori del western moderno: Eastwood riesce a raccontare personaggi incredibilmente sfaccettati per il genere e a far rinascere un mito un po' offuscato nei film del periodo. Ottimo il cast, con lo stesso Eastwood su tutti coadiuvato da un bravo Morgan Freeman ed un eccezionale Gene Hackman, spietato sceriffo che non tollera chi viola le sue leggi. Buoni anche la partecipazione di Richard Harris e il finale antieroico.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 21/9/13 9:16 - 4099 commenti

Una donna (la moglie Claudia) ha riportato Will, feroce assassino, sulla retta via; una donna (la prostituta sfregiata) ha riportato Will al punto di partenza. La differenza sta nella consapevolezza che Will ha ora nell'uccidere. A questa figura romantica e crepuscolare si contrappone quella di Little Bill sceriffo di Big Whiskey, un uomo che fa rispettare la legge con la frusta, ma solo quando decide lui. Sceriffo, giudice e carnefice; un Padreterno. Bene e male che si confondono ed evidenziano tutte le sfumature di grigio tra bianco e nero.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le nere silhouette, casa, panni stesi, albero, uomo, contro il cielo infuocato di un'alba (o di un tramonto).
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 10/5/12 0:09 - 3122 commenti

Eastwood realizza un film ispirandosi alla sua giovinezza cinematografica cercando di rivalutare un genere che oramai sembrava latitare totalmente. Il cinismo regna sovrano nella narrazione ove i buoni sembrano non esistere. Cast monumentale con interpreti ben appropriati.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Belfagor 17/3/11 11:47 - 2508 commenti

Con mano ferma e un tratto deciso Eastwood segna la fine del western classico e del mito americano, riportandolo a una realtà fredda e spoglia di qualsivoglia manicheismo. "Gli spietati" diventa così uno sguardo sulla violenza umana, sull'etica della vendetta, sulla fuga dal passato e, soprattutto, sulla tragedia della pur inevitabile caduta di un ideale. La mole è quella poderosa di un film fordiano, ma la natura di fondo, torbida e sanguinaria, è da western all'italiana. Interpretazioni forti e convincenti, con un Hackman straordinario.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Piero68 14/11/13 10:44 - 2239 commenti

Unforgiven è proprio il genere di film che ha fatto grande Eastwood e viceversa. E il fatto che sia un western è solo una scelta di campo e nemmeno essenziale, visto che il succo del film sono le caratterizzazioni espresse quasi come una sorta di studio antropologico. Non è un caso che, anche se western, riceva 9 nomination e 4 Oscar. Nessuna retorica, nessun manicheismo e nessun moralismo. Solo la cruda realtà resa ancora più cruda e crepuscolare dalla realizzazione da parte dei due killer di essere già sul viale del tramonto. Grandissimo cast!
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 25/6/15 10:27 - 1849 commenti

Non è tanto la solidissima e classica regia di Eastwood a donare epicità al racconto, quanto la meravigliosa sceneggiatura, che offre due momenti cinematograficamente deliziosi: in primis Hackman che smonta piano piano il mito di Harris; in secundis il finale concettualmente perfetto, con un Eastwood che rivive i "fasti" del passato. Nel mentre si assiste a una storia nella quale non esiste il confine tetragono fra bene e male. Colpiscono le infinite sfumature dei personaggi, fatto pressoché inedito nel genere. Un classico immortale e senza tempo.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Stefania 9/12/09 23:25 - 1602 commenti

Non amo il genere western, eppure ho amato questo film che usa l'ambientazione e la contrapposizione buoni-cattivi tipici del genere per raccontare una storia toccante e profonda. Un ex pistolero (Munny) che non si è mai perdonato le sue passate crudeltà, cerca la redenzione combattendo "per una giusta causa". Per poi accorgersi dell'impossibilità di estirpare da se stesso, e dalla società, le radici del male: la sopraffazione e la violenza. Sia Eastwood che Hackman sono grandi nei loro personaggi ambigui e malinconici.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Disorder 13/10/14 9:54 - 1364 commenti

Un vero poema epico dei nostri giorni. Pur rifacendosi a Leone e Siegel (esplicitamente ringraziati nei titoli di coda), il grande Clint riesce a dare una dimensione nuova al genere, spogliando di qualsiasi fascino ambiguo i personaggi, rendendoli al tempo stesso più umani (Schofield e i suoi dubbi, Munny con i reumatismi) ma in qualche modo "irraggiungibili" nella loro infinita superiorità al mondo circostante. Più che mossi dal denaro, i protagonisti sembrano eroi in balia del loro destino, come nella migliore tradizione omerica. Grande film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cowboy ammazzato nel gabinetto; Il pestaggio pubblico del bounty killer inglese.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Socrate 22/12/17 14:50 - 1251 commenti

William Munny ha un passato da ammazza-cristiani e un presente da allevatore di maiali fallito. Il futuro? Tornerà a essere un pistolero, ma sfregiato nell'anima. Western classico per regìa, moderno per il suo cinismo anti-retorico (ci troviamo in una spirale di violenza e vendetta da cui non si può scappare) e anti-eroico (tutti sono cattivi, tutti in fondo - dice Eastwood/Munny - meritiamo di morire). Il finale, con la prostituta che resta lì a guardare, può ricordare Taxi driver. Hackman grandioso nel ruolo dell'ambiguo e sadico sceriffo.
I gusti di Socrate (Commedia - Drammatico - Gangster)

Giacomovie 11/2/11 2:22 - 1241 commenti

A fare grande questo film più che la sua storia è la realizzazione, immersa in un rarefatto clima che porta all’abbandono di ogni certezza e di ogni speranza. Si può parlare di un Eastwood essenziale e granitico, che è capace di far sembrare oro non solo tutto quello che luccica ma pure ciò che è nascosto. Perché il film è bello ma non è un capolavoro. E la sua parte migliore non è il lato western ma la sua componente riflessiva. Una riflessione su tutte: la vera natura di un uomo emerge sempre, anche dopo anni di letargo. ***!
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Il Dandi 10/8/10 15:13 - 1206 commenti

Se il Texano dagli occhi di ghiaccio era travolto suo malgrado dagli eventi della guerra, il vecchio ex-criminale Munny appartiene ad un'altra epoca, oltreché ad un'altra stagione della vita e diversa è la miccia che lo accende. Per buoni 3/4 di film infatti Eastwood resta imbambolato e rimbambito, fatto come un pugile suonato: non ci crede più di tanto in quella missione. Quando torna a regolare i conti con Hackmann finalmente ha una ragione per farlo e si scatena come una bestia. Senza dubbio tra i migliori western di fine secolo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ho ucciso donne e bambini. Ed oggi sono venuto ad uccidere te.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 28/3/15 20:34 - 1155 commenti

Ma guarda un po' che colpo da 90 tira fuori Clint Eastwood; è un western tra i migliori di sempre, nel quale smitizza gli eroi tutti d'un pezzo, ligi alle regole e moralmente ineccepibili, sostituiti da uomini di mondo che fanno quel che devono anche se le loro ragioni peccano di nobiltà. Hackman, Eastwood e Freeman sugli scudi, mentre al povero Harris solo una parte secondaria, anche se assolta con estrema professionalità. Chi dice che il vecchio west è morto cammini basso: questo fantasma è quanto di più consistente si sia visto negli ultimi anni.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Ultimo 5/2/15 9:59 - 1081 commenti

Un gioiello del cinema western moderno, diretto e interpretato da un Clint Eastwood perfetto che sembra tornato quello di decenni prima. La forza del film è data da una trama molto decisa, ove si mostrano personaggi mossi da interessi egoistici o da impulsi di violenza (su tutti lo sceriffo, interpretato da un ottimo Gene Hackman). Il passato di Eastwood e il ricordo della moglie sono l'essenza del suo personaggio, che torna in prima linea con l'amico Morgan Freeman. Insomma, un'ottima ricetta per un piatto prelibato: 4 pallini meritati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I metodi di Little Bill (Gene Hackman); Il finale per cuori forti.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Jandileida 3/6/17 11:34 - 989 commenti

Rivitalizzare il western puntando non tanto sull'azione e la natura ma piuttosto sulle infinite sfaccettature dell'animo umano: intento non da poco ma Clint è, e sarà, sempre Clint. Come la sua faccia secca da vecchio killer in pensione sembra fatta su misura per questo genere di film, anche la sua classica, elegante e asciutta regia permette di abbandonare i fronzoli e concentrarsi sui personaggi e la storia. Il ritmo più che scoppiettante è avvolgente ma il grande cast non fa annoiare nemmeno per un minuto. Gran film davvero.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Mdmaster 19/11/10 10:06 - 802 commenti

La cosa migliore della sceneggiatura di Peoples è effettivamente come ogni personaggio sia non banalmente buono o cattivo, anche se spende troppo poco tempo tratteggiando il protagonista Will. Al resto pensa un cast di prim'ordine, Freeman che fa un personaggio diverso dal solito (meno male!), Eastwood in formissima e uno splendido Hackman. Insomma, è un western atipico che vorrebbe concludere l'esperienza di Clint col genere, omaggiando Sergio e Don. Non così intenso e profondo come vorremmo, ma girato benissimo e ben recitato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prima uccisione dello spavaldo Kid; lo spettacolare ritorno di Will.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Viccrowley 27/2/14 17:05 - 650 commenti

Eastwood torna a dire la sua nel genere western e lo fa con un'opera eccellente, dura e malinconica. Vera e propria elegia della frontiera al tramonto, impreziosita da personaggi granitici, sfaccettati e sempre umanissimi. Non esistono buoni o cattivi, esistono esseri umani e come tali per natura fallibili, deboli, peccatori e vanagloriosi. I due amici dal passato violento, lo sceriffo che cerca di lasciarsi alle spalle sangue e cadaveri in favore di una vita semplice. Ma non è facile, per quanto aneli a cambiare un uomo resta sempre sé stesso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "È una cosa grossa uccidere un uomo, gli togli tutto quello che ha e tutto quello che sperava di avere".
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Lupoprezzo 12/3/11 22:40 - 635 commenti

Clint Eastwood dirige un film atipico (più che un western sembra un dramma dai connotati tragici ambientato nel far west), che rifugge i canoni classici per mostrare la decadenza e la meschinità di un'epoca probabilmente sporca e violenta. Purtroppo la sparatoria finale lascia un po' il tempo che trova e strappa, a quel punto, un sorriso. Impeccabili la confezione (regia, fotografia e montaggio) e la prova ambigua di Hackman.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Magi94 9/10/17 23:19 - 379 commenti

Terribile e terrificante capolavoro di Clint Eastwood. Una storia che soprattutto all'inizio è molto lenta, quasi mai accompagnata dalla musica, ma che pian piano ci mostra il volto di tutti i personaggi rivelando il contrario di quel che vorrebbero essere: bugiardi, codardi, incapaci e, soprattutto, violenti. E' proprio il violentissimo finale a seppellire il western americano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, dall'uccisione del secondo cowboy in poi.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Siregon 19/8/10 0:26 - 340 commenti

Omaggio di Eastwood al genere che lo ha reso famoso, questa pellicola consacra il leggendario attore fra i grandi cineasti del nostro tempo. Un'opera matura, lenta nell'evoluzione di una storia che presenta contraddizioni e ripensamenti, paure e certezze, sorprese e conferme ad ognuno dei suoi protagonisti. Grandi la fotografia, il montaggio, le interpretazioni, la regia figlia di Leone e Peckinpah. Dialoghi da antologia per quello che è uno dei migliori film americani di sempre.
I gusti di Siregon (Avventura - Gangster - Giallo)

Delpiero89 10/8/13 17:16 - 263 commenti

Clint Eastwood e il western: una grande storia d'amore che culmina, da regista, in questo capolavoro del genere che ne segna, per lo meno nello stile classico, la fine definitiva. Gli spietati è splendidamente profondo, è un film di vita e di vite, non ci sono buoni né eroi. Finale notevole. Attori straordinari, da Eastwood a Freeman, passando per Hackman e l'ottimo Richard Harris. Belle le musiche composte dallo stesso regista-attore. Pluripremiato, è il grande saluto al genere più amato dal più grande regista classico contemporaneo.
I gusti di Delpiero89 (Giallo - Poliziesco - Western)

Onion1973 12/4/09 15:54 - 152 commenti

L'ex-bandito Munny (Eastwood) viene assoldato da un gruppo di prostitute per vendicare una di loro, sfregiata da un cliente. Troverà sulla sua strada lo sceriffo del paese (un grande Hackman). Western crepuscolare, forse pietra tombale di un intero genere, in cui domina la poetica della redenzione di un reietto tuttavia consapevole dell'ineluttabile decadenza fisica che lo attende. Ma la vecchiaia, qui già coprotagonista (vedi Gran Torino), non fermerà il riscatto e la vendetta del pistolero Munny. Da brividi e da antologia l'irruzione nel saloon.
I gusti di Onion1973 (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Markvale 1/9/11 12:21 - 143 commenti

Il tardo western che, demolendo i miti della Frontiera, seppelisce con onore il genere. Con cadenze gotiche e un'ironia amara e caustica Clint Eastwood dipinge i cari e vecchi pistoleros - sceriffi, banditi e cacciatori di taglie - come gente priva di scrupoli e naturalmente incline alla violenza e all'omicidio. Gli anni però passano per tutti... Il quartetto di anziane star se la cava egregiamente, ma spicca il premio Oscar Hackman veramente in forma in una parte che gli è congeniale. Clint alle prese con un personaggio complesso, sfaccettato.
I gusti di Markvale (Gangster - Giallo - Poliziesco)

Paruzzo 10/8/10 0:00 - 140 commenti

Un western straordinario, il migliore tra quelli moderni. Una serie di personaggi memorabili, ognuno con i suoi pregi e difetti, ognuno interpretato da un grande attore, tutti diretti dalla mano sapiente di Eastwood. Uno dei capolavori del genere e con un finale degno del miglior Sergio Leone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Non mi pare vero che quello non respirerà più su questa terra.
I gusti di Paruzzo (Gangster - Guerra - Western)

Gaussiana 8/5/12 2:20 - 121 commenti

Il maturo Clint ci regala un gioiello western quando ormai sembrava che il western non avesse più nulla da dire, giocando un po' sui propri personaggi passati, ironizzando su pistoleri e cowboy ormai al tramonto, sulla propria malinconia. Ad animare il tutto ci pensa l'infame sceriffo, che darà motivo al nostro di ritornare a essere quello che era, quello che lo scrittore cercava. Film per gran parte riflessivo ma alla fine, senza tradire il genere, si riscatta con forza inaudita, degna di un gran western, spietatamente cinico e duro.
I gusti di Gaussiana (Fantascienza - Horror - Western)

Ercardo85 16/12/08 18:17 - 81 commenti

Eastwood raccoglie la lezione del suo maestro Sergio Leone evitando però il ricorso alla cinica retorica tipica dello "spaghetti western" per mettere in scena il conflitto interiore di un uomo e l'ambiguità della storia di una società (quella degli USA), che affonda le proprie radici nella violenza più irrazionale. Capolavoro.
I gusti di Ercardo85 (Commedia - Gangster - Western)

Zuni 31/12/11 23:27 - 68 commenti

È stato un inaspettato ritorno del western abbracciato da un successo di critica e pubblico enorme. Eastwood dopo questo è entrato definitivamente nel gotha degli intoccabili e niente è stato più come prima. Peccato che il film, tolto il concetto e salvo una bellissima fotografia, è terribilmente sopravvalutato e si riempie di troppi ridicoli personaggi (il biografo) e tante chiacchere inutili. Clint non è uno stupido e omaggia il film con citazioni da Siegel e Leone, ma i lavori dei due maestri sono decisamente lontani. Hackman una spanna sopra a tutti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gene Hackman che smonta le menzogne di Bob l'inglese; Clint spietato "ritrovato" nel finale del film.
I gusti di Zuni (Animali assassini - Horror - Thriller)