Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IL SOSPETTO (2 PUNTATE)

All'interno del forum, per questo film:
• Il sospetto (2 puntate)
Dati:Anno: 1972Genere: fiction (bianco e nero)
Regia:Daniele D'Anza
Cast:Paolo Stoppa, Ferruccio De Ceresa, Mario Carotenuto, Adolfo Celi, Mila Vannucci, Franco Volpi, Jole Fierro, Gianni Solaro, Olga Gherardi, Giorgio Cerioni, Roberto Bruni, Gioietta Gentile, Siria Betti
Note:Tratto dall'omonimo romanzo di Friedrich Durrenmatt e trasmesso dalla Rai il 13 e 15 febbraio 1972.
Visite:317
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/7/12 DAL BENEMERITO NICOLA81

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Lythops
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Nicola81


ORDINA COMMENTI PER:

Nicola81 2/7/12 15:45 - 1374 commenti

Nonostante la figura del commissario protagonista, quello di Durrenmatt non è il classico giallo, ma un'indagine sui lati più oscuri dell'animo umano. Esempio di fiction oggi improponibile, con un ritmo piuttosto lento e le riprese effettuate esclusivamente in interni (ospedalieri). Eppure si resta con la sensazione di aver assistito a un prodotto di classe e in grado di ispirare riflessioni non banali. Grande cast: a colpire maggiormente è forse lo scontro dialettico tra Stoppa e Celi, ma la prova di Carotenuto non è certo da meno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La clinica d Adolfo Celi, avveniristica e orribile al tempo stesso; Il finale, parzialmente diverso da quello del libro.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Lythops 17/2/17 18:41 - 906 commenti

C'è chiaramente il sapore di altri tempi in questo "sceneggiato", che nonostante gli anni non ha affatto perduto il suo fascino, sostenuto com'è dalla recitazione di grandi attori oggi purtroppo scomparsi. Diretto a un pubblico che allora era in grado di recepire e apprezzare i contenuti indipendentemente dall'azione, è sicuramente un manuale involontario su come strutturare un'ottima storia con pochi mezzi. Come altre opere realizzate allora per la televisione, ha i pochi esterni girati su pellicola (16mmm) e gli interni con telecamere.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)