Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DIAZ

All'interno del forum, per questo film:
Diaz
Dati:Anno: 2012Genere: drammatico (colore)
Regia:Daniele Vicari
Cast:Claudio Santamaria, Jennifer Ulrich, Elio Germano, Davide Iacopini, Ralph Amoussou, Fabrizio Rongione, Renato Scarpa, Mattia Sbragia, Antonio Gerardi, Paolo Calabresi, Francesco Acquaroli, Alessandro Roja, Eva Cambiale, Rolando Ravello, Monica Barladeanu
Note:Aka "Diaz: Don't Clean Up This Blood", "Diaz: Non pulire questo sangue".
Visite:1797
Il film ricorda:Il muro di gomma (a Furetto60)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 38
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/4/12 DAL BENEMERITO NANDO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/4/12
Quando bastano quattro lettere a spiegare con chiarezza un sentimento e una contrapposizione così forte tra due schieramenti agli antipodi significa che quelle quattro lettere sono diventate un simbolo; e la scuola Diaz tale è diventato cogli anni, a testimonianza imperitura di uno scontro che non si esaurirà mai tra due forze antagoniste, uno scontro che saltuariamente esplode in azioni perlopiù immotivate o reazioni sproporzionate. L'assalto alla Diaz da parte delle forze dell'ordine in un giorno di ordinaria follia ha portato a processi che hanno inevitabilmente mostrato quanto l'intensità del raid notturno a colpi di manganello ai danni degli occupanti della scuola sia stata indubbiamente eccessiva, e Vicari ce lo ricorda montando il film in un RASHOMON impazzito, con l'azione che si ferma, torna indietro e riprende da un altro punto di vista per poi tornare al momento centrale, l'irruzione della polizia, che alza le mani sui giovani del social forum dispensando manganellate e insanguinando i pavimenti. Don't clean up this blood, perché dimenticare non è giusto e ben vengano film che costringono a riflettere anche ponendo l'accento sulla violenza per colpire l'immaginazione dello spettatore, meglio se costruiti tecnicamente molto bene come in questo caso. Vicari riesce infatti, attraverso un attento uso della fotografia, a mescolare finzione e filmati di repertorio ottenendo un buon effetto verità: il clima di quei giorni viene ricreato con convincente realismo anche per merito di un buon parco attori, ben diretto e in parte, e la scuola reclama progressivamente la sua centralità trasformandosi presto nel capro espiatorio che tutti conosciamo. La prima parte del film è tesa, concitata, studiata nei minimi particolari per seguire le linee direttrici di un certo cinema a base documentaristica, la seconda entra nel vivo dell'azione senza frenare di fronte a nulla mentre la terza è la più debole, con la pretestuosa parentesi a Bolzaneto e un epilogo strascicato che aggiunge poco. In definitiva un'opera sì chiaramente orientata a sinistra (e colpevolmente indulgente nei confronti dei black bloc), ma anche scrupolosa, scritta studiando le carte processuali, abile nel portare su schermo un film capace di tessere in un'unica tela le decine di filmati amatoriali di quei giorni donandogli un'organicità utile a comprendere (anche se solo parzialmente) cosa accadde, un primo spunto che accenda il desiderio di approfondire per capire cosa davvero si nascondesse dietro determinati atteggiamenti. In questo, e nella solida regia di Vicari, sono da ricercare i motivi per vedere il film, non certo nelle poco incisive parentesi con Germano giornalista, nelle torture posticce a Bolzaneto, nelle evanescenti figure disseminate qui e lì che sembrano inserirsi faticosamente nel quadro generale. Nè si può sorvolare sull'approssimazione nella ricostruzione, confusa quando inserisce nella storia le alte cariche statali e sbrigativa quando si dovrebbe dare una forma precisa alle forze in campo. Siamo lontani dalla perfezione, senza dubbio, ma negare all'opera di Vicari un'efficacia non comune nel riportare alla luce un fatto grave di cui l'Italia si è macchiata sarebbe ingiusto.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 24/10/12 5:50 - 10395 commenti

Un’occasione persa per realizzare un’opera importante su una vergognosa pagina di storia italiana. L’assalto alla caserma Diaz di Genova viene rappresentato in modo totalmente decontestualizzato, fornendo delle ridicole pseudo motivazioni e non rappresentando in alcun modo lo scenario politico e sociale. Anche narrativamente, il regista si dimostra poco padrone del mezzo, adottando stratagemmi che rendono il film a tratti astruso. Totalmente inutile la partecipazione di un bravo attore come Germano.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 15/4/12 10:10 - 7005 commenti

L’encomiabile volontà di raccontare la vergognosa vicenda della Diaz al G8 di Genova non basta per fare un buon film: Vicari evita di inquadrare il contesto, limitandosi a zoomare sul solo fatto, rendendolo incomprensibile per chi già non lo conosca; evita di fare nomi, di spiegare le responsabilità, con l’inevitabile conseguenza della generalizzazione e del qualunquismo. Insomma, non fa un film né storico né politico, ma cronachistico, quasi aneddotico, puntando sull’effetto e sull’emozione, anestetizzando la vera indignazione. Peccato.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 28/4/12 16:31 - 4059 commenti

Questo è un fulgido esempio di come una situazione già mal gestita a priori possa sfociare in uno degli episodi più vergognosi e barbari firmati Italia. Il tutto viene descritto con una certa professionalità, ai limiti della fredda cronaca, cercando solo qua e là di dare un po’ di peso ai protagonisti. Gli attori sono senza infamia e senza lode, asserviti alla causa, ovvero lì per fare in modo che si abbia un’idea di ciò che è successo, dopo mille dibattiti, congetture e dichiarazioni. Vale soprattutto come promemoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "E' inutile tenere le mani in alto".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Schramm 14/9/12 11:33 - 2094 commenti

Message in a bottle? Fregandosene del respiro narrativo, Vicari si concentra più panzerfaustianamente degli acab tratteggiati solo su ossa rotte (il cui rumore, paradossalmente, non udiamo), teste sfondate, ecchimosi, pozze vermiglie, carni piagate dai tonfa, urla e gemiti, sevizie in bilico tra Salò e Martyrs e ci urla/ricorda che buona parte della storia contemporanea italiana è scritta sulla carta igienica. Indubbio, ma questa notte delle matite spezzate ci era già stata esaustivamente verbalizzata dagli agghiaccianti Genova per noi e Bella ciao. Rafforzativo necessario? Il dubbio resta. (**)
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 19/4/12 23:48 - 6621 commenti

Certo non tutto è perfetto, anzi. Dubbi, magagne e perplessità non mancano, ma è anche vero che se ci si concentra solo sul fatto in sè (come per altro fatto e voluto dallo stesso regista), il risultato non è malvagio. Colpisce duro e non lascia indifferenti, trasmettendo, almeno a chi scrive, un senso di impotenza, rabbia, sgomento per una violenza che si fa sempre più terribile e insostenibile. Scorciandolo un po' e conferendogli un respiro più ampio, sarebbe stato un gran film: non si può avere tutto dalla vita, specie se dirige, con tutto il rispetto, Vicari.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 29/4/12 15:48 - 2067 commenti

Dopo i corpi e la dignità, quello che crolla sotto i colpi di manganello è l'obbiettività e il distacco critico; l'imparzialità va in frantumi: cause e moventi tacciono annichiliti. Vicari sceglie di filmare la forza d'urto dell'abuso, il suo impatto emotivo, evitando il documentarismo attraverso una costruzione narrativa labirintica, specchio del dedalo genovese. L'esercizio funziona egregiamente fintanto che Vicari manipola le immagini, meno quando risponde svogliatamente alle esigenze di scrittura cercando punti di vista attraverso personaggi e psicologie irrilevanti. Stordente.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 13/5/12 20:39 - 2965 commenti

Mettendo da parte eventuali analisi sulla veridicità nella ricostruzione dei fatti (che lascio agli esperti, anche se, da inesperto, mi è parso di avvertire qualche reticenza quà e là), ciò che rimane è un film che parte teso e serrato, raggiunge notevoli picchi (e notevole pathos) nel lungo segmento dell'irruzione, ma che si affloscia in un secondo tempo smorto e diluito, chiudendosi con finalino banale con inevitabili didascalie a seguire. Buona l'idea della pellicola sgranata per meglio integrare le immagini dal vero. Così così.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 16/4/12 8:54 - 2512 commenti

La difficile quanto necessaria volontà di Vicari è stata quella di ricostruire l'irruzione notturna di centinaia di poliziotti nella scuola Diaz di Genova durante il G8 del 2001. I personaggi appaiono abbozzati e in definitiva la vera forza della pellicola sono la vicenda stessa e naturalmente la violenza; sicuramente di forte impatto. Vicari ha il merito d'averci mostrato in tutta la sua drammatica veridicità l'ormai documentata mattanza compiuta dallo Stato. Un film importante che, pur con qualche difetto, è stato a mio avviso ben realizzato.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Matalo! 15/10/12 11:23 - 1333 commenti

Possibile che un film che dovrebbe appassionare e scuotere riguardo un episodio "cileno" della storia recentissima diventi interessante solo a 15 minuti dalla fine? Presunzioni verie in questo film: che tutti siano informati dei fatti al dettaglio, che ci si appassioni a figure che sfrecciano inconsistenti sullo schermo, che si abbia la voglia di sopportare flashback impazziti. Solo con la dolente storia della ragazza olandese ci si appassiona, ma é troppo tardi. E comunque tira, talvolta, un'aria da Rai Premium.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Cangaceiro 19/4/12 15:26 - 982 commenti

La macelleria messicana della Diaz nuda e cruda in due ore di film capaci di chiudere lo stomaco. Vicari si focalizza sull'abnorme abuso di potere in quella sanguinolenta notte genovese per scolpire nella memoria l'accaduto, starà ai posteri non ricadere negli scempi passati. La ricostruzione del massacro è fatta con verismo, potenza ed emotività incredibili e sconvolgenti, quella del contesto generale di quei giorni presenta qualche semplificazione di troppo. L'assenza di un vero protagonista non pesa, la scuola degli orrori non sarà mai dimenticata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Una camionetta sfonda il cancello e inizia l'incubo...
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Gugly 14/10/12 14:17 - 938 commenti

Con il "rimescolamento" temporale Vicari voleva indicare la confusione del e sull'evento? Il risultato su chi scrive è quello di mancata empatia con la storia, troppo generica quando si tratta di indicare chi progettò l'assalto e tirata via sulle vicende dei personaggi delineati (salvo solo Santamaria, Germano e Scarpa sprecati). Certo, il pestaggio alla Diaz è forte, le umiliazioni subite alla caserma di Bolzaneto colpiscono, ma allora tanto valeva fare una docufiction tout court. Un film esige uno sviluppo, che qui latita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In negativo: quella benedetta bottiglietta riproposta al ralenti troppe volte.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Harrys 29/4/12 20:27 - 679 commenti

È tutto così profondamente “strumentale” da costringere il rigore critico alla resa. Una bieca raffica exploitation à la olocausto/bis, sterile ed irritante, in quanto chiaramente perpetrata per sopperire al Significato. Le didascalie presuppongono quell’obiettività tipica del documentario che vieta di sperticare figure caricaturali quali il simil-Tonino Guerra della CIGL. Il disgusto (a livello propriamente intestinale) dell'insieme è pari all'esilarante apparizione di un ultrà "bipolarizzato" dalla visione. Il vuoto cosmico con una bottiglietta di vetro in CGI a gravitarci dentro: ad ognuno la sua civiltà…
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Redeyes 29/10/12 8:20 - 1937 commenti

Diaz è un pugno allo stomaco per quello che rappresenta, ma anche una pellicola che certo non si ricorda per la sua intrinseca qualità. Le interpretazioni diventano difficilmente giudicabili proprio perché ridotte all'osso. Si ricordano più le violenze e i colpi in rapida successione che la veridicità delle immagini. La mia idea è che se ne potesse trarre qualcosa di più significativo, così facendo si rischia di svilirlo a puro scontro celerini-no global. Andato perso tutto il castello che c'è alle spalle. Non bastano le righe finali.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Nando 15/4/12 1:22 - 3165 commenti

L'assalto della Polizia alla scuola Diaz durante il G8 del 2001. Documentaristico e cronachistico, inframmezzato da riprese originali, il film presenta, dopo un abbozzato rimando alle devastazioni della città, la descrizione delle note violenze delle Forze dell'Ordine. La denuncia appare manieristica, retorica e intrisa di partigianeria (vedi la figura dell'anziano). Cast corale in cui né Germano, non pervenuto, né Santamaria incidono. I film di denuncia sociale sono altri. Deludente.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Belfagor 5/5/12 19:20 - 2541 commenti

Senza alcun dubbio l'effetto c'è: le immagini del pestaggio, riproposte da diversi punti di vista, non lasciano indifferenti. Il vero problema risiede invece nel mancato esame delle cause, che impedisce di contestualizzare gli eventi del film e, soprattutto, di collegarli al retroscena politico. Si fanno pochi nomi, i personaggi fittizi (Germano) non servono, quel lancio della bottiglia come prima causa finisce per irritare. Alla fine, gli unici ad essere messi in evidenza sono quelli che ormai valgono giusto come capri espiatori.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 28/4/14 12:08 - 2421 commenti

La sensazione primaria che si sedimenta dopo la presa visione è quella di certa sproporzione fra l'urgente potenza dell'evento e la forza cinematografica del film. Vicari mostra coraggio nell'approcciar cotanto cimento ma se l'assalto alla scuola e le successive efferatezze sono "dette" con eccellente rigore filmico e trasparente indignazione etica, il tentativo "altmaniano" di short cuts sul Belpaese oggi e sulla Genova del 2001 risulta narrativamente non minimale ma semplicemente sterile, oltrechè punitivo nei confronti del già anonimo cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La eco del "riponete il tonfa" da parte di Santamaria.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Piero68 17/4/13 8:43 - 2349 commenti

Un Vicari immmenso riesce ad annichilire lo spettatore trasportandolo direttamente al centro della macelleria messicana e facendogli respirare la stessa aria di terrore, violenza e soprusi dei ragazzi: una stretta allo stomaco dall'inizio alla fine. Regia essenziale e un montaggio pressocchè perfetto integrano parti di girato con immagini reali. Cast variegato pescato quasi per intero tra i volti più o meno noti delle fiction ma comunque funzionale. Si fa fatica a credere che sia un prodotto italiano. Unico neo gli inutili salti temporali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pestaggio dei due ragazzi tedeschi (soprattutto della ragazza) trovati nascosti da soli e il loro trascinamento su un mucchio di quasi cadaveri.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 17/4/12 0:51 - 1913 commenti

Il problema fondamentale dell'opera è la totale mancanza di una costruzione ad ampio respiro dei fatti accaduti: eccezion fatta per le violenze alla Diaz e alla caserma (inspiegabile la mancanza di un divieto), Vicari non fa nomi e fa intuire che l'operazione della polizia è scaturita solo per un lancio di una bottiglietta di vetro. Il risveglio della coscienza si fa in ben altro modo. Molto buono il lavoro tecnico e registico. Non si è creato alcun tipo di legame empatico fra l'opera e il sottoscritto.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Fauno 23/10/12 12:20 - 1670 commenti

Per essere uscito quasi in tempo reale al mio commento, è un capolavoro che mi ha lasciato una tacca, non solo un segno. Troppo facile fermarsi allo sdegno per il macello, alla vergogna per gli espedienti usati a taroccare le indagini, per le notizie distorte dei mass-media; bisogna andare oltre, cogliere il coraggio del regista, che con dati sfumati ci lascia trasparire i motivi di uno scempio così inspiegabile. E proprio perchè inspiegabile occorre poi ragionare quasi per assurdo, o quantomeno molto fuori dalle righe...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Mickes2 27/4/12 11:58 - 1550 commenti

Vicari sceglie la via per direttissima e ci impone lo sgomento e la rabbia per ciò che incredibilmente accadde. Un paio di situazioni potevano esser gestite in modo migliore e non manca neppure qualche problema in fase di scrittura... ma in ogni caso la denuncia arriva sentita e viscerale. Merito di una regia addosso ai corpi focalizzando e documentando l'orrore, con la mdp frenetica e pacata quando il racconto lo impone. Uno sguardo dolente e impietoso, con pochi sconti, nei confronti di un assurdo e inspiegabile abuso di potere.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Luchi78 24/4/13 16:38 - 1521 commenti

Nonostante la violenza delle immagini e l'insistenza sugli eventi più dolorosi di quegli sciagurati giorni, Diaz non è un film che coinvolge più di tanto. Sarà la decontestualizzazione dall'evento principale (il G8), l'assenza di personaggi forti, una Genova che filtra quasi inesistente l'obiettivo della macchina da presa; il racconto di Vicari vuole fondersi con la realtà, ma rimane più una forzatura che un tentativo azzeccato, al contrario de Genova 01 - Il seme della follia, che con le sole registrazioni telefoniche riusciva nell'intento.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Il Dandi 24/6/17 16:30 - 1279 commenti

Nel coro di comparse stonano i volti noti (Scarpa, Germano) che, anche quando la loro interpretazione è valida (Santamaria) restano portavoce dei personaggi più stereotipati e didascalici; più convincenti gli sguardi accigliati e avidi di sigarette nella sala riunioni della Questura, anche se la scelta di ricorrere a nomi di fantasia appare francamente incomprensibile. I pregi maggiori: la cronologia spezzata della ricostruzione, la violenza non compiaciuta, il materiale di repertorio ridotto al minimo e - finalmente - un sano plurilinguismo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il prigioniero costretto ad abbaiare a quattro zampe; Il celerino affettuoso al telefono con la famiglia poco dopo aver portato le false molotov.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Furetto60 27/10/14 14:33 - 1129 commenti

Rabbia. Tanta ne resta al termine della visione. Ciò che più mi ha impressionato, al di là dell’assalto, raro esempio di vigliaccheria, sono i momenti precedenti, in cui le decisioni sono prese in modo superficiale e cialtrone e il lungo seguito con le prolungate vessazioni e l’efficace lavoro di copertura e depistaggio dei fatti. Senza avere i tratteggi psicologici di ACAB, qui prevale l’aspetto documentaristico - freddo, per quanto possibile e chirurgicamente efficace - dell’ennesima vergogna nazionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il senso di inutilità del tutto, marionette impazzite sul palcoscenico della vita.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Pumpkh75 19/10/13 10:51 - 1068 commenti

Si punta sulla rabbia, sullo sdegno, sulle emozioni generate da uno degli eventi più contraddittori dell’Italia del nuovo millennio. In questo il film funziona in maniera egregia, assestando, come un celerino, una dolorosa serie di colpi in pieno volto. Manca però il coraggio di andare a fondo e di ancorarsi ancor di più alla realtà, lasciando ai titoli di coda un senso d’incompiutezza latente. Personaggi non tutti a fuoco, sopraffatti da brama e cronaca della mattanza, con finale e didascalie inutili. Efficace, ma anche molto furbo.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Xamini   18/4/12 17:59 - 806 commenti

Pugno nello stomaco con poca volontà di contestualizzare, questo lavoro di Vicari ricostruisce la vicenda dell'assalto alla Diaz al G8 2001 seguendo un profilo umano, emozionale. La sua efficacia corrisponde 1:1 alla violenza che, minuto dopo minuto, si fa via via più insopportabile lasciando aperti i quesiti sulle responsabilità. Sarà retorico ma ha valenza di monito. Altri spieghino il contesto. Altri ancora provino a spiegare l'origine dell'odio radicato in ciascuna delle fazioni di un conflitto, urbano o nazionale che sia. A meno di nomi, cognomi e storie lunghe una vita, si arriverà alla medesima origine comune.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'irruzione.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Nancy 6/5/12 14:16 - 730 commenti

Indubbiamente controverso, l'episodio su cui il film vuole far luce, oltre che una pagina di violenza è una pagina di disorientamento psicologico e sociale; per questo il film secondo chi scrive è apprezzabile, poiché ha in sé questo forte senso confusionale che, lasciandoci dubbi sulla vicenda in cui è inserita la vicenda della Diaz (in ogni caso, non si tratta di un documentario!) rafforza lo straniamento e anche l'irrequietezza dello spettatore, che esce dalla visione abbastanza disturbato. Pessimo tuttavia il buonismo nei confronti dei black bloc.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Vitgar 9/4/15 18:48 - 586 commenti

Film poco riuscito da tutti i punti vista. Assolutamente di parte, senza una visione dei fatti equilibrata e obiettiva. Viene descritta - più che un evento orribile dei nostri anni - la battaglia tra il "lato oscuro" e gli "angeli della luce". Va dato atto della bontà di fotografia e di movimenti di macchina. I film politici sono pericolosi e questo ne è un esempio lampante.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Ford 18/4/12 16:16 - 582 commenti

Più di un'ora di botte... Una scelta non condivisibile ma necessaria, perché il nostro paese non sa e questo film potrebbe essere molto più utile di tanti telegiornali a scuotere la gente; ma una parte di approfondimento sarebbe stata necessaria per non far sì che il film risulti solo un realistico e - a caldo - indignato racconto di una tortura.
I gusti di Ford (Animazione - Commedia - Horror)

Cloack 77 18/4/12 14:24 - 547 commenti

Sconta, nella prima parte, un confronto insostenibile con l'uso dei filmati originali di quel giorno: la finzione e la realtà si scontrano generando quasi repulsione verso “il recitato”, troppo falso rispetto ai documenti reali. Il film invece acquista una forza dirompente nel momento dell'assalto, laddove la finzione deve ricostruire la verità; non c'è più scampo, la rabbia e l'angoscia mordono il cuore... Diaz diviene folgorante nella sua durezza, insostenibile nella sua brutalità, doloroso per le ferite inferte “alla” polizia.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Magi94 17/7/17 14:18 - 435 commenti

Vicari realizza un film in stile documentaristico, ma più che di ricostruzione storica alla Rosi, crea un'opera di pura denuncia. Le motivazioni dei no global interessano poco, gli scontri dei black bloc fanno solo da contorno alle vicende dei pacifici contestatori che dormirono alla Diaz. E Vicari riesce nell'intento: non mi importa il come e perché, questo è quel che è successo e è un atto criminale. L'estrema violenza mostrata è necessaria per creare l'indignazione. Le forze dell'ordine ne escono male, ma ci mancherebbe visti i fatti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il sangue che scorre come in un macello, confermato dai numerosi testimoni realmente presenti.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Rullo 29/4/12 21:19 - 388 commenti

Diaz è un film che si ripropone di mostrare con distacco oggettivo i fatti accaduti durante gli scontri a Genova tra polizia e giovani nella scuola, appunto, Diaz. Come realizzazione però è un po' scadente: la sua obbiettività da una certa angolatura lo fa sembrare quasi propagandistico e per quanto riguarda gli aspetti puramente cinematografici il suo taglio da documentario non è troppo coinvolgente, mentre gli attori sono piuttosto credibili.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)

Alex1988 10/1/18 18:54 - 384 commenti

Un vero pugno allo stomaco! Di certo, non si può negare l'impegno nella messinscena da parte di Vicari; il difetto del film è, forse, nella sceneggiatura: abbastanza confusa nell'uso dei salti temporali. Resta comunque una valida testimonianza utile a non dimenticare quanto successo a Genova nel 2001. Anche gli attori fanno in maniera diligente la loro parte (in particolare Santamaria, unico poliziotto "umano").
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Mutaforme 16/4/13 23:10 - 373 commenti

Crudo, forte, spietato. Un film che racconta i fatti di Genova descrivendo i misfatti di una brutta pagina della storia d'Italia. Va detto comunque che molte scene sembrano troppo enfatizzate e i poliziotti assumono la veste di moderni nazisti; qui si esagera e non si approfondiscono i perché e i "per chi" di certi gesti. Manca del tutto una spiegazione della storia; difficile che uno spettatore non italiano riesca a capire cosa sia successo.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Thedude94 1/3/18 23:21 - 239 commenti

Non è facile raccontare una storia così delicata per chi l'ha vissuta dal punto di vista emotivo ma Vicari, attraverso una regia fluida e un racconto violento e crudo, mette in scena tutto sommato un'opera positiva e che fa riflettere. Gli attori fanno da contorno, non c'è un vero e proprio protagonista; lo è in realtà lo sfondo, cioè la scuola Diaz dove sono avvenuti i misfatti. Al di là delle opinioni politiche, resta un'opera coraggiosa in un periodo davvero triste per le ideologie e per i diritti civili.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Bizzu 26/9/14 23:03 - 210 commenti

Uno dei fatti piu vergognosi nei quali è stata coinvolta la polizia (e lo stato italiano) meritava di essere rappresentato con un film migliore di questa robetta insipida. C'è poco da salvare e il peggio secondo me sono la narrazione frammentata in maniera totalmente priva di significato o pathos, la rappresentazione dei black block e soprattutto il fatto di non riuscire a creare la minima empatia pur avendo a disposizione una storia agghiacciante. Bocciato.
I gusti di Bizzu (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Ramino 22/7/13 10:00 - 127 commenti

Fare un film su un'irruzione senza incidere sul contesto fa semplicemente confermare quanto questa pellicola sia decisamente stata una occasione persa di raccontare la pagina più nera della polizia dal dopoguerra a oggi. Troppo facile mettere chi ha sbagliato sul banco degli imputati difendendo l'altra fazione senza incidere su chi realmente ha voluto che le cose andassero in quel modo. Il regista ha affondato il pugno sull'irruzione senza approfondire il resto.
I gusti di Ramino (Comico - Commedia - Poliziesco)

Stuntman22 11/9/14 1:21 - 98 commenti

Un'operazione cinematografica che nasconde, nemmeno bene, uno spirito manicheo propagandistico. Tuttavia, i primattori reggono, anche se il tutto risente di una confezione raffazzonata. Il cast di supporto è affidato a tremendi attori dell'est Europa, dalle fattezze drammaticamente riconoscibili nei panni di poliziotti italiani. Se il regista non si faceva prendere la mano, poteva sortirne qualcosa di interessante. La voglia di dimostrare una tesi finisce per tarpare il tutto.
I gusti di Stuntman22 (Avventura - Azione - Poliziesco)

Massim8 20/4/12 13:53 - 1 commenti

Peccato! Sul filone di Romanzo di una strage, "Diaz" poteva e doveva essere un film non solo di cronaca. Invece inizia con l'irruzione della Polizia e finisce con le ambulanze. Nel mezzo scene di forte impatto visivo ed emotivo, accompagnate da una colonna sonora fatta soprattutto da grida, lamenti, urla di paura e dolore. Per il resto manca qualcosa, ma forse l'obiettivo del regista era un pugno allo stomaco dello spettatore e non il raccontare storie e prendere posizione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le urla che accompagnano tutto l'assalto alla scuola.
I gusti di Massim8 (Azione - Fantascienza - Thriller)