Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ETOILE

All'interno del forum, per questo film:
Etoile
Dati:Anno: 1989Genere: thriller (colore)
Regia:Peter Del Monte
Cast:Jennifer Connelly, Gary McCleery, Olimpia Carrisi, Laurent terzieff, Charles Durning
Visite:1005
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 20/2/10 9:40 - 5712 commenti

Con la mediazione di Del Monte, il nostro cinema compie una delle sue rare incursioni nel fantastico, ma l’evocazione di atmosfere fiabesche e macabre (Phenomena) unitamente a luoghi sospesi e sdoppiamenti (Fantasma d’amore) proviene da un copione lambiccato e colloso, che gira spesso a vuoto annullando il coinvolgimento emotivo dello spettatore, prossimo alla noia. Di qui il giudizio ripiega sul lato scenografico (gli esterni ungheresi, le coreografie del “Lago dei Cigni”), sulla silfide Connelly, sui tetri Terzieff e Carlisi e sul tonitruante Durning. Insignificante l’”eroe” McCleery.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 6/2/12 23:37 - 6489 commenti

Parte bene, creando le atmosfere giuste e riuscendo ad intrigare, seminando qua e là gustose briciole di inquietudine. Ben presto però irrompe l’elemento amoroso che, con le sue troppe parentesi, “corrompe”, il bel clima misterioso. Si va avanti così tra alti e bassi, momenti riusciti e cadute di tensione, nonché tra evidenti reminiscenze argentiane. Troppo poco per convincere davvero. Mediocre, con un suo perché.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Lucius  30/8/10 2:10 - 2577 commenti

La poesia di Phenomena, le atmosfere inaspettate di Opera e la Connelly, bella come mai, in un lungometraggio fantasy caratterizzato da una regia sussurrata e misteriosa. Arrivata a Budapest per entrare in una scuola di ballo (ricorda qualcosa questo inizio?), finisce imbrigliata nella rete di uno strano coreografo, che la trascina in un universo parallelo in cui la realtà è trasformata in una sorta di trance. Fantastico.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Stefania 13/7/11 1:13 - 1602 commenti

Con un atto d'imperio, (l'uomo) Del Monte ha detto sì, il pubblico ci deve credere, perdendosi negli occhioni belli della Connelly, a questa storia di possessioni fantasmatiche, di ballerine che vissero due volte, di sdoppiamenti di personalità, deve crederci sorbendosi i fidanzatini peripatetici nei parchi, i tormenti di Terzieff, gli sguardi torvi della Carlisi. Si arriva stanchi all'ultimo scorcio, in cui il carattere genuino della fiaba horror emerge con efficacia, con la bizzarra messinscena "al nero" de "Il Lago dei Cigni", tardivo trionfo del Male, e del buon cinema. Discontinuo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli intermezzi dello zio burbero e del nipote succube nella casa d'Aste, assurdi, ma funzionali al... "dopo".
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Disorder 31/10/12 15:16 - 1356 commenti

Di Argento ce n’è uno solo, siamo d’accordo. Del Monte (che cita spudoratamente lo stile e perfino la trama di alcuni dei classici del regista romano) non si avvicina certo al modello originale, ma riesce a comunque a creare un bel film, dall’atmosfera onirica e avvolgente. Buona parte del merito va alla protagonista, che per questi ruoli fantasy era davvero perfetta. E il tema del dualismo bene/male, qui rappresentato grazie al Lago dei cigni di Tchaikovsky, in fondo funziona sempre (se ne ricorderà bene Aronofsky...). Niente male!
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Tomastich 10/2/14 18:45 - 1169 commenti

Del Monte è un regista completamente sconosciuto. Da riscoprire? Chi lo sa, resta il fatto che è una personalità assolutamente lontana dai canoni standard della narrazione all'italiana. In questo Etoile prende l'attrice di Phenomena (la soave Connelly), l'ambientazione della danza tanto cara a Suspiria e quella teatrale di Opera (anche se quest'ultimo è quasi coevo), ma resta lontanissimo da qualsiasi plagio Argentiano. Non ci sono streghe, non c'è soprannaturale, ma tanta classe e un pizzico di artificiosità.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Fedeerra 2/11/17 5:58 - 94 commenti

C'è una buona prima parte, c'è la bellezza di Jennifer Connelly, una villa antica immersa nel verde, un'atmosfera da fiaba nera e un gioco psicologico tra personaggi e personalità. Purtroppo però c'è anche una seconda parte: ridondante, confusa, estremamente ambiziosa quanto noiosa. Il regista perde la Connelly, di cui non resta che una figura e si concentra sugli affanni amorosi di Gary McCleery, attore innocuo e assai dimenticabile.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)