Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HACHIKO - IL TUO MIGLIORE AMICO

All'interno del forum, per questo film:
® Hachiko - Il tuo migliore amico
Titolo originale:Hachiko: A Dog's Story
Dati:Anno: 2009Genere: drammatico (colore)
Regia:Lasse Hallström
Cast:Richard Gere, Forest, Joan Allen, Cary-Hiroyuki Tagawa, Sarah Roemer, Jason Alexander
Note:Il film, conosciuto anche come "Hachiko: a dog's tale", è tratto da un fatto realmente accaduto in Giappone negli anni '20 e di cui si fece già un film: "Hachiko monogatari" (1987). Forest è il nome del cane che "interpreta" Hachiko.
Visite:686
PALLINAGGIO UFFICIALE:
Nessun voto
MEDIA UTENTI:
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su computer.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/1/10 DAL BENEMERITO MANOWAR79

Cliccate sul nome del critico per leggere in basso la sua dissertazione.


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 9/1/10 9:13 (Commedia - Drammatico) - 8259 commenti

Nella lunga teoria di film dedicati al rapporto tra l'uomo e il cane, giunge questa pellicola di Lasse Hallstrom ispirata ad una vicenda realmente accaduta in Giappone negli anni '20. Il regista ha il merito di tenere la vicenda entro i limiti del sentimentale non eccedendo nei toni buonisti (che comunque non mancano, anzi!), impresa possibile grazie anche alla recitazione misurata dei protagonisti "umani", mentre quello canino è decisamente istrionico e ruba quasi sempre la scena ai primi.

Daniela 29/3/14 12:13 (Azione - Fantascienza - Thriller) - 3679 commenti

Ambientazione americana per una delle storie più note e commoventi di fedeltà canina, avvenuta in Giappone molti anni fa. Hallström la impagina con correttezza un poco accademica - a parte le soggettive in bn che dovrebbero replicare il punto di vista di Hachiko, splendido cane di razza Akita Inu: è lui il vero protagonista, espressivo e anche gigione, mentre gli umani, Gere compreso, saggiamente si limitano a fargli da corona. Congegnato per spremere lacrime, riesce nell'intento soprattutto se si ha avuto la fortuna di avere avuto, almeno una volta nella vita, un cane per amico.

Capannelle 18/2/10 10:01 (Commedia - Sentimentale - Thriller) - 2468 commenti

Hallstrom dirige con buon mestiere una storia fondamentalmente semplice e monodirezionale. A rischio carie per chi pretende personalità e colpi di scena, toccante per chi si focalizza sull'atmosfera abilmente creata con le musiche e le espressioni del protagonista a quattro zampe. A onore del regista aver comunque mantenuto un basso profilo (pochi personaggi, poco autocelebrativo), a suo detrimento aver insistito troppo su un unico e facile elemento emozionale.

Cangaceiro 28/1/11 11:16 (Commedia - Gangster - Western) - 962 commenti

Preparate i fazzoletti perché è quasi impossibile non piangere di fronte alla storia di Hachi. Il rubinetto delle emozioni si apre spesso in modo inarrestabile, esaltando quest'apologo sull'amicizia e la fedeltà tra uomo e cane. La cosa lodevole è che il film scorre senza pietismo o ruffianeria e narra la vicenda in maniera nettamente semplice, positiva e gentile. Aiutano in tal senso le toccanti note di pianoforte. Gere bravissimo e garbato in un ruolo a lui davvero congeniale. Belli come il sole e tenerissimi i tre cani: sono loro i veri protagonisti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Hachi, nel finale, ricorda i bei momenti passati col suo padrone (a mio avviso una delle scene più commoventi di sempre).

Redeyes 13/12/13 19:07 (Drammatico - Fantascienza - Thriller) - 1416 commenti

Sì la storia è bella, è indubbio. Sì la storia è vera e un po' romanzata e sì, Hachiko ci entra nel cuore. Mi chiedo però se il film in quanto tale non sia eccessivamente ruffiano e forzosamente votato alla lacrima. I 9 anni dell'Hachiko attendente vengono condensati in 30 minuti, un terzo del film, dove si assiste solamente al decorrere del tempo e all'invecchiare del fedele quadrupede, e una certa noia affiora. Dal canto suo il regista non eccelle né nella prospettiva visiva canina né in particolari virtuosismi, finendo per divenir anonimo.

Rambo90 17/5/10 3:33 (Azione - Musicale - Western) - 3024 commenti

Hallstrom è uno specialista nel genere drammatico e si vede. Questo film (come altri della sua carriera) punta sulla lacrima, molto facile effettivamente visto il genere di storia, ma ha dalla sua parte una buona interpretazione di Gere, dialoghi brillanti, una forte sceneggiatura (tratta da una storia vera) e un ritmo veloce. Insomma, un piccolo gioiello del filone dedicato ai rapporti di fedeltà tra cani e padroni.

Nando 24/3/13 22:41 (Commedia - Horror - Poliziesco) - 2436 commenti

Ispirato a una vicenda nipponica degli anni Venti, il film punta all'emotività dello spettatore con immagini coinvolgenti e comunque commoventi. Il cane protagonista mostra sguardi impossibili da evitare mentre Gere appare ispirato. Doppiaggio inizialmente agghiaggiante, poi quasi dignitoso. Un melodrammone canino dei giorni nostri.

Mickes2 3/3/11 14:47 (Erotico - Fantastico - Western) - 1411 commenti

Film che ha un unico tema, il rapporto indissolubile che si può instaurare tra cane e uomo. Il regista, seguendo giustamente uno stile melodrammatico, non perde mai il proprio ritmo, nonostante la sua semplicità; anzi, attraverso essa è possibile focalizzarsi sulla relazione tra cane e uomo. Commozione inevitabile nel finale.

Piero68 9/3/11 9:06 (Azione - Fantascienza - Poliziesco) - 1400 commenti

Da amante degli animali nonchè da possessore di cane non ho potuto fare a meno di commuovermi dall'inizio alla fine. Per l'intensità, per la sua dolcezza e per il suo rappresentare magnificamente (in questo caso) il rapporto tra l'uomo e il cane. La pellicola intera è comunque moloto ruffiana. Per carità, ben vengano film di questo tipo, ma è ovvio che la sceneggiatura è molto strumentale. Bene il montaggio, pessimo invece il doppiaggio di Gere.

Giacomovie 14/1/10 1:01 (Drammatico - Erotico - Sentimentale) - 978 commenti

Il fatto che il film sia tratto da una storia vera può spazzare in partenza eventuali ed inopportune accuse di sentimentalismo gratuito, o di essere costruito per suscitare la lacrima facile ed incrementare spettatori ed incassi. Se non si è prevenuti in partenza, il film dà emozioni sincere, anche grazie alla sua semplicità. Il cane protagonista è un esemplare magnifico che somiglia alla foto di quello reale (vissuto dal 1923 al 1934) che si vede nei titoli di coda. Per molti potrebbe essere utile avere dietro un fazzoletto. Per famiglie.

Myvincent 28/4/12 14:10 (Drammatico - Giallo - Horror) - 946 commenti

Ottima prova recitativa dei tre cani di razza Akita Inu che mostrano di rispondere ad una gamma di espressioni varie, tutte da scoprire e leggere tra le righe. Il resto è melassa appiccicosa, divisa tra attori imprevedibili e un Richard Gere come al solito mediocre interprete. Se non fosse ispirato a una vera storia, non varrebbe la pena dargli troppa retta.

Ryo 18/9/13 23:55 (Comico - Fantastico - Horror) - 791 commenti

Il film che più mi ha fatto piangere in vita mia. Una storia vera strappalacrime vede la sua prima trasposizione in un film giapponese negli anni 80; dopo 20 anni vede la luce questo remake molto accurato: musiche, fotografia, atmosfere, tutto al posto giusto per una confezione che sembra creata apposta allo scopo di far piangere lo spettatore. E ci riesce!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cucciolo che mangia i pop-corn con il padrone; La fuga di Hachiko dalla nuova casa; L'incontro della moglie con Hachiko divenuto vecchio.

Bruce 10/1/11 17:46 (Giallo - Poliziesco - Thriller) - 686 commenti

Prova esemplare della fedeltà assoluta del cane all’uomo. Una storia semplice, narrata lentamente, rovinata da una colonna sonora talmente monotona e ripetitiva da risultare irritante. Unica apprezzabile originalità sono le riprese in soggettiva dagli occhi del cane. Due palle.

Cloack 77 18/7/12 17:23 (Drammatico - Horror - Western) - 547 commenti

Siamo al livello zero del cinema, un trafiletto di giornale che diviene film senza alcuna cornice, dialoghi inesistenti, un documentario sul rapporto uomo cane, la commozione che nasce spontanea solo guardando gli occhi dell'animale. È inevitabile un confronto con Io & Marley: stesso esempio di azzeramento del pensiero e di sceneggiatura, ma almeno una struttura da commedia divertente e commovente. In Hachiko non ci si sforza nemmeno di costruire qualcosa; ordine: commuovere!

Manowar79 3/1/10 23:31 (Commedia - Fantascienza - Horror) - 309 commenti

Probabilmente non è altro che un concentrato di puro buonismo americano, fatto sta che qui non ci sono cani con facoltà da supereroi né inverosimili pirotecnie. Qui c'è soltanto una commovente storia di lealtà e fedeltà reciproca, una storia qualunque senza macchinoni né champagne, ma in cui tutti coloro che hanno o hanno avuto un cane possono tranquillamente immedesimarsi. Gli altri sono in pieno diritto di non comprendere e prendere questo film con sufficienza. Forest sopra alle righe, simpatico Gere, un po' anonimi i personaggi di contorno.

Domino86 1/1/11 18:31 (Animazione - Drammatico - Thriller) - 305 commenti

Il film è riuscito, trasmette tanta dolcezza il rapporto tra Hachiko e il suo padrone (interpretato da un sempre affascinante Richard Gere). Nella seconda parte questa dolcezza inizia ad avere il gusto di tristezza e amarezza per l'evolversi delle cose. Un valore aggiunto alla pellicola è il fatto di rappresentare una storia vera.

TomasMilia 22/1/10 12:55 (Comico - Commedia - Giallo) - 156 commenti

Tenero e sensibile. Lo si potrebbe ritenere un'"americanata", intrisa di buoni sentimenti, se il tutto non fosse tratto da una storia vera. E questo rende ancora più commovente il film. Sapendo ciò, le lacrime sgorgano come l'acqua da una fontanella. È la storia di per sé ad essere buona, il regista non ha bisogno di calcare la mano sui sentimentalismi. Una storia tra un cane e il suo padrone, legati da un rapporto di reciproca fedeltà. Misurata la recitazione degli attori che lasciano la parte del protagonista al cane Hakita.

Armandyno 8/5/10 19:57 (Avventura - Fantastico - Gangster) - 25 commenti

Hachiko, un cane di una particolare razza reale giapponese, ha un rapporto di estrema lealtà e fedeltà nei confronti del suo padrone. Un esempio, tratto da una storia vera, della trascendenza del vero amore. Commovente nella sua linearità come poche opere riescono ad essere.

Ivanvilla 13/2/11 19:23 (Commedia - Drammatico - Fantascienza) - 7 commenti

A parte la discutibile scelta del p.o.v. del cane, il film è una botta ai dotti lacrimali senza precedenti! Basato sulla vera storia di un cane e del suo padrone è raccontato da Hallstrom con un piglio fortunatamente non troppo enfatico, limitandosi a rappresentare in maniera lineare i sentimenti senza sfociare nel lacrima-movie; del resto la vicenda a cui è ispirato commuove già quando ne leggi la sinossi... Straordinaria, come spesso accade in questi casi, l'interpretazione "canina". Un'invasione di lacrime e buoni sentimenti. Diabetico.