Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NAZARIN

All'interno del forum, per questo film:
Nazarin
Titolo originale:Nazarin
Dati:Anno: 1958Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Luis Buñuel
Cast:Francisco Rabal, Marga López, Rita Macedo, Jesús Fernández, Ignacio López Tarso, Ofelia Guilmáin, Luis Aceves Castañeda, Noé Murayama, Rosenda Monteros, Jesús Fernández, Ada Carrasco, Antonio Bravo
Note:Premio internazionale al Festival di Cannes del 1959.
Visite:300
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/1/09 DAL BENEMERITO DANIELA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 11/4/11 8:59 - 5737 commenti

Il calvario di padre Nazarin è una parabola sull’applicazione ad litteram dei precetti cristiani che provoca solo un umanitarismo masochistico, incapace di vincere le ingiustizie terrene e soccombente dinanzi al potere oppressivo di Chiesa, Stato e borghesia. La piena adesione al realismo sociale e donchisciottesco del romanzo di Pérez Galdos non trattiene i rigurgiti surrealisti di Bunuel, come evidenziano l’allucinazione dell’epilettica e la grottesca immagine del Cristo che ride. Molto intensa la sequenza finale della “Passio”, scandita dal risuonare dei tamburi di Calanda.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 18/1/09 9:35 - 7066 commenti

Messico, primi del '900. Un prete poverissimo cerca di vivere secondo i precetti cristiani, ma le sue buone azioni lo danneggiano e non migliorano la vita di chi gli sta accanto. Parabola pessimistica, che anticipa quella di Viridiana (1961), con numerosi riferimenti evangelici (la prostituta, le due sorelle, il ladrone cattivo e quello buono) che ne fanno il film più religioso dell'ateo Bunuel. Molto intenso Rabal, soprattutto nelle scene finali. La fotografia è di Gabriel Figueroa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'episodio di crumiraggio inconsapevole e le sue conseguenze; Il dono dell'ananas: pietà cristiana, ma inutile (Nazarin non può mangiarlo).
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Myvincent 15/9/17 7:04 - 2001 commenti

La storia di un prete che come il Nazzareno vive in povertà, seguendo i precetti della non violenza, completamente disinteressato ai valori materiali. Tutto ciò contrasta col mondo cattivo che incontra, in un'antitesi continua fra bene e male che sembra non avere fine. Uno dei film più spirituali di Buñuel ma anche anti-cattolico, restituisce al mondo contemporaneo la figura del Cristo come pochi, religiosi o meno, hanno saputo fare. Ottima la scelta del protagonista, Francisco Rabal.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dubbio dell'elemosina nella scena finale.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Mickes2 23/2/14 21:47 - 1550 commenti

Disamina di una «testimonianza», di un’ideologia atea sobria e acuta, di come il Credo religioso risulti inefficace, controproducente e deleterio per chi lo perpetra e per chi decide di riceverlo. Dio non c’è, l’umanità è un’ineluttabile sequela di pulsioni egoiste e carnali, quintessenza dell’utopia. Nazarin è come un re Mida al contrario, un martire senza causa, un santo schiacciato dall’umano, un agire inutile dove ogni tentativo salvifico è destinato al fallimento. Si cammina su una Damasco al contrario nel dubbio atroce di una conversione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il Cristo che ride.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Nion 6/2/15 12:01 - 3 commenti

E' una lunga agonia guidata da una speranza remota di una salvificazione del "peccatore". Nazarin è un sant'uomo che attraverso la crudeltà umana cerca di mantenere saldi i suoi convincimenti. Girato con maestria e accompagnato da attori di buon livello, in special modo Francisco Rabal. Da vedere!
I gusti di Nion (Drammatico - Fantascienza - Horror)