Cerca per genere
Attori/registi più presenti

INVISIBILE

All'interno del forum, per questo film:
« Invisibile
Titolo originale:The invisible
Dati:Anno: 2007Genere: drammatico (colore)
Regia:David S. Goyer
Cast:Justin Chatwin, Margarita Levieva, Marcia Gay Harden, Chris Marquette, Alex O'Loughlin, Callum Keith Rennie, Michelle Harrison
Note:Remake del film svedese "Den Osynlige", diretto nel 2002 da Joel Bergvall e Simon Sandquist.
Visite:164
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/10/08 DAL BENEMERITO MAGNETTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Magnetti 9/10/08 15:40 - 1103 commenti

Di ghost story se ne sono giÓ viste molte e quella di Invisibile ne Ŕ una ulteriore variante. Sebbene con pochi mezzi si sente che dietro alla telecamera c'Ŕ un prolifico sceneggiatore (che dirigerÓ il prossimo X-men): infatti il modo in cui si interfacciano vivi e morti Ŕ riuscito e la trama non Ŕ male. Incuriosisce (e piace) fino a metÓ... poi si perde un po' per strada in un finale insoddisfacente.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Harrys 9/4/09 14:27 - 679 commenti

L'ottimo sceneggiatore David S. Goyer si cimenta qui con la regia, campo in cui non sembra destreggiarsi particolarmente bene... La tematica del film, all'apparenza giÓ abusata nella settima arte, riesce ad imboccare binari moderatamente originali; nel corso del film questa originalitÓ svanisce in un mix Ó la Donnie Darko, Ghost, The Butterfly Effect et similia. Confezione patinata, Chatwin a tratti imbarazzante. Sembra proprio un'occasione mancata.
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Piero68 17/10/16 12:04 - 2349 commenti

Poco capito e apprezzato forse per lo scarso budget e un cast non certo altisonante. In realtÓ, nonostante i non pochi riferimenti ad altri titoli di genere, il film riesce a creare appieno quell'atmosfera incerta, sospesa tra vita e morte che scandisce le varie fasi. Merito di Goyer, buon sceneggiatore e novello regista che sa imprimere un ottimo ritmo cercando di esaminare svariate problematiche giovanili. Anche Chatwin, giovane attore e antipatico figlio in La guerra dei mondi, se la cava davvero egregiamente.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)