Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE AMANTI DEL MOSTRO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 23/8/08 21:05 - 3971 commenti

Girato su set turchi, come il precedente La mano che nutre la morte ed ispirato - molto alla larga - dal più classico dott. Jekyll. Kinski ha la faccia da pazzo e la simbiosi con il precedente inquilino della dimora (il suocero) è convincente. Ma, al di là di alcune trovate (o meglio ispirate) scene à la Mario Bava, caratterizzate da un efficace uso dei colori e da atmosfere gotiche (oramai fuori moda a metà anni '70) la pellicola di Garrone predilige un taglio stilistico anonimo e piatto. Oltremodo penalizzato da una totale assenza di scene "forti" e da recitazioni ridotte ai minimi termini.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 12/5/07 12:30 - 2990 commenti

Film gemello de La mano che nutre la morte, solo che qui Kinski è vittima e non artefice dei suoi esperimenti, e diventa una specie di Mister Hyde (con l'aiuto di lenti a contatto, fondotinta e ovatta in bocca come Marlon Brando nel Padrino!) pluriomicida. Noiosissimo. Garrone fece anche confusione coi titoli: qui di amanti non c'è l'ombra (Kinski è impotente, perdipiù), e casomai c'ha la mano che procura la morte, visto che sostanzialmente fa fuori le vittime con un cazzotto! In una scena di un film ambientato in Russia ci scappa un "bboni!"...
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 17/8/11 8:58 - 5714 commenti

Al gemello La mano che nutre la morte lo accomunano l’estrema penuria di mezzi e l’origine italo-turca, differenziandosi tuttavia per una maggiore linearità espositiva – l’ispirazione proviene vagamente dal Dr. Jekyll e Mr. Hyde di Stephenson– e per un minor spazio all’erotismo, di fatto limitato ad uno sciatto nudo sottofinale della Christine. La fotografia rétro rispolvera i colori rutilanti della tavolozza del gotico italiano anni Sessanta e Kinski sgrana gli occhi e dà fuori di matto come in svariati altri suoi film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Kinski perseguitato dalla voce e dalle risate del suocero; il processo farsa e l’impiccagione dell’incolpevole Peverello.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Ciavazzaro 27/3/10 10:45 - 4620 commenti

Inferiore qualititivamente a La mano che nutre la morte, girato negli stessi luoghi e con lo stesso cast in contemporanea. La Christine è stupenda, ma molte scene sono ridicole (vedere il pre-finale col dottore che invece di sfondare la porta sta lì a piagnucolare). Il film alla fin fine non è una trashata, ma neanche memorabile. Così così.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 21/3/09 0:16 - 2865 commenti

Uscito un mese dopo La mano che nutre la morte, questo film ne mantiene il cast e il regista e ne ripropone alcune scene (c'è pure un cammeo della tomba di Ivan Rassimov). Quì tecnicamente il livello è superiore: la regia azzecca qualche inquadratura, la fotografia non è male, le musiche sono piacevoli e Kinski è molto a suo agio. Peccato però che la povertà dell'insieme sia ancora evidentissima (anche quì abbiamo il villaggio western) e che la sceneggiatura faccia acqua da tutte le parti. Finale da antologia del trash. Mediocre.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lucius  19/3/12 0:52 - 2583 commenti

Molto lento nel narrato, a tratti tedioso e sconclusionato ma con ricche scenografie (specie in interni). Gotico, per molti inferiore al suo gemello derivato, non per me. Discreta soundtrack d'atmosfera e un cast credibile. Il regista fa uso di soggettive e non si può negare alla pellicola un certo fascino. Notevoli i riferimenti ai classici horror come Frankenstein e Dr Jeckyll e Mr Hyde, ben caratterizzata la psicologia dei personaggi, ma nell'insieme non convince principalmente per la povertà dei mezzi con cui è stato realizzato.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Myvincent 15/9/16 8:31 - 1889 commenti

Inizia come un tipico gothic movie, con tanto di castello, tappeti e candelabri, poi si sviluppa indeciso coniugando Frankenstein con Stevenson e sbandando come una macchina senza guida. Sprecata la presenza di Klaus Kinski che, ovviamente, qui fa la parte del leone. Non sprecate tempo neanche per dargli un'occhiata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le occhiaie "calamaro" del mostro omicida.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Rufus68 1/11/17 0:01 - 1356 commenti

Consueto pasticciaccio tardogotico che, nella fretta di ammannire una brodaglia passabile allo spettatore, getta tutto nel calderone, da Jekyll a Frankenstein a un pizzico di tettine. Tra sghignazzi demoniaci e risatine immaginifiche (a simulare la pazzia del protagonista - pazzia che consiste nel prender a pigne qualche malcapitato) Kinski sciorina il peggio del repertorio. Bella la Christine.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Faggi 4/5/17 11:50 - 934 commenti

Il mostro è Kinski, uomo di scienza che, turbato da fatti pregressi, armeggiando con esperimenti ineffabili esce di cervello e, disfatto e mutato, ammazza chi gli capita a tiro; delle amanti non c'è traccia. L'artefatto (una specie di meló gotico) non comincia male e la superficie figurativa è buona; la Christine ha bellezza e languori incantevoli, Kinski attrae e certi dialoghi incuriosiscono. Ma i difetti sono troppi e infine naufraga nei territori dei fumettacci horror coevi; è facile, però, seguirlo con abbandono e merita simpatia.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Von Leppe 21/1/12 15:18 - 812 commenti

Girato al risparmio con momenti forzati nell'adattamento e negli effetti, ma ha il suo facino gotico innegabile, sprigionato dagli ottimi costumi e da Klaus Kinski, che rende in parte credibile e drammatico un ruolo senza una trama precisa nelle sue trasformazioni; poi ci sono gli ingredienti caratteristici dell'epoca: qualche nudo e un po' di sangue. La location è bella, specie negli interni della villa e il laboratorio, ma le porte a vetri non sono adatte alla situazione finale. Molto in parte la protagonista femminile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La bara con scritto il nome: "Ivan Rassimov".
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Maik271 2/2/15 10:33 - 397 commenti

Titolo ammiccante ma fuorviante per questo horror gotico diretto da Garrone che non è altro che una rivisitazione della storia di Dr. Jekyll e Mr. Hyde cui viene aggiunto il drammone sentimentale dei due protagonisti. Il cast vede Kinski come unico nome di spicco e mattatore della pellicola circondato da un cast non ricchissimo ma dignitoso (bella e brava anche la Christine). Le musiche sono azzeccate anche se troppo invadenti (tanto da disturbare alcuni dialoghi). Le scenografie western riciclate evidenziano la ristrettezza del budget.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

John trent 7/3/12 16:42 - 326 commenti

Pellicola gemella di La mano che nutre la morte, girata in contemporanea con gli stessi attori e sugli stessi set, risulta inferiore e con meno mordente anche se qui Kinski può dare il meglio di sé dando letteralmente di matto come il suo ruolo di "mad doctor" gli impone. C'è meno erotismo e alcune scene sono identiche al film gemello ma con dialoghi completamente diversi (potenza e magia del doppiaggio). Da vedere ma senza aspettative.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Kinski impazzito.
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Keoma 13/7/09 22:34 - 34 commenti

Horror gemello di La mano che nutre la morte, abbastanza inverecondo e girato maldestramente. Kinski è bravo, ma metà del film lo fa la sua comparsa. Purtroppo il ridicolo involontario è sempre in agguato con situazioni grottesche, musiche atroci e interpreti sciatti. Non sembra neanche girato dal bravo regista di Django il bastardo tanto è di cattiva fattura. Girato per la maggior parte in un villaggio western con attori turchi che hanno nomi americani nella finzione, ma non ingannano nessuno.
I gusti di Keoma (Azione - Horror - Western)