Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LISA E IL DIAVOLO

All'interno del forum, per questo film:
Lisa e il diavolo
Dati:Anno: 1972Genere: horror (colore)
Regia:Mario Bava
Cast:Telly Savalas, Elke Sommer, Alessio Orano, Alida Valli, Espartaco Santoni, Sylva Koscina, Eduardo Fajardo, Gabriele Tinti, Kathy Leone
Note:integrato di alcune scene diventerà "La casa dell'esorcismo"
Visite:3882
Il film ricorda: Nella stretta morsa del ragno (a Minitina80), Danza macabra (a Homesick, Minitina80)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 26
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 15/7/11 23:56 - 4062 commenti

Ogni fotogramma è da rimirare, perché a Bava riesce visivamente di tutto, persino a fare di Toledo e della laziale Faleria un'unica città e a incantare letteralmente con la camminata fra la residenza principale e il cottage. E i cinque minuti successivi all'ingresso di Lisa nella tana dell'innamorato sono puro cinema. A non funzionare, però, è la storia, che non chiude troppe sue parti ed ha una fase centrale piuttosto noiosa. Buon cast: certo, quando c'è la Valli gli altri si vedono poco...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 21/3/07 20:25 - 3971 commenti

Mario Bava è stato un grande regista, e lo dimostra la quantità sterminata di ammiratori (tra i quali autori di prestigio tipo Tim Burton) che spesso lo ricordano in più o meno velati omaggi cinematografici. Ma questo Lisa e il Diavolo, circolato anche in versione (peggiore) rimaneggiata da Leone (il produttore) come La casa dell'esorcismo, non raggiunge quella perfezione stilistica tipica di film come Operazione paura o I tre volti della paura. Nuoce al film una sceneggiatura poco ispirata...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 16/4/07 12:03 - 2990 commenti

La magia di questo film (e forse dell'intera opera baviana) è che vedendolo lo trovi bellissimo, solo che non capisci il perché. Maestria di un mago della macchina da presa, che riesce a farti digerire di tutto (Orano, alcuni effettacci come il sangue-vernice sull'obiettivo o il mediocre manichino investito, il flou) con la stralunata bellezza delle sue riprese. Quando lo zoom diventa poesia (e del resto anche Kubrick al congedo si concederà uno zoommone baviano in Eyes wide shut...)
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Puppigallo 21/3/07 18:43 - 3953 commenti

Già belli i titoli con le carte. Notare il diavolo nell’affresco e occhio ai manichini. Ogni tanto arranca un po’, ma riesce indubbiamente a dare la sensazione del sogno a occhi aperti, che scivola nell’incubo, dove la poverina rimane intrappolata. Bravo Savalas, ma anche la contessa. Ottima scelta le penombre alternate a colori forti, saturi. Da segnalare: le statuine carillon, cadavere carriolato, il pluri-investito, le bastonate, figlio vs madre, i commensali. Buono, a tratti notevole.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 17/10/11 18:19 - 5714 commenti

Poco importa se la storia trasgredisce ogni parametro della logica, persino quello più ampio e tollerante previsto per il genere fantastico; e poco importa se gli attori, tolto il luciferino Savalas, non si distinguono dai loro manichini. Importa invece il modo in cui l’immaginifico Bava si serve di smaglianti quadri cromatici ed eccentrici movimenti di macchina per comporre un’atmosfera gotica rarefatta e fascinosa, chiazzata di sangue (feroci delitti), morbosità familiari (madri possessive), necrofilia e cicliche vendette. Piacevoli le numerose autocitazioni, da Ercole a Operazione paura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Sommer smarrita tra le viuzze del paese, traslato in un’altra dimensione temporale.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 10/5/08 18:34 - 6496 commenti

Divertente film di Bava che, pur essendo sotto il suo standard qualitativo, contiene qualche bella idea e riesce comunque ad intrattenere lo spettatore. La sceneggiatura è abbastanza illogica e scombiccherata (come qualche volta accade nei suoi film) e tuttavia risulta non poco interessante e gustosa. Per anni scomparso dal nostro paese, è stato poi finalmente riproposto grazie a Sky. Piccolo gioiellino del maestro che merita di essere visto e rivalutato.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Ciavazzaro 9/3/08 12:42 - 4620 commenti

Un'altra meravigliosa pellicola firmata Mario Bava, che può avvalersi della bella, brava e convincente Elke Sommer nel ruolo della turista Lisa, la quale verrà incastrata in una storia di vendette e fantasmi in una vecchia villa. Meraviglioso anche il resto del cast: Orano, Savalas, Valli, Fajardo, Koscina, Tinti, le musiche di Carlo Savina, il buon mestiere di Mario Bava... Manca qualcosa? No, ci sono pure effettacci di sangue (ritorna in questa occasione il tanto amato tema dei manichini di Bava).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il beffardo finale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 23/6/07 12:40 - 2865 commenti

Passabile film di Mario Bava. Spesso il ritmo è lento e alcuni passaggi sono piuttosto difficili da comprendere. La confezione comunque è ottima come al solito: inquadrature geniali, ottima fotografia, buone musiche. Ottimo anche il cast. Consigliato agli amanti del cinema di genere, sconsigliatissimo al pubblico mainstream.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 23/2/13 2:58 - 3698 commenti

Anello di congiunzione tra vecchio e nuovo per Bava; se da un lato ritroviamo (in parte) le classiche atmosfere goticheggianti tipiche dei suoi migliori lavori, dall'altro si denota un inserimento di elementi tipicamente slasher, di trovate morbose (necrofilia) e di qualche nudo più audace del solito. A parte questo, la storia è piuttosto confusa e tergiversa in una dimensione onirica solo parzialmente affascinante; se il talento dietro la mdp di Bava è palese (certe inquadrature sono da manuale), dall'altro la noia fa capolino più volte.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Ghostship 6/5/08 13:35 - 395 commenti

Uno dei più bei gotici mai realizzati rimasto per anni in cantina a favore del mediocre (e disconosciuto) La casa dell'esorcismo. Un gusto macabro senza pari, l'introduzione di alcuni particolari e di scelte registiche che poi diverranno clichè dell'horror mondiale (vedi i manichini e il riflesso nel rosso acceso del vino ripreso poi da Argento) e soprattutto una regia attenta che ci delizia con movimenti di camera sempre imprevedibili e che riesce a dare dignità d'attrice ad una statuina come la Sommer.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Sabryna 22/3/09 12:47 - 225 commenti

Un po' deludente: presenta così tante sfaccettature da averne troppe. La trama è onirica, ambigua, lacunosa. Parte da buoni spunti ma poi si perde. Nota positiva del film è il buon Telly Savalas. Ironico e spiritoso, novello traghettatore delle anime infernali mascherato da maggiordomo, nel ruolo di Leandro si trova una spanna sopra tutto il resto. Nonostante ciò, però, il film sa di incompiuto ed è apprezzabile solo se considerato come un grande gioco onirico del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Leandro col suo inseparabile lecca-lecca.
I gusti di Sabryna (Fantastico - Horror - Thriller)

Don Masino 14/3/07 13:52 - 63 commenti

Quando il produttore mise mano al girato trasformando questo stralunato incubo baviano in una pagliacciata qual è La casa dell'esorcismo, Lisa e il diavolo era ancora un film destinato all'invisibilità, visto da pochissimi fortunati. E non lo meritava, perché le atmosfere magiche che vi si respirano, avvolte dalla sgargiante fotografia figlia di un regista che all'immagine ha dedicato gran parte del suo talento, ne facevano un'opera delicata e sospesa nello stesso limbo al quale venne vergognosamente condannata dalla distribuzione.
I gusti di Don Masino (Commedia - Horror - Poliziesco)

Cif 11/7/08 15:45 - 282 commenti

Bava riesce sempre a catturare lo sguardo dello spettatore. A patto di non pensare e non pensarci troppo. Da un senso di incompiutezza. I dialoghi e la storia, a rifletterci, apparirebbero incongruenti anche ad un bambino. Ma, come nelle storie dei bambini, o come nei sogni, non bisogna cercare un senso o una logica. Suggestiva atmosfera, che dà il senso di un certo cinema che non c'è più. Inquadrature virtuosistiche. Lo si assapora come l'ultima bottiglia di un vino d'annata. Meraviglioso l'uso dei tanti caratteristi. Stupenda Elke Sommer.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il lecca lecca e le sigarette fumate di nascosto di Savalas.
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Pinhead80 4/5/16 12:11 - 2931 commenti

I primi venti minuti sono stratosferici per quanto riescono a calare lo spettatore in un'atmosfera surreale e angosciante. Un incubo che rivive sullo schermo dove anche noi, insieme alla protagonista, ci smarriamo per le vie di Toledo in preda a visioni diaboliche. Peccato che il resto del film non rimanga sullo stesso livello perché altrimenti parleremmo di un capolavoro assoluto. La trama diventa un po' confusa e pasticciata, ma si rimane sempre su buoni livelli. La sensazione di stordimento sensoriale è assoluto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La raffigurazione di Savalas luciferino.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 6/10/11 12:04 - 2344 commenti

Per anni uno degli oggetti misteriosi della filmografia Baviana, restituito ormai integralmente ai suoi fan e al cinema tutto. Instancabile sperimentator dei territori del Mistero, Mario filma con Lisa un'opera di confine, in cui si fondono, in un tessuto pienamente onirico, gotico (la villa fuori dal tempo), macabro necrofilo (il cadavere di Elena), slasher (gli ammazzamenti). Stilisticamente il solito florilegio di spunti da cui tutti razzieranno, mentre colpisce la resa dei personaggi tutti, patologie per le quali l'unico rimedio è il Diavolo. Spiazzante!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bollente nudo di Sylva Koscina nella scena con Tinti e quello gelido della Sommer; Lo sguardo vitreo di Orano e quello vuoto di Alida; Devil Savalas.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Ryo 7/1/12 20:27 - 1539 commenti

Inquietante come pochi. Sarà che i manichini fanno sempre un certo effetto, ma quest'ottima pellicola del maestro Bava riesce ad intrigare con una storia ricca di misteri dall'inizio alla fine, che spiazza in più punti con grande originalità. Anche il finale è da incubo. Il "tenente Kojak" è perfetto, nel suo ruolo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il carillon che gira; Leandro; La madre.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Rufus68 16/10/16 0:12 - 1358 commenti

L'inizio (Lisa perduta in una ventosa Toledo/Faleria, l'incontro col ghignante Leandro) e il finale sull'aereo deserto sono folgoranti. È innegabile, però, che la parte centrale abbia più d'una lungaggine e che la simbologia (il destino e la morte tengono le fila di noi pupazzi) non sia totalmente perspicua (si pasticciano varie influenze, più o meno consapevoli: L'invenzione di Morel, Elena di Troia...). Bava dissemina varie raffinatezze, ma l'impressione a posteriori è quella di un'opera riuscita a metà. Ottimi Savalas e la Valli.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 1/8/15 22:55 - 1340 commenti

Forse il lavoro di Bava più complesso a livello di scrittura che ha il difetto di non renderlo immediato ma il pregio di conferirgli spessore. È visionario oltre la consuetudine e il merito non è solo della fotografia ammaliante e della regia sopra la media, ma anche del fascino morboso della storia e dell’audacia di alcune sue componenti. Stupende la caratterizzazione del diavolo dall’atteggiamento beffardo e l’eterno ritorno nicciano delle anime destinate a rivivere ciclicamente il loro destino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La tavola con i cadaveri; Il finale nell’aereo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Bruce 10/12/08 9:50 - 857 commenti

Chiude splendidamente un ideale trittico “dei manichini”, iniziato con Sei donne per l’assassino e proseguito con il Rosso segno della follia. Elke Sommer, già protagonista degli Orrori del castello di Norimberga, si perde tra i vicoli di Toledo. Incontrerà Terry Savalas pronto a traghettarla nell’altro mondo. Bravissima come al solito Alida Valli e anche Silvia Koscina dà il meglio di sé. Storia tra realtà, sogno ed immaginazione, totalmente sospesa nel tempo, macabra, morbosa, barocca, diretta con stile e tocco da Maestro da Bava. Ogni inquadratura è un quadro da ammirare. Tra i suoi migliori.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Von Leppe 31/8/10 14:28 - 812 commenti

La trama si snoda come in un sogno, i personaggi sembrano già condannati e legati dal destino; geniale il diavolo come viene rappresentato, ricorda quei vecchi proverbi dove il maligno si beffa dei mortali. Gotico e barocco, summa dell'estetica baviana seppur incompiuto è un capolavoro; troppo autoriale per i fans dell'horror spiccio e troppo horror per i fans dei film d'"autore".
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Jurgen77 3/12/12 10:10 - 525 commenti

Un film del Bava di fine carriera. Alucni tocchi sono geniali, (guardate il finale...). Bella e particolare la trama e ottima Elke Sommer nei panni dell' "ossessa". Savalas con quel ghigno malefico è insuperabile. Il film però è di difficile assimilazione. Forse troppo psicotico (ma d'altronde rispecchia l'animo di Bava sul fine carriera). Particolare, conturbante e incompiuto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Telly Savalas con il chupa chups.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Funesto 13/3/10 14:06 - 523 commenti

Strano horror che, pur non mancando di mordente e dei marchi di fabbrica del regista (confezione a cinque stelle, ottima direzione del cast ben assortito), non riesce a convincere pienamente. Colpa di una storia troppo confusa e illogica, di un ritmo molto lento e di effetti speciali mediocri. Ci sono però attori di classe come la Valli (poco credibile come non vedente), Orano e la Sommer (bravissimi), Savalas (già col lecca lecca... ma era nel suo DNA!), Koscina, Tinti (in un cameo) e ottime atmosfere mortifere: si può vedere, dopotutto. **!.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio di Sylva Koscina a bastonate; il finale sull'aereo; la faccia di Savalas (sembra davvero un satanico!).
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

Alex75 12/1/16 9:40 - 432 commenti

La trama non lineare e il perfetto connubio tra la fotografia molto curata nei dettagli e le raffinate musiche fanno del film di Bava un'elegante e suggestiva rappresentazione di un incubo senza fine, in cui l’orrore spesso non è esplicito ma aleggia nelle forme impalpabili di un disagio psichico. Mattatore e gran burattinaio è Telly Savalas (reso ancora più lugubre e sinistro dai modi garbati e dal lecca lecca), ma anche la spettrale e morbosa Valli mette paura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il labirinto ostile e fuori dal tempo dei vicoli di Toledo; Il monologo di Leandro/Savalas con i manichini; Il viaggio finale.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Mutaforme 14/8/11 0:55 - 350 commenti

Una ragazza rimane suggestionata da un quadro che raffigura il diavolo e comincia ad associarlo ad uno strano maggiordomo che ne ricorda le sembianze. L'orrore è tutto nella sua mente, o forse no. Angoscia, paura, mistero... eccoci di fronte ad un altro bel film di Mario Bava, il maestro dell'horror all'italiana che troppe volte è stato sottovalutato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Quasi sempre nella vita esiste una spiegazione per tutto ciò che succede".
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

John trent 9/7/11 22:34 - 326 commenti

Sceneggiatura un po' irrisolta e confusa, ma Bava ci mette il suo tocco e partorisce un discreto film fatto di atmosfere gotiche e quasi nostalgiche. Il diavolo interpretato da Savalas è simpatico, sornione e quasi rassicurante con il suo chupa chups, ma nel finale beffardo è inquietante come non mai... Peccato che qualche anno dopo lo squallido produttore Alfred Leone abbia manipolato la pellicola girando scene esorcistiche e stravolgendone il montaggio per sfruttare il successo mondiale del film di Friedkin...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La musica del carillon e i manichini...
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Fedeerra 5/10/17 5:16 - 105 commenti

E' stato Bava a dirigere Lisa e il Diavolo o è stato Lisa e il Diavolo a dirigere Bava? Poco importa, siamo ospiti di un racconto visionario, privo di vincoli, dove ogni personaggio sembra appartenere a un'epoca differente. Un film grammaticalmente ambiguo e disconnesso, con alcuni bei momenti di terrore e una narrazione che ci trascina inaspettatamente dentro un incubo necrofilo e lovecraftiano. Da sottolineare le barocche scenografie di Rafael Ferri e la gotica fotografia di Cecilio Paniagua.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)