Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ULTIMA CASA A SINISTRA

All'interno del forum, per questo film:
L'ultima casa a sinistra
Titolo originale:Last house on the left
Dati:Anno: 1972Genere: drammatico (colore)
Regia:Wes Craven
Cast:David Hess, Sandra Peabody, Lucy Grantham, Fred J. Lincoln, Jeramie Rain, Marc Sheffler, Richard Towers, Cynthia Carr, Ada Washington, Marshall Anker, Martin Kove, Ray Edwards, Jonathan Craven (n.c.), Anthony J. Forcelli (n.c.), Steve Miner (n.c.)
Note:Aka "Grim company", "Night of the vengeance", "Sex Crime of the century".
Visite:3978
Il film ricorda:Assassini nati - Natural born killers (a Jurgen77), Cani arrabbiati (a Jurgen77), L'ultimo treno della notte (a Undying), La casa sperduta nel parco (a Undying), La fontana della vergine (a Daniela), La settima donna (a Undying)
Approfondimenti:1) ALLA RICERCA DELL' ULTIMA CASA A SINISTRA, 2) PRIGIONIERI DI QUATTRO MURA
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 50
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 1/8/07 21:42 - 3971 commenti

Opera prima di Wes Craven girata sotto la spinta produttiva di Sean Cunningham (Venerdì 13), e realizzata in un contesto pressochè "amatoriale". Nel cast alcuni divi del porno ed una storia che, pur risultando per l'epoca insostenibile, è stata contenuta formalmente nella confezione finale. Eccezionale l'interpretazione di David Hess (qui anche compositore della colonna sonora), che pochi anni dopo verrà chiamato da Ruggero Deodato per "reinterpretare" un analogo ruolo ne La Casa Sperduta nel Parco. Ispirato a La Fontana della Vergine...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 4/9/11 17:17 - 5714 commenti

Come normatore del rape & revenge, genere plasmato da Bergman e che con Lado produrrà un esempio sublime, Craven fallisce per incoerenza e vigliaccheria, negando alla sacrosanta vendetta dei genitori delle vittime un’adeguata modalità di applicazione: il grezzo iperrealismo degli stupri non viene certo eguagliato da un contrappasso che sa di ridicolo (i trabocchetti) o che si attua fuori campo e, a conti fatti, il film si restringe a mera testimonianza del malessere che dilaniava la società americana dell’epoca. Hess ci crede sino in fondo: sue anche le demenziali ed efficaci musichette.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il montaggio alternato (la violenza degli stupri vs. il clima festoso nella casa dei genitori) poi ripreso da Lado; l’incubo premonitore di Faina.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 31/1/08 23:41 - 6493 commenti

Sopravvalutato film di Craven il cui incredibile ed inaspettato successo diede il via al filone del rape and revenge che porterà alla nascita di moltissimi film delle stesso stampo più o meno tutti uguali. In questo caso, vista la discreta qualità del regista e la sua indubbia professionalità, ci troviamo dinanzi ad un lavoro certamente sopra la media e migliore di tutti i tristi epigoni che lo emuleranno. Tuttavia non è mi è ben chiaro lo scopo di mostrare tante efferatezze e violenze gratuite.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 23/12/08 15:28 - 6558 commenti

Uno di quei film che, a forza di sentirne parlare senza averlo visto, aveva acquistato per me un'aura leggendaria, tanto più che il regista è Craven, il creatore dell'amato Freddy. Ecco, era meglio se non lo vedevo... messa in scena sciatta, interpreti modesti, intermezzi di alleggerimento penosi (vedi le scene con i due poliziotti ritardati), da salvare sono solo i momenti di violenza pura, un po' troppo poco per giustificare la fama di cult di cui gode quest'opera. La trama è la stessa de La fontana della vergine ma il valore molto inferiore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La vendetta tramite fellatio.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 16/10/08 9:06 - 2245 commenti

Personalmente ho sempre trovato che l'esordio di Wes Craven goda di uno status di "cult" veramente esagerato. La pellicola probabilmente ha il solo "pregio" di introdurre nel cinema commerciale violenza e sadismo e paortarli a livelli molto alti, per l'epoca. Per il resto non c'è nulla di memorabile e anche la storia deve parecchio a La fontana della vergine di Bergman. Alcuni anni dopo il nostro Aldo Lado ne girerà un quasi remake ambientando la storia su di un treno.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 23/11/08 12:01 - 4620 commenti

Classico del genere rape e revenge, ma non il miglior rappresentante della categoria. La storia è sporca e malsana, i personaggi ben delineati (esemplari il padre e la madre delle due ragazze), non mancano scene sadiche e sangue. Ma andava evitata una certa ironia spicciola e in qualche punto (roba di poco conto per fortuna) il film ha qualche leggero cedimento. Comunque promosso a pieni voti, anche se è da preferire L'ultimo treno di Aldo Lado.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 18/5/07 22:20 - 2863 commenti

Film sopravvalutatissimo. Che Craven sia un bravo regista si capisce fin da subito, peccato che sotto gli altri aspetti il film lasci parecchio a desiderare. Attori piuttosto mediocri (tranne l'ottimo David Hess), dialoghi poco curati, musiche strampalate e alcune scene davvero fuori luogo. Inoltre, nonostante qualche scena per l'epoca abbastanza violenta, il sangue scorre pochissimo (la vendetta è quasi tutta fuori campo). Per fortuna la regia di Craven crea una discreta atmosfera che riesce in parte a nascondere i difetti. Appena passabile.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 24/11/08 21:29 - 3284 commenti

Un film da vedere per capire come nasce un filone e già questo può aumentare il pallinaggio, ma anche un'opera che non può vantare meriti assoluti. È infatti comprensibile che molta fama sia dovuta al rappresentare scene così forti e sadiche nel 1972 ma, a differenza ad esempio di Non aprite quella porta, la trama è altanelante, la tensione opinabile e legata più ad un certo disgusto. Buoni l'inizio e la fine.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 3/12/14 11:42 - 1305 commenti

Quattro pazzi a zonzo (uno si chiama come uno champagne) fan la festa di compleanno a due diciassettenni. Non è la confezione (con quattro soldi Craven fa miracoli) né la trasgressione (1972 anno di Pink Flamingos, che è oltre) a essere discutibile. E' il fondo moralistico a lasciarmi interdetto. La famigliola cas & chiesa si scatena nel finale: sentiamo che gli si dà ragione. Cosa voleva dire con questo film il regista? Boh, non si capisce. Certo ha inventato un sottogenere e colto, inconsciamente, lo spirito del tempo, ma c'è molta ipocrisia. In quanto a Bergman...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'orrendo montaggio alternato con la famigliola che fa la solita torta da quattro soldi e le ragazze che vengon rapite.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 13/6/08 23:53 - 3697 commenti

Esordio di Craven e iniziatore del filone "Rape & revenge", questo film è noto più per la sua importanza storica che per il suo valore effettivo. Infatti molte delle premesse non vengono mantenute: la violenza è presente, ma non in maniera così scioccante come si vuol far credere, gli interpreti sono appena discreti e il film scade spesso e volentieri nella noia o nel demenziale, con tocchi umoristici completamente fuori luogo (tipo le scenette comiche con i due poliziotti). Abel Ferrara e Meir Zarchi hanno fatto di meglio sul tema.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 4/4/10 21:42 - 2238 commenti

Una delusione totale. Gli concedo le "attenuanti" del primo film e dell'anno... ma è davvero una mezza fesseria questo "Ultima casa" descritto da vari critici e recensori del web come una sorta di cult. Attori ignobili (la trucidata in particolare... non a caso ha all'attivo 3 film in tutto) dei quali a malapena si salva Hess, una colonna sonora similcountry inadatta per non parlare poi di certe scenette idiote che fanno scadere il film nel tragicomico. Tutto poi mi è sembrato tirato via in fretta e furia. Bocciato.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Stubby 27/9/07 12:30 - 1154 commenti

Ottimo esordio per questo geniale regista, che però nel corso della sua carriera ha intervallato ottimi film ad altri letteralmente inguardabili. L'ultima casa a sinistra è un film che ha dato il via a un filone ancora tutt'oggi molto in voga ed ha ispirato pellicole come Non aprite quella porta fino ad arrivare ai giorni nostri con La casa del diavolo. Personalmente, anche se povero di mezzi e con attori non propriamente professionisti (sembra una pellicola amatoriale), lo ritengo un ottimo prodotto che ancora oggi fa la sua bella figura.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Hackett 17/7/08 20:06 - 1441 commenti

Anche Craven cede al rape and revenge e si ispira (per il suo debutto) al film icona del genere, La fontana della vergine. Dei numerosi film realizzati all'interno di questo filone quello di Craven ha sicuramente un posto di riguardo. L'agonia delle protagoniste è ben descritta e il film non perde colpi fino alla efficace vendetta finale. Purtroppo i molti cloni nati dall'idea di Bergman rendono ognuno di questi film un po' più banali di quanto in realtà non siano.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Fabbiu 27/3/09 21:57 - 1797 commenti

Che esordio! Ecco come un thriller può esprimere qualcosa pur non disponendo di eccessivi mezzi scenici. Molti i meriti, in primis un valido accostamento musica-immagini. Ciò che più mi ha colpito è l'insieme dei messaggi rappresentati: i poliziotti idioti che non riuscirebbero mai per loro natura a fermare il male si vedono in siparietti da commedia, che contrastano piacevolmente con il genere portante. Nella vendetta privata c'è più giustizia che nella legge. La droga pesante porta alla morte psichica prima ancora che a quella fisica...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Martello e scalpello nei denti.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Patrick78 14/2/09 17:45 - 357 commenti

Esordio registico di Craven che in collaborazione con Sean "Mr. Venerdì 13" Cunningham gira un R&r dal livello più che infimo. Incredibimente ispirato a detta di molti al lungometraggio bergmaniano La fontana della vergine, il film in realtà non si distacca di molto dalla spazzatura che era in voga nei primi Anni Settanta e che regalava emozioni a bassissimo costo. Il vero problema è però che in questo lavoraccio non c'è nessun momento di tensione, e anche i pochi momenti di sangue scadono nel ridicolo. Cialtronesca la presenza dei due poliziotti.
I gusti di Patrick78 (Animali assassini - Azione - Horror)

Trivex 17/7/08 20:23 - 1309 commenti

Primo rape and revenge "divulgativo", discretamente interpretato e violento, con una colonna portante come David Hess, le cui azioni impressionano a dovere il mainstream. Ma lo stesso Hess farà meglio in Autostop Rosso Sangue, ben supportato dal mitico Franco Nero e dalla deliziosa Corinne Clery. Per il resto, il film non mi ha per nulla entusiasmato: l'atmosfera non è minimamente paragonabile con quella del morbosissimo The last house on dead end street e nemmeno con il poco conosciuto ma davvero ansiogeno Don't deliver us from evil... mediocre!
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Enzus79 17/1/09 14:37 - 1534 commenti

Dei film che ho visto fino ad ora di Wes Craven questo è sicuramente il migliore. Si alterna una tragedia totale a momenti di commedia (i due poliziotti imbranati). Le scene di violenza possono disgustare, ma sono inquadrate e girate benissimo. Gli interpreti invece non sono all'altezza del film.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 17/1/09 14:23 - 635 commenti

La violenza genera violenza o solo la violenza può distruggere la violenza? Più o meno queste possono essere alcune delle interpretazioni ad un film che è fatto al novantasette per cento di violenza. Simpatici gli attori che alternano la volgarità a sorrisi figurativi della follia che li invade. Peccato che non svari molto con gli ingredienti anche se il racconto è accompagnato da una vena ironica sul lavoro della polizia locale e da una tranquilla e melodica colonna sonora. Ottimo Hess.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I due poliziotti sul camioncino.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Rambo90 3/4/12 1:43 - 4928 commenti

Violento esordio di Craven, un po' sopravvalutato ma di sicuro d'impatto. La tensione è minima (e ogni azione si capisce almeno 10 minuti prima), ma l'insano uso di scene forti, inquadrature riuscite, la colonna sonora country che contrasta con le immagini lasciano che lo spettatore arrivi senza sforzi alla fine. Nel cast spicca ovviamente Hess (che Deodato userà in una parte identica), ma anche gli altri sono in parte. I primi tocchi di humour per Craven sono già qui (verranno sublimati in Scream). Buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 5/9/11 12:41 - 2930 commenti

Ottimo rape and revenge che trae forza dalla contrapposizione tra le musiche calde e avvolgenti e le scene di violenza feroci e deliranti. È un film che vuole evidenziare il maschilismo della società, che vede le ragazze come persone soggette a "pruriti sessuali" che le mettono a forte rischio (per non parlare della stupidità delle forze dell'ordine). Un cult quindi che mostra una violenza fisica (ma anche psicologica) trasformatrice. Vittime che diventano carnefici in un mondo in cui la giustizia lascia il posto alla vendetta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scalpellata dentale. La richiesta voyeuristica dello stupratore alla ragazza.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Lucius  10/10/10 1:31 - 2583 commenti

Pellicola estrema ricca di violenza che accontenta lo spettatore medio in cerca di gore facile. Craven propone un semplice stratagemma per attirare a sè le masse di adolescenti cresciuti a base di pop corn e le anime dannate, quello di farcire la pellicola di violenza psicologica evitando la violenza motivata e "giustificata" ai sensi della storia, pertanto chi si accontenta gode, chi non si accontenta si rifarà solamanente molti anni più tardi col suo bellissimo remake. Pseudo cult.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Belfagor 16/11/16 0:48 - 2490 commenti

L'esordio di Craven si rifà a La fontana della vergine di Bergman, appiattendosi però su un anonimo rape & revenge. La messa in scena, così come il livello degli attori, è mediocre, anche se le "frivolezze" tra i criminali anticipano i vezzi degli assassini che saranno in seguito creati dallo zio Wes. Più che la tanto discussa sequenza a metà film, a colpire è la vendetta messa in atto dai genitori, una buona combinazione di strategia e ferocia. Pretestuose le velleità da storiella morale contro le trasgressioni giovanili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La vendetta in riva al lago; Il padre improvvisa trappole da Willy il Coyote con panna spray e cavi elettrici.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 13/2/12 17:13 - 2343 commenti

Anche a rivederlo oggi, sconta un quid di cialtronesca malizia che me lo rende respingente. Sarà che già il controverso genere del rape & revenge richiede una ruvida gentilezza del tocco che il semi esordiente Craven ancor non possedeva, sarà per le forzate letture politiche che lo stesso autore ha voluto annettervi, certo è che la pellicola alterna momenti di naivetè cinematografica (la incredibile reazione "meditata" dei genitori) ad altri di strategica scaltrezza (la "lirica" morte delle due ragazze). Comunque seminale e con Hess potente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il ghigno già sconfitto e finale di Hess dopo lo stupro di Mary e la preghiera recitata da quest'ultima prima della morte in acqua.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Fauno 11/5/14 11:37 - 1597 commenti

Di negativo sottolineo la rassomiglianza a un film amatoriale, la mancanza totale di drammaticità che fa quasi apparire gli eventi come qualcosa di normale. Le gag da fumetto sono invece tipiche del regista, quindi ok! Di buono c'è che con questi scarsi parametri Wes è riuscito a creare o quantomeno potenziare il rape & revenge, ha lanciato Hess come "unicum" in quel determinato ruolo (Campanile e Deodato subscrivent!) e ha imposto allo spettatore i suoi marchi di fabbrica, ovvero le ottime scene di sangue e le sevizie morali oltre a quelle fisiche.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'allargare i trampoli come sinonimo di aprire le gambe è stupenda.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Ryo 17/12/11 20:00 - 1539 commenti

Pazzesco e ansioso. La prima parte mette i brividi e colpisce come un pugno allo stomaco, la seconda risulta più fiacca. Anche gli attori sembrano non aver più voglia di recitare, in special modo i due genitori che assumono reazioni poco credibili. Si avverte un'aria di malattia mentale un po' in tutti, protagonisti e comparse. Molto realistici gli effetti sanguinolenti. Ridicoli siparietti dei due poliziotti. La colonna sonora è splendida ma accostata ad un film del genere diviene grottesca. Aldo Lado semi-clonerà questo film tre anni dopo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incubo di Faina dello scalpello nei denti.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Luchi78 27/9/11 16:11 - 1516 commenti

Introvabile nella versione uncut, ci accontentiamo di un collage di pezzetti mancanti per avere un'idea della dose di brutalità realizzata in questo film. Diventato ormai un classicissimo del rape & revenge, realizzato con mezzi scarni, deve la sua fortuna anche all'ottima interpretazione di alcuni degli attori (le due ragazze uccise ed il protagonista interpretato da un valido David Hess, molto più sul pezzo rispetto alla sua prova nel successivo La casa sperduta nel parco). Di sicuro effetto ancora oggi, ma sicuramente sopravvalutato.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Greymouser 27/3/10 10:17 - 1442 commenti

Naturalmente il film di Craven va letto come creatura dei Seventies e non col filtro dell'estetica del 2000. Siccome non si tratta di un classico, i limiti dell'età sono evidenti e la gestione della trama e dei personaggi appare un po' datata. Tuttavia, nell'ambito della filmografia di Craven (regista che non amo per nulla), questo lavoro assume una certa dignità di "capostipite", o comunque di modello per il cosiddetto filone "rape & revenge". Per l'epoca, un film sgradevole e disturbante.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Rufus68 23/10/16 18:35 - 1353 commenti

L'inizio (non si sa quanto ironico) è terribile, stile famiglia Bradford, poi il film si assesta su un registro rozzo e accattivante che a volte funziona (le caratterizzazioni dei torturatori, fra cui spicca Hess; la ragazza nel lago, novella Ofelia), a volte no (i siparietti coi poliziotti idioti, le improbabili vendette). Il fatto che sia capostipite d'un genere aggiunge nulla alla considerazione (peraltro gonfiata oltremisura). Inferiore al film di Lado; epidermiche le connessioni con quello di Bergman.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 19/11/16 8:15 - 1332 commenti

Al suo esordio Craven decide di non risparmiarsi e con il pretesto insito nel breve preambolo spinge con insistenza su violenze di vario genere. Non lo sorregge il cast oltre al fatto che l’apprensione e la drammaticità degli eventi non sono percettibili come dovrebbero. Coraggiosa la scelta di melodie in contrasto con la crudezza dei fatti (finendo col perdere però qualcosa per strada). Ridicolizzate e messe in discussione due istituzioni portanti dell’America come il felice quadretto familiare e la polizia. Mini cult.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Gestarsh99 22/8/11 0:00 - 1061 commenti

Al suo debutto, Craven converte l'apologo metempirico bergmaniano del '60, focalizzato sull'antitesi spirituale paganesimo/cristianesimo, in una collisione animalesca e regressiva tra due impostazioni culturali all'epoca già in aspro dissidio: la borghesia legata ai vecchi valori morali e la gioventù selvaggia e sregolata nata dai tumulti del '68. Film indubbiamente grezzo e artigianale, importante soprattutto per il tipo esemplare di violenza esasperata che svende senza alcuna misura etica e formale, rispecchiando con brutalità primordiale il travagliato clima americano del periodo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Piss yuor pants!"; "To avoid fainting, keep repeating It's only a movie... It's only a movie..."; la "scalpellata" dentale; l'urlo post-eviratorio di Faina.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Bruce 10/3/09 17:06 - 857 commenti

Capostipite del filone rape & revenge, influenzò anche film italiani come L’ultimo treno della notte di Aldo Lado e Cani Arrabbiati di Mario Bava. Ha un tratto quasi amatoriale e il curioso montaggio alterna le sadiche efferatezze ai danni delle due ragazze con momenti umoristici tesi ad alleggerirne il peso. Hess è bravo sia come attore che come interprete delle stranite ballate che accompagnano la visione. Oggi evitabile.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Mdmaster 18/7/11 15:34 - 802 commenti

Per quanto lo status di cult del film di Craven sia innegabile, è inevitabile l'essere invecchiato senza ritegno. La violenza è diluita e senza mordente, le recitazioni solo discrete (si salva, di nuovo, il solo David Hess), le musiche country/rock davvero fuori posto. Peggio di tutto però è il ritmo, che riesce ad annullare ogni minima tensione della pellicola, peggiorando ulteriormente con intermezzi comici di cui non si avvertiva certo il bisogno. Insomma, classico forse sì, ma ormai tranquillamente evitabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "... è morta..." il doppiaggio italiano aggiunge frasi degne di un ventriloquo; trappole casalinghe degne di un Macaulay Culkin.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Jena 7/3/17 18:21 - 758 commenti

Citatissimo e considerato da tutti un cult di Craven, quando lo vidi la prima volta ne rimasi fortemente deluso e conferma come il buon Wes fosse veramente un regista di forti alti e bassi. Molto grezzo e sciatto nella regia, appare come un film sensazionalistico che forse 50 anni fa poteva colpire ma oggi, con quel che si vede... A renderlo indigesto sono anche le datatissime atmosfere anni 70 con tante di musiche e figli dei fiori e il ritmo fiacco. Tra gli attori si salva Hess, perfetto in un ruolo al limite del bestiale. Invecchiato male.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Jdelarge 14/8/13 17:14 - 584 commenti

Sadico quanto basta, il primo film di Wes Craven è caratterizzato da scene ben costruite e senza ombra di dubbio molto disturbanti. La colonna sonora è notevole e contribuisce a creare un clima malsano insieme al parallelismo tra l'estrema religiosità della famiglia di Mary e l'efferata crudeltà degli evasi. Belli gli ambienti esterni, completamente fuori luogo i due poliziotti, troppo idioti per essere veri e neanche divertenti. Buon film, ma nulla di più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La fellatio.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Ford 17/10/09 12:32 - 582 commenti

Un horror così vero e crudo che fu come un fulmine a ciel sereno, per il pubblico di allora. Veloce, diretto, montato e sceneggiato con maestria e latore di momenti assolutamente cult; peccato per qualche caduta di tono e qualche lungaggine. Craven sembra quasi contenersi perché un "rape and revenge" così serrato avrebbe veramente potuto dare adito all'esagerazione più totale... peccato (o forse no).
I gusti di Ford (Animazione - Commedia - Horror)

Jurgen77 18/11/16 10:33 - 525 commenti

Disturbante, malato, violento, acido. Questo film di Craven è il capostipite di un filone che poi conterà innumerevoli titoli (qualcuno riuscito, altri molto mediocri). Attori cinici che non si risparmiano. Una mazzata per lo spettatore. Forse visto oggi risulta un po' datato, ma pur sempre selvaggio ed estremo. Un must per gli amanti della cinematografia estrema e pietra miliare del cinema di Craven (assieme all'uomo con il maglione a strisce e gli artigli logicamente...).
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Funesto 23/10/09 16:04 - 523 commenti

Non il miglior rape & revenge, ma un buon film. Craven, al suo esordio, firma un concentrato di violenza e pazzia, magari a livello tecnico e recitativo non eccelso (bravo però Hess, con la sua malvagia faccia da delinquente - senza offesa), ma sicuramente riuscito, più perché ha saputo trasmettere bene ciò che vuole dirci che per le sue specifiche qualità. Stonano un po' la comicità di certe scene e la vena cinica che vorrebbe pungere ma fallisce, ma il film lascia il segno. Meglio però il film di Lado, peraltro ancora più violento. ***.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'espressione compiaciuta di Hess quando vengono torturate le due ragazze nel parco.
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

John trent 21/4/14 20:12 - 326 commenti

Sopravvalutato e cialtronesco. Craven inaugura il filone rape & revenge e questo è, probabilmente, l'unico merito che gli si può riconoscere. Hess è in parte e firma anche le musiche, ma il resto è da dimenticare (sceriffo e suo aiutante in primis). Buona la scena dell'evirazione. Sembra incredibile a dirsi ma molti film derivativi (L'ultimo treno della notte su tutti) gli sono nettamente superiori.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'evirazione; Il dialogo tra genitori e figlia: "Tette? Ma come parli?".
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Marcolino1 13/12/16 23:09 - 285 commenti

Dalle ceneri di Krug, tatuato sul corpo della vergine immolata, nascerà Krueger dal profondo della notte anni dopo, fantasma sublimato in una nera fiaba onirica. Qui c'è la spietatezza fatta cinema, nell'efferatezza amorale e deviata di fronte al candore innocente, senza virtuosismi, spartana come un film tv, con il rischio del traviamento diseducativo o al contrario con il monito per i giovani inesperti di guardarsi dal lupo nero. L'ironia agghiacciante introduce poliziotti inetti, emblemi della giustizia impotente, costringendo alla legge del taglione.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Werebadger 12/9/11 13:27 - 270 commenti

Rape & revenge tra i più crudi e spietati mai girati (non ai livelli di Zarchi, ma non molto distante da questi). Essendo l'opera prima di Craven, mostra una certa ingenuità, ma il risultato finale è dignitoso. Il feroce antagonista Krug Stillo (un David Hess in forma smagliante) anticiperà di 12 anni il più celebre Freddy Krueger, assassino di adolescenti come lui (è proprio dal suo nome che deriverà il cognome di Krueger). Da vedere, possibilmente in versione uncut.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sadie parla di Freud; la vendetta finale; le musiche di Hess.
I gusti di Werebadger (Animazione - Fantastico - Horror)

Ishiwara 7/8/11 16:54 - 214 commenti

All'epoca il modo di rappresentare la violenza poteva essere in anticipo sui tempi ed anche pesante, ma i 40 anni passati si sentono e parecchio. Ritmo altalenante ma tendente al noioso, penosi gli intermezzi pseudo-comici e una recitazione nel complesso di basso livello, a tratti pessima. Se già la base non era eccellente, il doppiaggio italiano dà il colpo di grazia ad una pellicola molto inferiore alla sua fama, forse immeritata. Da guardare solo se si riescono a dimenticare gli ultimi quarant'anni di cinema. Per nostalgici inguaribili...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I preparativi della vendetta.
I gusti di Ishiwara (Animazione - Commedia - Drammatico)

Xabaras 8/8/10 15:39 - 168 commenti

Opera fondamentale che rispecchia e amplifica a dismisura la drammatica crisi che serpeggiava negli Stati Uniti in quei bui primi anni Settanta; una nazione devastata dall'immane tragedia del Vietnam in cui si era già abbondantemente rivelato il gigantesco fallimento dei sogni della peace& love generation. Rozzo, crudo e brutale, il film non risparmia nulla allo spettatore trascinandolo in un profondo gorgo di nero e raggelato pessimismo in cui annega ogni speranzosa possibilità di redenzione o salvezza. Un horror crepuscolare, acerbo ma efficacissimo.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)

Sunchaser 2/10/08 20:59 - 130 commenti

Grande successo di pubblico ai tempi, un horror d'importanza storica che riflette il cupo clima dell'america post-Vietnam. Questo non vuol dire che sia un buon film: Wes Craven (allora esordiente) e Sean S. Cunningham si ispirano a La Fontana della Vergine di Ingmar Bergman, ma puntano tutto sul trucido. La recitazione dei protagonisti è mediocre, tranne David Hess ben calato nel ruolo del sadico stupratore. La colonna sonora è inadatta, i momenti d'alleggerimento sono fiacchi e Craven mostra la sua bravura solo nella scena dell'uccisione di Mari.
I gusti di Sunchaser (Fantascienza - Musicale - Thriller)

Fedeerra 30/9/17 3:27 - 104 commenti

Horror d'exploitation senza troppe spettacolarizzazioni, parte da una violenza quasi subliminale per poi passare subito a una violenza decisamente più brutale. Craven ci racconta il disfacimento emotivo e comportamentale di un'intera generazione, lo fa senza lasciare spazi vuoti e lo grida invece che sussurrarlo. E questo, per il regista, non è altro che l'orribile postribolo in cui si compiacciono di vivere coloro che si nutrono del dolore altrui. Straordinario il montaggio iniziale alternato e indimenticabile l'accomagnamento musicale.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Burattino 15/10/10 0:26 - 101 commenti

Pellicola sopravvalutata ma che ha avuto un seguito tale da proiettarla nell'Olimpo dgli horror movie. Craven ci mette molta ironia (volontaria e no), i nostri depravati risultano essere più bizzarri che brutti, sporchi e cattivi, e questo non verte a favore del film. Certo ci sono scene entrate negli annali (credo che una su tutte sia ben impressa nella mente di tutti i maschietti), ma il film si regge solo su questo. Di rape & revenge ne fioriranno parecchi migliori di lì a poco.
I gusti di Burattino (Animazione - Erotico - Horror)

Tommy3793 7/3/12 15:08 - 72 commenti

L'exploitation o si ama o si odia. Questo film è la summa di tutto questo movimento cinematografico sviluppatosi negli anni '70: film di serie B, a basso costo, con attori alle prime armi e tanta (ma tanta) violenza. Considerando il budget non ci si poteva poi aspettare molto di più; per cui è in un certo senso normale che i dialoghi risultino futili, le inquadrature veloci e "selvagge" e che la trama sia resa ai minimi storici. Merita qualche punticino in più perché Craven, con questo film, ha dato via ad un'ampia corrente cinematografica.
I gusti di Tommy3793 (Azione - Fantascienza - Thriller)

Samtam90 15/7/08 22:39 - 56 commenti

Se non fosse che la violenza e gli stupri per l'epoca erano insostenibili e gli hanno conferito lo status di cult movie, questo film sarebbe nel più oscuro anonimato. È malsano, malsano quanto volete, ma la tensione non esiste, gran parte della violenza è fuori campo (la vendetta del padre), la trama non esiste e la recitazione è perfettamente mediocre. Craven in futuro ha fatto decisamente di meglio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'epilogo.
I gusti di Samtam90 (Fantastico - Horror - Thriller)

Tromeo 23/4/08 11:58 - 52 commenti

Grande esordio di Wes Craven. Un film violentissimo, disperato, cinico. Uno dei capisaldi del genere "rape and revenge". Grande prova di David Hess. Un film allora insostenibile ma che ancora adesso mette i brividi. Peccato solo per alcune cadute di tono, come i duetti comici tra i poliziotti.
I gusti di Tromeo (Horror - Poliziesco - Thriller)

Enrikoses 24/3/08 22:31 - 39 commenti

Un film intriso di dialoghi surreali messi in bocca ad attori presi forse sotto il portone di casa (ad esclusione di David Hess). Il montaggio stralunato a volte, i dialoghi al limite della demenzialità (basti quello sulla tetta all'inizio del film). La musica è elementare e per nulla funzionale alla narrazione filmica. Completano il tutto delle macchinose digressioni totalmente estranee alla trama del film. Un 10 va all'humour (vedi la coppia di poliziotti e il loro incontro con Ada).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I poliziotti.
I gusti di Enrikoses (Commedia - Drammatico - Horror)

Giommax 26/3/10 8:52 - 1 commenti

Craven dimostra fin da subito di essere un registucolo incapace e introdotto nel mondo del cinema da forze "superiori" ed amicizie varie di casta. L'unico suo "merito" è stato quello di aver saputo creare l'horror per adolescenti.. chiamalo merito infatti. La musica di Hess è divertente ma il finale tutto fuori campo è a dir poco idiota, dopo aver assistito a svisceramenti e tagli di arti ridicoli e gratutiti.
I gusti di Giommax (Giallo - Horror - Thriller)